Computer grafica

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Un paesaggio virtuale in computer grafica

La computer grafica (derivante dal termine inglese computer graphics o CG, anche nota in italiano come grafica digitale o grafica computerizzata) è la generazione e manipolazione di immagini per mezzo del computer.

È anche «quella disciplina che studia le tecniche e gli algoritmi per la visualizzazione di informazioni numeriche prodotte da un elaboratore»[1].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La computer grafica nasce per scopi industriali e militari nella 2ª metà degli anni sessanta del XX secolo, pertinenza esclusiva di computer dotati di grande potenza di calcolo e di componenti elettronici dedicati (detti schede video o sottosistemi grafici).

A partire dalla 2ª metà degli anni ottanta, pur continuando ad esistere sistemi professionali e dedicati, si sono diffusi i personal computer, con una sempre maggiore capacità tecnologica per l'elaborazione e visualizzazione di immagini (vedi per es. l'home computer Commodore Amiga).

Negli anni novanta la computer grafica è ormai dominio consolidato di tutti i computer con la diffusione di schede video di grande versatilità e potenza. Col passare degli anni, grazie all'evoluzione dell'informatica e all'abbassamento dei prezzi, i PC permisero a molte persone l'accesso alla computer grafica.

Applicazioni[modifica | modifica wikitesto]

Al giorno d'oggi è infatti parte integrante di una moltitudine di ambiti professionali e di consumo come i videogiochi, il ritocco fotografico, il montaggio di filmati, l'industria cinematografica ("film d'animazione digitale" ed effetti speciali dei film), la tipografia (impaginazione di giornali e riviste, anche detta desktop publishing), la progettazione grafica (CAD) nelle industrie metalmeccanica, elettronica, impiantistica ed edile, visualizzazione di dati tecnico/scientifici (CAE), sistemi informativi territoriali (SIT o GIS).

Difetti di rendering[modifica | modifica wikitesto]

Durante la computer grafica, come nel casi di scene 3d animate si possono verificare diversi inconvenienti:

  • Stuttering si tratta di un incostante generazione dei fotogrammi, il che conferisce un'animazione poco armoniosa, come se proseguisse a piccoli tratti molto ravvicinati, pur con un levato framerate, in quanto il carico di lavoro è mal ridistribuito o gestito.
  • Screen tearing si tratta di un disturbo che generalmente si verifica quando vengono generate troppe immagini per secondo o quando c'è una cattiva gestione di determinati elementi e sullo schermo possono essere visualizzati più fotogrammi, generando un'immagine spezzata.
  • Rallentamento o calo di frame, si verifica quando l'unità GPU non riesce a riprodurre le immagini in modo celere o quando la CPU non riesce a definire lo scenario da visualizzare in tempi brevi, generando un rallentamento in modo più o meno marcato della scena animata, questo difetto può presentarsi in modo costante, indicando un hardware poco potente o in modo sporadico indicando un carico non costante.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ R. Scateni, P. Cignoni, C. Montani, R. Scopigno. Fondamenti di Grafica Tridimensionale Interattiva, 2005, McGraw Hill, ISBN 88-386-6215-0

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità GND: 4010450-3
informatica Portale Informatica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di informatica