Marsiglia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Marsiglia (disambigua).
Marsiglia
comune
Marseille
Marsiglia – Stemma Marsiglia – Bandiera
(dettagli)
Marsiglia – Veduta
Localizzazione
Stato Francia Francia
Regione Blason région fr Provence-Alpes-Côte d'Azur.svg Provenza-Alpi-Costa Azzurra
Dipartimento Blason département fr Bouches-du-Rhône.svg Bocche del Rodano
Arrondissement Marsiglia
Arrondissement municipali
Cantone Cantoni di Marsiglia
Territorio
Coordinate 43°17′51″N 5°22′38″E / 43.2975°N 5.377223°E43.2975; 5.377223 (Marsiglia)Coordinate: 43°17′51″N 5°22′38″E / 43.2975°N 5.377223°E43.2975; 5.377223 (Marsiglia)
Altitudine 12 m s.l.m.
Superficie 241 km²
Abitanti 850 726 (2010)
Densità 3 529,98 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 13001 a 13016
Fuso orario UTC+1
Codice INSEE 13055
Nome abitanti (IT) marsigliesi, marsilioti

(FR) marseillais

Cartografia
Mappa di localizzazione: Francia
Marsiglia
Sito istituzionale
« Sono convinto che Marsiglia sia la più bella città della Francia. È talmente diversa da tutte le altre. »
(Arthur Schopenhauer, Diario di viaggio[1])
Marsiglia, attorno al vecchio porto

Marsiglia (in francese: Marseille /maʁ.'sɛij(ə)/, in provenzale: Marselha o Marsiho[2], in latino: Massilia o Massalia; in greco: Μασσαλία o Μασαλία) è la più grande città della Francia meridionale, capoluogo della regione Provenza-Alpi-Costa Azzurra e del dipartimento delle Bocche del Rodano, oltre che il primo porto della Francia e del Mediterraneo ed il quinto al livello europeo[3]. Fondata dai Greci durante l'Antichità, è una delle più antiche città francesi. Considerando il numero di abitanti della sola municipalità risulta essere la seconda città della Francia, dopo Parigi. In realtà, Lione, pur avendo meno abitanti di Marsiglia, ha un'area metropolitana più estesa che supera il milione e mezzo di abitanti contendendo a Marsiglia il primato di seconda città di Francia.

Marsiglia è stata Capitale europea della cultura nel 2013, assieme a Košice.

Etimologia[modifica | modifica sorgente]

È soprannominata in francese la cité phocéenne (la città focese), perché fu fondata nel 600 a.C. da marinai greci originari di Focea, l'attuale Foça (un toponimo sito a 60 Km nord-ovest di Smirne, in Turchia) e "focesi" vengono ancora detti i suoi abitanti.

Secondo Timeo di Tauromenio[4], quando i focesi guidati da Furio e Perano (secondo Pompeo Trogo, o Proto, secondo Plutarco) raggiunsero la riva di quella che divenne Marsiglia, incontrarono un pescatore. Perano, lanciandogli una cima gli gridò "Lega, pescatore!" (in antico eolico: μασσαι αλίεως massé alieos!), per aiutarli ad attraccare.

Citata da Strabone come "Massalìa", da Tolomeo come "Masalìa", Mas - Alieus, potrebbe semplicemente significare "casa di pescatori" o, volendo accostare ad "aliseo", "casa dei venti".

Numerose sono altre proposte etimologiche, tra le quali la più conosciuta è quella che fa derivare "Massalìa" (con due S) da mas ("casa") e salya ("salii"), patria dei Salii, popolazione ligure nativa del luogo, ma non vi è motivo che i Greci chiamassero con un nome straniero una propria colonia.

Per curiosità, l'arabo Marsīliyā (مرسيليا) deriva da marsa, "porto".

Storia[modifica | modifica sorgente]

Il porto di Marsiglia tra il 1890 e il 1900

I Focesi fondarono la colonia di Masalia in un momento storico particolare, venendo la costa microasiatica sottoposta al dominio dei Lidi. La città di Focea quindi sostanzialmente si divise tra sostenitori e oppositori, questi ultimi andando a rinfoltire le fila dei primi coloni Masalioti. Si venne a creare quindi un certo antagonismo commerciale tra colonia e madrepatria, con particolare riguardo al bacino del mediterraneo occidentale. Sono state rinvenute imbarcazioni greche del 1000 a.c. con cui avevano assaltato Marsiglia nel 923.

Circa trentacinque anni dopo Focea venne conquistata dai persiani. I Focesi si rifugiarono nella colonia di Alalia in Corsica, ma ormai la regione non aveva più spazio per un ulteriore polo dirigenziale, e fu la guerra: Etruschi e Cartaginesi li affrontarono nella battaglia navale di Alalia (535 a.C.). I Focesi vinsero, ma riportarono danni così gravi alle loro navi che preferirono trasferirsi a Elea, la capitale attuale di Monaco. Masalia rimase quindi l'unica vera forza commerciale greca nel bacino che sarà poi dominato da Roma.

Gli iniziali rapporti con gli indigeni Liguri sono raccontati nella leggenda dell'incontro e dell'unione fra il marinaio Protis (focese) e la bella Gyptis (figlia del re dei Liguri Segobrigi Nanno).

Fino al 49 a.C. Marsiglia, è una città-stato governata da un'oligarchia che fonda il suo potere sull'attività mercantile. Nel 49 a.C. la città, che parteggia per Pompeo, viene sconfitta da Giulio Cesare. Essa riesce, comunque, a mantenere la sua indipendenza, ma da questo momento in poi inizia la sua decadenza commerciale. Alla fine del V sec. la città cade nelle mani dei Visigoti (476) poi dei Burgundi e degli Ostrogoti, ma le dominazioni barbare non hanno effetti rilevanti su Marsiglia. Nel 536 d.C. la Provenza è annessa al territorio dei Franchi, e la città torna ad essere un importante nodo commerciale. Un altro periodo buio arriva, però, dal 600 fino al 650 circa, quando sommosse ed epidemie causano un calo demografico. Nell'838 la città viene saccheggiata dagli Arabi, e gli attacchi dei Saraceni e dei pirati, nel IX e X sec. provocano un temporaneo arresto dell'attività commerciale, già indebolita. La città si ripiega su se stessa, e nuove mura vengono erette all'interno della cinta greco romana. Intorno al 950, la Provenza è ceduta al re di Borgogna, e Marsiglia è dichiarata asilo per gli stranieri.

Un'altra caratteristica della città è la sua indipendenza nei confronti delle altre città e del potere (inteso come potere centrale francese, del Re e di Parigi): Marsiglia è una città che cambia bandiera (e sovrano) in base ai suoi interessi. Per molto tempo ha avuto una propria amministrazione. Solo con la Rivoluzione francese, con l'intento di unificazione della Francia sotto un'unica moneta, un'unica lingua e con gli stessi diritti e doveri per tutti, Marsiglia perderà questa tendenza autonoma che ha sempre cercato di mantenere.

Stemma[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stemma di Marsiglia.

Lo stemma di Marsiglia ha la seguente blasonatura: d'argento alla croce d'azzurro.

Geografia del territorio[modifica | modifica sorgente]

Marsiglia si trova nella regione della Provenza, a sud della Francia. Si trova sulla costa a sud-orientale della Francia, affacciandosi così sul mar Mediterraneo e in particolare sul Golfo del Leone.

Suddivisione[modifica | modifica sorgente]

Marsiglia è divisa in 16 arrondissements municipali, anche essi divisi in quartieri (111 in totale). Gli arrondissements sono raggruppati due a due in settori, e ognuno degli 8 settori ha il proprio consiglio e il proprio sindaco, come gli arrondissements di Parigi o di Lione.

La Grande Marsiglia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Grande Marsiglia.
Panoramica della città dalla basilica di Notre-Dame-de-la-Garde

Da luglio 2000, Marsiglia si è associata con dei comuni limitrofi per formare la Communauté urbaine Marseille Provence Métropole, riconoscendo a livello amministrativo la "Grande Marsiglia" come comunità urbana. Questa struttura intercomunale conta 18 membri: Allauch, Carnoux-en-Provence, Carry-le-Rouet, Cassis, Ceyreste, Châteauneuf-les-Martigues, La Ciotat, Ensuès-la-Redonne, Gémenos, Gignac-la-Nerthe, Marignane, Marsiglia, Plan-de-Cuques, Roquefort-la-Bédoule, Le Rove, Saint-Victoret, Sausset-les-Pins, Septèmes-les-Vallons.

Cantoni[modifica | modifica sorgente]

Nel consiglio dipartimentale Bouches-du-Rhône, Marsiglia rappresenta 25 dei 58 posti, dal febbraio 2003. I 25 cantoni sono:

  • Marseille-La Belle-de-Mai (25 878 abitanti);
  • Marseille-Belsunce (27 992 ab.);
  • Marseille-La Blancarde (30 168 ab.);
  • Marseille-Le Camas (27 506 ab.);
  • Marseille-La Capelette (34 292 ab.);
  • Marseille-Les Cinq-Avenues (29 846 ab.);
  • Marseille-Les Grands-Carmes (29 060 ab.);
  • Marseille-Mazargues (35 890 ab.);
  • Marseille-Montolivet (33 644 ab.);
  • Marseille-Notre-Dame-du-Mont (31 102 ab.);
  • Marseille-Notre-Dame-Limite (33 472 ab.);
  • Marseille-Les Olives (26 945 ab.);
  • Marseille-La Pointe-Rouge (31 116 ab.);
  • Marseille-La Pomme (38 701 ab.);
  • Marseille-La Rose (33 206 ab.);
  • Marseille-Saint-Barthélemy (37 629 ab.);
  • Marseille-Sainte-Marguerite (36 868 ab.);
  • Marseille-Saint-Giniez (34 607 ab.);
  • Marseille-Saint-Just (32 749 ab.);
  • Marseille-Saint-Lambert (26 218 ab.);
  • Marseille-Saint-Marcel (29 981 ab.);
  • Marseille-Saint-Mauront (40 816 ab.);
  • Marseille-Les Trois Lucs (25 324 ab.);
  • Marseille-Vauban (29 668 ab.);
  • Marseille-Verduron (35 752 ab.)

Clima[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Stazione meteorologica di Marsiglia.

La città di Marsiglia e i suoi dintorni godono dei benefici del clima mediterraneo. L'inverno si caratterizza per il freddo molto moderato, mentre l'estate è calda ma ben ventilata. Le precipitazioni si concentrano prevalentemente in autunno e nel periodo di transizione tra l'inverno e la primavera; in estate sono possibili prolungati eventi di siccità.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

La stazione di Marsiglia-Saint-Charles è il principale scalo ferroviario cittadino.

La città è dotata di un servizio metropolitano di trasporti.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metropolitana di Marsiglia.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

Le elezioni municipali si svolgono per settore. Ogni settore elegge i suoi consiglieri (303 in totale), di cui un terzo saranno consiglieri municipali.

Numero di consiglieri eletti per settore:

Settore 1 2 3 4 5 6 7 8 Totale
Consiglieri di settore 22 16 22 30 30 26 32 24 202
Consiglieri municipali 11 8 11 15 15 13 16 12 101
Numero totale di eletti 33 24 33 45 45 39 48 36 303

Ultimi sindaci di Marsiglia:

Evoluzione demografica[modifica | modifica sorgente]

Abitanti censiti

Luoghi celebri[modifica | modifica sorgente]

Vista sul porto, sullo sfondo, Notre Dame de la Garde

Religione[modifica | modifica sorgente]

Marsiglia è la città francese con la più grande proporzione di musulmani con i suoi 200 000 fedeli (un abitante su quattro) e i 63 luoghi di culto già adibiti ai musulmani.[5]

Cultura[modifica | modifica sorgente]

Arte[modifica | modifica sorgente]

Marsiglia ospita vari musei d'arte tra i quali i più importanti sono il Museo di Belle Arti, il museo Cantini.

Il Musée des Beaux Arts (Museo di Belle Arti) di Marsiglia conserva dipinti di artisti come Perugino, Giulio Romano, Annibale Carracci, Luca Giordano, Canaletto, Giandomenico Tiepolo, Jusepe de Ribera, Rubens, Jacob Jordaens, Charles Le Brun, Jacques-Louis David, Gustave Courbet, Camille Corot e una grande collezione di opere dello scultore barocco Pierre Puget, nativo di Marsiglia. Vi si trova anche il quadro l'Idolatria di Salomone, opera di Paolo Pagani.

Il museo Cantini è principalmente dedicato all'arte moderna ed ospita opere di artisti come André Derain, Pablo Picasso, Kandinsky, Max Ernst o Francis Bacon.

Il MuCEM (Museo delle Civiltà dell'Europa e del Mediterraneo), inaugurato nel 2013, è un museo nazionale di antropologia dedicato alle società e le culture dell'area europea e mediterranea. Le sue collezioni comprendono più di un milione di oggetti.

Il Cabinet des monnaies et médailles, ospitato dagli Archives municipales, ha una collezione di circa 30 000 monete, medaglie e altri oggetti numismatici.

Persone legate a Marsiglia[modifica | modifica sorgente]

Educazione[modifica | modifica sorgente]

Gemellaggi[modifica | modifica sorgente]

Marsiglia è gemellata con:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Arthur Schopenhauer, Diario di viaggio, Armando Editore, 1997, 96 p.
  2. ^ in lingua occitana provenzale Marselha nella forma classica o Marsiho nella grafia mistraliana
  3. ^ AAPA Statistica mondiale Porti
  4. ^ Tim. FGrHist 566 F 72.
  5. ^ Una nuova mega Moschea sorgerà a Marsiglia. URL consultato il 20-01-2012
  6. ^ Città gemellate dal sito di Genova. URL consultato il 30 dicembre 2010.
  7. ^ Città gemellate con Tirana dal suo sito ufficiale. URL consultato il 26 luglio 2010.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Francia Portale Francia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Francia