Oggetto transnettuniano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Oggetti cis e trans-nettuniani

I pianeti nani transnettuniani sono classifificati come Plutoidi

Un oggetto transnettuniano è un corpo celeste appartenente al sistema solare la cui orbita si trova interamente o per la maggior parte oltre a quella di Nettuno. I termini fascia di Kuiper o nube di Oort sono comunemente utilizzati per designare alcune regioni dello spazio situato oltre l'orbita di Nettuno.

Cenni storici[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pianeta X.

Scoperta di Plutone[modifica | modifica sorgente]

Già agli inizi del XX secolo si riteneva necessario postulare la presenza di uno o più pianeti ignoti al di là dell'orbita di Nettuno, la cui attrazione gravitazionale giustificasse le anomalie orbitali osservate nel moto dei pianeti conosciuti. La ricerca dette come frutto la scoperta di Plutone, un pianeta nano, troppo piccolo per spiegare le variazioni dei parametri orbitali dei giganti gassosi. In seguito nuove misure della massa di Nettuno mostrarono che i calcoli precedenti erano sbagliati, e che non vi è alcun pianeta di grande massa da scoprire nel sistema solare esterno.

Tra i numerosi oggetti transnettuniani oggi conosciuti, Plutone fu il più semplice da trovare perché possiede la magnitudine apparente minima (a cui corrisponde la luminosità maggiore) tra di essi. Inoltre, la sua orbita presenta un'inclinazione inferiore rispetto ad altri grandi oggetti transnettuniani; di conseguenza, appare più vicino alla linea dell'eclittica (la traiettoria apparente percorsa dal Sole e dai pianeti visti dalla Terra), sulla quale ci si aspettava di trovare agli inizi del Novecento l'eventuale pianeta mancante.

Scoperta degli altri oggetti transnettuniani[modifica | modifica sorgente]

Dopo la scoperta di Plutone, Tombaugh proseguì le sue ricerche per alcuni anni,[1] ma non trovò altri oggetti transnettuniani. L'unico oggetto oggi noto che Tombaugh avrebbe potuto individuare è Makemake, presente allora come un oggetto della 16a magnitudine[2] in prossimità del bordo tra le costellazioni del Toro e dell'Auriga,[3] posizione assai prossima alla Via Lattea e, così, Makemake rimase celato dal denso sfondo di stelle.

Dopo Clyde Tombaugh, per lungo tempo nessuno cercò altri oggetti orbitanti oltre Nettuno. Infatti, si credeva che Plutone fosse l'unico oggetto di dimensioni notevoli della fascia di Kuiper. Soltanto dopo la scoperta di un secondo TNO, (15760) 1992 QB1, nel 1992, furono avviate ricerche sistematiche per l'individuazione di nuovi corpi. Furono scattate fotografie di una ampia fascia di cielo a cavallo dell'eclittica e analizzate in digitale alla ricerca di oggetti in moto lentamente. In questo modo, furono individuati centinaia di TNO, con diametri variabili tra i 50 ed i 2500 km.

Il 31 maggio 2008 è stato scoperto il primo oggetto transnettuniano che percorre un'orbita retrograda. Designato provvisoriamente 2008 KV42 e soprannominato "Drac", presenta un'orbita caratterizzata da un'inclinazione orbitale di 103,4°, un'eccentricità di 0,508 e 42,536 UA di semiasse maggiore. Nei punti di massimo (perielio) e minimo (afelio) avvicinamento al Sole, raggiunge le distanze di 20,926 UA e 64,147 UA rispettivamente. Difficilmente l'oggetto può essersi formato su una tale orbita ai primordi del Sistema solare. Sono stati proposti diversi meccanismi per spiegare la sua presenza, inclusa l'esistenza oltre Nettuno di un grande serbatoio di oggetti con elevata inclinazione che potrebbe essere l'origine anche dei corpi appartenenti alla famiglia cometaria di Halley.[4]

I corpi principali[modifica | modifica sorgente]

TheTransneptunians Size Albedo Color.svg

Segue un prospetto dei principali oggetti transnettuniani conosciuti; i primi due di essi sono a tutti gli effetti dei pianeti nani.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Clyde W. Tombaugh, New Mexico Museum of Space History. URL consultato il 14 luglio 2009.
  2. ^ (EN) Asteroid 136472 Makemake (2005 FY9) in HORIZONS Web-Interface, JPL Solar System Dynamics. URL consultato il 14 luglio 2009.
  3. ^ In base alle effemeridi indicate dal Minor Planet Center: 1º marzo 1930: RA: 05h51m, Dec: +29,0.
  4. ^ (EN) B. Gladman, Kavelaars, J.; Petit, J.-M.; Ashby, M. L. N.; Parker, J.; Coffey, J.; Jones, R. L.; Rousselot, P.; Mousis, O., Discovery of the First Retrograde Transneptunian Object in The Astrophysical Journal Letters, vol. 697, nº 2, 2009, pp. L91-L94, DOI:10.1088/0004-637X/697/2/L91. URL consultato il 15 luglio 2009.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Asteroidi del sistema solare L'asteroide 951 Gaspra
Pianeti nani CererePlutoidi: Plutone ( ) · Haumea ( ) · Makemake · Eris ( )
Raggruppamenti asteroidali VulcanoidiNEA (Apollo · Aten · Amor) • Fascia principale • Planetosecanti (Mercurio · Venere · Terra · Marte · Giove · Saturno · Urano · Nettuno) • Troiani (della Terra · di Marte · di Giove · di Nettuno) • CentauriTNO (Fascia di KuiperPlutini · Cubewani · Twotini – · Disco diffuso) • Gruppi e famiglie (Famiglie collisionali)
Classi spettrali Tholen: B · F · G · C · S · X · M · E · P · A · D · T · Q · R · VSMASS: C · B · S · A · Q · R · K · L · X · T · D · Ld · O · V
Altro Asteroidi principaliLista completaSatelliti asteroidaliAsteroidi binariFamiglie asteroidali
Stub astronomia.png Questo box:     vedi · disc. · mod.
sistema solare Portale Sistema solare: accedi alle voci di Wikipedia sugli oggetti del Sistema solare