Nettuno (astronomia)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nettuno
Il pianeta fotografato dalla sonda Voyager 2 tra il 16 e il 17 agosto 1989.Il pianeta fotografato dalla sonda Voyager 2 tra il 16 e il 17 agosto 1989.
Stella madre Sole
Scoperta 23 settembre 1846[1]
Scopritori Urbain Le Verrier
John Couch Adams
Johann Galle
Classificazione Gigante gassoso
Parametri orbitali
(all'epoca J2000)
Semiasse maggiore 4 498 252 900 km
30,06896348 UA
Perielio 4 459 631 496 km
29,81079527 UA[2]
Afelio 4 536 874 325 km
30,32713169 UA[2]
Circonf. orbitale 28 263 000 000 km
188,925 UA
Periodo orbitale 60 223,3528 giorni
(164,88 anni)[3]
Periodo sinodico 367,49 giorni[4]
Velocità orbitale
5,385 km/s (min)

5,432 km/s (media)

5,479 km/s (max)
Inclinazione orbitale 1,76917°
Inclinazione rispetto
all'equat. del Sole
6,43°
Eccentricità 0,00858587
Longitudine del
nodo ascendente
131,72169°
Argom. del perielio 273,24966°
Satelliti 14
Anelli 10
Dati fisici
Diametro equat. 49 528 km[5][6]
Diametro polare 48 681 km[5][6]
Schiacciamento 0,0171
Superficie 7,619 × 1015 [3][6]
Volume 6,254 × 1022 [4][6]
Massa
1,0243 × 1026 kg[4]
Densità media 1 638 kg/m³[4]
Acceleraz. di gravità in superficie 11,15 m/s²
(1,14 g)[4][6]
Velocità di fuga 23,5 km/s[4][6]
Periodo di rotazione 16,11 ore
(16 h 6 min 36 s)[4]
Velocità di rotazione
(all'equatore)
2 680 m/s
Inclinazione assiale 28,32°[4]
Temperatura
superficiale
50 K (−223 °C) (min)
53 K (−220 °C) (media)
Albedo 0,41[4]
Dati osservativi
Magnitudine app.
7,70[4][7] (min)
7,84[4][7] (media)
8,00[4][7] (max)
Diametro
apparente
2,0"[4][7] (medio)
2,4"[4][7] (max)

Nettuno è l'ottavo e più lontano pianeta del Sistema solare partendo dal Sole. Si tratta del quarto pianeta più grande, considerando il suo diametro, e addirittura il terzo se si considera la sua massa. Nettuno ha 17 volte la massa della Terra ed è leggermente più massiccio del suo quasi-gemello Urano, la cui massa è uguale a 15 masse terrestri, ma rispetto al quale è meno denso.[8] Il nome del pianeta è dedicato al dio romano del mare; il suo simbolo è Simbolo astronomico di Nettuno, una versione stilizzata del tridente di Nettuno.

Scoperto la sera del 23 settembre 1846 da Johann Gottfried Galle con il telescopio dell'Osservatorio astronomico di Berlino, e Heinrich Louis d'Arrest, uno studente di astronomia che lo assisteva,[1] Nettuno fu il primo pianeta ad essere stato trovato tramite calcoli matematici più che attraverso regolari osservazioni: cambiamenti insoliti nell'orbita di Urano indussero gli astronomi a credere che vi fosse, all'esterno, un pianeta sconosciuto che ne perturbava l'orbita. Il pianeta fu scoperto entro appena un grado dal punto previsto. La luna Tritone fu individuata poco dopo, ma nessuno degli altri 13 satelliti naturali di Nettuno fu scoperto prima del XX secolo. Il pianeta è stato visitato da una sola sonda spaziale, la Voyager 2 che transitò vicino ad esso il 25 agosto 1989.

Nettuno ha una composizione simile a quella di Urano ed entrambi hanno composizioni differenti da quelle dei più grandi pianeti gassosi Giove e Saturno. Per questo sono talvolta classificati in una categoria separata, i cosiddetti "giganti ghiacciati". L'atmosfera di Nettuno, sebbene simile a quelle sia di Giove che di Saturno essendo composta principalmente da idrogeno ed elio, possiede anche maggiori proporzioni di "ghiacci", come acqua, ammoniaca e metano, assieme a tracce di idrocarburi e forse azoto.[9] In contrasto, l'interno del pianeta è composto essenzialmente da ghiacci e rocce come il suo simile Urano.[10] Le tracce di metano presenti negli strati più esterni dell'atmosfera contribuiscono a conferire al pianeta Nettuno il suo caratteristico colore azzurro intenso.[11]

Nettuno possiede i venti più forti di ogni altro pianeta nel Sistema Solare. Sono state misurate raffiche a velocità superiori ai 2 100 km/h.[12] All'epoca del sorvolo da parte della Voyager 2, nel 1989, l'emisfero sud del pianeta possedeva una Grande Macchia Scura comparabile con la Grande Macchia Rossa di Giove; la temperatura delle nubi più alte di Nettuno era di circa −218 °C, una delle più fredde del Sistema solare, a causa della grande distanza dal Sole. La temperatura al centro del pianeta è di circa 7 × 103 °C, comparabile con la temperatura superficiale del Sole e simile a quella del nucleo di molti altri pianeti conosciuti. Il pianeta possiede inoltre un debole sistema di anelli, scoperto negli anni sessanta ma confermato solo dalla Voyager 2.[13]

Osservazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Osservazione di Nettuno.
Immagine di Nettuno raccolta nel visibile dal Telescopio spaziale Hubble

Nettuno è invisibile ad occhio nudo dalla Terra; la sua magnitudine apparente, sempre compresa fra la 7,7 e la 8,0, necessita almeno di un binocolo per permettere l'individuazione del pianeta.[4][7]

Visto attraverso un grande telescopio, Nettuno appare come un piccolo disco bluastro dal diametro apparente di 2,2–2,4 secondi d'arco[4][7] simile nell'aspetto ad Urano. Il colore è dovuto alla presenza di metano nell'atmosfera nettuniana, in ragione del 2%. Si è avuto un netto miglioramento nello studio visuale del pianeta dalla Terra con l'avvento del Telescopio spaziale Hubble[14] e dei grandi telescopi a terra con ottiche adattive.[15] Le immagini migliori ottenibili dalla Terra permettono oggi di individuarne le formazioni nuvolose più pronunciate e le regioni polari, più chiare del resto dell'atmosfera. Con strumenti meno precisi è impossibile individuare qualsiasi formazione superficiale del pianeta, ed è preferibile dedicarsi alla ricerca del suo satellite principale, Tritone.

Ad osservazioni nelle frequenze radio, Nettuno appare essere la sorgente di due emissioni: una continuata e piuttosto debole, l'altra irregolare e più energetica. Gli studiosi ritengono che entrambe siano generate dal campo magnetico rotante del pianeta.[16] Le osservazioni nell'infrarosso esaltano le formazioni nuvolose del pianeta, che brillano luminose sullo sfondo più freddo, e permettono di determinarne agevolmente le forme e le dimensioni.[17]

Fra il 2010 ed il 2011 Nettuno ha completato la sua prima orbita attorno al Sole dal 1846, quando venne scoperto da Johann Galle, ed è stato quindi osservabile in prossimità delle coordinate a cui è stato scoperto.[18]

Storia delle osservazioni[modifica | modifica wikitesto]

La prima osservazione certa di Nettuno fu effettuata da Galileo Galilei, il 27 dicembre 1612, che disegnò la posizione del pianeta sulle proprie carte astronomiche scambiandolo per una stella fissa.[19] Per una coincidenza fortuita, in quel periodo il moto apparente di Nettuno era eccezionalmente lento, perché proprio quel giorno aveva iniziato a percorrere il ramo retrogrado del suo moto apparente in cielo, e non poteva essere individuato mediante i primitivi strumenti di Galilei.[20] Qualche giorno dopo, il 4 gennaio 1613, si verificò addirittura l'occultazione di Nettuno da parte di Giove: se Galileo avesse continuato ancora per qualche giorno le sue osservazioni, avrebbe dunque osservato la prima occultazione dell'era telescopica.[21]

La scoperta del pianeta dovette invece aspettare fino alla metà del XIX secolo.

La scoperta[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Scoperta di Nettuno.

Quando nel 1821 Alexis Bouvard pubblicò il primo studio dei parametri orbitali di Urano[22] divenne chiaro agli astronomi che il moto del pianeta divergeva in maniera apprezzabile dalle previsioni teoriche; il fenomeno poteva essere spiegato solo teorizzando la presenza di un altro corpo di notevoli dimensioni nelle regioni più esterne del sistema solare.

Urbain Le Verrier.

Indipendentemente fra loro il matematico inglese John Couch Adams (nel 1843) ed il francese Urbain Le Verrier (nel 1846) teorizzarono con buona approssimazione posizione e massa di questo presunto nuovo pianeta. Mentre le ricerche di Adams vennero trascurate dall'astronomo britannico George Airy, cui egli si era rivolto per sottolineare la necessità di ricercare il nuovo pianeta nella posizione trovata,[23][24] quelle di Le Verrier vennero applicate da due astronomi dell'Osservatorio di Berlino, Johann Gottfried Galle e Heinrich d'Arrest: dopo meno di mezz'ora dall'inizio delle ricerche − aiutati dall'utilizzo di una carta stellare della regione in cui si sarebbe dovuto trovare Nettuno che avevano compilato le notti precedenti e con cui confrontarono le osservazioni − il 23 settembre 1846 i due individuarono il pianeta a meno di un grado dalla posizione prevista da Le Verrier (ed a dodici gradi dalla posizione prevista da Adams).

Nel giugno del 1846 Le Verrier aveva pubblicato una stima della posizione del pianeta simile a quanto calcolato da Adams. Ciò aveva spinto Airy a sollecitare il direttore dell'Osservatorio di Cambridge, James Challis, a cercare il pianeta. Challis aveva quindi setacciato il cielo tra agosto e settembre, ma invano.[25][26] Dopo che Galle ebbe comunicato l'avvenuta scoperta, Challis realizzò di aver osservato il pianeta due volte in agosto, ma di non averlo identificato a causa della metodologia con cui aveva affrontato la ricerca.[25][27]

Sulla scia della scoperta si sviluppò un'accesa rivalità tra francesi ed inglesi sulla priorità della scoperta, da cui emerse infine il consenso internazionale che entrambi, Le Verrier ed Adams, ne meritassero il credito. La questione è stata riaperta nel 1998, dopo la morte dell'astronomo Olin Eggen, dal ritrovamento di un fascicolo, chiamato "Neptune papers", di cui Eggen era in possesso. Il fascicolo contiene documenti storici provenienti dall'Osservatorio reale di Greenwich che sembra siano stati rubati dallo stesso Eggen e nascosti per quasi tre decenni.[28] Dopo aver preso visione di tali documenti alcuni storici suggeriscono che Adams non meriti egual credito di Le Verrier. Dal 1966 Dennis Rawlins ha messo in discussione la credibilità della rivendicazione di co-scoperta di Adams. In un articolo del 1992 sul suo giornale, Dio, ha espresso l'opinione che la rivendicazione britannica sia un "furto".[29] Nel 2003 Nicholas Kollerstrom dell'University College London ha detto: «Adams ha eseguito alcuni calcoli ma era piuttosto incerto su dove diceva che fosse Nettuno».[30][31][32]

La denominazione[modifica | modifica wikitesto]

Poco dopo la scoperta ci si riferiva a Nettuno semplicemente come al "pianeta più esterno di Urano". Galle fu il primo a suggerire un nome e propose di nominarlo in onore del dio Giano. In Inghilterra Challis avanzò il nome Oceano.[33]

Rivendicando il diritto a denominare il nuovo pianeta da lui scoperto, Le Verrier propose il nome Nettuno, affermando falsamente, tra l'altro, che il nome fosse stato già ufficialmente approvato dal Bureau des longitudes francese.[34] In ottobre cercò di nominare il pianeta Le Verrier, dal proprio nome, e fu patriotticamente supportato dal direttore dell'Osservatorio di Parigi, François Arago. Sebbene questa proposta incontrò una dura opposizione al di fuori della Francia,[35] gli almanacchi francesi reintrodussero rapidamente il nome Herschel per Urano, dal nome del suo scopritore William Herschel, e Leverrier per il nuovo pianeta.[36]

Il 29 dicembre 1846 Friedrich von Struve si espresse pubblicamente in favore del nome Nettuno presso l'Accademia delle Scienze di San Pietroburgo[37] ed in pochi anni Nettuno divenne il nome universalmente accettato. Nella mitologia romana, Nettuno è il dio del mare, identificato con il greco Poseidone. La richiesta di un nome mitologico sembrava in linea con la nomenclatura degli altri pianeti che prendono il proprio nome da divinità romane, ad eccezione soltanto della Terra e di Urano, che lo trae invece da una divinità della mitologia Greca.[38]

Dal 1850 ad oggi[modifica | modifica wikitesto]

Già il 10 ottobre 1846, dopo diciassette giorni dalla scoperta di Nettuno, l'astronomo inglese William Lassell scoprì il suo principale satellite Tritone.[39]

Alla fine dell'Ottocento fu ipotizzato che presunte irregolarità osservate nel moto di Urano e Nettuno derivassero dalla presenza di un altro pianeta più esterno.[40] Dopo estese campagne di ricerca, Plutone fu scoperto il 18 febbraio 1930 alle coordinate previste dai calcoli di William Henry Pickering e Percival Lowell per il nuovo pianeta. Tuttavia il nuovo pianeta era troppo lontano perché potesse generare le irregolarità riscontrate nel moto di Urano, mentre quelle riscontrate nel moto di Nettuno derivavano da un errore nella stima della massa del pianeta (che fu individuato con la missione Voyager 2)[41] e che era all'origine, tra l'altro, delle irregolarità di Urano. La scoperta di Plutone fu quindi piuttosto fortuita.[42]

A causa della sua grande distanza le conoscenze su Nettuno rimasero frammentarie almeno fino alla metà del Novecento quando Gerard Kuiper scoprì la sua seconda luna, Nereide. Negli anni settanta e ottanta si accumularono indizi sulla probabile presenza di anelli o archi di anelli. Nel 1981 Harold Reitsema scoprì il suo terzo satellite Larissa.[43]

Nell'agosto 1989 le conoscenze ricevettero una enorme spinta in avanti dal sorvolo della prima sonda automatica inviata ad esplorare i dintorni del pianeta, la Voyager II. La sonda individuò importanti dettagli dell'atmosfera del pianeta, confermò l'esistenza di ben cinque anelli ed individuò nuovi satelliti oltre a quelli già scoperti dalla Terra.[44]

Missioni spaziali[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Esplorazione di Nettuno e Voyager 2.
La sonda Voyager 2 mentre sorvola Nettuno (rappresentazione artistica)

L'unica sonda spaziale ad aver visitato Nettuno è stata la Voyager 2, nel 1989; con un sorvolo ravvicinato del pianeta la Voyager ha permesso di individuarne le principali formazioni atmosferiche, alcuni anelli e numerosi satelliti. Il 25 agosto 1989 la sonda ha sorvolato il polo nord di Nettuno ad una quota di 4 950 km per poi dirigersi verso Tritone, il satellite maggiore, raggiungendo una distanza minima di circa 40 000 km.

Dopo le ultime misure scientifiche condotte durante la fase di allontanamento dal gigante gassoso, il 2 ottobre 1989, tutti gli strumenti della sonda sono stati spenti, lasciando in funzione solamente lo spettrometro ultravioletto. Voyager 2 iniziava così una lunga marcia verso lo spazio interstellare, alla velocità di 470 milioni di chilometri all'anno; l'inclinazione della sua traiettoria rispetto all'eclittica è di circa 48°. Si ritiene che, al ritmo attuale, la Voyager 2 passerà a 4,3 anni luce dal sistema di Sirio tra 296 000 anni.[45]

Sono allo studio da parte della NASA due possibili missioni: un orbiter, il cui lancio non è previsto prima del 2040[46] ed una sonda che effettuerebbe un fly-by del pianeta per proseguire poi verso due o tre oggetti della fascia di Kuiper, il cui lancio potrebbe avvenire nel 2019.[47][48]

Parametri orbitali e rotazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Parametri orbitali di Nettuno.
L'ultima immagine dell'intero disco di Nettuno ripresa dalla Voyager 2 prima del massimo avvicinamento.

Il pianeta compie una rivoluzione attorno al Sole in circa 164,79 anni.[3] Con una massa pari a circa 17 volte quella terrestre ed una densità media di 1,64 volte quella dell'acqua, Nettuno è il più piccolo e più denso fra i pianeti giganti del sistema solare. Il suo raggio equatoriale, ponendo lo zero altimetrico alla quota in cui la pressione atmosferica vale 1 000 hPa, è di 24 764 km.

L'orbita di Nettuno è caratterizzata da un'inclinazione di 1,77° rispetto al piano dell'eclittica e da un'eccentricità di 0,011. In conseguenza di ciò la distanza tra Nettuno ed il Sole varia di 101 milioni di chilometri tra perielio ed afelio, i punti dell'orbita in cui il pianeta è rispettivamente più vicino e più lontano al Sole.[2]

Nettuno compie una rotazione completa intorno al proprio asse in circa 16,11 ore. L'asse è inclinato di 28,32° rispetto al piano orbitale,[49] valore simile all'angolo d'inclinazione dell'asse della Terra (23°) e di Marte (25°). Di conseguenza i tre pianeti sperimentano cambiamenti stagionali simili. Tuttavia il lungo periodo orbitale implica che su Nettuno ciascuna stagione abbia una durata di circa quaranta anni terrestri.[50]

Poiché Nettuno non è un corpo solido, la sua atmosfera presenta una rotazione differenziale: le ampie fasce equatoriali ruotano con un periodo di circa 18 ore, inferiore al periodo di rotazione del campo magnetico del pianeta che è pari a 16,1 ore; le regioni polari invece completano una rotazione in 12 ore. Nettuno presenta la rotazione differenziale più marcata del sistema solare[51] che origina forti venti longitudinali.[52]

Oggetti transnettuniani[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Fascia di Kuiper.
Il diagramma mostra le risonanze orbitali nella Fascia di Kuiper causate da Nettuno: nelle regioni evidenziate orbitano gli oggetti con una risonanza 2:3 con Nettuno (i plutini), gli oggetti classici della Fascia di Kuiper (i cubewani) e gli oggetti con una risonanza 1:2 con Nettuno (i twotini).

Le nuove scoperte di moltissimi corpi celesti nel sistema solare esterno hanno portato gli astronomi a coniare un nuovo termine, oggetto transnettuniano, che designa qualsiasi oggetto orbitante oltre l'orbita di Nettuno (o comunque formatosi in quella regione).

Nettuno ha un impatto profondo sulla regione subito oltre la sua orbita, da 30 UA fino a 55 UA dal Sole e conosciuta come fascia di Kuiper, un anello di piccoli mondi ghiacciati simile alla Fascia principale degli asteroidi, ma molto più vasto.[53] Così come la gravità di Giove domina la Fascia principale, definendone la forma, così la gravità di Nettuno domina completamente la Fascia di Kuiper. Nel corso della storia del Sistema solare, la gravità di Nettuno ha destabilizzato alcune regioni della Fascia, creandovi dei vuoti. La zona compresa tra 40 e 42 UA ne è un esempio.[54]

All'interno di queste regioni vuote esistono tuttavia orbite seguendo le quali alcuni oggetti hanno potuto sopravvivere nei miliardi di anni che hanno portato all'attuale struttura del Sistema solare. Queste orbite presentano fenomeni di risonanza con Nettuno, cioè gli oggetti che le percorrono completano un'orbita intorno al Sole in una precisa frazione del periodo orbitale di Nettuno. Se un corpo completa una propria orbita per ogni due orbite di Nettuno avrà completato metà della sua orbita ogni volta che il pianeta ritorna alla sua posizione iniziale e quindi sarà sempre dall'altra parte rispetto al Sole. La popolazione di oggetti risonanti più numerosa, con più di 200 oggetti noti, presenta una risonanza 2:3 con il pianeta.[55] Tali oggetti, che completano un'orbita per ogni orbita e mezzo di Nettuno, sono stati chiamati plutini dal nome del più grande fra essi, Plutone.[56] Sebbene Plutone attraversi l'orbita di Nettuno regolarmente, la risonanza garantisce che essi non potranno mai collidere.[57] Un altro importante gruppo della Fascia di Kuiper è quello dei twotini, che sono caratterizzati da una risonanza 2:1; ci sono poi oggetti che presentano anche altri rapporti di risonanza, ma non sono molto numerosi. Altri rapporti che sono stati osservati comprendono: 3:4, 3:5, 4:7 e 2:5.[58]

È curioso osservare che a causa dell'alta eccentricità dell'orbita di Plutone, periodicamente Nettuno viene a trovarsi più lontano dal Sole di quest'ultimo, come è accaduto fra il 1979 ed il 1999.

Nettuno possiede inoltre un certo numero di asteroidi troiani, che occupano le regioni gravitazionalmente stabili che precedono e seguono il pianeta sulla sua orbita ed identificate come L4 e L5. Gli asteroidi troiani sono spesso descritti anche come oggetti in risonanza 1:1 con Nettuno. Sono notevolmente stabili nelle loro orbite ed è improbabile che siano stati catturati dal pianeta, ma si ritiene piuttosto che si siano formati con esso.[59]

Formazione e migrazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Origine ed evoluzione del sistema solare.
Una serie di immagini che mostra i reciproci rapporti tra i pianeti esterni e la Fascia di Kuiper secondo il modello di Nizza: a)Prima della risonanza Giove/Saturno 2:1 b)Spostamento degli oggetti della Cintura di Kuiper nel sistema solare dopo lo slittamento dell'orbita di Nettuno c)Dopo l'espulsione dei corpi della Fascia di Kuiper ad opera di Giove.

La formazione dei giganti ghiacciati, Nettuno e Urano, è difficile da spiegare con esattezza. I modelli correnti suggeriscono che la densità di materia delle regioni più esterne del Sistema solare fosse troppo bassa per formare corpi così grandi tramite il metodo tradizionalmente accettato dell'accrezione e sono state avanzate varie ipotesi per spiegare la loro evoluzione. Una è quella secondo cui i giganti ghiacciati non si siano formati tramite l'accrezione del nucleo, ma dalle instabilità dell'originario disco protoplanetario ed, in seguito, la loro atmosfera sarebbe stata spazzata via dalle radiazioni di una stella massiccia di classe spettrale O o B molto vicina.[60] Un concetto alternativo è quello secondo cui si formarono più vicini al Sole, dove la densità di materia era più elevata, e poi migrarono verso le attuali orbite.[61]

L'ipotesi della migrazione è favorita dalla sua caratteristica di poter spiegare le attuali risonanze orbitali nella Fascia di Kuiper, in particolare la risonanza 2:5. Come Nettuno migrò verso l'esterno, si scontrò con gli oggetti della proto-fascia di Kuiper, creando nuove risonanze e mandando in caos le altre orbite. Gli oggetti nel disco diffuso si crede che siano stati spinti nelle attuali posizioni da interazioni con le risonanze create dalla migrazione di Nettuno.[62] Il modello di Nizza, un modello formulato al computer nel 2004 da Alessandro Morbidelli dell'Observatoire de la Côte d'Azur a Nizza, suggerisce che la migrazione di Nettuno nella Fascia di Kuiper potrebbe essere stata provocata dalla formazione di una risonanza 1:2 nelle orbite di Giove e Saturno, che creò una spinta gravitazionale che mandò sia Urano che Nettuno verso orbite più alte causando così il loro spostamento. L'espulsione risultante di oggetti dalla proto-fascia di Kuiper potrebbe anche spiegare l'intenso bombardamento tardivo avvenuto circa 600 milioni di anni dopo la formazione del Sistema solare e la comparsa degli asteroidi Troiani.[63]

Massa e dimensioni[modifica | modifica wikitesto]

Le dimensioni di Terra e Nettuno a paragone.

Con una massa di 1,0243 × 1026 kg[4] Nettuno è un corpo intermedio fra la Terra ed i grandi giganti gassosi: la sua massa è diciassette volte quella della Terra, ma è appena un diciannovesimo di quella di Giove.[8] Il raggio equatoriale del pianeta è di 24 764 km,[5] circa quattro volte maggiore di quello della Terra. Nettuno ed Urano sono spesso considerati come una sottoclasse di giganti, chiamata "giganti ghiacciati", a causa delle loro dimensioni inferiori e alla più alta concentrazione di sostanze volatili rispetto a Giove e Saturno.[64] Nella ricerca di pianeti extrasolari Nettuno è stato usato come termine di paragone: i pianeti scoperti con una massa simile sono detti infatti "pianeti nettuniani",[65] così come gli astronomi si riferiscono ai vari "pianeti gioviani".

Struttura interna[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Struttura interna di Nettuno.

La struttura interna di Nettuno ricorda quella di Urano; la sua atmosfera forma circa il 5-10% della massa del pianeta, estendendosi dal 10 al 20% del suo raggio, dove raggiunge pressioni di circa 10 gigapascal. Nelle regioni più profonde sono state trovate concentrazioni crescenti di metano, ammoniaca e acqua.[66]

La struttura interna di Nettuno:
1. Atmosfera superiore, sommità delle nubi.
2. Atmosfera inferiore, costituita da idrogeno, elio e gas metano.
3. Mantello d'acqua, ammoniaca e metano ghiacciato.
4. Nucleo di roccia e ghiaccio.

Gradualmente questa regione più calda e oscura condensa in un mantello liquido surriscaldato, dove le temperature raggiungono valori compresi fra i 2 000 K ed i 5 000 K. Il mantello possiede una massa di 10-15 masse terrestri ed è ricco di acqua, ammoniaca, metano ed altre sostanze.[1] Come è solito nelle scienze planetarie, questa mistura è chiamata "ghiacciata", sebbene sia in realtà un fluido caldo e molto denso. Questo fluido, che possiede un'elevata conducibilità elettrica, è talvolta chiamato "oceano di acqua e ammoniaca".[67] Alla profondità di 7 000 km, lo scenario potrebbe essere quello in cui il metano si decompone in cristalli di diamante e precipita verso il centro.[68] Il nucleo planetario di Nettuno è composto da ferro, nichel e silicati; i modelli forniscono una massa di circa 1,2 masse terrestri.[69] La pressione del nucleo è di Mbar, milioni di volte superiore a quella della superficie terrestre, e la temperatura potrebbe essere sui 5 400 K.[66][70]

Calore interno[modifica | modifica wikitesto]

Si ritiene che le maggiori variazioni climatiche di Nettuno, comparate con quelle di Urano, siano dovute in parte al suo calore interno più elevato.[71] Sebbene Nettuno sia distante dal Sole una volta e mezzo più di Urano e riceva quindi solo il 40% della quantità di luce,[9] la superficie dei due pianeti è grosso modo uguale.[71] Le regioni più superficiali della troposfera di Nettuno raggiungono la bassa temperatura di −221,4 °C. Alla profondità in cui la pressione atmosferica è pari a bar la temperatura è di −201,15 °C.[72] In profondità nello strato di gas, tuttavia, la temperatura sale costantemente; così come Urano, la sorgente di questo riscaldamento è sconosciuta, ma la discrepanza è maggiore: Urano irradia solo 1,1 volte la quantità di energia che riceve dal Sole,[73] mentre Nettuno ne irradia 2,61 volte tanto, indicando che la sua sorgente interna di calore genera il 161% in più dell'energia ricevuta dal Sole.[74] Nettuno è il pianeta del Sistema solare più lontano dal Sole, ma la sua sorgente interna di energia è sufficiente a causare i venti planetari più veloci visti in tutto il Sistema solare. Sono state suggerite alcune possibili spiegazioni fra le quali il calore radiogenico proveniente dal nucleo del pianeta,[75] la dissociazione del metano in catene di idrocarburi sotto elevate pressioni atmosferiche,[75][76] e i moti convettivi della bassa atmosfera che causano onde di gravità che si dissolvono sopra la tropopausa.[77][78]

Atmosfera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Atmosfera di Nettuno.

Ad alta quota, l'atmosfera di Nettuno è formata all'80% da idrogeno ed al 19% da elio,[66] e tracce di metano. Notevoli bande di assorbimento del metano si trovano vicino alla lunghezza d'onda dei 600 nm nella parte rossa ed infrarossa dello spettro. Così come per Urano, quest'assorbimento della luce rossa da parte del metano atmosferico contribuisce a conferire a Nettuno il suo caratteristico colore azzurro intenso,[79] sebbene il colore azzurro differisca dal più tenue acquamarina tipico di Urano. Dato che la quantità di metano contenuta nell'atmosfera di Nettuno è simile a quella di Urano, ci dev'essere qualche altra sostanza non conosciuta che contribuisca in modo determinante a conferire questa tonalità così intensa al pianeta.[11]

L'atmosfera di Nettuno è suddivisa in due regioni principali: la bassa troposfera, dove la temperatura decresce con l'altitudine, e la stratosfera, dove la temperatura aumenta con l'altitudine; il confine fra le due, la tropopausa si trova a circa 0,1 bar.[9] La stratosfera dunque è seguita dalla termosfera alla pressione inferiore a 10−4−10−5 µbar.[9] L'atmosfera sfuma gradualmente verso l'esosfera.

Una scia di nubi d'alta quota su Nettuno crea un'ombra sulla superficie di nubi sottostante.
Composizione Atmosferica
Idrogeno (H2) 80 ± 3,2%
Elio (He) 19 ± 3,2%
Metano (CH4) 1,5 ± 0,5%
Deuteruro di idrogeno (HD) ~0,019%
Etano (C2H6) ~0,00015%
Ghiacci
Ammoniaca (NH3)
Acqua (H2O)
Idrosolfuro di ammonio (NH4SH)
Metano (CH4)

I modelli suggeriscono che la troposfera di Nettuno sia attraversata da nubi di varia composizione a seconda dell'altitudine. Il livello superiore di nubi si trova a pressioni inferiori a bar dove la temperatura è adatta alla condensazione del metano. Con pressioni fra 1 e 5 bar si crede si formino nubi di ammoniaca e acido solfidrico; oltre i bar di pressione, le nubi potrebbero essere costituite da ammoniaca, solfato d'ammonio ed acqua. Le nubi più profonde di ghiaccio d'acqua potrebbero formarsi a pressioni attorno ai 50 bar, dove la temperatura raggiunge gli °C. Sotto ancora si potrebbero trovare delle nubi di ammoniaca e acido solfidrico.[16]

Sono state osservate nubi d'alta quota su Nettuno che formano delle ombre sopra l'opaco manto nuvoloso sottostante. Ci sono anche delle bande di nubi d'alta quota che circondano il pianeta a latitudini costanti; queste bande disposte a circonferenza hanno degli spessori di 50-150 km e si trovano a circa 50-110 km sopra il manto nuvoloso sottostante.[52]

Lo spettro di Nettuno suggerisce che i suoi strati atmosferici inferiori siano nebbiosi a causa della concentrazione di prodotti della fotolisi ultravioletta del metano, come etano e acetilene;[9][66] l'atmosfera contiene anche tracce di monossido di carbonio e acido cianidrico.[9][80] La stratosfera del pianeta è più tiepida di quella di Urano a causa dell'elevata concentrazione di idrocarburi.[9]

Per ragioni ancora non conosciute la termosfera planetaria possiede una temperatura insolitamente alta, pari a circa 750 K.[81][82] Il pianeta è troppo lontano dal Sole perché il calore sia generato dalla radiazione ultravioletta; una possibilità per spiegare il meccanismo di riscaldamento è l'interazione atmosferica fra ioni nel campo magnetico del pianeta. Un'altra possibile causa è data dalle onde di gravità dall'interno che si disperdono nell'atmosfera. La termosfera contiene tracce di diossido di carbonio ed acqua, che potrebbero provenire da sorgenti esterne, come meteoriti e polveri.[16][80]

Fenomeni meteorologici[modifica | modifica wikitesto]

Una differenza fra Nettuno e Urano è il livello tipico di attività meteorologica. Quando la sonda spaziale Voyager 2 sorvolò Urano, nel 1986, questo pianeta era visivamente privo di attività atmosferica. In contrasto Nettuno mostrava notevoli fenomeni climatici durante il sorvolo della sonda, avvenuto nel 1989.[83]

La Grande Macchia Scura (cima), Scooter (la nube bianca in mezzo),[84] e la Piccola Macchia Scura (giù).

Il tempo meteorologico di Nettuno è caratterizzato da sistemi tempestosi estremamente dinamici, con venti che raggiungono la velocità supersonica di 600 m/s.[85] Più tipicamente, tracciando il movimento delle nubi persistenti, la velocità del vento sembra variare dai 20 m/s in direzione est fino ai 235 m/s in direzione ovest.[86] Sulla cima delle nubi, i venti predominanti variano in velocità dai 400 m/s lungo l'equatore ai 250 m/s sui poli.[16] Molti dei venti di Nettuno si muovono in direzione opposta rispetto alla rotazione del pianeta.[87] Il livello generale dei venti mostra una rotazione prograda alle alte latitudini e retrograda alle basse latitudini; la differenza della direzione dei flussi ventosi si crede sia un effetto superficiale e non dovuto ad alcun processo atmosferico più profondo.[9] A 70° S di longitudine, un getto ad alta velocità viaggia a 300 m s−1.[9] L'abbondanza di metano, etano e acetilene all'equatore di Nettuno è 10–100 volte superiore di quella dei poli; ciò è interpretato come un'evidenza della presenza di fenomeni di risalita all'equatore e di subsidenza verso i poli.[9] Nel 2007 fu scoperto che gli strati superiori della troposfera del polo sud di Nettuno erano di circa 10 °C più tiepidi che nel resto del pianeta, con una media di circa −200 °C.[88] Il differenziale di calore è sufficiente per consentire al gas metano, che in altri punti si gela nell'alta atmosfera del pianeta, di essere espulso verso lo spazio. Il relativo "hot spot" è dovuto all'inclinazione dell'asse di Nettuno, che ha esposto il polo sud al Sole per l'ultimo quarto di anno nettuniano, pari a circa 40 anni terrestri; similmente a come avviene nella Terra, l'alternanza delle stagioni farà in modo che il polo esposto al Sole sarà in seguito il polo nord, causando così il riscaldamento e la successiva emissione di metano dall'atmosfera in quest'ultimo polo.[89] A causa del cambiamento stagionale, le bande di nubi dell'emisfero sud di Nettuno sono aumentate in dimensioni e albedo; questo processo fu osservato inizialmente nel 1980 e ci si aspetta che finirà attorno al 2020. Il lungo periodo orbitale di Nettuno causa un alternarsi stagionale in quarant'anni.[50]

Tempeste[modifica | modifica wikitesto]

La Grande Macchia Scura vista dalla Voyager 2.

Nel 1989 fu scoperta dalla sonda Voyager 2 la Grande Macchia Scura, un sistema di tempeste anticiclonico delle dimensioni di 13000 × 6600 km,[83] La tempesta ricordò la Grande Macchia Rossa di Giove; tuttavia, il 2 novembre 1994, il Telescopio Spaziale Hubble non riuscì ad osservare questa macchia scura sul pianeta. Al suo posto, apparve una nuova tempesta simile alla Grande Macchia Scura nell'emisfero nord.[90]

Lo "Scooter" è un'altra tempesta, una nube bianca posta più a sud della Grande Macchia Scura; il suo nome deriva dal fatto che quando fu osservata per la prima volta nel mese precedente al sorvolo della sonda Voyager 2, si muoveva più velocemente della Grande Macchia Scura.[87] Immagini successive rivelarono delle nubi più rapide. La Piccola Macchia Scura è invece una tempesta ciclonica meridionale, la seconda tempesta più potente osservata durante il transito del 1989; inizialmente era completamente scura, ma come la sonda si avvicinò iniziò a mostrarsi una macchia più chiara, visibile in tutte le immagini ad alta risoluzione.[91]

Le macchie scure di Nettuno si crede siano apparse nella troposfera ad altezze inferiori rispetto alle nubi più bianche e luminose del pianeta,[92] così appaiono come dei buchi nello strato di nubi sovrastante; dal momento che sono delle strutture stabili che possono persistere per diversi mesi, si crede che siano delle strutture a vortice.[52] Spesso nei pressi di queste strutture si trovano delle nubi di metano più brillanti e persistenti, che si formano presumibilmente all'altezza della tropopausa.[93]

La persistenza di nubi compagne mostra che alcune macchie oscure continuano ad esistere come cicloni, sebbene non siano più visibili come punti scuri; le macchie scure potrebbero anche dissiparsi quando migrano troppo vicino all'equatore, oppure tramite degli altri meccanismi non conosciuti.[94]

Magnetosfera[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Magnetosfera di Nettuno.

Un'altra somiglianza fra Nettuno e Urano risiede nella magnetosfera, con un campo magnetico fortemente inclinato verso l'asse di rotazione di 47° e decentrato di almeno 0,55 raggi (circa 13 500 km) rispetto al nucleo fisico del pianeta. Prima dell'arrivo della sonda Voyager 2 su Nettuno, era stato ipotizzato che la magnetosfera inclinata di Urano fosse il risultato della sua rotazione obliqua; tuttavia, comparando i campi magnetici dei due pianeti, gli scienziati pensano che questa orientazione estrema potrebbe essere caratteristica dei flussi presenti all'interno dei pianeti. Questo campo potrebbe essere generato da convezioni del fluido interno in un involucro sferico sottile di liquido conduttore elettrico (probabilmente composto da ammoniaca, metano e acqua)[16] che causano un'azione dinamo.[95]

Il campo magnetico alla superficie equatoriale di Nettuno è stimato sui 1,42 μT, per un momento magnetico di 2,16 × 1017 T. Il campo magnetico di Nettuno possiede una geometria complessa che include componenti non-dipolari, incluso un forte momento quadripolo che potrebbe superare in forza pure quello dipolo. D'altra parte la Terra, Giove e Saturno hanno solo dei momenti di quadripolo relativamente piccoli e i loro campi sono meno inclinati rispetto all'asse polare. Il grande momento di quadripolo di Nettuno potrebbe essere il risultato del disallineamento dal centro del pianeta e dai vincoli geometrici del generatore della dinamo del campo.[96][97]

Il bow shock di Nettuno, ossia il punto in cui la magnetosfera inizia a rallentare il vento solare, avviene alla distanza di 34,9 volte il raggio del pianeta; la magnetopausa, ossia il punto in cui la pressione della magnetosfera controbilancia il vento solare, si estende alla distanza di 23–26,5 volte il raggio di Nettuno. La coda della magnetosfera si estende all'esterno fino ad almeno 72 volte il raggio del pianeta e probabilmente molto oltre.[96]

Anelli planetari[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Anelli di Nettuno.
Gli anelli di Nettuno, visti dalla sonda Voyager 2 nel 1989.

Nettuno ha un sistema di anelli planetari, uno dei più sottili del Sistema solare. Gli anelli potrebbero consistere di particelle legate con silicati o materiali composti da carbonio, che conferisce loro un colore tendente al rossastro.[98] In aggiunta al sottile Anello Adams, a 63 000 km dal centro del pianeta, si trova l'Anello Leverrier, a 53 000 km, ed il suo più vasto e più debole Anello Galle, a 42 000 km. Un'estensione più lontana di quest'ultimo anello è stata chiamata Lassell; è legata al suo bordo più esterno dall'Anello Arago, a 57 000 km.[99]

Il primo di questi anelli planetari fu scoperto nel 1968 da un gruppo di ricerca guidato da Edward Guinan,[13][100] ma si era in seguito pensato che quest'anello potesse essere incompleto.[101] Evidenze che l'anello avrebbe avuto delle interruzioni giunsero durante un'occultazione stellare nel 1984 quando gli anelli oscurarono una stella in immersione ma non in emersione.[102] Immagini della sonda Voyager 2, prese nel 1989, mostrarono invece che gli anelli di Nettuno erano molteplici. Questi anelli hanno una struttura a gruppi,[103] la cui causa non è ben compresa ma che potrebbe essere dovuta all'interazione gravitazionale con le piccole lune in orbita nei pressi.[104]

L'anello più interno, Adams, contiene cinque archi maggiori chiamati Courage, Liberté, Egalité 1, Egalité 2 e Fraternité.[105] L'esistenza degli archi è stata difficile da spiegare poiché le leggi del moto predirrebbero che gli archi verrebbero dispersi in un anello uniforme in una scala temporale molto breve. Gli astronomi ritengono che gli archi siano rinchiusi entro le loro forme attuali a causa degli effetti gravitazionali di Galatea, una luna posta all'interno dell'anello.[106][107]

Osservazioni condotte dalla Terra annunciate nel 2005 sembravano mostrare che gli anelli di Nettuno siano molto più instabili di quanto in precedenza creduto. Immagini prese con i Telescopi Keck nel 2002 e 2003 mostrano un decadimento considerevole negli anelli quando vengono comparati con le immagini prese dalla Voyager 2. In particolare sembra che l'arco Liberté possa dissolversi entro la fine del XXI secolo.[108]

Satelliti naturali[modifica | modifica wikitesto]

Le falci di Nettuno e Tritone, fotografate dalla Voyager 2 durante il suo allontanamento dal sistema nettuniano.
Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Satelliti naturali di Nettuno.

Nettuno possiede quattordici satelliti naturali conosciuti, il maggiore dei quali è Tritone; gli altri satelliti principali sono Nereide, Proteo e Larissa.[109]

Tritone è l'unico satellite di Nettuno che possiede una forma ellissoidale; fu individuato per la prima volta dall'astronomo William Lassell appena 17 giorni dopo la scoperta del pianeta madre. Orbita in direzione retrograda rispetto a Nettuno, a differenza di tutti gli altri satelliti principali del sistema solare; è in rotazione sincrona con Nettuno e la sua orbita è in decadimento costante.[110]

A parte Tritone il satellite più interessante è Nereide, la cui orbita è la più eccentrica dell'intero sistema solare.[111]

Fra il luglio ed il settembre 1989 la sonda statunitense Voyager 2 ha individuato sei nuovi satelliti fra i quali spicca Proteo, le cui dimensioni sarebbero quasi sufficienti a conferirgli una forma sferoidale. È il secondo satellite del sistema di Nettuno, pur con una massa pari ad appena lo 0,25% di quella di Tritone.[112]

Una nuova serie di scoperte è stata annunciata nel 2004 e si tratta di satelliti minori e fortemente irregolari. Nel luglio del 2013 Mark Showalter scopre il 14º satellite, denominato S/2004 N 1, da immagini ottenute dal telescopio spaziale Hubble tra il 2004 e il 2009[113].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Calvin J. Hamilton, Neptune, Views of the Solar System, 4 agosto 2001. URL consultato il 2 maggio 2011.
  2. ^ a b c Donald K. Yeomans, HORIZONS System, NASA JPL, 13 luglio 2006. URL consultato l'8 agosto 2007.
  3. ^ a b c Neptune: Facts & Figures, NASA, 13 novembre 2007. URL consultato il 14 settembre 2007.
  4. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q David R. Williams, Neptune Fact Sheet, NASA, 1º settembre 2004. URL consultato il 14 agosto 2007.
  5. ^ a b c Seidelmann P. Kenneth, Archinal, B. A.; A’hearn, M. F. et al, Report of the IAU/IAGWorking Group on cartographic coordinates and rotational elements in Celestial Mechanics and Dynamical Astronomy, vol. 90, Springer Netherlands, 2007, pp. 155–180, DOI:10.1007/s10569-007-9072-y, ISSN 0923-2958 (Print). URL consultato il 7 marzo 2008.
  6. ^ a b c d e f Riferito al livello di pressione atmosferica pari a bar.
  7. ^ a b c d e f g Fred Espenak, Twelve Year Planetary Ephemeris: 1995–2006, NASA, 20 luglio 2005. URL consultato il 9 gennaio 2009.
  8. ^ a b La massa della Terra è 5,9736 × 1024 kg, risultante un tasso di massa di:
    \begin{smallmatrix}\frac{M_{Neptune}}{M_{Earth}} = \frac{1,02 \times 10^{26}}{5,97 \times 10^{24}} =\ 17,09\end{smallmatrix}
    la massa di Urano è 8,6810 × 1025 kg, con un tasso di massa di:
    \begin{smallmatrix}\frac{M_{Urano}}{M_{Terra}} = \frac{8,68 \times 10^{25}}{5,97 \times 10^{24}} =\ 14,54\end{smallmatrix}
    la massa di Giove è 1,8986 × 1027 kg, con un tasso di massa di:
    \begin{smallmatrix}\frac{M_{Giove}}{M_{Nettuno}} = \frac{1,90 \times 10^{27}}{1,02 \times 10^{26}} = 18,63\end{smallmatrix}
    Vedi: David R. Williams, Planetary Fact Sheet - Metric, NASA, 29 novembre 2007. URL consultato il 13 marzo 2008.
  9. ^ a b c d e f g h i j Jonathan I. Lunine, The Atmospheres of Uranus and Neptune (PDF), Lunar and Planetary Observatory, University of Arazona, 1993. URL consultato il 19 marzo 2008.
  10. ^ M. Podolak, Weizman, A.; Marley, M., Comparative models of Uranus and Neptune in Planetary and Space Science, vol. 43, 1995, DOI:10.1016/0032-0633(95)00061-5.
  11. ^ a b Kirk Munsell, Smith, Harman; Harvey, Samantha, Neptune overview in Solar System Exploration, NASA, 13 novembre 2007. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  12. ^ V. E. Suomi, Limaye, S. S.; Johnson, D. R., High Winds of Neptune: A possible mechanism in Science, vol. 251, nº 4996, AAAS (USA), 1991, pp. 929–932, DOI:10.1126/science.251.4996.929, PMID 17847386.
  13. ^ a b John N. Wilford, Data Shows 2 Rings Circling Neptune, The New York Times, 10 giugno 1982. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  14. ^ (EN) HST Observations of Neptune, NASA. URL consultato l'11 gennaio 2009.
  15. ^ C. Max, Adaptive Optics Imaging of Neptune and Titan with the W.M. Keck Telescope in Bulletin of the American Astronomical Society, vol. 31, American Astronomical Society, dicembre 1999, p. 1512. URL consultato l'11 gennaio 2009.
  16. ^ a b c d e Elkins-Tanton (2006):79–83.
  17. ^ S. G. Gibbard, Roe, H.; de Pater, I.; Macintosh, B.; Gavel, D.; Max, C. E.; Baines, K. H.; Ghez, A., High-Resolution Infrared Imaging of Neptune from the Keck Telescope in Icarus, vol. 156, Elsevier, 1999, pp. 1–15, DOI:10.1006/icar.2001.6766. URL consultato l'11 gennaio 2009.
  18. ^ (EN) Anonymous, Horizons Output for Neptune 2010–2011, 9 febbraio 2007. URL consultato l'11 gennaio 2009 (archiviato dall'url originale il 10 dicembre 2008). — Valori generati utilizzando il Solar System Dynamics Group, Horizons On-Line Ephemeris System.
  19. ^ Alan Hirschfeld, Parallax:The Race to Measure the Cosmos, New York, New York, Henry Holt, 2001, ISBN 0-8050-7133-4.
  20. ^ Mark Littmann, Standish, E.M., Planets Beyond: Discovering the Outer Solar System, Courier Dover Publications, 2004, ISBN 0-486-43602-0.
  21. ^ (EN) Robert Roy Britt, New Theory: Galileo Discovered Neptune, Space.com, 9 luglio 2009. URL consultato il 6 luglio 2014.
  22. ^ A. Bouvard, Tables astronomiques publiées par le Bureau des Longitudes de France, Paris, Bachelier, 1821.
  23. ^ John J. O'Connor, Robertson, Edmund F., John Couch Adams' account of the discovery of Neptune, University of St Andrews, marzo 2006. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  24. ^ J. C. Adams, Explanation of the observed irregularities in the motion of Uranus, on the hypothesis of disturbance by a more distant planet in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 7, Blackwell Publishing, 13 novembre 1846, p. 149. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  25. ^ a b G. B. Airy, Account of some circumstances historically connected with the discovery of the planet exterior to Uranus in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 7, Blackwell Publishing, 13 novembre 1846, pp. 121–144. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  26. ^ Rev. J. Challis, Account of observations at the Cambridge observatory for detecting the planet exterior to Uranus in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 7, Blackwell Publishing, 13 novembre 1846, pp. 145–149. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  27. ^ J. G. Galle, Account of the discovery of the planet of Le Verrier at Berlin in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 7, Blackwell Publishing, 13 novembre 1846, p. 153. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  28. ^ Nick Kollerstrom, Neptune's Discovery. The British Case for Co-Prediction., University College London, 2001. URL consultato il 19 marzo 2007 (archiviato dall'url originale l'11 novembre 2005).
  29. ^ Rawlins, Dennis, The Neptune Conspiracy: British Astronomy's Post­Discovery Discovery (PDF) in Dio, 1992. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  30. ^ McGourty, Christine, Lost letters' Neptune revelations in BBC News, 2003. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  31. ^ Rawlins, Dennis, Recovery of the RGO Neptune Papers: Safe and Sounded (PDF) in Dio, 1999. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  32. ^ William Sheehan, Kollerstrom, Nicholas; Waff, Craig B, The Case of the Pilfered Planet - Did the British steal Neptune? in Scientific American, dicembre 2004. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  33. ^ Moore (2000):206
  34. ^ Littmann (2004):50
  35. ^ Baum & Sheehan (2003):109–110
  36. ^ Owen Gingerich, The Naming of Uranus and Neptune in Astronomical Society of the Pacific Leaflets, vol. 8, 1958, pp. 9–15. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  37. ^ J. R. Hind, Second report of proceedings in the Cambridge Observatory relating to the new Planet (Neptune) in Astronomische Nachrichten, vol. 25, 1847, p. 309, DOI:10.1002/asna.18470252102. URL consultato il 13 gennaio 2009. Smithsonian/NASA Astrophysics Data System (ADS).
  38. ^ Jennifer Blue, Planet and Satellite Names and Discoverers, USGS, 17 dicembre 2008. URL consultato il 13 gennaio 2009.
  39. ^ William Lassell, Lassell's Satellite of Neptune in Monthly Notices of the Royal Astronomical Society, vol. 8, nº 1, 12 novembre 1847, p. 8.
  40. ^ J. Rao, Finding Pluto: Tough Task, Even 75 Years Later, SPACE.com, 11 marzo 2005. URL consultato l'8 settembre 2006.
  41. ^ Ken Croswell, Hopes Fade in hunt for Planet X, 1993. URL consultato il 4 novembre 2007.
  42. ^ History I: The Lowell Observatory in 20th century Astronomy, The Astronomical Society of the Pacific, 28 giugno 1994. URL consultato il 5 marzo 2006.
  43. ^ H.J. Reitsema et al, Occultation by a possible third satellite of Neptune in Science, vol. 215, 1982, pp. 289–291, DOI:10.1126/science.215.4530.289, PMID 17784355.
  44. ^ (EN) Fraser Cain, Rings of Neptune, Universe Today, marzo 2012. URL consultato il 6 luglio 2014.
  45. ^ Voyager-Interstellar Mission, NASA. URL consultato il 6 luglio 2014.
  46. ^ T.R. Spilker, A.P. Ingersoll, Outstanding Science in the Neptune System From an Aerocaptured Vision Mission in Bulletin of the American Astronomical Society, vol. 36, American Astronomical Society, 2004, p. 1094. URL consultato il 26 febbraio 2008.
  47. ^ (EN) Emily Lakdawalla, A launch to Neptune in 2019?, planetary.org, 7 novembre 2008. URL consultato il 25 novembre 2008.
  48. ^ (EN) Candice Hansen, Heidi Hammel, Presentazione della Missione Argo: Argo Voyage Through the Outer Solar System al meeting di novembre 2008 dell'Outer Planet Assesment Group (PDF), lpi.usra.edu, novembre 2008. URL consultato il 25 novembre 2008.
  49. ^ David R. Williams, Planetary Fact Sheets, NASA, 6 gennaio 2005. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  50. ^ a b Ray Villard, Devitt, Terry, Brighter Neptune Suggests A Planetary Change Of Seasons, Hubble News Center, 15 maggio 2003. URL consultato il 26 febbraio 2008.
  51. ^ W. B. Hubbard, Nellis, W. J.; Mitchell, A. C.; Holmes, N. C.; McCandless, P. C.; Limaye, S. S., Interior Structure of Neptune: Comparison with Uranus in Science, vol. 253, nº 5020, 1991, pp. 648–651, DOI:10.1126/science.253.5020.648, PMID 17772369. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  52. ^ a b c C. E. Max, B. A. Macintosh, S. G. Gibbard, et al, Cloud Structures on Neptune Observed with Keck Telescope Adaptive Optics in The Astronomical Journal, vol. 125, nº 1, 2003, pp. 364–375, DOI:10.1086/344943. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  53. ^ S. Alan Stern, Collisional Erosion in the Primordial Edgeworth-Kuiper Belt and the Generation of the 30–50 AU Kuiper Gap, Geophysical, Astrophysical, and Planetary Sciences, Space Science Department, Southwest Research Institute, 1997. URL consultato il 1º giugno 2007.
  54. ^ Jean-Marc Petit, Morbidelli, Alessandro; Valsecchi, Giovanni B., Large Scattered Planetesimals and the Excitation of the Small Body Belts (PDF), 1998. URL consultato il 23 giugno 2007.
  55. ^ List Of Transneptunian Objects, Minor Planet Center. URL consultato il 23 giugno 2007.
  56. ^ David Jewitt, The Plutinos, University of Hawaii, febbraio 2004. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  57. ^ F. Varadi, Periodic Orbits in the 3:2 Orbital Resonance and Their Stability in The Astronomical Journal, vol. 118, 1999, pp. 2526–2531, DOI:10.1086/301088. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  58. ^ John Davies, Beyond Pluto: Exploring the outer limits of the solar system, Cambridge University Press, 2001, p. 104.
  59. ^ E. I. Chiang, Jordan, A. B.; Millis, R. L.; M. W. Buie; Wasserman, L. H.; Elliot, J. L.; Kern, S. D.; Trilling, D. E.; KMeech, . J.; Wagner, R. M., Resonance Occupation in the Kuiper Belt: Case Examples of the 5 : 2 and Trojan Resonances, 2003. URL consultato il 17 agosto 2007.
  60. ^ Alan P. Boss, Formation of gas and ice giant planets in Earth and Planetary Science Letters, ELSEVIER, 30 settembre 2002. URL consultato il 5 marzo 2008.
  61. ^ Edward W. Thommes, Duncan, Martin J.; Levison, Harold F., The formation of Uranus and Neptune among Jupiter and Saturn, 2001. URL consultato il 5 marzo 2008.
  62. ^ Joseph M. Hahn, Neptune's Migration into a Stirred–Up Kuiper Belt: A Detailed Comparison of Simulations to Observations, Saint Mary’s University, 2005. URL consultato il 5 marzo 2008.
  63. ^ Kathryn Hansen, Orbital shuffle for early solar system, Geotimes, 7 giugno 2005. URL consultato il 26 agosto 2007.
  64. ^ Vedi ad esempio: Alan P. Boss, Formation of gas and ice giant planets in Earth and Planetary Science Letters, vol. 202, 3–4, 2002, pp. 513–523, DOI:10.1016/S0012-821X(02)00808-7.
  65. ^ C. Lovis, Mayor, M.; Alibert Y.; Benz W., Trio of Neptunes and their Belt, ESO, 18 maggio 2006. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  66. ^ a b c d W. B. Hubbard, Neptune's Deep Chemistry in Science, vol. 275, nº 5304, 1997, pp. 1279–1280, DOI:10.1126/science.275.5304.1279, PMID 9064785. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  67. ^ S. Atreya, Egeler, P.; Baines, K., Water-ammonia ionic ocean on Uranus and Neptune? (PDF) in Geophysical Research Abstracts, vol. 8, 2006, p. 05179.
  68. ^ Richard A. Kerr, Neptune May Crush Methane Into Diamonds in Science, vol. 286, nº 5437, 1999, p. 25, DOI:10.1126/science.286.5437.25a. URL consultato il 26 febbraio 2007.
  69. ^ M. Podolak, Weizman, A.; Marley, M., Comparative models of Uranus and Neptune in Planetary and Space Science, vol. 43, nº 12, 1995, pp. 1517–1522, DOI:10.1016/0032-0633(95)00061-5.
  70. ^ N. Nettelmann, French, M.; Holst, B.; Redmer, R., Interior Models of Jupiter, Saturn and Neptune (PDF), University of Rostock. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  71. ^ a b Williams, Sam, Heat Sources within the Giant Planets in University of California, Berkeley, 2004. URL consultato il 10 marzo 2008.
  72. ^ Gunnar F. Lindal, The atmosphere of Neptune - an analysis of radio occultation data acquired with Voyager 2 in Astronomical Journal, vol. 103, 1992, pp. 967–982, DOI:10.1086/116119. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  73. ^ Class 12 - Giant Planets - Heat and Formation in 3750 - Planets, Moons & Rings, Colorado University, Boulder, 2004. URL consultato il 13 marzo 2008.
  74. ^ J. C. Pearl, Conrath, B. J., The albedo, effective temperature, and energy balance of Neptune, as determined from Voyager data in Journal of Geophysical Research Supplement, vol. 96, 1991, pp. 18,921–18,930. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  75. ^ a b Sam Williams, Heat Sources Within the Giant Planets (DOC), UC Berkeley, 24 novembre 2004. URL consultato il 20 febbraio 2008.
  76. ^ Sandro Scandolo, Jeanloz, Raymond, The Centers of Planets in American Scientist, vol. 91, nº 6, 2003, p. 516, DOI:10.1511/2003.6.516.
  77. ^ J. P. McHugh, Computation of Gravity Waves near the Tropopause in American Astronomical Society, DPS meeting #31, #53.07, settembre 1999. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  78. ^ J. P. McHugh, Friedson, A. J., Neptune's Energy Crisis: Gravity Wave Heating of the Stratosphere of Neptune in Bulletin of the American Astronomical Society, settembre 1996, p. 1078. URL consultato il 19 febbraio 2008.
  79. ^ D. Crisp, Hammel, H. B., Hubble Space Telescope Observations of Neptune, Hubble News Center, 14 giugno 1995. URL consultato il 22 aprile 2007.
  80. ^ a b Therese Encrenaz, ISO observations of the giant planets and Titan: what have we learnt? in Planet. Space Sci., vol. 51, 2003, pp. 89–103, DOI:10.1016/S0032-0633(02)00145-9.
  81. ^ A.L. Broadfoot, Atreya, S.K.; Bertaux, J.L. et.al., Ultraviolet Spectrometer Observations of Neptune and Triton (PDF) in Science, vol. 246, 1999, pp. 1459–1456, DOI:10.1126/science.246.4936.1459, PMID 17756000.
  82. ^ Floyd Herbert, Sandel, Bill R., Ultraviolet Observations of Uranus and Neptune in Planet.Space Sci., vol. 47, 1999, pp. 1119–1139, DOI:10.1016/S0032-0633(98)00142-1.
  83. ^ a b Sue Lavoie, PIA02245: Neptune's blue-green atmosphere, NASA JPL, 16 febbraio 2000. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  84. ^ Sue Lavoie, PIA01142: Neptune Scooter, NASA, 8 gennaio 1998. URL consultato il 26 marzo 2006.
  85. ^ V. E. Suomi, Limaye, S. S.; Johnson, D. R., High Winds of Neptune: A Possible Mechanism in Science, vol. 251, nº 4996, 1991, pp. 929–932, DOI:10.1126/science.251.4996.929, PMID 17847386. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  86. ^ H. B. Hammel, Beebe, R. F.; De Jong, E. M.; Hansen, C. J.; Howell, C. D.; Ingersoll, A. P.; Johnson, T. V.; Limaye, S. S.; Magalhaes, J. A.; Pollack, J. B.; Sromovsky, L. A.; Suomi, V. E.; Swift, C. E., Neptune's wind speeds obtained by tracking clouds in Voyager 2 images in Science, vol. 245, 1989, pp. 1367–1369, DOI:10.1126/science.245.4924.1367, PMID 17798743. URL consultato il 27 febbraio 2008.
  87. ^ a b Burgess (1991):64–70.
  88. ^ Orton, G. S., Encrenaz T., Leyrat C., Puetter, R. and Friedson, A. J., Evidence for methane escape and strong seasonal and dynamical perturbations of Neptune's atmospheric temperatures in Astronomy and Astrophysics, 2007. URL consultato il 10 marzo 2008.
  89. ^ Glenn Orton e Thérèse Encrenaz, A Warm South Pole? Yes, On Neptune!, ESO, 18 settembre 2007. URL consultato il 20 settembre 2007.
  90. ^ H. B. Hammel, Lockwood, G. W.; Mills, J. R.; Barnet, C. D., Hubble Space Telescope Imaging of Neptune's Cloud Structure in 1994 in Science, vol. 268, nº 5218, 1995, pp. 1740–1742, DOI:10.1126/science.268.5218.1740, PMID 17834994. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  91. ^ Sue Lavoie, PIA00064: Neptune's Dark Spot (D2) at High Resolution, NASA JPL, 29 gennaio 1996. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  92. ^ Gibbard S. G., de Pater, I.; Roe, H. G.; Martin, S.; Macintosh, B. A.; Max, C. E., The altitude of Neptune cloud features from high-spatial-resolution near-infrared spectra (PDF) in Icarus, vol. 166, nº 2, 2003, pp. 359–374, DOI:10.1016/j.icarus.2003.07.006. URL consultato il 26 febbraio 2008.
  93. ^ P. W. Stratman, Showman, A. P.; Dowling, T. E.; Sromovsky, L. A., EPIC Simulations of Bright Companions to Neptune's Great Dark Spots (PDF) in Icarus, vol. 151, nº 2, 2001, pp. 275–285, DOI:10.1006/icar.1998.5918. URL consultato il 26 febbraio 2008.
  94. ^ L. A. Sromovsky, Fry, P. M.; Dowling, T. E.; Baines, K. H., The unusual dynamics of new dark spots on Neptune in Bulletin of the American Astronomical Society, vol. 32, 2000, p. 1005. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  95. ^ Sabine Stanley, Bloxham, Jeremy, Convective-region geometry as the cause of Uranus' and Neptune's unusual magnetic fields in Nature, vol. 428, 11 marzo 2004, pp. 151–153, DOI:10.1038/nature02376.
  96. ^ a b N. F. Ness, MAcuña, M. H.; Burlaga, L. F.; Connerney, J. E. P.; Lepping, R. P.; Neubauer, F. M., Magnetic Fields at Neptune in Science, vol. 246, nº 4936, 1989, pp. 1473–1478, DOI:10.1126/science.246.4936.1473, PMID 17756002. URL consultato il 25 febbraio 2008.
  97. ^ C. T. Russell, Luhmann, J. G., Neptune: Magnetic Field and Magnetosphere, University of California, Los Angeles, 1997. URL consultato il 10 agosto 2006.
  98. ^ Cruikshank (1996):703–804
  99. ^ Jennifer Blue, Nomenclature Ring and Ring Gap Nomenclature in Gazetteer of Planetary, USGS, 8 dicembre 2004. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  100. ^ E. F. Guinan, Harris, C. C.; Maloney, F. P., Evidence for a Ring System of Neptune in Bulletin of the American Astronomical Society, vol. 14, 1982, p. 658. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  101. ^ P. Goldreich, Tremaine, S.; Borderies, N. E. F., Towards a theory for Neptune's arc rings, vol. 92, 1986, pp. 490–494, DOI:10.1086/114178. URL consultato il 28 febbraio 2008.
  102. ^ Nicholson, P. D. et al, Five Stellar Occultations by Neptune: Further Observations of Ring Arcs in Icarus, vol. 87, 1990, p. 1, DOI:10.1016/0019-1035(90)90020-A. URL consultato il 16 dicembre 2007.
  103. ^ Missions to Neptune, The Planetary Society, 2007. URL consultato l'11 ottobre 2007.
  104. ^ John Noble Wilford, Scientists Puzzled by Unusual Neptune Rings, Hubble News Desk, 15 dicembre 1989. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  105. ^ Arthur N. Cox, Allen's Astrophysical Quantities, Springer, 2001, ISBN 0-387-98746-0.
  106. ^ Kirk Munsell, Smith, Harman; Harvey, Samantha, Planets: Neptune: Rings in Solar System Exploration, NASA, 13 novembre 2007. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  107. ^ Heikki Salo, Hänninen, Jyrki, Neptune's Partial Rings: Action of Galatea on Self-Gravitating Arc Particles in Science, vol. 282, nº 5391, 1998, pp. 1102–1104, DOI:10.1126/science.282.5391.1102, PMID 9804544. URL consultato il 29 febbraio 2008.
  108. ^ Staff, Neptune's rings are fading away, New Scientist, 26 marzo 2005. URL consultato il 6 agosto 2007.
  109. ^ Neptune: Moons, NASA. URL consultato il 1º settembre 2014.
  110. ^ Triton: Overview, NASA. URL consultato il 1º settembre 2014.
  111. ^ Nereide in Treccani.it - Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  112. ^ Proteus: Overview, NASA. URL consultato il 1 settembre 2014.
  113. ^ Stefano Parisini, Hubble scopre una nuova luna di Nettuno, Istituto nazionale di astrofisica, 16 luglio 2013. URL consultato il 16 luglio 2013.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Patrick Moore. The Planet Neptune. Chichester, Wiley, 1988.
  • (EN) Dale P. Cruikshank. Neptune and Triton. 1995.
  • (EN) Ellis D. Miner, Randii R. Wessen. Neptune: The Planet, Rings, and Satellites. 2002
  • P. Farinella, A. Morbidelli. Al di là di Nettuno. - L'astronomia.
  • M. Fulchignoni. Nettuno svelato, grazie Voyager!. - L'astronomia.
  • (EN) R.S. Harrington, T.C. Van Frandern. The Satellites of Neptune and the Origin of Pluto. - Icarus.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Questa voce ha una versione parlata (troverai un riquadro, più in basso, con il link). Clicca qui per accedere al progetto Wikipedia parlata

Generali[modifica | modifica wikitesto]

Sui satelliti[modifica | modifica wikitesto]

Sull'esplorazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Il Sistema solare
Sole Mercurio Venere Luna Terra Fobos e Deimos Marte Cerere Fascia principale Giove Satelliti naturali di Giove Saturno Satelliti naturali di Saturno Urano Satelliti naturali di Urano Satelliti naturali di Nettuno Nettuno Satelliti naturali di Plutone Plutone Satelliti naturali di Haumea Haumea Makemake Fascia di Kuiper Disnomia Eris Disco diffuso Nube di OortSolar System XXX.png
Stella: Sole (Eliosfera · Corrente eliosferica diffusa · Campo magnetico interplanetario)
Pianeti:
(☾ = luna/e ∅ = anelli)
MercurioVenereTerra ( ) • Marte ( ) • Giove ( ) • Saturno ( ) • Urano ( ) • Nettuno ( )
Pianeti nani e plutoidi: CererePlutone ( ) • Haumea ( ) • MakemakeEris ( )
Corpi minori: Asteroidi (NEA · Fascia principale · Troiani · Centauri) • TNO (Fascia di Kuiper · Disco diffuso) • Comete (Radenti · Periodiche · Non periodiche · Damocloidi · Nube di Oort)
Argomenti correlati: Sistema planetarioPianeta extrasolareDefinizione di pianetaPianeti ipotetici
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 4 maggio 2006 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki