Justus von Liebig

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Justus von Liebig

Justus von Liebig (Darmstadt, 12 maggio 1803Monaco di Baviera, 18 aprile 1873) è stato un chimico tedesco che ha dato importanti contributi alla chimica per l'agricoltura, alla biochimica e all'organizzazione della chimica organica.

Von Liebig con le sue ricerche migliorò l'analisi organica e applicò all'agronomia la scoperta dello svizzero De Saussure, il quale capì che le piante si nutrono di anidride carbonica tratta dall'aria e di sostanze minerali prelevate dal suolo.Secondo Liebig anche l'azoto è fondamentalmente ricavato dall'atmosfera. Il chimico tedesco basò la sua teoria agronomica sull'assunto che il fosforo è il più importante degli elementi che occorre restituire al terreno.tra le sue molte e varie scoperte vi fu il metodo di ottenere la trasformazione rapida dell'alcol in acido acetico.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Espulso dal Gymnasium (Liceo classico) per aver fatto detonare un esplosivo fatto in casa, si fa una prima esperienza come aiutante di un farmacista a Heppenheim. In seguito Liebig studia all'Università di Bonn ma non giunge a laurearsi, e baserà gran parte della sua formazione accademica unicamente da autodidatta, stando ore e ore a leggere e studiare interi volumi e trattati di chimica a casa e in biblioteca. All'università conosce Karl Wilhelm Gottlob Kastner che diverrà l'unico amico e collaboratore fedele nelle sue ricerche. Con questi si trasferirà molto più tardi all'Università di Erlangen dove solamente nel 1840 ormai già conosciuto Liebig ottiene un dottorato. Con una borsa di studio del governo dell'Assia può studiare a Parigi dove, in seguito all'interessamento di Alexander von Humboldt riesce a lavorare nel laboratorio privato di Joseph Louis Gay-Lussac.

Con l'appoggio di von Humboldt ottiene nel 1824 una cattedra di chimica all'Università di Giessen e qui organizza un laboratorio scuola, il primo in Europa. Viene fatto Freiherr, nobile, nel 1845. Nel 1850 sostituisce Leopold Gmelin nella cattedra di chimica dell'Università di Heidelberg. Dal 1852 al 1873 insegna all'Università di Monaco di Baviera.

Attività di ricerca[modifica | modifica wikitesto]

Il Kali-Apparat di Liebig per l'analisi chimica.

Liebig migliora l'analisi organica e applica all'agronomia la scoperta del grande biologo elvetico Théodore de Saussure, che ha compreso che le piante si nutrono di anidride carbonica tratta dall'aria e di sostanze minerali prelevate dal suolo. Anche l'azoto è fondamentalmente ricavato, secondo Liebig, dall'atmosfera. Il caposaldo della sua teoria agronomica è costituito, comunque, dall'assorbimento dal suolo del fosforo, per lui il più importante degli elementi da restituire al terreno, dato che non gli viene fornito dai fenomeni atmosferici.

Come ha messo in luce Antonio Saltini nelle ultime opere, Liebig converte la propria dottrina del fosforo in dottrina sulla storia delle società umane, che sarebbero tutte destinate al tramonto dopo avere esaurito le riserve di fosforo dei terreni sui quali siano sorte. Spiega in questo modo il collasso della Grecia, di Roma e dell'Impero spagnolo; così, da chimico vestito il manto del profeta, proclama il prossimo tracollo dell'Impero britannico dove, data la diffusione dei water closets, il fosforo degli alimenti viene destinato a disperdersi in mare, come era avvenuto a Roma a causa della cloaca massima. Sopravviveranno, secondo la dottrina del tramonto delle civiltà di Liebig, solo il Giappone e la Cina, dove milioni di sudditi solerti vuotano, ogni mattina, i vasi da notte nelle concimaie, dalle quali i contadini porteranno con diligenza il contenuto a concimare le risaie[1].

Fra le sue scoperte si segnalano anche: un metodo per creare lo specchio depositando una sottile lamina di argento sul vetro; la preparazione artificiale dell'acido tartarico; l'uso dell'ozono per la sbiancatura di tessuti vegetali; la trasformazione rapida dell'alcol etilico in acido acetico; l'individuazione dell'acido ippurico (1829)[2] e la sua formazione artificiale. Liebig ha studiato inoltre gli aromi dei vini: l'ampolla conica da lui introdotta per le attività di laboratorio è ancora nota con il suo nome.[3]

Nel 1865 fonda la compagnia Liebig (Liebigs Fleischextrakt) per produrre l'estratto di carne di sua invenzione, come alternativa economica e nutriente alla carne. Lo stesso Von Liebig sceglie di adottare come sistema pubblicitario per promuovere il proprio estratto di carne le famose figurine Liebig, stampate in origine con la tecnica della cromolitografia fino a 12 colori ed emesse per la prima volta nell'anno 1872. Furono proprio queste figurine a dare vita ad un grande movimento collezionistico su scala mondiale e che a tutt'oggi interessa migliaia e migliaia di collezionisti giovani e meno giovani.

È noto anche per aver formulato la Legge del Minimo, nota anche come Legge di Liebig.

Inoltre, ha introdotto il metodo omonimo per la determinazione degli ioni cianuro in soluzione, uno dei pochi metodi complessometrici in cui è usato un ligando monodentato.

Gli è stata intitolata l'Università di Giessen[4].

Il testamento di Liebig
Confesso volentieri che l'impiego dei concimi chimici era fondato su delle supposizioni che non esistono nella realtà. Questi concimi dovevano portare una rivoluzione completa in agricoltura. Il concime di stalla doveva essere completamente escluso e tutte le materie minerali asportate dai raccolti, sostituite con dei concimi chimici. Il concime doveva permettere di coltivare su di uno stesso campo, senza discontinuità e senza esaurimento, sempre la stessa pianta, il trifoglio, il grano ecc., secondo la volontà e i bisogni dell'agricoltore. Avevo peccato contro la saggezza del Creatore e ho ricevuto la dovuta punizione. Ho voluto portare un miglioramento alla Sua opera e nella mia cecità ho creduto che nel meraviglioso concatenamento delle leggi che uniscono la vita alla superficie della terra, rinnovandola continuamente, un anello era stato dimenticato, che io povero verme impotente, dovevo fornire.[5]

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Pour le Mérite (classe di pace)
— 1851
Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia dell'Ordine di Massimiliano per le Scienze e le Arti
— 1853

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Antonio Saltini, Chimica agraria tra storiografia, geografia economica e ideologia politica, in Rivista di storia dell'agricoltura, XLII, n. 1, giu. 2002
  2. ^ (EN) History of Drug Metabolism: Discoveries of the Major Pathways in the 19th Century, A.CONTI and M. H. BICKEL, DRUG METABOLISM REVIEWS, 6(1), 1-50 (1977): "Only in 1829 did Liebig discover the compound he named hippuric acid because he had isolated it from equine urine, and, in contrast to benzoic acid, it contained nitrogen". Anche: File pdf.
  3. ^ Liebig, J., Ueber einen neuen Apparat zur Analyse organischer Körper, und über die Zusammensetzung einiger organischen Substanzen in Annalen der Physik, vol. 21, 1831, pp. 1–47.
  4. ^ Sito dell'Università Liebig
  5. ^ Pubblicato per la prima volta in Italia sulla rivista di AIAB, BIOAGRICULTURA (maggio-giugno 1996)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Shenstone, William Ashwell Justus von Liebig, his life and work (1803-1873) (London: Cassell and Company, Limited, 1901)
  • Saltini Antonio, Storia delle scienze agrarie, vol III, L'età della macchina a vapore e dei concimi industriali, Edagricole, Bologna 1989, pagg.1-22, 79-97
  • Brock W., Justus von Liebig. The Chemical Gatekeeper, Cambridge University Press, Cambridge 1997
  • Franz Guenther, Haushofer Heinz, Grosse Landwirte, DLG, Frankfurt 1970
  • Lewicki Wilhelm, Siebeneicher George E, Justus von Liebig, Boden, Ernaehrung, Leben, Pietsch, Stuttgart 1989
  • Paoloni Carlo, Justus von Liebig, Eine Bibliographie saemtlicher Veroeffentlichungen, C. Winter, Heidelberg 1968
  • (EN) Animal chemistry: or chemistry in its applications to physiology and pathology, a cura di Justus von Liebig, 1843.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: 51763678 LCCN: n80133000