Nettuno nella fantascienza

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nettuno
Neptune.jpg
Questo box:  v. · d. · m.

1leftarrow.pngVoce principale: Nettuno (astronomia).

Il pianeta Nettuno costituisce lo scenario di diverse opere letterarie, prevalentemente di fantascienza.

La prima apparizione di Nettuno in letteratura risale al 1889, dove viene descritto come un luogo glaciale ma abitato (Earthborn!, romanzo il cui autore si firma Spirito Gentil, attribuito a George W. Hanna)[1]. Nel romanzo Infinito (Last and First Men) di Olaf Stapledon (1930) viene presentato come il pianeta ove la razza umana si stabilirà definitivamente, dopo una lunga evoluzione.

Tritone, romanzo di Samuel Delany (1976), descrive la colonizzazione da parte dell'uomo di gran parte del sistema solare, incluso il satellite principale di Nettuno.

Nettuno è la destinazione del viaggio della nave Red Dwarf nell'omonima sitcom della BBC (1997); un incidente a bordo impedirà di raggiungerlo. Sebbene sia utilizzato solamente come ambientazione, Nettuno è anche presente nel film di fantascienza statunitense del 1997 Punto di non ritorno, di Paul W.S. Anderson; un'astronave scomparsa da anni nello spazio riappare misteriosamente nelle vicinanze di Nettuno, priva di equipaggio.

Specie aliene[modifica | modifica wikitesto]

Varie opere di fantascienza hanno presentato Nettuno come un pianeta popolato da specie extraterrestri. Nel Ciclo di Cthulhu di Howard Phillips Lovecraft (1926) Nettuno è chiamato "Yaksh" ed è abitato da curiose creature fungoidi; nell'anime Sailor Moon il pianeta è rappresentato dalla guerriera Sailor Neptune, che reca sulla fronte un tridente ed utilizza le armi dell'antica divinità greca Poseidone.

Nella serie satirica di cartoni animati Futurama (1999-2003) i Nettuniani sono una razza umanoide con quattro braccia, dalla carnagione violacea, che convivono con i terrestri nel sistema solare.

Nell'anime giapponese Lamù Nettuno è rappresentato come un pianeta ghiacciato dove vive Oyuki, un'amica d'infanzia della protagonista; Oyuki è la regina del pianeta, ed ha il potere di controllare il ghiaccio, la neve ed il freddo. È anche in grado di aprire portali per spostarsi da un luogo all'altro.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Earthborn! [microform] / by Spirito Gentil | National Library of Australia

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]