Mar di Sardegna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Mar di Sardegna
Parte di Mar Mediterraneo
Stati Italia Italia
Spagna Spagna
Regioni Baleari, Sardegna
Coordinate 39°48′N 6°18′E / 39.8°N 6.3°E39.8; 6.3Coordinate: 39°48′N 6°18′E / 39.8°N 6.3°E39.8; 6.3
Dimensioni
Profondità massima 3 068 m
Idrografia
Immissari principali Tirso, Temo, Rio Mannu
Isole Sant'Antioco, San Pietro
Insenature Rada di Alghero, Golfo di Oristano
Mare di Sardegna.jpg

Il mar di Sardegna è una parte del mar Mediterraneo, situata tra l'isola italiana della Sardegna e l'arcipelago spagnolo delle Baleari. Viene chiamato anche mar Esperico; i greci usavano i termini Esperia o Esperico per indicare i territori o le acque che, rispetto a loro, erano considerati ad occidente.

Vi si affaccia il versante occidentale della Regione Sardegna, fino al mare di Corsica.

Raggiunge la profondità massima di 3 068 m circa 150 km a nord est dell'isola di Minorca.

I golfi principali che vi si affacciano sono quelli di Alghero e Oristano: da questi golfi si affacciano sul mare le omonime città, che risultano essere i maggiori centri di tutta la porzione di costa.

Le principali isole sono quelle di Sant'Antioco e San Pietro poste a sud-ovest della Sardegna.

Tra i fiumi che sfociano in questo mare abbiamo il Tirso, il Temo ed il Rio Mannu.

Questo mare era in passato navigato da numerose civiltà e popoli, quali fenici, cartaginesi e spagnoli. a testimonianza di ciò restano le due isole linguistiche della Sardegna: il Catalano algherese ad Alghero e il Ligure Tabarchino a Carloforte e Calasetta. Altra importante testimonianza è la zona archeologica di Tharros, in territorio del comune di Cabras.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]