Pianeta ghiacciato

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
OGLE-2005-BLG-390Lb, date le sue dimensioni e la sua distanza dalla stella, è un esempio di pianeta ghiacciato.

Un pianeta ghiacciato è un tipo di pianeta la cui superficie è perennemente ghiacciata. Sulle superfici dei pianeti ghiacciati la criosfera è globale. Questi pianeti sono paragonabili a versioni più grandi di alcune delle lune del sistema solare, come Europa, Encelado, e Tritone, o come alcuni dei pianeti nani, tra cui Plutone ed Eris, oltre a molti altri corpi ghiacciati del nostro sistema solare.

Caratteristiche e abitabilità[modifica | modifica sorgente]

I pianeti di ghiaccio appaiono solitamente quasi bianchi con albedo superiori a 0,9. La superficie di un pianeta ghiacciato può essere composta da acqua, metano, ammoniaca, anidride carbonica, monossido di carbonio ed altre sostanze volatili, a seconda della sua temperatura superficiale. Le temperature superficiali sono previste inferiori a 260 K se la superficie è composta principalmente da acqua, al di sotto di 180 K se principalmente composta di CO2 e ammoniaca, e al di sotto di 80 K se composta principalmente da metano.

I pianeti ghiacciati non sono in generale adatti alla vita come noi la conosciamo perché sono molto freddi, almeno in superficie. Alcuni pianeti di questo tipo potrebbero tuttavia avere oceani nel sottosuolo, riscaldati dai nuclei interni o da effetti di marea di altri corpi vicini, in particolare giganti gassosi. Le acque sotterranee liquide potrebbero fornire condizioni abitabili per la vita di pesci, plancton e microrganismi, tuttavia, piante e microrganismi del sottosuolo non potrebbero effettuare la fotosintesi poiché la luce solare è bloccata dal ghiaccio sovrastante. Potrebbero però produrre sostanze nutrienti utilizzando un processo chiamato chemiosintesi batterica.

Candidati extrasolari[modifica | modifica sorgente]

Nonostante la presenza di diversi corpi ghiacciati all'interno del sistema solare, non c'è un vero e proprio pianeta ghiacciato, in quanto Plutone ed altri sono considerati pianeti nani[1]. Diversi sono i candidati extrasolari, tra i quali ad esempio OGLE-2005-BLG-390Lb[2], Gliese 667 Cd[3] e MOA-2007-BLG-192Lb[4].

Nelle opere di fantasia[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Pianeti immaginari.

Numerosi sono i pianeti ghiacciati utilizzati come ambientazione nelle opere di fantascienza, tra i quali Hoth, pianeta immaginario nel film Guerre stellari - L'Impero colpisce ancora, che ospita una delle scene più importanti della pellicola.

L'episodio doppio Zero, il pianeta dei ghiacci eterni della serie televisiva Galactica è ambientato su un pianeta ghiacciato.

Nell'universo di Star Trek compaiono non di rado mondi ghiacciati, anche se nel caso di alcuni tra i più noti, come l'asteroide Rura Penthe, che appare nel film Rotta verso l'ignoto, e Andoria, luna "quasi" perennemente ghiacciata di un gigante gassoso, non si tratta di veri e propri pianeti ma di planetoidi.

Un film che doveva essere un pilota di una serie TV del 2002, Ice Planet, è ambientato su uno sconosciuto pianeta ghiacciato dove alcuni terrestri sono giunti tramite un varco spaziotemporale, in fuga da alieni che avevano attaccato la Terra.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Alan Stern et al., Pluto and Charon : ice worlds on the ragged edge of the solar system, Weinheim: Wiley-VCH, 2005.
  2. ^ Discovery of OGLE 2005-BLG-390Lb, the first cool rocky/icy exoplanet planet.iap.fr/
  3. ^ Anglada-Escudé, Guillem, et al, A dynamically-packed planetary system around GJ 667C with three super-Earths in its habitable zone in Astronomy & Astrophysics, 7 giugno 2013. arXiv:1306.6074, DOI:10.1051/0004-6361/201321331. URL consultato il 2 gennaio 2014.
  4. ^ MOA-2007-BLG-192Lb: Are Low Mass Stars More Likely To Have Planets Like Our Own?, Science20.com, 2 giugno 2008.
Astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica