Isola di San Pietro

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Isola di San Pietro (disambigua).
Isola di San Pietro
Le scogliere dell'isola di San Pietro.
Le scogliere dell'isola di San Pietro.
Geografia fisica
Localizzazione Mare di Sardegna
Coordinate 39°11′00″N 8°18′00″E / 39.183333°N 8.3°E39.183333; 8.3Coordinate: 39°11′00″N 8°18′00″E / 39.183333°N 8.3°E39.183333; 8.3
Arcipelago Arcipelago del Sulcis
Superficie 51[1] km²
Sviluppo costiero 33 km
Altitudine massima 211 m s.l.m.
Geografia politica
Stato Italia Italia
Regione Sardegna Sardegna
Provincia Carbonia-Iglesias Carbonia-Iglesias
Comune Carloforte-Stemma.png Carloforte
Centro principale Carloforte (6.464[2])
Porti principali Porto di Carloforte
Demografia
Abitanti 6.444[3] (2001)
Cartografia
Mappa di localizzazione: Sardegna
Isola di San Pietro

[senza fonte]

voci di isole d'Italia presenti su Wikipedia

L'Isola di San Pietro (in lingua tabarchina Uiza de San Pé, in sardo Isula 'e Sàntu Pèdru), è una delle due isole principali dell'arcipelago del Sulcis, situata al largo della penisola del Sulcis nella parte sud-occidentale della Sardegna. Ha un'estensione di 51 km² (sesta isola italiana) e circa 6.500 abitanti prevalentemente concentrati nella località di Carloforte, unico centro abitato dell'isola.

Geografia[modifica | modifica sorgente]

Le Colonne di Carloforte.

Dal punto di vista della geologia l'isola è di antica origine vulcanica. I segni di tale attività (colate laviche, crateri), pur evidenti, risalgono prevalentemente al Miocene inferiore e comprendono vulcaniti legate a un magmatismo acido, connesso alla rotazione del blocco sardo-corso. I 33 km di costa dell'isola sono prevalentemente rocciosi. Lungo le coste occidentale e settentrionale si trovano alcune grotte, insenature, falesie e piscine naturali con diverse piccole spiagge. La costa occidentale presenta degli strapiombi a picco sul mare ed è dominata dal faro e radiofaro (in numero 1384) di Capo Sandalo[4]. La costa orientale, sulla quale si trova anche il porto di Carloforte, è invece bassa, pianeggiante e sabbiosa.

Al largo della costa nord-orientale vi sono due piccole isole, appartenenti territorialmente al comune di Carloforte; la piccolissima isola dei Ratti e la più ampia Isola Piana. Su quest'ultima, più grande, si trovano quelli che furono i fabbricati della tonnara più importante della Sardegna, ora trasformati in un villaggio residenziale e turistico.

L'isola è priva di torrenti o corsi d'acqua. Vi sono però numerosi stagni e paludi. L'immediato entroterra presenta una morfologia collinare. Le colline più elevate sono il bricco (monte) Guardia dei Mori (211 m s.l.m.) e il bricco Tortoriso (208 m s.l.m.).

L'isola è punteggiata da piccoli orti a conduzione esclusivamente familiare, soprattutto nella parte orientale, protetta dai venti dominanti. Si pratica inoltre la coltivazione di diverse varietà di vite (Vitis vinifera), tra le quali un vitigno autoctono (il Ramungiò), del fico e del fico d'india; solo nelle vallette e pendii più riparati dal maestrale sono possibili coltivazioni di altre varietà di alberi da frutto.

Flora e fauna[modifica | modifica sorgente]

La vegetazione è quella tipica della macchia mediterranea, caratterizzata da essenze quali cisto (Cistus), mirto (Myrtus communis), lentisco (Pistacia lentiscus), corbezzolo (Arbutus unedo) e ginepro (Juniperus) (quest'ultimo spesso a portamento arboreo). Sono inoltre presenti la palma nana (Chamaerops humilis) o palma di San Pietro, unica palma spontanea d'Europa[5], (col dattero di Creta (Phoenix theophrasti)). I terreni più aridi, rocciosi ed impervi sono dominati dalla gariga, con specie come il rosmarino (Rosmarinus officinalis) e l'elicriso (Helichrysum). Nei luoghi meno esposti al maestrale vi sono boschi naturali di pino d'Aleppo (Pinus halepensis) e macchie alte di leccio (Quercus ilex). Sono presenti anche alcuni rari endemismi botanici come l'astragalo marittimo (Astragalus maritimus).

Sulle falesie affacciate sul mare nidifica una nutrita colonia di falco della regina (Falco eleonorae), che in autunno migra in Madagascar dove sverna. Negli stagni e nelle lagune vivono numerose colonie di uccelli acquatici, compresa una nutrita colonia di fenicotteri rosa (Phoenicopterus roseus). Nell'isola è presente una specie di coleottero unica al mondo, la Cicindela campestris saphyrina.

Nel periodo compreso tra il 15 maggio ed il 15 giugno, al passaggio dei tonni lungo le coste delle isole di Sant'Antioco e di San Pietro, viene effettuata la "calata della tonnara" ossia la tradizionale impresa collettiva di pesca del tonno rosso (Thunnus thynnus).

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Carloforte.
Spiaggia nel sud dell'isola.

Il clima è fresco-tiepido ed umido in inverno mentre è decisamente caldo, soleggiato ed arido in estate. Il mare opera un'azione mitigatrice delle temperature massime e minime durante l'arco dell'anno.

I vento dominante è il maestrale, da nord-ovest, che può raggiungere velocità superiori ai 100 km/h, determinando impetuose mareggiate che spazzano le coste dell'isola specialmente durante l'inverno, in seconda importanza è lo scirocco, da sud-est. Le difficili condizioni meteorologiche causano, a volte, la sospensione dei collegamenti marittimi con il porto di Portovesme, sulle coste della vicina Sardegna. In questi casi, di solito, è comunque attivo il collegamento con il porto di Calasetta, sull'isola di Sant'Antioco, a causa della minore esposizione della rotta ai venti dominanti. L'isola di Sant'Antioco è collegata con la Sardegna da un istmo con un ponte stradale.

La media annuale delle precipitazioni è relativamente bassa, raggiungendo i 390-400 millimetri[6].

Storia[modifica | modifica sorgente]

L'isola è frequentata dall'uomo fin dall'antichità. I fenici la chiamavano "Enosim" o "Inosim", mentre per i greci era "Hieracon Nesos" e per i romani "Accipitrum Insula" (Isola degli sparvieri, o dei falchi). Il nome deriva dalla presenza di un piccolo falco migratore, il falco della regina, che è presente e nidificante in una numerosa colonia, accuratamente protetta dalle inaccessibili e scoscese falesie costiere.

Le frequentazioni dei fenici, dei romani e dei sardi hanno lasciato sull'isola le vestigia di quelle culture, specialmente tombe, analoghe a quelle della contigua isola di Sant'Antioco e della costa sarda. A partire dal 1738, sull'isola disabitata, giunse una popolazione di lingua ed origini liguri provenienti da Tabarca, piccola isola tunisina dove, nel 1542, erano sbarcate circa trecento famiglie provenienti da Pegli e dintorni su invito dei Lomellini, nobile famiglia genovese che era riuscita ad ottenere in concessione dall'imperatore Carlo V in quel piccolo territorio allo scopo di praticarvi la pesca del corallo ed il commercio in generale. I discendenti dei coloni provenienti da Tabarca costituiscono fondamentalmente la popolazione attuale, parlante in grande prevalenza la lingua di radice ligure detta tabarchina. La lingua e le origini sono condivise con la popolazione di Calasetta, soggetta nel 1770 ad analoga colonizzazione di popolazione di eguale origine, nella parte contigua dell'isola di Sant'Antioco. Strettamente legata alla stessa vicenda è anche l'isla de Nueva Tabarca vicino Alicante in Spagna[7]

La fondazione della città di Carloforte sull'isola di San Pietro fu dedicata al re Carlo Emanuele III di Savoia, promotore della colonizzazione; il nome dell'isola è invece più antico, e fu scelto come riferimento alla devozione della popolazione verso San Pietro il quale, secondo una leggenda, vi approdò nel 46 d.C.

Geografia politica[modifica | modifica sorgente]

Amministrativamente l'intero territorio appartiene al comune di Carloforte, unico centro abitato dell'isola. I collegamenti marittimi con le vicine isole di Sant'Antioco e della Sardegna, sia diurni sia notturni, sono frequenti ed operati a mezzo di traghetti[8][9]. Il centro abitato di Carloforte è collocato sulla costa orientale dell'isola, che risulta essere quella meno esposta al vento dominante.

Il porto di Carloforte, dotato anche di attrezzature per le imbarcazioni da diporto, è ampio, confortevole e ben protetto.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Isola di San Pietro. URL consultato il 1º aprile 2010.
  2. ^ Dato ISTAT al 01-01-2009. URL consultato il 1º aprile 2010.
  3. ^ Dato ISTAT - Censimento 2001. URL consultato il 1º aprile 2010.
  4. ^ Istituto Idrografico della Marina Militare, Elenco dei Fari e Segnali da Nebbia - Volume Unico, Edizioni Il Frangente, 2010. (ISBN non esistente).
  5. ^ La palma nana sul sito SardegnaForeste. URL consultato l'11 aprile 2010.
  6. ^ Medie ricavate dalle serie temporali del Sistema nazionale di raccolta, elaborazione e diffusione di dati Climatologici di Interesse Ambientale dell'ISPRA. URL consultato il 1º aprile 2010.
  7. ^ MARE GRATIS: insulomania
  8. ^ Saremar; Tratta Carloforte-Portovesme. URL consultato il 1º aprile 2010.
  9. ^ Saremar; Tratta Calasetta-Carloforte. URL consultato il 1º aprile 2010.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Carlo Garbarino, L. Lirer; L. Maccioni; I. Salvadori, Isola di San Pietro-Carloforte. Cenni di geologia e vulcanologia. Con carta vulcanologica dell'isola, Cagliari, Edizioni della Torre, 1990. (ISBN non esistente).
  • Luigi Pellerano, Rivano A., Natura dell'isola di San Pietro. La flora, Cagliari, Edizioni della Torre, 1997. ISBN 978-88-7343-295-1.
  • Luigi Pellerano, L'ambiente marino e costiero dell'isola di San Pietro, Cagliari, Edizioni della Torre, 2001. ISBN 978-88-7343-351-4.
  • Ruggero Ruggeri, Cronache inedite o poco note di alcuni fatti avvenuti in seguito all'invasione tunisina sull'isola di San Pietro (1798-1803), Cagliari, Edizioni della Torre, 2003. ISBN 978-88-7343-370-5.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]