Dinamite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Dinamite (disambigua).
Schema di un candelotto di dinamite:
A. Segatura (o altro tipo di materiale assorbente) intrisa di nitroglicerina
B. Contenitore del materiale esplosivo
C. Detonatore
D. Cavo collegato al detonatore

La dinamite è un esplosivo brevettato dal chimico e ingegnere svedese Alfred Nobel nel 1867 a Geesthacht, in Germania. L'etimologia del termine deriva dal greco antico "δύναμις", dýnamis, "forza".[1]

Si tratta di un preparato, destinato a causare un'esplosione, considerato più sicuro (poiché più stabile) degli altri esplosivi in uso all'epoca della sua scoperta. Al tempo era infatti in uso la nitroglicerina, inventata dal chimico italiano Ascanio Sobrero, nel 1847, un liquido molto sensibile alle scosse ed alle variazioni termiche e temporali; la dinamite è in realtà un trattamento della pericolosissima nitroglicerina, che veniva miscelata con sostanze assorbenti e infiammabili a base di farina fossile e una leggera quantità di carbonato di sodio, onde ottenerne un composto granulare stabile.

Nel tempo, però, si riscontrò un'elevata probabilità di rilascio della nitroglicerina, che riassumeva la forma liquida e ripresentava quindi i detti problemi di pericolosità, infatti se la dinamite veniva esposta a temperature basse la nitroglicerina fuoriusciva, dato che si dilatava con il freddo (come l'acqua) e, fuoriuscendo dai candelotti di dinamite, creava gravi problemi nel trasporto a causa di accidentali esplosioni, data la sua elevata sensibilità. Presentatosi quindi questo problema, lo studio si volse alla ricerca di altri prodotti esplosivi più stabili.

Nel tempo, comunque, in cui la dinamite fu l'esplosivo migliore in commercio, il brevetto registrato da Nobel aumentò di valore e fu arricchito da una serie di brevetti minori, venendo usato estensivamente nell'industria mineraria e nelle cave, nella costruzione edilizia, nelle demolizioni e, in misura minore, in campo bellico.

Alfred Nobel donò gran parte dei soldi ricavati dalla scoperta, per fondare il premio omonimo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) dynamite in thefreedictionary.com, The American Heritage® Dictionary of the English Language. URL consultato il 6 aprile 2014.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia