Platone Tiburtino

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Platone Tiburtino (lat.: Plato Tiburtinus, fl. XII secolo; Tivoli, 11101145) è stato un matematico, astronomo e traduttore italiano che visse a Barcellona, dove collaborò con il matematico ebreo Abraham bar Hiyya (più noto come Savasorda), di cui tradusse in latino il Liber embadorum (Libro delle "misure dei corpi").. È conosciuto in particolare per le sue traduzioni in latino dall'ebraico e dall'arabo e, a quanto sembra, fu il primo a tradurre da documenti in arabo informazioni riguardanti l'astrolabio. Grazie al suo operato furono conosciuti in Italia alcuni scritti di Tolomeo e Archimede.

Opere[modifica | modifica sorgente]

A lui vengono attribuite le traduzioni di quattro opere:

più sette altre opere dall'arabo (cinque astrologiche, una geomantica ed una medica, andata perduta):

  • Quadripartitum Ptolemaei,
  • Iudicia Almansoris,
  • De electionibus horarum di Ali ibn Aḥmad al-Imrani,
  • De nativitatibus o De iudiciis nativitatum di Abu 'Ali al-Khaiyat,
  • De revolutionibus nativitatum di Abū Bakr al-Ḥasan (Albubather),
  • Questiones geomantice o Liber Arenalis scientie di Alfakini, figlio di Abizarch o di Abraham
  • De pulsibus et urinis di Enea.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Baldassarre Boncompagni: Delle versioni fatte da platone Triburtino. Atti dell’ Accademia pontificia dei Nuovi Lincei, 4, 1851, S. 249–286
  • (EN) F. J. Carmody: Arabic Astronomical and Astrological Sciences in Latin Translation: A Critical Bibliography. Berkeley, Los Angeles 1956
  • (EN) Charles Homer Haskins: Studies in History of Medieval Science. Cambridge, Massachusetts 1924
  • (EN) Charles Homer Haskins: The Renaissance of the Twelfth Century. Cambridge: Harvard University Press 1927
  • (EN) George Sarton: Introduction to the History of Science. Band 2, Teil 1, Baltimore 1931, S. 177–179
  • (DE) Moritz Steinschneider Die Europäischen Übersetzungen aus dem Arabischen bis Mitte des 17. Jahrhunderts. Graz 1956
  • (DE) Moritz Steinschneider: Abraham Judaeus: Savasorda und Ibn Esra … In: Zeitschrift für Mathematik und Physik. Band 12, 1867, S. 1–44

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]