Shochiku

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shochiku Co. Ltd.
Logo
Stato Giappone Giappone
Tipo Kabushiki gaisha
Fondazione 1895 a Tokyo
Fondata da Takejiro Otani e Matsujiro Otani
Settore Editoriale
Prodotti
Sito web shochikufilms.com

La Shochiku Co. Ltd (松竹株式会社 Shōchiku Kabushiki Gaisha?) (TYO: 9601) è la più antica azienda giapponese con sede a Tokyo operante, principalmente, nel settore dello spettacolo come casa di produzione e distribuzione cinematografica[1], nonché nell'organizzazione di spettacoli teatrali del genere kabuki[2].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

L'azienda fu fondata nel 1895 dai fratelli Takejiro e Matsujiro Otani come società di produzione di spettacoli teatrali del genere kabuki[2]. La denominazione fu scelta in base all'unione dei loro due nomi letti con il metodo On'yomi, ossia shō (? pino) e chiku (? bambù)[2]. Nel 1920, grazie alla creazione di alcuni studi nel quartiere di Kamata[2], la Shochiku esordì nel campo della produzione cinematografica creando in breve uno star system con numerose attrici all'epoca popolari[2].

Inizialmente specializzatasi in film del genere Jidai-geki sul periodo Edo[2] e in commedie (dirette da Keisuke Sasaki e dall'allora esordiente Yasujiro Ozu), a partire dagli anni trenta la Shochiku concentrerà la propria attenzione su film del genere shomin-geki diretti principalmente da Hiroshi Shimizu e Ozu[2]. A quel periodo risale inoltre la produzione del primo film sonoro giapponese (1931) e il trasferimento degli studi da Kamata a Ofuna[2]. Con l'avvento della seconda guerra mondiale la Shochiku produsse dei film a carattere nazionalistico[2] per poi passare, al termine del conflitto, alle commedie o a drammi a tematica famigliare: negli anni cinquanta, scongiurato il rischio di nazionalizzazione con il ritorno di Shiro Kido alla guida della società[2], la Shochiku arrivò a produrre oltre 100 film l'anno[2] con Ozu, Noboru Nakamura (vincitore del Golden Globe per il miglior film straniero con Ventiquattro pupille) e Keisuke Kinoshita (che diresse Carmen se ne torna a casa, primo film giapponese a colori) come registi di punta della casa[2].

A partire dagli anni sessanta, periodo di crisi per il cinema giapponese che vide fallire alcune delle principali case di produzione[2], la Shochiku iniziò a diversificare la propria produzione nei generi cinematografici (mettendo sotto contratto registi di nuova generazione come Nagisa Oshima e Masashiro Shinoda)[2] arrivando anche a toccare numerosi generi (tra cui anche quello degli anime)[2] ed intensificado l'attività di distribuzione dei propri film[2].

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Categoria:Film Shochiku.

Note[modifica | modifica wikitesto]

La sede principale della Shochiku, a Tsukiji
  1. ^ (EN) Shochiku Eiga in Internet Movie Database, IMDb.com Inc.
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p Gombeaud, Dictionnaire du cinéma asiatique

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Artisti correlati[modifica | modifica wikitesto]

Altre case di produzione[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]