Ascanio Sobrero

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Ascanio Sobrero

Ascanio Sobrero (Casale Monferrato, 12 ottobre 1812Torino, 26 dicembre 1888) è stato un chimico e medico italiano. Fu il primo a sintetizzare nitroglicerina e sobrerolo.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio del medico Giuseppe Sobrero e di Giuseppina De Michelis, si laureò in medicina e chirurgia presso l'Università degli studi di Torino nel 1833 e ottenne l'abilitazione alla professione l'anno seguente. Grazie all'interessamento dello zio Carlo Raffaello, direttore del Laboratorio chimico dell'Arsenale di Torino, iniziò ad occuparsi di questioni chimiche.

Nel 1840 si recò a Parigi per lavorare presso il laboratorio di Théophile Pelouze, dove assai sviluppate erano le ricerche sull'azione dell'acido nitrico sulle sostanze organiche e sugli effetti esplosivi che ne derivavano. Lavorò inoltre con Jean Baptiste Dumas. Nel 1843 si trasferì presso il celebre laboratorio di Justus von Liebig a Giessen.

Rientrato a Torino, fu assistente alla cattedra di chimica generale e docente di chimica presso la Scuola di meccanica e chimica applicata alle arti. Dopo aver realizzato la nitroglicerina e averne osservato le proprietà esplosive e vasodilatatrici, dal 1848 insegnò chimica docimastica presso l'Università di Torino.

Scoprì nel 1851 il sobrerolo (idrato di pirrolo, successivamente rinominato sobrerolo in suo onore e ancora oggi usato farmacologicamente come stimolante respiratorio).

Dal 1860 al 1882 fu alla Scuola di applicazione per ingegneri del Valentino. Collaborò a lungo con Francesco Selmi, esule a Torino dopo i moti del 1848. Fu anche membro dell'Accademia nazionale delle scienze. Alfred Nobel, divenuto ricco grazie alla nitroglicerina, gli riconobbe una pensione vitalizia quale ringraziamento.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 17336444 LCCN: n/97/32535