Equatore

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Equatore (disambigua).
Equatore e tropici della Terra

L'equatore è la circonferenza massima della superficie di un corpo celeste perpendicolare all'asse di rotazione e quindi equidistante dai poli.
La latitudine dell'equatore è, per definizione, pari a 0, quindi non ha senso, se ci si trova in corrispondenza dell'equatore, parlare di latitudine Nord o Sud. L'equatore divide un corpo celeste in due emisferi comunemente detti emisfero settentrionale e meridionale.

L'equatore terrestre[modifica | modifica wikitesto]

L'equatore terrestre è la linea immaginaria formata dall'intersezione della superficie della Terra con un piano perpendicolare all'asse di rotazione terrestre e passante per il centro.

L'Equatore divide la Terra in due emisferi; quello contenente il Polo Nord viene detto emisfero boreale (o emisfero Nord terrestre), mentre quello contenente il Polo Sud è chiamato emisfero australe (o emisfero Sud terrestre). Ai punti posti sull'equatore viene assegnata latitudine 0.

L'equatore terrestre è, insieme a Circolo Polare Artico, Tropico del Cancro, Tropico del Capricorno e Circolo Polare Antartico, uno dei cinque paralleli di riferimento e quello in assoluto più lungo. E La lunghezza dell'equatore terrestre è di circa 40 075 km. La distanza (geodetica) tra l'equatore ed uno dei due poli è dunque di circa 10 000 km.

All'equatore il Sole è allo zenit al mezzogiorno degli equinozi ed il dì e la notte hanno sempre una durata quasi identica. La fascia attorno all'equatore, delimitata dai due tropici, è quella in cui il Sole, in alcuni periodi dell'anno, si trova allo zenit vero e proprio, ovvero 90 gradi esatti di elevazione sull'orizzonte nel centro preciso del disco solare (anche se il termine zenit è usato per la massima declinazione solare giornaliera e annuale di ciascuna località)

Lungo la linea immaginaria equatoriale il Sole sorge ogni giorno appena prima delle 6:00 e tramonta appena dopo le 18:00 (escludendo l'orario esatto per ogni posto dettato sempre dalla longitudine all'interno del fuso orario ed eventualmente dall'applicazione dell'ora legale durante tutto l'anno); quindi il tecnicamente dura impercettibilmente più di dodici ore. Ciò a causa della curvatura della Terra e della presenza dell'atmosfera, difatti in ogni luogo del Mondo il Sole deve raggiungere una declinazione negativa all'orizzonte per tramontarne totalmente dietro. Questa declinazione per il diametro apparente del disco solare assieme alla presenza dell'atmosfera che diffonde la luce equivale mediamente a −0,833 millesimi di grado. Lo stesso passaggio viene percorso all'alba, ovviamente in senso contrario, quando il Sole da −0,833 millesimi di grado passa a 0 gradi per il sorgere completo . Il dì, sulla linea immaginaria equatoriale, tecnicamente varia da poco meno di 12 ore 6 minuti e mezzo a poco più di 12 ore 7 minuti e mezzo. L'inclinazione massima dei raggi è costantemente molto forte e varia da 66, 56 centesimi di grado a 90 gradi (raggiunti due volte nell'esatto centro del disco solare durante gli equinozi) per tutto l'anno. La parabola apparente del disco solare è fortemente accentuata in altezza e molto meno in larghezza all'interno dei 360 gradi della "cupola celeste" (o volta celeste). Nell'ora meridiana il Sole estremamente alto all'orizzonte transita, alla medesima elevazione, dall'Est all'Ovest delle coordinate celesti passando per l'azimut 180 (mezzogiorno) o l'azimut 0 secondo il periodo dell'anno (culmine a Nord), per poi ricalare a picco.

Solo dall'equatore è visibile l'intero cielo, e non esistono stelle circumpolari: tutti gli astri, quindi, tramontano.

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il clima della fascia equatoriale presenta temperature medie alte e stabili tutto l'anno (e tranne alcuni casi, Africa continentale equatoriale, con grosso scarto tra temperature minima e massima), umidità relativa media molto forte, con piogge (spesso acquazzoni-temporali) giornaliere. Man a mano che ci si allontana dall'equatore le piogge sono meno frequenti. Grazie alle piogge costanti si è formata la foresta equatoriale.

Territori attraversati dall'equatore[modifica | modifica wikitesto]

L'equatore attraversa le terre e/o i mari di 13 territori; questi sono:

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]