Grado Celsius

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il grado Celsius (°C) (pronuncia italiana /ˈʧɛlsjus/[1]; pronuncia svedese [ˈsɛlsjɵs][2]) è l'unità di una scala di misura per la temperatura, così chiamata dal nome dell'astronomo svedese Anders Celsius (1701-1744), che la propose per la prima volta nel 1742.

Storia e descrizione[modifica | modifica sorgente]

La scala Celsius oggi utilizzata fissa il punto di congelamento dell'acqua a 0 °C e il punto di ebollizione a 100 °C in condizioni standard di pressione.

In origine la scala ideata da Celsius aveva il punto di ebollizione dell'acqua a 0 °C, e il punto di congelamento a 100 °C; dopo la sua morte la scala fu però invertita nel 1745 da Linneo[3], trasformandola in quella oggi di uso comune.

Poiché ci sono cento divisioni tra questi due punti di riferimento, il termine originale per questo sistema era grado centigrado o grado centesimale. Nel 1948 il nome fu ufficialmente cambiato in Celsius dalla nona Conférence générale des poids et mesures (CR 64), sia per riconoscere i meriti di Celsius e per eliminare la confusione risultante dal prefisso centi-, usato dal sistema SI e la confusione con altri sistemi di misura della temperatura che possono anch'essi essere considerati centigradi. La dizione di grado centigrado non è errata, ma imprecisa; infatti anche il kelvin è un grado centigrado, in quanto ottenuto, come quello Celsius, dividendo in 100 parti uguali l'intervallo tra due punti fissi fondamentali.[4] Anche se i valori per il punto di congelamento e di ebollizione dell'acqua rimangono approssimativamente corretti, la definizione originale non è adatta per essere uno standard: dipende dalla definizione di pressione atmosferica standard, la quale dipende a sua volta dalla definizione di temperatura.

La definizione ufficiale corrente della scala Celsius pone 0,01 °C come il punto triplo dell'acqua, e un grado come 1/273,16 della differenza di temperatura tra il punto triplo dell'acqua e lo zero assoluto. Questa definizione assicura che la differenza di temperatura di un grado Celsius rappresenti la stessa differenza di temperatura di un kelvin.

Conversione[modifica | modifica sorgente]

Conversione da a Formula
grado Celsius grado Fahrenheit °F = (9/5 × °C) + 32
grado Fahrenheit grado Celsius °C = (5/9) × (°F − 32)
grado Celsius kelvin K = °C + 273,15
kelvin grado Celsius °C = K − 273,15
grado Celsius grado Rankine °R = °C × 1,8 + 32 + 459,67
grado Rankine grado Celsius °C = (°R − 32 − 459,67)/1,8
grado Celsius grado Réaumur °r = °C × 0,8
grado Réaumur grado Celsius °C = °r × 1,25
grado Celsius grado Newton °N = °C × (33/100)
grado Newton grado Celsius °C = °N × (100/33)
grado Celsius grado Delisle °De = (100 − °C) × 3/2
grado Delisle grado Celsius °C = 100 − °De × 2/3
grado Celsius grado Rømer °Rø = °C × 21/40 + 7,5
grado Rømer grado Celsius °C = (°Rø − 7,5) × 40/21

Anders Celsius in origine propose che il punto di congelamento fosse 100 °C, e il punto di ebollizione 0 °C. La scala fu rovesciata nel 1747 su suggerimento di Linneo, o forse di Daniel Ekström, il produttore della maggior parte dei termometri utilizzati da Celsius.

Le scale termometriche di Celsius e di Fahrenheit si incrociano allo stesso valore di -40 gradi, cioè il valore di -40°C corrisponde a quello di -40°F.

Un metodo per convertire Celsius in Fahrenheit è di moltiplicare per 1,8 e aggiungere 32.

°F = °C × 1,8 + 32

Al contrario, per convertire Fahrenheit in Celsius occorre sottrarre 32 e dividere per 1,8.

°C = (°F − 32) / 1,8

La scala Celsius è utilizzata nella maggior parte del mondo quotidianamente, anche se nei mass media era ancora chiamata frequentemente centigrada fino agli anni novanta, in particolar modo nelle previsioni del tempo. Negli Stati Uniti e in Belize si utilizza invece la scala Fahrenheit, ma anche questi due Paesi utilizzano la scala Celsius oppure la kelvin nell'ambito di applicazioni scientifiche o tecnologiche.

Altre scale di temperatura sono: Newton (ca. 1700), Rømer (1701), Fahrenheit (1724), Réaumur (1731), Delisle o de Lisle (1738), Rankine (1859), kelvin (1862) e Leyden (ca. 1894?). Notare che "kelvin" è minuscolo perché è un'unità SI, anche se deriva dal titolo nobiliare dello scienziato William Thomson.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Luciano Canepari, Il DiPI - Dizionario di pronuncia italiana, Bologna, Zanichelli, 1999.
  2. ^ Per Hedelin, Svenska uttals-lexikon, Stoccolma, Norstedts, 1997.
  3. ^ (EN) Linnaeus' thermometer. URL consultato il 22 febbraio 2014.
  4. ^ Michelangelo Fazio, Dizionario e manuale delle unità di misura, Bologna, Zanichelli, 1985, p. 125.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]