Shōjo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Shojo.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

Il termine giapponese shōjo (少女? lett. "ragazza") indica anime e manga destinati a un pubblico femminile di età compresa tra gli ultimi anni dell'infanzia (dieci anni) e la fine dell'adolescenza (intorno alla maggiore età).[1]

Definizione del termine[modifica | modifica sorgente]

In Italia si ritiene erroneamente che uno shōjo sia un qualunque manga o anime che tratti tematiche sentimentali. Ad esempio, Video Girl Ai in Italia è classificato come shōjo, mentre in Giappone è considerato uno shōnen a tutti gli effetti. L'equivoco è generato dal fatto che uno shōjo non è tale per i suoi contenuti, che possono essere di qualunque tipo, ma per il pubblico a cui è indirizzato, cioè quello femminile giovane.

All'interno del genere esistono molte altre suddivisioni, che cercano di raggiungere in maniera capillare fasce d'età ristrette (dai dieci ai dodici anni, dai dodici ai quattordici, e così via). I maggiori successi shōjo, comunque, vengono fruiti trasversalmente anche da persone di età maggiore, o anche di genere maschile.

Breve storia degli shōjo manga[modifica | modifica sorgente]

Fino alla fine degli anni sessanta gli shōjo manga sono stati creati soprattutto da autori uomini (uno fra tutti Osamu Tezuka). In seguito cominciano a essere realizzati principalmente da donne, che ne modificano profondamente tematiche e grafica.

Considerati a lungo come fumetti minori di scarso valore, l'affermazione degli shōjo manga si ha nel corso degli anni settanta, grazie ad autrici come Riyoko Ikeda, Mōto Hagio e Keiko Takemiya.

Inizialmente incentrati su tematiche sentimentali, con ambientazioni europee, personaggi idealizzati e situazioni melodrammatiche, gli shōjo manga ampliano col trascorrere degli anni i loro soggetti, spaziando dall'horror allo sport, dalla fantascienza sino al realismo contemporaneo, tipico dei titoli più recenti.

Dal punto di vista grafico gli shōjo manga si distinguono per un'impaginazione libera, un ampio uso di elementi simbolici per esprimere gli stati d'animo (celebri le decorazioni floreali), personaggi dai fisici eterei e gli occhi dalle dimensioni pronunciate.

Negli anni più recenti, tuttavia, autrici come Naoko Takeuchi, Moyoco Anno o Kyoko Okazaki hanno preferito una grafica più veloce, volutamente scarna e sgradevole, lontana dagli idealismi degli shōjo manga classici, nel tentativo di dipingere con maggior realismo l'alienazione contemporanea.

Tra i sottogeneri particolarmente fiorenti e notevoli dello shōjo manga ci sono il mahō shōjo (opere a carattere fantastico) e gli shōnen'ai (opere a sfondo omosessuale maschile).

Gli shōjo in Italia[modifica | modifica sorgente]

Nonostante uno dei primissimi fumetti giapponesi originali pubblicati in Italia, Candy Candy, fosse uno shōjo manga, e malgrado il successo della sua trasposizione anime, come anche quella di altri noti titoli quali Georgie, Jenny la tennista o Lady Oscar, il genere ha avuto molte difficoltà a imporsi presso il pubblico nostrano. Ancora a metà degli anni novanta, per esempio, il tentativo di proporre in Italia uno shōjo manga classico ed estremamente celebre, quale Caro Fratello, ebbe un esito sfavorevole nelle vendite, consolidando spesso fra gli editori la convinzione che la pubblicazione di shōjo manga non garantisse un sufficiente ritorno economico.

Solo alla fine degli anni novanta gli shōjo manga riescono a ritagliarsi un loro spazio tra il pubblico italiano, grazie soprattutto a titoli come Mars, Marmalade Boy e Cortili del cuore, aprendo la strada a molte altre opere.

All'inizio degli anni duemila, in Italia gli shōjo manga si affermano definitivamente, con la traduzione di decine e decine di titoli.

Lista parziale di shōjo manga[modifica | modifica sorgente]

Altri usi del termine[modifica | modifica sorgente]

Nella serie TV della CW Supernatural (episodio 7×18), Shojo è il nome di un mostro o fantasma assassino invisibile tranne per gli ubriachi. Può essere ucciso con una spada da samurai benedetta da un sacerdote in una cerimonia shintoista.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Davide Castellazzi, A-Z Manga. Guida al fumetto giapponese, Coniglio Editore, 2004, p. 149.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

  • Mario A. Rumor, Come bambole. Il fumetto giapponese per ragazze, Latina, Tunué, 2005. ISBN 88-89613-09-2

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga