Saraceni

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Saraceni (disambigua).
bussola Disambiguazione – "Saraceno" rimanda qui. Se stai cercando altri significati, vedi Saraceno (disambigua).
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Saraceni è un termine utilizzato a partire dal II secolo d.C. sino al Medioevo, senza uno stretto significato etnico, geografico o linguistico, né, addirittura, religioso (basti pensare alla Chanson de Roland, dove i baschi erano così denominati). Inizialmente non identificava gli arabi[1].

Sinonimi[modifica | modifica wikitesto]

Sinonimi utilizzati sono stati:

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Numerose sono le etimologie e le paretimologie.

Attraverso il latino sarraceni si fa derivare dall'aramaico sarq[iy]īn che significa "abitanti del deserto" (da sraq, "deserto")[4].

Come descritto da Tolomeo[5] Σαρακηνόι sarakenoi erano una popolazione araba o Saraka una città del Sinai. Così anche Stefano di Bisanzio.

Per altri il termine viene attraverso il greco Σαρακηνός sarakenos dall'arabo sharqiyyùn, "orientali" (ma il dubbio principale è "orientali" rispetto a chi o a cosa)[6].

Famosa l'etimologia di Isidoro di Siviglia:

« I Saraceni sono così chiamati perché sostengono di essere discendenti di Sarah o, secondo altri, perché sono di origine siriana. Vivono in un vasto deserto. Essi sono chiamati Ismaeliti perché derivano da Ismaele. O ancora Agareni, da Agar. »
(Isidoro di Siviglia, Etimologie, IX, 2,57.)

Così anche Giovanni Damasceno.

Fonti[modifica | modifica wikitesto]

Fonti antiche[modifica | modifica wikitesto]

La parola "arabi", a significare "nomadi", viene utilizzata da tutte le fonti antiche delle popolazioni confinanti: assire (ar-ba-a-a e a-ri-bi), la Bibbia (carab), le fonti greche (αραβες, αραβιοι), latine (arabes), i testi sudarabici (crb e ɔcrb) e aramaici (carabaya), ad indicare i nomadi del deserto loro confinanti, indipendentemente dal fatto che fossero di lingua araba o meno, poiché nessuna di queste denominazioni sembra avere connotazione linguistica[7].

Tra il II secolo e il V secolo si osserva una progressiva scomparsa degli arabi dalle fonti antiche, e compare più frequentemente il termine "saraceni".

Tolomeo, nella sua Geographia nomina sarakene come una regione tra Egitto e Israele che comprende il Sinai, chiamata così per la città di Saraka, e menziona anche la tribù dei sarakenoi che abitavano il nordest arabo.

Ippolito di Roma, Bardesane e Uranio Antonino menzionano tre gruppi etnici distinti in Arabia fin dalla prima metà del III secolo: i saraceni, i taeni (da identificare con i tayya ya) e gli arabi. I Tayyi si localizzavano a oriente, in direzione dell'Eufrate, mentre i saraceni a nord di questi.

Nella Notitia dignitatum datata al III secolo, alcuni saraceni combattevano nelle unità dell'esercito romano, partecipando a formare la cavalleria. Sempre saraceni erano i nemici sbaragliati da Diocleziano in una sua campagna del deserto siriano. I saraceni combattevano tanto tra i romani che tra i sasanidi durante le guerre romano-persiane

Nell'Historia Augusta Aureliano riferisce di come la regina Zenobia di Palmira incuta timore anche tra i saraceni. Dello stesso periodo, una cronaca bizantina redatta da Giovanni Malalas definicisce i palmireni "saraceni", mentre per l'Historia Augusta i palmireni non erano né saraceni né arabi.

In tempi posteriori ad Ammiano Marcellino la parola "saraceno" era diventata popolare nella letteratura greca e latina tanto da confondersi con "arabo".

Fonti medievali[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Retso gli omayyadi si arrogarono il termine "arabi" per loro stessi, lasciando ai più recenti correligionari l'etnonimo di appartenenza (siriani, persiani, ...). Il termine "saraceni" quindi si diffuse in maniera prorompente verso occidente, seguendo la graduale conquista islamica del mediterraneo occidentale, avvenuta in tempi eccezionalmente brevi (Nord Africa nel 698, Penisola Iberica nel 711, Settimania nel 719).

Secondo Senac[8] la costruzione dell'immagine dell'Islam e dei musulmani nell'Europa cristiana nel medioevo risulta primariamente dalle relazioni secolari-religiose tra i saraceni (arabo-berberi-andalusi) e i Franchi. E "saraceni" diventano tutte le popolazioni ostili alla civiltà franca, in particolare i baschi che sbaragliano l'esercito di Carlo Magno e gli arpitani che controllano i passi alpini.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il Nordafrica[modifica | modifica wikitesto]

La conquista islamica di paesi come l'Egitto e la Siria aveva fornito, ai musulmani, abili navigatori che vivevano su quelle coste, permettendo la creazione in un tempo relativamente breve di una flotta capace di insidiare la supremazia bizantina nel Mediterraneo.

Soprattutto sulla costa nordafricana e su quella spagnola si erano andati costituendo vari emirati dove la componente locale si fuse presto con quella araba e berbera. Ciascun emirato aveva a capo un emiro il quale, a parte una formale sudditanza ad uno dei tre califfi che tra VIII e IX secolo si spartivano l'Impero islamico (Cordova, Cairo e Baghdad), erano sostanzialmente indipendenti.

Creta e il ritorno al Mediterraneo occidentale[modifica | modifica wikitesto]

Le repressioni dei movimenti insurrezionali da parte del ceto omayyade in Iberia furono sanguinarie ed è in questo periodo (818) che si colloca l'emigrazione in massa di andalusi (cosiddetti indipendentemente dall'origine etnica e dalla religione) lungo due direttive, in parte verso il Marocco e altri in Egitto. Da qui diedero man forte ai correligionari per la conquista islamica della Sicilia dell'827. Sempre in quest'anno, ad Alessandria d'Egitto venne fondato un regno andaluso autonomo, a cui il califfato Abasside pose fine nell'825. Quindi gli andalusi partirono alla volta dell'Egeo, dove istituirono l'emirato di Creta, indipendente e florido, sia dal punto di vista commerciale che culturale, e potente dal punto di vista militare, sino alla definitiva conquista bizantina del 961.

Creta divenne il centro di numerose spedizioni militari nell'Egeo, in Italia del Sud, dove venne fondata anche Traetto, e Roma razziata nell'846, nell'849 e nell'876. Nel Mediterraneo occidentale, a causa dell'indebolimento dell'impero carolingio e della sua flotta, Marsiglia venne razziata nell'838 e nell'846, Arles nell'842 e nell'850 e Fréjus nell'869. I musulmani stabilirono proprio in questi anni un rifugio in Camargue, come raccontano le cronache di San Bertino, e da lì imperversavano nella valle del Rodano.

Le Baleari vengono conquistate definitivamente alla causa omayyade nel 902.

La conquista della Sicilia e le incursioni nell'Italia meridionale e in Sardegna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Storia della Sicilia islamica e Ducato di Napoli.
Immagine che mostra la leggenda di Santa Chiara che scaccia i saraceni

Dall'827 gli emiri aghlabidi di Kairuan, nell'odierna Tunisia, iniziarono la conquista della Sicilia che impiegò molto tempo ma che segnò l'apogeo del dominio saraceno nel Mediterraneo, per almeno due secoli. La conquista fu ultimata nel 902, grazie all'offensiva contro la resistenza bizantina, che aveva tagliato i rifornimenti conquistando Creta (827) e Malta (870).

L'insediamento dei saraceni fu talora incoraggiato e sostenuto anche dai signori locali, come aiuto nelle dispute, come nel caso di Andrea, console di Napoli, che era vessato dal principe longobardo di Benevento Sicone e dopo essersi rivolto inutilmente a Ludovico il Pio chiese aiuto ai saraceni. L'intervento venne richiamato anche dal suo successore Sicardo, con le città di Amalfi, Sorrento e Gaeta che si associarono ai napoletani: i saraceni si comportarono con correttezza verso le città campane aiutandole a sconfiggere i beneventani e firmando accordi di pace e commercio. In cambio i napoletani soccorsero i saraceni durante l'assedio di Messina dell'843 e mantennero una complice neutralità quando caddero sotto il dominio islamico Punta Licosa e le isole di Ischia e Ponza.

Sempre i napoletani, per indebolire Benevento, avevano invitato i saraceni ad assalire Brindisi nell'838, dalla quale essi si estesero a Taranto e Bari, che diventò sede dell'omonimo emirato dall'840 all'871.

Sconfitta una flotta veneziana nel Quarnaro, i saraceni approfittavano ormai delle rivalità tra i poteri locali, facendo da padroni e mettendosi al servizio ormai anche degli stessi beneventani senza scrupoli.

Nell'anno 840 Siconolfo, signore di Salerno, in lotta con Radalgiso (o Radelchi) e Landolfo signori di Benevento e Capua, chiamò in suo aiuto i Saraceni insediati nella colonia sotto la collina del Traetto, alle foci del Garigliano, spesso e volentieri assoldati dal duca di Napoli, il vescovo Atanasio. Dopo sanguinose incursioni in alcune parti dell'Italia meridionale, i Saraceni trovarono modo di prosperare grazie alle loro razzie e al loro offrirsi come mercenari ai più diversi signori cristiani dell'epoca.

Nell'843 i Saraceni si spinsero fino distruggere Fondi e Montecassino, arrivando a Ostia e risalendo il Tevere per giungere a Roma dove saccheggiarono la basilica di San Pietro in Vaticano e quella di San Paolo fuori le mura a Roma.

Il gesto spinse ad una reazione contro "lo nero periglio che vien dal mare" che non tardò. Un primo tentativo di cacciare i saraceni dall'Italia meridionale fu fatto nell'866-871 dall'imperatore e re Lodovico II, che, sceso in Italia con un esercito di Franchi, Burgundi e Provenzali, oltre alle truppe alleate di Papa Sergio II, del doge di Venezia, del duca di Spoleto e di quello di Napoli, riprese Benevento, Capua, Salerno, Bari, distruggendo Matera e Venosa.

Truppe saracene ormai incontrollabili erano state assoldate da Adelchi, duca di Benevento: egli obbligò i baresi ad accettare la protezione del berbero Khalfun, al quale come pagamento fu promesso niente meno che il permesso di saccheggiare e incendiare alcuni edifici sacri nella zona, ma egli si spinse fino a radere al suolo la città di Capua. Ludovico, allora in Italia, riuscì a liberare Benevento dai mercenari e pacificare i principi longobardi, facendo da garante alla suddivisione del ducato nei due principati di Salerno e di Benevento e nella contea di Capua.

La soluzione di compromesso non piacque a papa Leone IV, che proprio in quegli anni stava facendo cingere Roma con la "cinta leonina" di mura, a riprova del timore ancora vivo, quindi il pontefice patrocinò la formazione di una flotta campana che nell'849 batté i saraceni al largo di Ostia. Ludovico, nominato nel frattempo imperatore, si mosse verso Bari, supplicato anche dagli abati di Montecassino e di San Vincenzo al Volturno. A Bari intanto regnava un emiro che si destreggiava tra i vari poteri locali, senza negare la concessione, dietro pagamento, di salvacondotti per i pellegrini che si volevano imbarcare per la Terra Santa. Egli proteggeva inoltre la dotta comunità ebraica di Oria. Scacciati una prima volta da Bari, un nucleo di essi trincerò presso il Monte Matino (il Mons matinus di Orazio) su un'altura che perciò prese il nome di Monte Saraceno sul Gargano. Di lì essi scesero spesso per depredare e incendiare borghi, villaggi e città, per profanare templi, commettere ogni sorta di crudeltà e nefandezze. Sconfitti numerose volte da diversi popoli, i Saraceni, fuggiti dal Gargano del 967, si fortificavano a Bari. La campagna contro Bari fu lunga e tra varie trattative, alleanze e trattati si svolse dall'855 all'871, con la fase attiva di combattimento nei quattro anni tra l'867 e l'871. L'emiro Sadwan, che aveva anche saccheggiato il santuario di San Michele Arcangelo sul Gargano, ebbe il permesso di trascorrere la vita in dorata prigionia dall'amico Adelchi, principe di Benevento. Ma questa mossa si rivelò errata per l'imperatore germanico a causa dell'entrata in scena dell'imperatore bizantino Basilio I, che vedeva di mal occhio l'intervento in Italia Meridionale, da secoli territorio di prerogativa bizantina: Basilio si alleò con Sadwan e fomentò una rivolta dei longobardi di Benevento, i quali fecero prigioniero, per circa due mesi, l'imperatore, mentre un nuovo esercito saraceno di ventimila uomini, inviato da Kairouan, devastava Calabria e Campania. Nell'873 Ludovico tornò in Campania e sconfisse i saraceni, ma morì due anni dopo.

Restava dunque il porto saraceno di Taranto, dal quale si snodava un ricchissimo commercio di schiavi. Furono i bizantini a recuperare Taranto (876). Le scorrerie saracene nell'Adriatico non si conclusero tuttavia con la riconquista di Taranto, anzi proprio in quegli anni i musulmani completavano la conquista della Sicilia (Siracusa nell'878, Taormina nel 902). Nell'882, alleatisi di nuovo con i campani, distruggevano le abbazie di San Vincenzo e Montecassino, stabilendo un nido alla foce del Garigliano, (Traetto), dal quale tenevano sotto tiro anche Roma: furono definitivamente cacciati solo nel 915, quando l'imperatrice bizantina Zoe Porfirogenita riuscì a mettere d'accordo le signorie italiane sulla necessità di cacciare i saraceni dalla penisola italiana e iniziava contro di loro una campagna che - grazie all'impegno di Berengario re d'Italia, di papa Giovanni X e dei duchi di Spoleto e Camerino - coglieva il frutto ripromesso. In realtà le scorrerie continuarono, infatti uno degli episodi più gravi sembra essere il nuovo sacco di Oria e Taranto avvenuto nel 925/926, in quell'occasione fu catturata la famiglia del noto studioso ebraico oritano Donnolo-Shabetai.

Nel 970 tornarono di nuovo sul Gargano devastando luoghi (le due città di epoca romana Siponto e Matinum furono rase al suolo) atterrendo in stragi e rapine gli abitanti, i quali furono costretti a chiedere aiuto ad Ottone I. È su Monte Saraceno, dove stavano fortemente trincerati da anni, che i Saraceni furono sconfitti e scacciati dal luogo proprio dall'imperatore Ottone I.

La Sardegna non era sfuggita alle incursioni saracene e nel 1016, dopo essere stata oggetto di scorribande di corsari, l'emiro Mujāhid al-ˁĀmirī di Denya (noto in italiano come Musetto), dalle Baleari, ne tentò l'occupazione senza riuscirci; nel 1022 altri saraceni effettuarono nuovi tentativi, sino a che nel 1052 i giudicati indigeni, alleatisi con i pisani ed i genovesi, dopo lunghi e sanguinosi combattimenti riuscirono a respingerne definitivamente gli assalti.

Dalla Sicilia nel IX secolo gli arabi continuarono a saccheggiare le coste dell'Italia meridionale, stabilendo anche nuove, occasionali, teste di ponte, come a Agropoli o a Santa Severina, che, nonostante il fallimentare intervento dell'Imperatore Ottone II (del 982), durarono ancora per molto, venendo meno solo dopo il 1036, quando la morte dell'emiro siculo di al-Akhal portò a un'irreversibile polverizzazione del potere nell'isola. Dalla Sicilia furono cacciati nel 1071, dopo dieci anni di guerra, dai Normanni.

Per avvistare da lontano le navi corsare e poter dare per tempo l'allarme alle popolazioni indifese, sorsero in quegli anni sulle coste del Mediterraneo torri costiere e castelli, di cui ancora oggi è possibile vedere numerosi resti, spesso localmente chiamate col generico appellativo di torre saracena.

La base in Provenza e le incursioni nell'Italia nord-occidentale[modifica | modifica wikitesto]

In al-Andalus, dopo l'accentramento del potere e le epurazioni condotte da al-Hakam ibn Hisham, alla fine del VII secolo si assistette a una recrudescenza delle rivolte e dei movimenti separatisti. Secondo Liutprando da Cremona, verso l'890, i saraceni andalusi sbarcarono in Provenza, ove venne fondato un emporio stabile, Frassineto.

Da qui, i saraceni facevano scorrerie lungo le coste e zone adiacenti (fino a Marsiglia, Tolone e Nizza) e verso l'entroterra, spingendosi fino alle Alpi e alla pianura piemontese: pare che Ugo di Provenza, volendo scongiurare un'invasione di Berengario II d'Ivrea, invitò i frassinetani a dirigersi attraverso le Alpi. La valle Moriana (Maurienne) prenderebbe il nome da questo evento.

Nel 906 saccheggiarono e distrussero l'Abbazia della Novalesa. Tra il 934 e il 935 corsari dell'Ifriqiya arrivarono a saccheggiare Genova.

Liutprando dice che l'episodio che segnò un punto di non ritorno delle ostilità fu il rapimento, senz'altro casuale (non era in veste ufficiale o comunque riconoscibile),[senza fonte] di un monaco, tra il 972 e il 973, preso per poter chiedere un riscatto:[senza fonte] egli era san Maiolo, il potente abate di Cluny. Il suo salvataggio precipitò gli eventi: infatti già dal 971 l'aristocrazia provenzale, guidata da Guglielmo I di Provenza, stava organizzando un'azione militare contro Frassineto, che nell'autunno del 972 si compì con la distruzione dell'emporio islamico.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Daniel, Norman. 1979. The Arabs and Mediaeval Europe. Longman Group Limited. ISBN 0-582-78088-8.
  2. ^ Retso, Jan. 2003. The Arabs in Antiquity: Their History from the Assyrians to the Umayyads. Routledge. ISBN 978-0-7007-1679-1.
  3. ^ Christoph von Schmid nella sua opera Storia di Santa Genoveffa dovendo spiegare al suo pubblico popolare chi erano i Saraceni, spiega che si trattava di guerrieri paragonabili ai Turchi che le popolazioni dell'Europa avevano conoscenza per via dell'assedio di Vienna
  4. ^ Diccionario de la lengua española (22.ª edición), Real Academia Española, 2001.
  5. ^ Trésor de la langue française: Empr. au lat. médiév. Saraceni, nom des populations musulmanes du Proche-Orient, d'Afrique du Nord et d'Espagne, et celui-ci au gr. byz. , att. dep. le VIe s. comme appellation gén. des Arabes (KAHANE Byzanz, col. 402 et 429); en gr. tardif, désignait une population nomade d'Arabie, mentionnée au IIe s. par Ptolémée (cf. FEW t. 11, p. 219a), d'où le b. lat. Sarraceni (IVe-Ve s.). Le gr. doit prob. être rattaché au topon. Saraka (), n. d'une ville d'Arabie heureuse citée par Ptolémée, et d'une région de la péninsule du Sinaï mentionnée au VIe s. par Étienne de Byzance (FEW Loc. cit.; Kl. Pauly, s.v. Saraka), et non à l'ar. «oriental», dér. de «Orient» (cf. FEW t. 11, pp. 220-221, note 23). Bbg. DAUZAT Ling. fr. 1946, p. 326. RICHARD Kirchenterminologie 1959, pp. 54-55. TOURNIER (M.). L'Envers de 1900. MOTS. 1982, n o 5, p. 118.
  6. ^ Oxford English Dictionary che la qualifica not well founded, "non fondata".
  7. ^ Mascitelli L'arabo preislamico. L'erma di Bretschneider 2006
  8. ^ P. Senac. L'Occident medieval face a l'Islam: l'image de l'autre. Paris 2000.20-59.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Egle Lauzi, "Occidentali e saraceni nel medioevo latino: tracce di un incontro", Rendiconti Istituto Lombardo Accademia di Scienze e Lettere - Classe di Lettere e Scienze Morali e Storiche vol. 132 (1998) fasc. 2, I. p. 437-453; II. p. 485-502.
  • Flavio Russo, Dai Sanniti all'Esercito Italiano. La regione fortificata del Matese, Stato Maggiore Esercito, Ufficio Storico, Roma 1991.
  • Flavio Russo,La difesa costiera del Regno di Napoli, Stato Maggiore Esercito, Ufficio Storico, Roma 1989.
  • Flavio Russo, La difesa costiera del Regno di Sardegna, Stato Maggiore Esercito, Ufficio Storico, Roma 1992.
  • Flavio Russo, La difesa costiera del Regno di Sicilia, Stato Maggiore Esercito, Ufficio Storico, Roma 1994.
  • Franco Cardini e Marina Montesano, Storia medievale, Le Monnier Università, Firenze 2006. ISBN 8800204740
  • R. Panetta I Saraceni in Italia Mursia, Milano ISBN 978-88-425-4367-1

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]