FLCL

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
FLCL
OAV
La copertina del primo disco dell'edizione italiana dell'anime.
La copertina del primo disco dell'edizione italiana dell'anime.
Titolo orig. フリクリ
(Furi Kuri)
Lingua orig. giapponese
Paese Giappone
Autore Kazuya Tsurumaki
Regia Kazuya Tsurumaki
Sceneggiatura Yōji Enokido
Character design Yoshiyuki Sadamoto
Studio
Musiche The Pillows
1ª edizione 26 aprile 2000 – 16 marzo 2001
Episodi 6 (completa)
Durata ep. 25 min
Distributore it. Dynit
Dialoghi it. Gualtiero Cannarsi
Studio dopp. it. Cooperativa Eddy Cortese
Direzione dopp. it.
Tema mecha
FLCL
manga
Titolo orig. フリクリ
(Furi Kuri)
Autore Hajime Ueda
Editore Kodansha
1ª edizione 23 ottobre 2000 – 23 agosto 2001
Collanaed. Magazine Z
Tankōbon 2 (completa)
Editore it. Play Press
1ª edizione it. febbraio 2003 – maggio 2003

FLCL (フリクリ Furi Kuri?) è un OAV del 2000 di sei episodi realizzato dagli studi Gainax e Production I.G.

FLCL è stato lanciato dallo slogan «The new digital animation» perché la GAINAX intendeva con questa breve serie animata realizzare un precedente di alta qualità nel campo delle nuove tecnologie informatiche (CG) applicate all'animazione tradizionale (disegno a mano). Il risultato è un'opera caratterizzata da uno svolgimento volontariamente nonsense ed un'estrema cura per la grafica ed il dettaglio.

Realizzata da uno staff di alto profilo, la serie segna il debutto alla regia generale di Kazuya Tsurumaki, mentre la sceneggiatura è affidata a Yōji Enokido (noto per Neon Genesis Evangelion, Sailor Moon e La rivoluzione di Utena) ed il character design è di Yoshiyuki Sadamoto (Neon Genesis Evangelion, Nadia - Il mistero della pietra azzurra).

In Italia FLCL è stato pubblicato da Dynit in 3 DVD usciti nel 2005; negli Stati Uniti è stato trasmesso su Cartoon Network a partire dal 5 agosto 2003.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

A bordo di una Vespa gialla una giovane ragazza dai capelli rosa, Haruko, travolge letteralmente il protagonista della storia, Naota, uno studente delle elementari, e dopo averlo miracolosamente rianimato lo colpisce violentemente in testa col suo basso elettrico. Dalla fronte del ragazzo spunterà, proprio a causa di quest'ultima botta, una strana protuberanza a cui Haruko sarà tanto interessata da insediarsi in casa di Naota facendosi assumere come domestica dal padre.

Naota ha però ben altri problemi a cui pensare: oltre a dover nascondere il "bernoccolo", ormai eccessivamente grande, ai suoi compagni di classe, deve far fronte alle avances di Mamimi il cui ragazzo, fratello maggiore di Naota, è partito per l'America in cerca di successo. Sarà proprio quel bernoccolo a complicargli la vita: in seguito a delle radiografie effettuate da Haruko si scopre che il cervello di Naota è scomparso e, al suo posto, vi è ora un varco dimensionale che lo collega alla Medical Meccanica, una fabbrica di "robot per assistenza medica" che sembrano avere in realtà funzioni belliche.

Episodio dopo episodio dalla testa di Naota usciranno macchine sempre più stravaganti, più o meno antropomorfe, in grado di creare grande scompiglio nella tranquilla cittadina di Mabase, tutto ciò grazie a una misteriosa capacità chiamata "N.O."; grazie a questo potere, apparentemente innescato dalla differenza dei processi cerebrali tra emisfero destro e emisfero sinistro (anche se non viene mai spiegato chiaramente come), è possibile richiamare oggetti di qualunque genere da ogni parte dell'universo grazie a un portale interdimensionale che si forma all'interno della testa del portatore. Peraltro, in alcuni contesti il N.O. sembra essere usato come una metafora della virilità dei protagonisti, specie quando Amarao si stupisce di come un bambino come Naota abbia un N.O. tanto più potente di un adulto fatto e finito come lui, e la reazione di alcune assistenti di Amarao alla rivelazione dei poteri di Naota).

Il bernoccolo di prima si rivelerà essere il dito di un androide con uno schermo al posto della testa, Canti, l'unico robot abbastanza docile da riuscire ad obbedire a Naota e alla sua famiglia che, infatti, lo impiegherà nelle piccole commissioni e nei lavori domestici più disparati. Sarà Canti ad apparire come obiettivo degli altri robot che, uno dopo l'altro, cercheranno di contrastarlo con qualsiasi mezzo: egli rappresenta, infatti, una minaccia per la Medical Meccanica poiché, assorbendo Naota, è in grado di ottenere una forza straordinaria. Ma anche Haruko è interessata a questo enorme potere: armata del suo micidiale basso Rickenbacker cercherà di proteggere il prezioso Canti, e non ha intenzione di smettere di combattere fino a che non si sarà riappropriata di ciò che la M.M. le ha rubato, Atomsk, il mitico Re dei Pirati, un essere il cui N.O è tanto grande da permettergli di rubare interi pianeti.

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

Naota e Mamimi
Naota Nandaba (ナンダバ ナオ太?)
Il protagonista. 12 anni, vive con il padre da quando il fratello è andato in America a giocare a baseball. È il miglior amico di Samejima Mamimi, la ragazza del fratello. Amicizia che a volte sembra qualcosa di più. È convinto che nella sua città non succeda nulla e continua a ripeterlo anche dopo l'avvio degli strani avvenimenti che gli ruotano intorno. La sua testa è particolarmente utile ai fini di Haruhara Haruko
Tasuku Nandaba (ナンダバ タスク?)
Fratello di Naota. 17 anni, ragazzo di Mamimi, anche se non è molto chiaro il loro rapporto visto che di lui non si hanno praticamente altre notizie. Nonostante non compaia mai in video, in realtà egli è un punto di riferimento per Naota.
Kamon Nandaba (ナンダバ カモン?)
Padre di Naota. Vive col figlio e col proprio padre, che probabilmente aiutava nel portare avanti il panificio. Un tempo era un editore di successo per una rivista, ma attualmente lavora solo nel suo stesso giornale tabloid dal titolo "Come on Mabase" (notare il gioco di parole tra il suo nome, Kamon, e la prunoncia di "come on") in cui spettegola a proposito degli avvenimenti della città, come ad esempio i rapporti tra il sindaco e la Medichal Mechanica. Possiede una vasta cultura in fatto di anime, e nei suoi discorsi sconclusionati cita, tra gli altri, Gundam e Lupin. È molto probabile che la donna con la quale ha concepito Naota sia morta, e sentendo la mancanza di una figura femminile in casa accoglie di buon grado Haruko, nonostante questa si approfitti spudoratamente di lui.
Mamimi Samejima (サメジマ マミ美?)
Ragazza di Nandaba Tasuku e amica di Naota. Alcune volte non può fare a meno di baciare e abbracciare il ragazzino in mancanza del fratello di questo di cui è innamorata. È ritenuta strana dagli amici di Naota per la sua ossessione verso il protagonista. Crede che Canti sia un Dio e per questo rimane particolarmente impressionata quando sa che Naota lo "pilota".
Haruko Haruhara (ハルハラ ハル子?)
Dice di essere un'aliena. Colpisce tutto e tutti con la sua Vespa (che sembra non saper proprio guidare) e il suo basso. Trova che Naota sia particolarmente portato per la sua missione. A volte è molto dolce con il piccolo protagonista, mentre la maggior parte delle volte sembra completamente pazza e violenta. Viene chiamata Haruha Raharu da Amarao.
Canti (カンチ Kanchi?)
Un robot della Medical Mechanica uscito dalla testa di Naota. Quando Naota entra in lui il simbolo di Atomsk appare sulla sua testa-monitor (in realtà si tratta di un kanji corrotto che originariamente doveva essere la parola "adulto"). Quando Haruko lo colpisce in testa diventa servizievole e si unisce alla famiglia di Naota.
Amarao (アマラオ?)
È il comandante del dipartimento per l'immigrazione interstellare. Il suo lavoro consiste principalmente nel tenere il pianeta all'oscuro dell'esistenza di alieni e di complotti galattici, e cerca di evitare che la Medical Mechanica (o Haruko) distrugga la terra. Sembra che in gioventù abbia avuto con Haruko un rapporto simile a quello che lei ha ora con Naota: anch'egli infatti possiede le capacità di sviluppare un N.O, ma essendo esse molto limitate è stato brutalmente abbandonato. Per questo motivo si riconosce in Naota e gli consiglia di stare lontano dalla ragazza. Indossa delle vistose sopracciglia finte che tengono effettivamente chiuso l'N.O. e che, nelle sue intenzioni, dovrebbero renderlo più macho. Probabilmente a causa dell'influenza che Haruko ha avuto su di lui in passato (o forse solo per attirare la sua attenzione) si porta alla guida di uno scooter Fuji Rabbit, ancor più vintage della Vespa di Haruko.
Eri Ninamori (ニナモリ エリ?)
È la compagna di classe di Naota. Indossa una maglia rossa con la scritta "USSR" sul davanti. È la figlia del sindaco di Mabase e presidentessa della classe. Mentre sembra una ragazza molto ben educata non è al di sopra dell'ignorare le regole per ottenere quanto vuole.
Atomsk (アトムスク Atomusuku?)
Conosciuto anche come "Re dei Pirati" (海賊王?), è un personaggio enigmatico e apparentemente il più potente "pirata spaziale" della galassia. Il suo aspetto fisico è quella di una creatura simile a quello della Fenice. Atomsk prende il nome da un racconto di Cordwainer Smith, ed il regista ha affermato che non sa in realtà come debba essere pronunciato.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Episodi di FLCL.
  1. Furi Kuri
  2. FiSta
  3. Maru-Raba
  4. Furi Kiri
  5. Bura Bure
  6. Furi Kura

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Studio di doppiaggio: Cooperativa Eddy Cortese (Roma)
Dialoghi italiani: Gualtiero Cannarsi
Direzione del doppiaggio: Paolo Cortese, Gualtiero Cannarsi

Manga[modifica | modifica wikitesto]

Il manga di FLCL è stato realizzato solo successivamente alla serie, nel 2000, dall'autrice Hajime Ueda, mangaka semiprofessionista che prima di FLCL si era occupata solo di dōjinshi. Lo stile di disegno e narrazione è del tutto diverso dall'anime, il che rende il fumetto un prodotto fruibile a sé.

In Italia è stato pubblicato da Play Press in due volumi usciti nel febbraio e nel maggio 2003; l'edizione è editorialmente molto fedele all'originale, con sovraccopertina in cartoncino leggero e illustrazioni iniziali a colori come in originale (cosa non troppo usuale nelle edizioni italiane dei manga).

L'autrice, anche famosa per le sue sculture, ha realizzato dei modellini dei personaggi di FLCL che sono stati stampati nei due volumi per accompagnare le descrizioni dei personaggi: nel primo volume abbiamo Canti che esce dalla fronte di Naota, Haruko, Mamimi con in braccio MyuMyu e Ninamori; sotto la sovraccopertina vi è invece una stampa in tonalità rosa (colore predominante della cover) modellino delle gambe di Naota che escono da terreno, riproduzione di una scena del manga. Nel secondo volume invece vi sono unicamente i modellini di Kamon, Shigekuni e Mamimi di schiena; sotto la sovraccoperta abbiamo stavolta una stampa di Ninamori con relativo robot in tonalità verdi, ancora una volta colore dominante di copertina.

La cosa che più colpisce dell'opera è sicuramente lo stile di disegno, completamente diverso da quello pulito ed elegante dell'anime: i personaggi sono caricaturali, graficamente minimali, praticamente solo abbozzati. Spesso a causa dei disegni confusi, ma anche dei dialoghi piuttosto criptici, la comprensione della storia sfugge al lettore, proseguendo il senso di nonsense ed ermeticità presente anche nel cartone animato.

Romanzi[modifica | modifica wikitesto]

Dalla serie è stato anche tratto un romanzo in tre parti scritto dallo sceneggiatore dell'anime Yoji Enokido.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Caratterizzata dai ritmi J-pop e J-rock dei the pillows, la colonna sonora di FLCL rappresenta una novità assoluta nel mondo degli anime. È infatti formata da brani per lo più da cantati ed è stata composta quasi autonomamente dalle sequenze video. È contraddistinta da uno stile giovanile e frizzante, largamente apprezzato dai giovani giapponesi. Ha contribuito ad aumentare la popolarità dei the pillows in tutto il mondo.

Colonna sonora[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le musiche per la serie sono raccolte in tre album.

  • 04/10/2000 - FLCL No.1 Addict (フリクリNo.1 アディクト?); raccolta delle musiche degli episodi 1~3
  • 25/07/2001 - FLCL No.2 Kaizoku ō (フリクリNo.2 海賊王?); raccolta delle musiche degli episodi 4~6 ed alcuni drama (parti recitate)
  • 08/06/2005 - FLCL No.3 (フリクリNo.3?); raccolta di brani dei the pillows pubblicata in contemporanea anche negli Stati Uniti d'America

Curiosità[modifica | modifica wikitesto]

  • Non esiste una spiegazione univoca del significato delle parole Furi Kuri, traslitterazione in giapponese dell'espressione inglese «Fooly Cooly». Infatti nonostante i protagonisti si ritrovino spesso a ripeterle durante la serie, neanche loro stessi se ne spiegano l'origine. Alcuni collegano questa assenza di spiegazioni ufficiali con il fatto che Naota sia in realtà ancora un bambino e per questo non può conoscere la risposta all'interrogativo. Il fatto che durante la serie i personaggi pronuncino Fooly Cooly sostituendo le L con delle R è indicativo del fatto che per i giapponesi è particolarmente difficile distinguere i due suoni.
  • Nell'episodio 5 c'è una parodia del cartone animato South Park. Il regista ha spiegato che in Giappone tale riferimento non è stato compreso appieno dato che South Park laggiù non ha mai avuto un grande riscontro di pubblico. Lo stesso protagonista, Naota, ad un certo punto dell'episodio stringe i lacci del cappuccio della sua felpa finendo per somigliare a Kenny, di South Park. Inoltre, durante la distruzione dell'auto di Miya-Jun nell'episodio 3, tra i vari rottami svolazzanti si può intravedere un portachiavi a forma di Kenny sanguinante impalato da un arpione.
  • Nell'episodio 5 c'è anche un riferimento a Lupin III.
  • La bevanda nella lattina nera della serie è stata chiamata dagli autori "KaraC", riferimento alla parola giapponese karashi che significa mostarda o qualcosa con un forte gusto.
  • La maggior parte dei veicoli della serie sono europei (come la Vespa di Haruko, o la Volkswagen Beetle di Miya-Jun e la Fiat 126 di Amarao). La Vespa che si vede nella sigla finale appartiene al regista.
  • Molti personaggi sono mancini, questo secondo una visione particolare del regista che crede che tali persone abbiano una personalità più interessante. Stesso discorso per quanto riguarda le bibite e i cibi dai sapori forti.
  • Alcune voci di corridoio affermano che la serie doveva essere un anime sperimentale per permettere alla Gainax di utilizzare e sperimentare nuove tecniche artistiche, con cui in seguito avrebbero prodotto un anime di molti più episodi. Queste informazioni non sono state però mai confermate.
  • I the pillows hanno composto la maggior parte della colonna sonora, Shinkichi Mitsumune si è occupato solo di una traccia in un episodio.
  • La mano mostrata negli ultimi episodi appartiene effettivamente al regista.
  • Il doppiatore del gatto Miyu Miyu è accreditato come "?", ma in realtà è Hideaki Anno a fornirgli la voce.
  • Il modello del basso di Haruko è un Rickenbacker 4003 di colore blu, mentre la chitarra di Naota è una Gibson Flying-V del '61,
  • In uno degli ultimi episodi, Haruko combatte indossando un costume da coniglietta di Playboy, citazione ad un cortometraggio prodotto dalla GAINAX stessa per il XXII Annual Japan National SF Convention, noto come Daicon IV, del 1983.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga