Lamù

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – "Urusei Yatsura" rimanda qui. Se stai cercando la band scozzese, vedi Urusei Yatsura (gruppo musicale).
Lamù
manga
Copertina del secondo volume dell'edizione italiana del manga.
Copertina del secondo volume dell'edizione italiana del manga.
Titolo orig. うる星やつら
(Urusei Yatsura)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Rumiko Takahashi
Editore Shogakukan
1ª edizione 19781987
Collanaed. Shōnen Sunday
Tankōbon 34 (completa)
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. 1997
Volumi it. 48 (completa)
Target shōnen Comico, shōjo
Temi Commedia sentimentale
Lamù, la ragazza dello spazio
serie TV anime
Fotogramma tratto dalla prima sigla iniziale degli episodi della serie
Fotogramma tratto dalla prima sigla iniziale degli episodi della serie
Titolo orig. うる星やつら
(Urusei Yatsura)
Autore Rumiko Takahashi
Regia
Sceneggiatura Kazunori Itō
Character design Akemi Takada
Studio
Musiche
Rete Fuji Television
1ª TV 14 ottobre 1981 – 19 marzo 1986
Episodi 195 (completa)
Durata ep. 25 min
Reti it. Retecapri, Telecapri, Euro Tv, Odeon Tv, Italia 7 Gold, Cooltoon (dal 2008), Man-Ga (dal 2010, epi.130-195), Anime Gold (dal 2011)
1ª TV it. 1983 – 29 settembre 2010
Episodi it. 195 (completa)
Censura it. no
Target shōnen Comico, shōjo
Temi Commedia sentimentale

Lamù (うる星やつら Urusei Yatsura?) è un manga pubblicato in Giappone dal 1978 al 1987, scritto e disegnato da Rumiko Takahashi, dal quale sono stati nel tempo tratti una serie anime televisiva, sei film e dodici OAV.

Nel 1981 la serie ha vinto il Premio Shogakukan per i manga in entrambe le categorie shōnen e shōjo[1], e nel 1987 il Premio Seiun come miglior fumetto SF/fantasy.

Significato del titolo[modifica | modifica sorgente]

Il titolo originale è un gioco di parole pressoché intraducibile in altre lingue: urusei è una versione colloquiale e meno formale di urusai (熕い), cioè "chiassoso" o "fastidioso", usata generalmente dagli uomini come esclamazione per zittire qualcuno che disturba. Yatsura è anch'essa una forma colloquiale e non troppo garbata per "gente", anche con significato di "quelli là", "gentaglia".

Tuttavia, poiché nel titolo la parola urusei è scritta con il kanji 星 (sei), che significa pianeta o stella, il suo significato può essere anche letto come pianeta Uru o stella Uru. In questo modo nasce il gioco di parole del titolo, il cui senso può essere sia Quei chiassosi tizi, sia Quei tizi del pianeta Uru o Gente del pianeta Uru. Una possibile, seppur approssimativa, traduzione in italiano potrebbe quindi essere: Quei chiassosi della stella Uru. All'interno di alcuni numeri di Shonen Graphic dedicati ad Urusei Yatsura compare la traduzione in inglese noisy people (gente rumorosa).

Va inoltre notato che il pianeta (o stella) Uru non viene mai citato nella narrazione, tanto nel manga che nell'anime. Non va quindi confuso con il pianeta dal quale la co-protagonista Lamù proviene, che viene più volte citato nella narrazione col nome di Oniboshi (鬼星), traducibile sia come Pianeta degli Oni sia come Pianeta Malvagio.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia narra le bizzarre avventure di un gruppo di liceali che vivono a Tomobiki, località immaginaria corrispondente al distretto cittadino di Nerima, Tokyo, dove frequentano l'omonimo Liceo (Tomobiki è uno dei giorni che compongono il rokuyō (六曜?), un periodo di sei giorni equivalente come concetto alla nostra settimana utilizzato nel calendario lunisolare giapponese).

Un giorno gli Oni giungono dallo spazio per conquistare la Terra. Tuttavia offrono ai terrestri una possibilità di salvezza: se un essere umano, scelto a caso da un computer, riuscirà a toccare le corna di Lamù (la figlia del capo degli Oni, una bellissima ragazza che indossa soltanto un bikini tigrato) entro dieci giorni la Terra sarà libera. La scelta cade su Ataru Moroboshi, un liceale estremamente sfortunato, stupido e donnaiolo. Molto interessato all'offerta di dover "afferrare" Lamù, Ataru accetta. Durante la gara però Lamù sorprende tutti con la sua capacità di volare, che manda a monte qualsiasi tentativo di Ataru di toccarle le corna. L'ottavo giorno, incredibilmente, Ataru riesce a strapparle il reggiseno del bikini ma non ha la possibilità di raggiungere le corna. Quella notte Lamù tenta di recuperare il suo reggiseno (visto che non ha con sé un costume di ricambio), ma la grande massa di giornalisti intorno a casa Moroboshi la respinge. Il nono giorno di competizione Ataru cerca di sfruttare la debolezza di Lamù che, per coprirsi il seno, è costretta a rallentare. Anche in questo caso però si rivela un osso troppo duro e Ataru viene portato via in barella dopo essere precipitato su un tetto. La situazione è disperata, la popolazione comincia a essere veramente infuriata con Ataru (già dal primo giorno di fallimenti, nell'anime, degli esaltati chiedono la pena di morte per i suoi genitori) e persino i suoi genitori si pentono di averlo messo al mondo. Per dargli il coraggio di rialzarsi e di combattere ancora Shinobu Miyake, la sua fidanzata, gli promette che se vincerà la gara contro Lamù lo sposerà. Rinvigorito, Ataru torna sul percorso di gara per l'ultimo giorno di sfida. Usando il reggiseno come esca riesce finalmente ad attirare Lamù verso di sé e a toccarle le corna: la gara è vinta ma la sfortuna di Ataru, però, muta una vittoria per la Terra in una sconfitta per lui. Tutto contento per la vittoria ottenuta, Ataru esclama che finalmente si può sposare; la dichiarazione viene fraintesa da Lamù che la prende come una proposta di matrimonio, supportata dai giornalisti pettegoli. Ferita dalla situazione, Shinobu rifiuta di ascoltare le spiegazioni del suo ragazzo lasciandolo nelle braccia di Lamù che accetta l'involontaria proposta di Ataru.

Non molto tempo dopo un gruppo di fan accaniti di Lamù (gli stessi che nella serie animata diventeranno dei personaggi fissi conosciuti come "gli ammiratori di Lamù") costringono Ataru a compiere un improbabile rito per richiamare la ragazza sul pianeta. La loro strana richiesta viene ascoltata soltanto dal pilota di un taxi spaziale che, per portare i ragazzi dal liceo Tomobiki a casa Moroboshi, pretende come compenso le riserve petrolifere della Terra. A questo punto gli "amici" scaricano la colpa su Ataru che viene inevitabilmente odiato dal mondo. La situazione è critica ma può essere sistemata da Lamù che, tornata sulla Terra, propone di pagare il conto della corsa in taxi a patto di stabilirsi dai Moroboshi. Messo all'angolo, senza vie di fuga e con un linciaggio come unica altra alternativa, Ataru è costretto ad accettare la proposta di Lamù. Il suo gesto, però, non calmerà del tutto gli abitanti di Tomobiki perché il petrolio sequestrato dal tassista a garanzia del suo credito viene restituito sotto forma di pioggia che cadrà insistentemente sulla Terra.

Dopo la brutta figura della sfida, la litigata con Shinobu e l'umiliazione subita in mondovisione, Ataru ha perso ogni interesse nei confronti della ragazza Oni e tenta più volte di riallacciare i rapporti con Shinobu (o comunque di rimorchiare altre ragazze) con il solo risultato di ottenere potenti e dolorose scariche elettriche lanciate da Lamù. Questa situazione andrà avanti fino a quando Shinobu perde ogni interesse in Ataru come fidanzato e lo pianta definitivamente cercando una nuova persona da amare. Ciò nonostante Ataru (sempre perseguitato da una immensa sfortuna che gli fa incontrare gli esseri più strambi della Terra, del mondo degli spiriti e dello spazio), nonostante le dolorose punizioni di Lamù continua a cercare di rimorchiare qualunque ragazza gli capiti a tiro. In questo è aiutato dalla sua capacità di uscire illeso da ferite altrimenti mortali per qualunque altro essere umano — di lui viene detto che "ha la sopravvivenza di uno scarafaggio e il potere curativo di una lucertola" —. Ataru riesce inoltre a compiere prodezze fisiche degne di un ninja e a bloccare una katana a mani nude.

La storia subisce una svolta quando Lamù, per completare il suo percorso scolastico e stare vicina ad Ataru (che considera come suo marito), si iscrive al Liceo Tomobiki per essere inserita nella classe 2-4 — la stessa frequentata dal giovane Moroboshi —. L'arrivo dell'aliena non passa inosservato: Ataru, che stava mangiando quando Lamù venne presentata come nuova compagna di classe, rischiò di morire soffocato mentre gli altri ragazzi della classe rimanevano affascinati dalla bellezza della ragazza. Tra tutti, però, Shutaro Mendo è quello che rimane più colpito dalla nuova compagna di classe. Il giovane è il rampollo dei Mendo (la famiglia più ricca del Giappone), cortese e di buone maniere soprattutto verso le ragazze. Shutaro rivolge ben presto le sue attenzioni verso Lamù, causando la rabbia di Shinobu che si è invaghita di lui e sta tentando di conquistarlo. Tra i ragazzi nasce una sorta di "quadrato amoroso" (Ataru-Lamù, Shutaro-Shinobu) non ufficiale, che sarà protagonista di molti dei successivi capitoli del manga e degli episodi della serie televisiva.
Lo stretto rapporto che c'è tra Lamù e Ataru causa le invidie degli altri compagni di classe che, per paura delle reazioni della ragazza, si guardano bene da tentare di convincerla a lasciare Ataru. L'unica eccezione è costituita dagli ammiratori di Lamù (soprattutto Megane) che, quando vedono Lamù e Ataru in atteggiamenti più intimi, non esitano a intromettersi tra i due picchiando Ataru di santa ragione.

Nel corso della storia i sentimenti di Ataru verso Lamù si evolvono: il ragazzo si affeziona sempre di più all'aliena ma non ha la forza di ammettere che le vuole bene e mantiene verso di lei un atteggiamento piuttosto rude e scontroso. I suoi sentimenti vengono allo scoperto soltanto quando Lamù si trova in pericolo: Ataru non esita a mettere a repentaglio la propria vita per salvare la ragazza, giungendo a compiere azioni che paiono impossibili per un comune essere umano. Una volta che il pericolo si è allontanato Ataru torna a comportarsi come un donnaiolo, scatenando nuovamente la rabbia di Lamù.
Un esempio di quanto Ataru sia legato alla giovane Oni si trova nel primo degli OAV dell'anime Che cosa accadrà nel futuro di Lamù?. In questo episodio i protagonisti hanno la possibilità di crearsi il proprio futuro ideale ed Ataru sceglie di costruirsi un harem. Quando il ragazzo si accorge che Lamù non fa parte del suo futuro — lo aveva lasciato perché eccessivamente trascurata e costretta ad una vita di stenti — rinuncia per sempre al suo sogno per non perdere la ragazza. Nell'OAV si trova anche una sequenza che dimostra quanto Ataru tenga al bene della giovane aliena. Uno dei possibili futuri inizia con il matrimonio tra Ataru e Lamù, ma la probabilità che si realizzi è molto bassa. Lamù, dopo aver visto la scena del suo matrimonio, si mette a piangere dalla gioia: questo spinge Ataru a fare di tutto per permettere la realizzazione di questo futuro anche se va contro i suoi interessi.

All'interno dell'opera la trama si sviluppa molto gradualmente: si può parlare di una serie di piccole storie indipendenti (che spesso occupano più di un capitolo del manga) ed autoconclusive, che nel loro complesso mostrano l'evoluzione dei rapporti tra i personaggi. Nessuna di queste, però, porta ad una svolta decisiva nell'intreccio degli eventi: una volta che si conoscono tutti i personaggi è possibile leggere i capitoli del manga o vedere gli episodi dell'anime in qualsiasi ordine. Molte delle situazioni rappresentate sono uno spaccato della vita e della cultura giapponese, ma sono presenti anche parodie della società contemporanea e del folclore nipponico (come sono I Simpson per il pubblico statunitense). Rispetto al manga la serie animata presenta numerose differenze:

  • Alcuni personaggi, che nel manga hanno una visibilità limitata, diventano presenze fisse. Tra questi l'esempio migliore è costituito dagli ammiratori di Lamù: Megane, Perma, Kakugari e Chibi nel manga appaiono soltanto nei primi due volumi per essere poi sostituiti da Shutaro, mentre nell'anime hanno un ruolo di co-protagonisti.
  • Ten, il cugino di Lamù, nel manga appare soltanto dal settimo volume in poi mentre nella serie è presente già dal terzo episodio. Molte delle storie del manga sono state modificate dai produttori dell'anime per includere questo nuovo personaggio.
  • Alcuni personaggi presenti nel manga non sono stati trasposti nella serie. Tra questi il più importante è Kosuke Shirai, il miglior amico di Ataru, che nell'anime viene sostituito da Perma per la maggior parte delle volte.
  • Gli episodi, rispetto al manga, hanno vari tipi di trasposizione. Molti sono costituiti da due o più storie unite insieme, ma si trovano anche puntate in cui una singola storia viene estesa con parti create appositamente per raggiungere la durata standard dell'episodio (circa 25 minuti). Storie che nel manga occupano più capitoli sono state condensate in un unico episodio, ed alcune puntate non hanno un corrispondente nel manga: sono state interamente create dai produttori della serie.
  • L'ordine in cui sono raccontate le storie, di solito, non coincide con quello del manga.

Altre differenze importanti tra il manga e la serie animata riguardano i rapporti affettivi tra i personaggi. Nell'anime Ataru e Lamù si comportano come se fossero fidanzati — se non si tiene conto delle numerose "scappatelle" di Ataru e della riluttanza del giovane ad esprimere i suoi sentimenti —. I due si ritrovano più volte coinvolti in situazioni romantiche che in un paio di occasioni porteranno i ragazzi a baciarsi. Nel manga invece accade frequentemente che Lamù baci Ataru, ma in situazioni completamente differenti dall'anime. La maggior parte di queste scene nella versione animata sono sostituite da un abbraccio di Lamù a volte seguito da una scarica elettrica.
Anche i rapporti affettivi di Shinobu sono riportati in maniera diversa tra l'anime e il manga. Nel manga, dopo aver tentato di conquistare Shutaro, la ragazza rimane sola per molto tempo fino a quando non conosce Inaba (un ragazzo che indossa sempre un costume da coniglio) e se ne innamora. Nell'anime Inaba non appare nella serie televisiva, è presente solo negli OAV e nel quinto film: in questo caso si è dato più spazio alle situazioni in cui Shinobu e Mendo sono in compagnia di Ataru e Lamù lasciando intendere che fossero due coppie di fidanzati.

I personaggi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Lamù.

Manga[modifica | modifica sorgente]

Giappone[modifica | modifica sorgente]

Il manga venne pubblicato a partire dal 1978 sul settimanale antologico Shonen Sunday (una delle principali pubblicazioni a fumetti giapponesi), diventando istantaneamente un grande successo di critica e di pubblico e per il quale Rumiko Takahashi ricevette il premio per il "Miglior Nuovo Artista" dalla Shogakukan (la casa editrice dello Shonen Sunday). Benché la rivista su cui venisse serializzato fosse (e sia tuttora) riservata ad un pubblico prevalentemente maschile, il fumetto della Takahashi ha aumentato la sua popolarità tra le ragazze. Le edizioni giapponesi finora sono state le seguenti:

  • Shonen Sunday: venne pubblicato su questo settimanale antologico dal 1978 al 1987, insieme a più di altri 20 titoli. Il manga è composto da storie, generalmente autoconclusive, della lunghezza di 15 pagine, in bianco e nero. Occasionalmente le prime pagine di una storia sono a colori, oppure l'intera storia poteva essere realizzato in duotono. La carta impiegata dai settimanali antologici Giapponesi dediti alla serializzazione dei manga era (ed è tuttora) di cattiva qualità (normalmente questo tipo di pubblicazione viene letto e poi gettato, i lettori particolarmente appassionati ad una storia la ricomprano rilegata in volumetti di qualità superiore), pertanto sono rimaste pochissime copie di questa pubblicazione originale.
  • Tankōbon: come per altri manga di successo le storie vennero raccolte e stampate in libretti (che in questo caso raccoglievano 11 puntate per volta). Complessivamente vennero prodotti 34 volumi. La qualità della carta è decente ed ogni volume ha una sovraccopertina in plastica a colori.
  • Wideban: gradualmente le ristampe dei Tankōbon vennero sostituite dai Wideban, questi iniziarono ad essere pubblicati agli inizi degli anni 1990 verso il decimo anniversario della prima pubblicazione. Ogni numero contiene 25 storie per complessivi 15 volumi, stampati su carta di qualità migliore.
  • Bunkoban (edizioni tascabili): di dimensioni intermedie tra i Tankōbon ed i Wideban hanno rimpiazzato questi ultimi a partire dalla fine degli anni '90. Contengono prefazioni di personalità del mondo del manga che parlano di quanto siano stati influenzati da Urusei Yatsura.
  • My First Big: un formato simile ai tankōbon ma stampati su carta di qualità inferiore e con copertine più sgargianti per essere venduti nei negozi aperti 24 ore; sono indirizzati al lettore casuale, piuttosto che al collezionista.

Italia[modifica | modifica sorgente]

In Italia la prima pubblicazione fu curata dalla Granata Press all'interno del mensile antologico Mangazine. Ogni numero conteneva una singola storia e complessivamente dall'aprile 1991 al marzo 1995 pubblicò i primi 45 capitoli del manga. L'edizione venne quindi trasferita al mensile monografico Manga Classic. Furono stampati 4 numeri di Manga Classic (dal maggio all'agosto 1995) che ristampavano storie già presentate all'interno di Mangazine. L'intento era di stampare tutta la serie in volumi monografici, ma le pubblicazioni vennero interrotte a causa del fallimento della Granata Press.

La Star Comics riprese successivamente il titolo e pubblicò tutta la serie in 48 volumetti monografici dal marzo 1997 fino al febbraio 2001, nella collana Young (a partire dal numero 34).

Stati Uniti[modifica | modifica sorgente]

Negli Stati Uniti il manga venne pubblicato dalla Viz (una sussidiaria della Shogakukan) a partire dal 1989 in numeri mensili, nel formato standard dei comics americani, ognuno contenente due storie, con il titolo Lum*Urusei Yatsura. Dopo i primi sette numeri la serie venne sospesa e ripresa diversi anni più tardi nella rivista Animerica.

Grazie alla favorevole accoglienza ricevette di nuovo un proprio mensile intitolato The Return of Lum * Urusei Yatsura, ma a circa 1/3 del ciclo completo di storie venne di nuovo interrotta nel 1998 e non più ripubblicata (anche se la Viz detiene tuttora i diritti per l'edizione in inglese).

Anime[modifica | modifica sorgente]

La serie TV[modifica | modifica sorgente]

La serie televisiva venne prodotta da Kitty Films, Studio Pierrot e Fuji Television, tra il 1981 e il 1986. Vennero prodotti e trasmessi 195 episodi.[2] Il penultimo episodio della serie, il 194 (o 217 seguendo l'altro conteggio), è la replica dell'episodio più amato dell'intera serie scelto con un sondaggio dal pubblico giapponese: si tratta dell'episodio 44 (o 67) Da quando te ne andasti.[3]

Alcuni episodi della serie non sono tratti da storie presenti nel manga e sono creazioni originali: spesso si discostano anche pesantemente dal consueto tono del manga, soprattutto quelli realizzati quando a capo dello staff c'era Oshii. È molto più frequente il caso di episodi realizzati prendendo spunto dalle storie presenti nel manga, ai quali sono state aggiunte delle parti create appositamente dallo staff per scelta stilistica o per raggiungere la lunghezza di 25 minuti. Frequenti sono anche le omissioni di parti del fumetto negli episodi, anche quando sono stati aggiunti degli spezzoni creati dagli sceneggiatori.

Altre volte l'episodio riflette abbastanza fedelmente la storia del manga, ma viene ambientato in un periodo diverso per renderlo ancor più significativo. Un esempio di questo spostamento nel tempo si ritrova nell'episodio 10 (o 19/20) Un Natale mozzafiato: è tratto dal capitolo 26 del manga, ma nel fumetto la storia è ambientata in un giorno qualsiasi. Spostando la vicenda al giorno di Natale lo staff ha, presumibilmente, voluto esaltare la vena romantica della scena finale della passeggiata solitaria di Lamù e Ataru sotto la neve. In Giappone, dove il Cristianesimo è praticato solo da una minima parte degli abitanti, il giorno di Natale non è una festa religiosa né civile ma viene vissuto un po' come il nostro San Valentino: la giornata in cui si sta con la persona amata.[4]

Nella serie sono presenti numerosi riferimenti, in chiave ironico-satirica, alla cultura nipponica (tra cui gli stessi anime, cosa diventata ancora più diretta ed evidente con il passaggio di regia a Yamazaki) e in particolare alle molteplici leggende giapponesi, ma anche alla cultura occidentale e ai suoi costumi, tra cui molte citazioni cinematografiche.

Tra gli esempi più significativi in tal senso possono essere citati i seguenti (la numerazione rispetta il conteggio su 195 episodi):

  • nell'episodio 42, Salsa piccante, l'insegnante di classe fa una perquisizione, ed in uno degli armadietti si può vedere il costume di Tiger Mask (Uomo Tigre) con delle attrezzature da palestra sottostanti.
  • nell'episodio 43, Quei gatti sui tetti che scottano, è citato "per immagini" Rocky Joe (compare anche Sakurambo a fare le veci dell'allenatore di Joe) e il titolo stesso è una citazione del famoso film;
  • l'episodio 50, La sorella di Mendo, che presenta il personaggio di Ryoko, può essere letto anche come una parodia di Romeo e Giulietta;
  • nell'episodio 61, Lotta mascherata, i mercenari di Mendo onorano il loro padrone sfoggiando il saluto nazista "Heil Mendo";
  • nell'episodio 64, Il cambio di guardia, si trova una battaglia tra robot della serie Gundam al parco giochi;
  • nell'episodio 65, L'appuntamento, si vede Ryūnosuke avvolta tra i rovi come l'immagine della sigla di Lady Oscar;
  • nell'episodio 70, Vecchi rancori, la scena dell'allenamento di Tobimaro è una citazione a Tommy la stella dei Giants.
  • nell'episodio 72, Ciak, si gira!, Mendo spara i pugni atomici come Mazinga;
  • sempre nell'episodio 72 Ryūnosuke accelera come il personaggio Cyborg 009 della serie omonima;
  • l'episodio 75, E poi non rimase nessuno, appare come la parodia di Dieci piccoli indiani di Agatha Christie e la stessa autrice è citata per nome;
  • nell'episodio 77, Un dolcetto indigesto, si cita "per immagini" Alice nel Paese delle Meraviglie di Walt Disney;
  • nell'episodio 78, Le casalinghe, la madre di Ataru si ritrova nello scenario del film La guerra dei mondi, mentre i sogni da lei fatti sono ispirati ai racconti di fantascienza di Fredric Brown;
  • nell'episodio 82, Inconvenienti della gelosia, compare Creamy;
  • l'episodio 84, Precario equilibrio, è organizzato come un episodio di Ai confini della realtà;
  • nell'episodio 87, Fungo, fungo delle mie brame..., è presente una foto del signor Spock di Star Trek nella camera di Megane;
  • nell'episodio 89, Accadde una notte tra Ataru e Lamù, durante una reazione molto esagerata di Mendo e degli ammiratori di Lamù, i cinque cadono in una follia collettiva e cominciano a imitare famose scene e personaggi di Guerre stellari - Il ritorno dello Jedi ( tra cui la celebre frase: «È una trappola!» («It's a Trap!»), pronunciata nello stesso film dall'ammiraglio Ackbar);
  • nell'episodio 105, L'amnesia di Lamù: 1ª parte, e nel primo film, le forze armate di Mendo vestono l'uniforme nera delle SS;
  • nell'episodio 106, L'amnesia di Lamù: 2ª parte, Ataru salta in moto un recinto di filo spinato come Steve McQueen ne La grande fuga;
  • nell'episodio 158, Amo Shinobu!, Ken il guerriero è citato in un combattimento fra il gatto Kotatsu e un compagno di classe somigliante a Kenshiro e con lo stesso cognome. Lo stesso personaggio riapparirà, anche se molto più brevemente, anche nell'episodio 178 La gelosia di Ataru sempre tra gli studenti della classe 2-4;
  • sempre nell'episodio 158, durante la rocambolesca fuga di Sakurambo appaiono per un paio di secondi Lupin III e Jigen nella loro 500, oltre a un evidente parodia di Gesù sulla croce;
  • nell'episodio 162, Acquisti per corrispondenza, compare Nausicaä protagonista del film di animazione Nausicaä della Valle del vento. Durante l'episodio, la scuola viene posta sotto un regime autoritario da parte del Preside e di Mendo, in un evidente parodia del regime nazi-fascista;
  • nell'episodio 179, Il demone serpente, i protagonisti della serie si ritrovano intrappolati fra tre spiriti, nemici tra di loro, che non possono combattere perché il primo che tentasse di attaccare un avversario sarebbe ucciso dall'altro. Questa situazione prende il nome di stallo alla messicana ed è presente nel film Il buono, il brutto, il cattivo di Sergio Leone;
  • nell'episodio 186, Il sogno di Ten, compare Memole;
  • nell'episodio 188, Filtri d'amore, Shutaro (sotto l'effetto delle Pasticche delle Frottole) racconta una menzogna su una proposta di matrimonio tra lui e Lamù usando la stessa frase che Godai di Maison Ikkoku voleva dire a Kyoko per chiederle di sposarlo: "Vorrei mangiare la zuppa di miso preparata da te" (non apprezzabile nell'adattamento italiano).
  • nell'episodio 195, Festa d'addio, sono inseriti i personaggi di Godai e di Kyoko Otonashi, protagonisti di Maison Ikkoku (Cara Dolce Kyoko), anime che sarebbe stato trasmesso nello stesso slot a partire dalla settimana successiva. Citazioni di Maison Ikkoku sono presenti anche in episodi precedenti.
  • nelle feste in maschera spesso sono presenti gli alieni tratti da Alien o Ultraman;
  • in un episodio e nel secondo film appare il personaggio Dart Fener di Guerre stellari; durante la sigla Rock the planet inoltre, Sakurambo appare vestito da Dart Fener e il Gatto Kotatsu vestito con una tuta da clone;
  • in un episodio Shinobu, per liberarsi di un corteggiatore, esegue una mossa di judo le cui movenze ed immagini richiamano palesemente l'anime Judo boy;
  • In numerosi episodi (tra i quali La rivolta dei personaggi) appaiono frequentemente Superman, Spider-Man e L'Uomo Tigre.

Edizione italiana della serie TV[modifica | modifica sorgente]

Francobollo dedicato a Lamù. (2009)

Dall'autunno del 1983 fino al 1985 vennero trasmessi in Italia i primi 86 episodi, col titolo Lamù, la ragazza dello spazio i cui diritti furono acquistati dalla T.B.S. società legata a Telecapri e Retecapri. Dall'inverno del 1988 vennero trasmessi altri 43 episodi (dall'87 al 129), con differente adattamento e doppiaggio,[5] col titolo Superlamù. A partire dal 1999 la serie venne replicata col titolo Mi hai rapito il cuore, Lamù.

La serie venne raccolta incompleta in videocassette, e successivamente riproposta in una nuova edizione in DVD, per la quale, nel 2006, vennero doppiati i restanti episodi con doppiaggio e adattamento ancora differenti.

Da notare che considerando i due cast che hanno doppiato i sei film e quello che ha doppiato gli OAV, in totale Urusei Yatsura è stato doppiato da almeno sei diversi cast di doppiatori, con cambi repentini di ruolo degli stessi persino nell'ambito delle sezioni di loro competenza.

È stata trasmessa solo da tv private e da circuiti televisivi senza censura.

Dal 1º luglio 2010 al 29 settembre 2010 gli episodi inediti (dal 130 al 195) sono stati trasmessi sul canale Man-ga disponibile su SKY con il titolo Le nuove avventure di Lamù.

Dal 6 marzo 2011 la serie è stata trasmessa dal canale Anime Gold disponibile sul digitale terrestre in alcune zone d'Italia. Questo canale ha trasmesso anche Le nuove avventure di Lamù per la prima volta in chiaro.

Elenco degli episodi[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di Lamù.

Le sigle[modifica | modifica sorgente]

L'edizione originale giapponese della serie ha avuto un alternarsi di sigle per un totale di sei sigle iniziali e nove finali.

Sigle iniziali
  1. Lum no Love Song di Yuuko Matsutani (ep 1-77)
  2. Dancing star di Izumi Kobayashi (ep 78-106)
  3. Pajama jama da! di Kanako Narikiyo (ep 107-127)
  4. Chance on love di Cindy (ep 128-149)
  5. Rock the planet di Steffanie (ep 150-165)
  6. Tonogata gomen asobase di Shōko Minami (ep 166-195)
Sigle finali
  1. Uchū wa taihen da! di Yuuko Matsutani (ep 1-21)
  2. Kokorobosoi na di Helen Sasano (ep 22-43)
  3. Hoshizora Cycling di Virgin VS (ep 44-54)
  4. I, I, you and ai di Izumi Kobayashi (ep 55-77)
  5. Yume wa love me more di Izumi Kobayashi (ep 78-106)
  6. Koi no Möbius di Rittsu (ep 107-127)
  7. Open invitation di Cindy (ep 128-149)
  8. Every day di Steffanie (ep 150-165)
  9. Good luck di Shōko Minami (ep 166-195)


Le varie sigle, canzoni e musiche presenti negli episodi dell'anime, negli OAV e nei film di Lamù sono state pubblicate in Giappone su 15 CD musicali.

La sigla sconosciuta dell'edizione italiana[modifica | modifica sorgente]

Dalla sua prima trasmissione italiana fino alla fine degli anni novanta la serie ha avuto come sigla iniziale un brano, mai pubblicato ufficialmente, di cui sono tuttora sconosciuti titolo, autori e interprete. La sigla finale era costituita dalla versione strumentale della sigla iniziale (la base musicale, alla quale viene aggiunto uno strumento in sostituzione della voce).

Nonostante un grande lavoro di indagine da parte di alcuni appassionati di sigle TV, tali informazioni non sono mai state recuperate. Anche buona parte del testo risulta sconosciuta, in quanto il brano si interrompe dopo 1'26" e al momento non è stata ritrovata la versione integrale. Su internet è possibile ascoltare alcune versioni cosiddette complete del brano, ma si tratta in realtà di montaggi amatoriali.

Dalle repliche del 1999, tale sigla venne sostituita da Mi hai rapito il cuore, Lamù, di Stefano Bersola. Come per la precedente, tale sigla non è mai stata commercializzata. Per l'edizione in DVD sono state mantenute le sigle originali giapponesi (utilizzate anche nelle repliche su Anime Gold), anche se la sigla italiana Mi hai rapito il cuore, Lamù è presente nella sezione extra di tutti i DVD.

OAV[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi la voce OAV di Lamù.
  1. Che cosa accadrà nel futuro di Lamù?
  2. Gelati arrabbiati
  3. Fidanzati sulla spiaggia
  4. La guardia elettrica
  5. Ululo alla luna
  6. La capra ed il formaggio
  7. Prendimi il cuore
  8. Il terrore degli occhioni
  9. Appuntamento con un fantasma
  10. Il tea-party di Ryoko
  11. Memorial album
  12. Corsa di nuoto ad ostacoli[6] (inedito in Italia)

Gli OAV 10 e 11 sono soltanto dei collage di spezzoni della serie TV. I primi undici sono stati pubblicati in DVD da Yamato Video nel 2007, con un cast differente da quello della serie TV e dai film, doppiati a Milano e trasmessi in prima visione sul canale di SKY Man-Ga dal 14 gennaio 2011 al 13 aprile dello stesso anno.

Gli OAV 9 e 11 non sono stati doppiati in italiano, nei DVD Yamato Video questi episodi sono sottotitolati.

I film[modifica | modifica sorgente]

Dal 1983 al 1988 sono stati prodotti cinque lungometraggi animati con protagonisti Lamù e gli altri personaggi della serie, l'ultimo dei quali riporta gli eventi tratti dai capitoli finali del manga. Un sesto film è stato pubblicato nel 1991 per celebrare i dieci anni della serie televisiva.

I film sono stati proposti in Italia solo per il mercato dell'home video in varie distribuzioni: dapprima in sei videocassette, successivamente in due cofanetti da tre DVD ciascuno e infine in sei DVD. Tutti i film sono poi stati trasmessi nel 2011 da Man-Ga su SKY.

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Gli eventi narrati nell'anime coprono un arco temporale di oltre quattro anni[8], ma i personaggi hanno sempre 17 anni e frequentano sempre la classe 2-4.
  • La storia narrata nell'anime copre solo i tre quarti di quella narrata nel manga. Per quest'ultimo, infatti, sono stati pubblicati ulteriori tankobon per un anno dopo la fine della messa in onda dell'anime. Potendo sfruttare del materiale inedito sono stati realizzati gli OAV e, soprattutto, il quinto film. Quest'ultimo — tratto dall'ultimo volume del manga — riesce a dare un finale alla versione animata dell'opera.
  • In Giappone verso la metà degli anni ottanta i personaggi dell'anime di Lamù erano diventati così famosi e popolari che vennero utilizzati diverse volte per pubblicizzare vari prodotti per ragazzi su diverse emittenti TV Giapponesi, ed anche in pubblicità su varie riviste.
  • In Giappone il film Lamù - Beautiful Dreamer non ebbe successo quando fu proiettato nei cinema e fu molto criticato dai fan; nonostante ciò i relativi VHS del film ebbero vendite più che ottime. Questo film nelle varie riviste Giapponesi specializzate in anime e manga (ma non solo) venne definito dalla critica all'unanimità come un capolavoro nella regia.
  • Nel 1992 gli autori del film Lamù - Sei sempre il mio tesoruccio chiesero alla Takahashi il permesso di realizzare 2 episodi OAV di 30 minuti ognuno, ma l'autrice rifiutò: per questo motivo gli OAV non vennero mai prodotti.[senza fonte]

Videogiochi[modifica | modifica sorgente]

Diversi videogiochi ispirati a Lamù sono stati prodotti e pubblicati solo in Giappone.

Titolo traslitterato Titolo kanji Traslitterazione diretta Titolo tradotto Sviluppatore Console Data di pubblicazione Fonte
Urusei yatsura うる星やつら Urusei yatsura Urusei yatsura Bandai Nessuna (gioco elettronico) 1982
Urusei yatsura - Lovely chaser うる星やつら ラブリーチェイサー Urusei yatsura - Raburī cheisā Urusei yatsura - Delizioso inseguitore Popcom NEC PC-8801, FM-7 1985
Shiken ni deru urusei yatsura 試験に出るうる星やつら Shiken ni deru urusei yatsura Quei tizi chiassosi (o "quei tizi del pianeta Uru") che appaiono all'esame Kitty Enterprise NEC PC-8801 1986
Urusei yatsura - Lum no wedding bell うる星やつら ラムのウェディングベル Urusei yatsura - Ramu no wedingu beru Urusei yatsura - La campana nuziale di Lum Jaleco, TOSE NES 23 ottobre 1986 [9]
Urusei yatsura - Koi no survival party うる星やつら 〜恋のサバイバル・バースディ〜 Urusei yatsura ~Koi no sabaibaru pāchī~ Urusei yatsura - La festa di sopravvivenza dell'amore Micro Cabin NEC PC-8801, Sharp X1, MSX 2 1987 [10]
Urusei yatsura - Stay with You うる星やつら STAY WITH YOU Urusei yatsura - Stay with You Urusei yatsura - Stare con te Hudson Soft PC Engine 29 giugno 1990 [11]
Urusei yatsura - Miss Tomobiki o sagase! うる星やつらミス友引を探せ! Urusei yatsura - Misu Tomobiki o sagase! Urusei yatsura - Cerca la signora Tomobiki! Yanoman Game Boy 3 luglio 1992 [12]
Urusei yatsura - Dear My Friends うる星やつら 〜ディア マイ フレンズ〜 Urusei yatsura ~Dia Mai Furenzu~ Urusei yatsura - Cari miei amici Game Arts Sega Mega CD 15 aprile 1994 [13]
Urusei yatsura - Endless Summer うる星やつら エンドレスサマー Urusei yatsura - Endoresu Samā Urusei yatsura - Estate infinita Marvelous Entertainment Nintendo DS 20 ottobre 2005 [14]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Shogakukan.
  2. ^ I primi 23 episodi sono doppi, per cui non è raro trovare, anche in fonti ufficiali, 218 come numero totale di puntate.
  3. ^ Guida completa agli episodi della serie, vedi episodio 217
  4. ^ Kurisumasu: Natale in Giappone in www.bunnychan.it, 14 dicembre 2007. URL consultato il 24 settembre 2012.
  5. ^ In realtà queste prime due tranche di episodi giunte in Italia presentano numerosi cambi di doppiatori anche all'interno dello stesso gruppo d'importazione.
  6. ^ Il dodicesimo Original Anime Video è stato prodotto da Sunrise per It's a Rumic World, festival dedicato a Rumiko Takahashi, ed è attualmente inedito in Italia.
  7. ^ Il film è anche conosciuto come Lamù - Boy Meets Girl Scheda di Lamù: Boy Meets Girl su Man-Ga
  8. ^ Il dato è ottenuto osservando calendari o altri elementi riportanti date presenti nei 195 episodi che compongono la serie, ma anche dall'alternarsi delle stagioni.
  9. ^ (EN) Urusei Yatsura: Lum no Wedding Bell, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  10. ^ (EN) Urusei Yatsura, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  11. ^ (EN) Urusei Yatsura: Stay With You, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  12. ^ (EN) Urusei Yatsura: Miss Tomobiki o Sagase!, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  13. ^ (EN) Urusei Yatsura: My Dear Friends, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.
  14. ^ (EN) Urusei Yatsura: Endless Summer, GameFAQs. URL consultato il 2 gennaio 2010.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga