Oh, mia dea!

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Oh, mia dea!
manga
Titolo orig. ああっ女神さまっ
(Aa! Megami-sama)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Kosuke Fujishima
Editore Kodansha
1ª edizione 25 agosto 1988 – 25 aprile 2014 [1]
Collanaed. Afternoon
Tankōbon 48 (completa)
Editore it. Star Comics
1ª edizione it. luglio 1992 – in corso
Collanaed. it. Kappa Magazine
Volumi it. 43 / 48 Completa al 90%.
Colore alcune tavole a colori (ed. it.)

Oh, mia dea! (ああっ女神さまっ Aa! Megami-sama?) è un manga seinen del 1988 realizzato da Kosuke Fujishima e pubblicato in Italia da Star Comics sulle pagine di Kappa Magazine. La serie tratta di un gruppo di divinità che vengono a contatto con la vita sulla Terra, soprattutto la dea Belldandy, che viene costretta, per colpa di un malinteso, a restare per sempre al fianco di Keichi Morisato, il protagonista dell'opera. Oh, mia Dea! è uno dei manga più longevi in assoluto, in pubblicazione dal 1988, che avrà termine nel 2014.

Numerosi gli adattamenti televisivi, tra cui Oh, mia dea! (anime), Aa! Megami-sama! Sorezore no tsubasa, Oh, mia dea! Tatakau Tsubasa, realizzato per i vent'anni della serie, e Oh, mia Dea! Itsumo Futari De, realizzato nel 2011.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Keiichi Morisato è un ragazzo dal cuore puro, che non disdegna di aiutare le persone per il puro piacere di rendersi utile, ma è perseguitato dalla sfortuna. Viene perciò scelto da Yggdrasil, il sistema computerizzato del Paradiso affinché possa esprimere un desiderio. Viene quindi spedita sulla Terra Belldandy, una bellissima dea, che sorprende il ragazzo incredulo e gli chiede appunto quale sia il desiderio che vorrebbe realizzare.

Keiichi, ancora confuso, crede che sia tutto uno scherzo e senza pensarci troppo esprime il desiderio di avere Belldandy vicino a sé in eterno. Sebbene la dea rimanga spiazzata dalla richiesta, dato il suo compito accetta e rende il contratto tra i due ufficiale. Keiichi dovrà quindi affrontare mille imprevisti (come, ad esempio, la perdita dell'appartamento situato in un dormitorio esclusivamente maschile) e poco per volta conquistare il cuore della sua nuova compagna.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Oh, mia dea!.

Adattamenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Oh, mia dea! (anime).
Scena di Oh, my goddess: Fighting wings, special del 2007
Oh, mia dea! (1993-1994)
Trasposizione dei primi capitoli del manga. Urd e Skuld vengono inserite molto presto all'interno della narrazione, contrariamente a quanto avviene nelle altre incarnazioni dell'opera. Per venire incontro alla breve durata, la trama del manga viene a volte pesantemente modificata e alcune vicende vengono accorpate tra di loro.
Aa! Megami-sama! Chicchaitte koto wa benri da ne! (Oh, my mini-Goddess!) (1998)
Versione dell'anime in cui Belldandy, Urd e Skuld sono disegnate in una versione super deformed che le fa somigliare a delle bambine. Si allontana dalla trama del manga, prendendo però spunto dallo stesso grazie alle storie comiche delle mini dee, spesso poste alla fine di ogni capitolo.
Oh, mia dea! The Movie (2000)
Sebbene sia stato realizzato nel 2000, il film è ambientato cronologicamente dopo le due stagioni della serie animata, realizzate rispettivamente nel 2005 e nel 2006, e le due mini-serie OAV, realizzate nel 2007 e nel 2011.
Oh mia dea! (2 serie TV)
Le due stagioni della serie animata seguono in maniera fedele il manga. Sono attualmente inedite in italia.
Aa! Megami-sama! Tatakau tsubasa (Oh, my goddess: Fighting wings) (2007)
"Serie" ambientata dopo le due stagioni della serie animata e composta da due soli episodi, creata in occasione del 20º anniversario del manga. Essa è incentrata sulla saga della quinta dea Lind (o Rind a seconda della traduzione) e del cosiddetto "Angel Eater", nemico ufficiale delle dee in questi episodi.
Aa! Megami-sama! Itsumo Futari De (Oh, my Goddess! Together Forever) (2011)
Altra "Serie" composta da due soli episodi rilasciata nel 2011, in concomitanza con l'uscita dei volumi 42 e 43 del manga. Sono due episodi auto-conclusivi non legati tra loro, e sono ambientati dopo le vicende di Oh, my Goddess! Fighting Wings.
Nel primo, Keiichi e Belldandy visitano per l'ultima volta un parco dei divertimenti che sta per chiudere, dove Hild cercherà di sfruttare la felicità di Belldandy per far sì che contagi il mondo e far sì che ci sia un mondo felice in cui le dee non siano più necessarie.
Nel secondo, le Dee partecipano in una sfida a coppie chiamata "raccolta delle conchiglie", in cui si eliminano i bug di Yggdrasil, trasformati in mostri per rendere la sfida più eccitante.
Aa! Megami-sama! DIVE! LIVE! LOVE! (2013)
Singolo episodio rilasciato insieme al volume 46 del manga, in cui Belldandy, in funzione di "sostituta" di due Dee gemelle appena promosse, aiuta insieme a Keiichi un ragazzo di nome Yuki a conquistare il cuore della ragazza amata tramite una canzone. La canzone, chiamata DIVE! LIVE! LOVE! è stata rilasciata per il mercato giapponese insieme all'episodio.

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Molti dei contenuti di Oh, mia dea! derivano dalla Mitologia norrena (facilmente riscontrabile nei nomi come Urd, Skuld, Yggdrasill)
  • Il motivo per cui da Aa! nella traduzione occidentale si sia passati a Oh! deriverebbe dalle espressioni tipiche occidentali di "Oh, my God!" e quindi "Oh, mio dio!".
  • Solo la prima serie OAV del 1993 e il film sono stati rilasciati in Italia. Le altre sono tutte attualmente inedite.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Oh, mia dea!. URL consultato il 29 marzo 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga