Emisfero boreale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

L'emisfero boreale o emisfero nord o emisfero settentrionale è la calotta semisferica del globo terrestre posta a nord dell'equatore.

Earth equator northern hemisphere.png
Emisfero settentrionale evidenziato in giallo

Descrizione[modifica | modifica sorgente]

Su di esso si trovano i continenti:

più la regione artica

ed i seguenti oceani:

Caratteristiche[modifica | modifica sorgente]

L'emisfero settentrionale contiene la maggior parte delle terre del pianeta, e circa il 90% della popolazione umana.

Nell'emisfero boreale l'inverno va dal 21 dicembre al 21 marzo, l'estate dal 21 giugno al 23 settembre; nell'emisfero australe è il contrario. Equinozi e solstizi: nell'emisfero boreale il solstizio d'estate avviene il 21 giugno; il solstizio d'inverno avviene il 21 dicembre; l'equinozio d'autunno avviene il 23 settembre; l'equinozio di primavera avviene il 21 marzo.

Nell'emisfero settentrionale, gli oggetti in movimento sopra la superficie della Terra tendono a ruotare verso destra a causa dell'effetto Coriolis. Ne consegue che i grandi flussi orizzontali di aria o acqua tendono a ruotare in senso orario, instaurando dei percorsi di rotazione delle correnti marine denominati con il termine inglese di gyre,[1] particolarmente evidenti nei bacini oceanici del Nord Atlantico e del Pacifico settentrionale.

L'emisfero opposto al boreale è l'emisfero australe.

In astronomia si intende con emisfero boreale la parte di cielo situata a nord del piano equatoriale.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Heinemann, B. and the Open University (1998), Ocean circulation, Oxford University Press: Page 98

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]