Urbain Le Verrier

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Urbain Jean Joseph Le Verrier

Urbain Jean Joseph Le Verrier (Saint-Lô, 11 marzo 1811Parigi, 23 settembre 1877) è stato un matematico e astronomo francese. Specializzato nella meccanica celeste, lavorò all'Osservatorio di Parigi per la maggior parte della sua vita.

È famoso soprattutto per il suo contributo alla scoperta di Nettuno, usando solo calcoli matematici e osservazioni astronomiche precedenti. I calcoli vennero eseguiti per spiegare le differenze tra l'orbita osservata di Urano e quella prevista delle leggi di Keplero e Netwon. Contemporaneamente a Le Verrier, anche il matematico John Couch Adams stava svolgendo gli stessi calcoli, l'uno all'insaputa dell'altro, ed arrivò alle stesse conclusioni.

Sulla base delle indicazioni di Le Verrier, Johann Galle scoprì il pianeta nel settembre del 1846 entro 1 grado dalla posizione prevista, nella costellazione dell'Aquario.

Dopo questa scoperta, Le Verrier passò ad interpretare anche l'orbita di Mercurio come influenzata da un altro pianeta (chiamato provvisoriamente Vulcano). Le sue predizioni diedero vita ad un'ondata di falsi allarmi che durarono fino al 1915, quando Einstein spiegò la precessione del perielio dell'orbita di Mercurio mediante la teoria della relatività generale.

Negli anni '40 dell'Ottocento, Le Verrier riesaminò le osservazioni raccolte e l'orbita proposta da A. Lexell per la cometa omonima. Dopo essersi reso conto che i dati osservativi non erano sufficienti a determinare in modo univoco l'orbita della cometa, sviluppò una tecnica innovativa per affrontare il problema: ricavò i sei elementi orbitali in funzione di un unico parametro, a cui associò l'incertezza, e fornì una mappa delle possibili orbite seguite dalla cometa, oggi comunemente nota come regione di confidenza[1].

Onorificenze[modifica | modifica sorgente]

  • Il suo nome compare nella lista dei 72 nomi di scienziati, ingegneri e altre personalità incisi sulla Torre Eiffel.[4]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanni Valsecchi, Come Le Verrier scoprì il Caos, Tumbling Stone 2001
  2. ^ (EN) Cratere Le Verrier U. sulla Luna, United States Geological Survey (USGS). URL consultato il 16 gennaio 2009.
  3. ^ (EN) Winners of the Gold Medal of the Royal Astronomical Society, The Royal Astronomical Society, 15 febbraio 2005. URL consultato il 16 gennaio 2009.
  4. ^ (FR) Les 72 savants, Le site officiel de la Tour Eiffel. URL consultato il 16 gennaio 2009.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 73986042 LCCN: n86815998