Zenit

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Zenit (disambigua).
La sfera celeste con evidenziati lo zenit e il nadir. In beige il piano dell'orizzonte astronomico, in azzurro l'emisfero celeste visibile, in blu quello invisibile; C è il centro della Terra e della sfera celeste, O è l'osservatore.

Nelle osservazioni del cielo, specialmente in astronomia, lo zenit è il punto di intersezione tra la linea perpendicolare al piano dell'orizzonte passante per l'osservatore con la superficie dell'emisfero celeste visibile, in sintesi è il punto immaginario che sta esattamente sopra la testa dell'osservatore. Il punto diametralmente opposto allo zenit invece, è detto nadir. Zenit e nadir sono anche chiamati poli dell'orizzonte.
La parola deriva dall'espressione araba samt al-ra's o samt al-ru'ūs ("direzione della testa" o "delle teste"), laddove samt è un calco del greco semeion. Il termine fu poi traslitterato in latino con zamt al-ra's, zan 'athe, per poi essere utilizzato nel XII secolo da Plato Tiburtinus con l'espressione zenith capitis o zenith capitum.

Un esempio pratico del suo uso è quando il sole si trova allo zenit rispetto a un osservatore terrestre, un fenomeno che avviene soltanto a mezzogiorno all'equatore durante gli equinozi, o ai rispettivi tropici durante i solstizi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Astronomia
Hubble2005-01-barred-spiral-galaxy-NGC1300.jpg Astrofisica | Cosmologia | Evoluzione stellare | Astronomia a raggi gamma | Astronomia a raggi X | Astronomia dell'ultravioletto | Astronomia dell'infrarosso | Radioastronomia | Planetologia | Astrometria | Esobiologia | Archeoastronomia | Astronautica Saturn (planet) large rotated.jpg
astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica