Giovanni Antonio Amedeo Plana

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
sen. Giovanni Antonio Amedeo Plana
Stemma del Regno d'Italia Parlamento del Regno d'Italia
Senato del Regno d'Italia
Giovanni Plana.jpg
Luogo nascita Voghera
Data nascita 6 novembre 1781
Luogo morte Torino
Data morte 20 gennaio 1864
Titolo di studio Scuola politecnica di Parigi
Professione Docente universitario
Data 3 aprile 1848
Pagina istituzionale

Giovanni Antonio Amedeo Plana (Voghera, 6 novembre 1781Torino, 20 gennaio 1864) è stato un matematico, astronomo, geodeta e senatore italiano. Fu uno dei più importanti scienziati italiani dell'Ottocento.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Plana nacque a Voghera da genitori di origine piemontese, Antonio Maria Plana e Giovanna Giacoboni. A quindici anni fu mandato a studiare a Grenoble, dove divenne amico di Stendhal e si avvicinò al movimento democratico.

Dal 1800 frequentò l'università all'École polytechnique di Parigi, con Lagrange (del quale fu l'unico allievo italiano e più tardi sposò una nipote), Laplace, Legendre e Fourier.

Lapide sulla facciata della casa natale dello scienziato

Dal 1811 insegnò astronomia all'Università degli Studi di Torino, ricevendo la cattedra che era stata tenuta da Tommaso Valperga. Nel 1815 l'insegnamento venne soppresso e Plana passò alla cattedra di calcolo infinitesimale, che mantenne per il resto della vita.

Nel 1820 fu tra i vincitori di un premio indetto dall'Accademia delle scienze francese per la costruzione di tabelle lunari basate esclusivamente sulla legge di gravitazione universale.

Tra le sue ricerche più importanti vanno ricordati gli studi sulla teoria del movimento della luna, inizialmente insieme con Francesco Carlini e poi pubblicati da solo nella Théorie du mouvement de la lune (1832), quelli di geodesia, e diverse altre ricerche nei campi dell'analisi, della fisica matematica e della meccanica celeste.

Fu in pratica il fondatore dell'osservatorio astronomico di Torino (che prima di lui era solo un'estensione della cattedra di astronomia), di cui promosse la costruzione su una delle torri di Palazzo Madama, in piazza Castello e che diresse per più di mezzo secolo.

Dal 1851 alla morte fu presidente dell'Accademia delle Scienze di Torino. Fu inoltre socio dell'Accademia dei XL, dell'Académie des Sciences di Parigi e delle Royal Society di Londra (dal 1827) e Edimburgo (dal 1835). Fu conosciuto come una persona orgogliosa e non formò allievi veri e propri, anche se studiarono con lui Menabrea e Felice Chiò.

È sepolto nel Cimitero monumentale di Torino.

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Ottenne numerosi riconoscimenti in Italia e all'estero, come la medaglia Copley della Royal Society (1834), la Medaglia d'Oro della Royal Astronomical Society (1840), varie decorazioni, il titolo di barone e la nomina di senatore nel primo Senato italiano (1861).

Il cratere Plana della Luna ha preso il suo nome. La città di Torino, e la sua città natale, gli hanno intitolato una via e una scuola. A Giovanni Plana è, inoltre, intitolato il liceo classico di Alessandria

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

Onorificenze italiane[modifica | modifica sorgente]

Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 6 gennaio 1832
Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 18 gennaio 1833
Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Grand'Ufficiale dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
— 18 dicembre 1862
Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro - nastrino per uniforme ordinaria Gran Croce decorato di Gran cordone dell'Ordine dei Santi Maurizio e Lazzaro
Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine Civile di Savoia
— 30 novembre 1831

Onorificenze straniere[modifica | modifica sorgente]

Medaglia Copley - nastrino per uniforme ordinaria Medaglia Copley
— 1834
Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia) - nastrino per uniforme ordinaria Ufficiale dell'Ordine della Legion d'onore (Francia)
— 7 maggio 1845
Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea (Austria) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Corona Ferrea (Austria)
Commendatore dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Portogallo) - nastrino per uniforme ordinaria Commendatore dell'Ordine dell'Immacolata Concezione di Vila Viçosa (Portogallo)
— 25 febbraio 1856
Cavaliere dell'Ordine della Stella polare (Svezia) - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine della Stella polare (Svezia)
— 24 maggio 1860

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 37842038 LCCN: no2004075103

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica