NHK

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altre voci che possono riferirsi alla stessa combinazione di 3 caratteri, vedi NHK (disambigua).
Logo di NHK

Nippon Hōsō Kyōkai (日本放送協会?), o semplicemente NHK per acronimo, è il servizio pubblico radiotelevisivo giapponese.

Opera con due servizi televisivi terrestri (NHK General TV e NHK Educational TV), 3 servizi satellitari (NHK BS-1, NHK BS-2, e NHK Hi-Vision in alta definizione) e 3 stazioni radio (NHK Radio 1, NHK Radio 2, NHK FM).

La NHK possiede anche un propria casa editrice: la Japan Broadcast Publishing.

Radio Giappone è stato per oltre cinquant'anni il servizio radiofonico in lingua italiana della NHK, la cui chiusura è avvenuta il 30 settembre 2007.

Storia[modifica | modifica sorgente]

È stata fondata nel 1926 sul modello della BBC, e nel 1941 è stata nazionalizzata dall'Esercito Imperiale Giapponese. Nel 1953 ha iniziato le prime trasmissioni televisive, a cui è seguita l'adozione del colore nel 1960. Dal 2000 trasmette in digitale.

Mascotte[modifica | modifica sorgente]

La popolare mascotte della NHK si chiama Dōmo-kun (どーもくん?): apparsa inizialmente in brevi sketch per segnalare la stazione, è un mostriciattolo quadrangolare nato da un uovo; è basso, peloso e marrone con degli occhi a palla neri, ed ha la particolarità di non poter chiudere la bocca, mostrando così perennemente i suoi denti appuntiti.

NHK World[modifica | modifica sorgente]

NHK World
Diffusione
Satellite
Digitale DVB-S, FTA su Eutelsat Hot Bird 13D (11.137 MHz)
Tivù Sat 55
Sky 506
Streaming
Streaming Adobe Flash, gratuito sul sito www.tiscali.it

Sotto il nome di NHK World rientrano le trasmissioni dirette agli ascoltatori d'oltremare, composte da servizi televisivi (NHK World TV, NHK World Premium) e radiofonici (NHK World Radio Japan) in ventidue lingue.

A causa del terremoto del Tōhoku del 2011, il canale all-news NHK World è stato reso disponibile al numero 506 da Sky Italia ai propri abbonati e al canale 70 della piattaforma Tivù Sat, per rendere fruibili le informazioni riguardanti i fatti connessi al catastrofico evento. In seguito il canale diventa una presenza stabile di entrambe le piattaforme satellitari.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione