Casa editrice

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Una casa editrice è un'impresa o un'associazione la cui attività principale consiste nella produzione e distribuzione di libri o di testi stampati in genere. Oggi l'attività editoriale comporta anche la pubblicazione di opere su supporti digitali, nati grazie allo sviluppo delle tecnologie dell'informazione e della comunicazione.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Origini[modifica | modifica sorgente]

Le più antiche case editrici tuttora esistenti sono nate in seno al mondo accademico. Sono la Cambridge University Press (fondata nel 1583) e la Oxford University Press (1586).

Al di fuori del mondo accademico, le prime case editrici comparvero alla metà del XVIII secolo. È da notare che nella lingua dell'epoca erano chiamate ancora “librerie”, pur se avevano tutti i caratteri di un'impresa commerciale.

I rapporti economici con gli autori erano tutti a favore del libraio: questi riservava per sé i diritti esclusivi di edizione, corrispondendo all'autore una cifra prestabilita per ciascuna opera. Molti librai commissionavano a uno stampatore la realizzazione materiale del libro. La diffusione e la distribuzione erano affidate a professionisti esterni (commercianti e ambulanti).

Il XIX secolo[modifica | modifica sorgente]

Il processo di accorpamento di tipografia, libreria e uffici commerciali in seno alla stessa impresa si verificò in un periodo che va (a seconda delle aree geografiche) dal 1780 agli anni '40 del XIX secolo:

  • Inghilterra, Fiandre e Olanda: in corrispondenza della Rivoluzione industriale; anche i servizi di consegna di libri a domicilio apparvero per la prima volta a Londra, Bruxelles ed Amsterdam;
  • Francia: dopo il vento di libertà durante la Rivoluzione, Napoleone fissò le regole fondamentali dell'attività libraria in Francia;
  • Germania e Italia: in questi due Paesi le prime case editrici in senso moderno apparvero dopo la Restaurazione.

In questo periodo si affermano: in Gran Bretagna l'inglese Richard Bentley (1794-1871, editore di Charles Dickens) e gli scozzesi Adam e Charles Black (già redattori dell'Encyclopædia Britannica) e John Murray; in Francia Charles Joseph Panckoucke; in Germania Friedrich Christoph Perthes; in Italia (a Torino) Giuseppe Pomba. Nel 1840 Louis Hachette, libraio-editore parigino, avvia un servizio di distribuzione di libri in tutta la Francia attraverso accordi con le ferrovie nazionali. I libri di Hachette sono acquistabili in tutte le stazioni francesi.

Nel corso della prima metà del XIX secolo, al progresso dell'alfabetizzazione si accompagna un aumento della produzione di libri e una diversificazione della qualità: dai libri eruditi alle edizioni popolari in formato tascabile. I giornali, che cominciano ad avere tirature importanti, offrono ai propri lettori romanzi d'appendice a puntate; nelle case entrano i primi libri illustrati per ragazzi. Si assiste alla nascita di quelli che verranno chiamati best seller, con autori come Alessandro Manzoni in Italia, Alexandre Dumas in Francia e Walter Scott in Inghilterra. Vengono fondate in questo periodo alcune case editrici tuttora di primo piano: Bertelsmann in Germania (1837), Hachette in Francia (1826, oggi Hachette Livre), Pearson in Inghilterra (1844). In Italia appaiono Sonzogno ed Hoepli, mentre nella seconda metà del secolo nascono Treves e la Utet. Alla fine del secolo le grandi case editrici scoprono un nuovo mercato: quello dell'istruzione. Nascono nuove riviste illustrate, ... le enciclopedie per ragazzi, i vocabolari ad uso scolastico. Per quanto riguarda il mondo adulto, è il romanzo il genere più gradito.

Il XX secolo[modifica | modifica sorgente]

Verso il 1910 appaiono le prime grandi case editrici americane (McGraw-Hill). Nel periodo tra le due guerre nascono in Italia due gruppi che sono ancora oggi ai vertici del mercato: Arnoldo Mondadori Editore e Rizzoli Editore.

I grandi gruppi[modifica | modifica sorgente]

Nel secondo dopoguerra, i popoli europei conoscono un periodo sviluppo economico che li porta al benessere. Nuovi lettori si affacciano al mercato, subito contesi dalle case editrici a colpi di prodotti di largo consumo. Invece nella fascia alta appaiono collane come la Pléiade in Francia e i Meridiani in Italia.

A partire dagli anni settanta le case editrici cominciano a riorganizzarsi: si verificano molte fusioni, nascono i primi gruppi multimediali: McGraw-Hill negli Stati Uniti, Rizzoli e De Agostini in Italia, mentre in Francia la Hachette, acquisita dal gruppo Lagardère, diventa il marchio più presente in assoluto nelle librerie oltralpe.

Nel decennio 1990-2000 le case editrici non sono più acquistate da altre case editrici, ma dalle multinazionali. Succede alle grandi casi statunitensi, così come a quelle europee. Numerosi marchi vengono rilevati da grandi società d'investimento, che non hanno nulla a che vedere con l'editoria: la casa editrice diventa un fiore all'occhiello, che pesa in molti casi meno del 10% del fatturato totale del gruppo.

ad esempio, i francesi Flammarion sono rilevati da RCS Mediagroup, che poi li rivende nel 2012.

Principali gruppi editoriali nel mondo[modifica | modifica sorgente]

Un gruppo editoriale comprende diverse case editrici con le loro filiali. La nazionalità di un gruppo è quella del proprietario e/o di chi possiede la quota maggioritaria.
La tabella sottostante mostra il fatturato dei grandi gruppi mondiali nel 2009, paragonato a quello del 2008. I valori, espressi in euro, riguardano esclusivamente i rami d'attività relativi a libri ed affini.
Dal punto di vista geografico e finanziario, la tabella mostra che l'Europa domina il mercato mondiale del libro e dell'editoria in generale, con un volume globale aggregato di oltre 28 miliardi di euro (2009).

Casa editrice Proprietario Paese Fatturato 2008 Fatturato 2009
Reed Elsevier Azionariato diffuso Regno Unito Regno Unito
Paesi Bassi Paesi Bassi
4 586 5 024
Pearson PLC Azionariato diffuso Regno Unito Regno Unito 5 044 5 290
Thomson Reuters The Woodbridge Company Ltd. Canada Canada 3 485 3 812
Wolters Kluwer[1] Azionariato diffuso Paesi Bassi Paesi Bassi 3 374 3 425
Houghton Mifflin Consorzio bancario[2] Stati Uniti Stati Uniti 1 393 1 116
Carl Bertelsmann Verlag[3] Bertelsmann AG Germania Germania 2 980 2 969
Hachette Livre Gruppo Lagardère Francia Francia 2 159 2 273
Grupo Planeta Azionariato diffuso Spagna Spagna 1 760 1 804
McGraw-Hill Education Azionariato diffuso Stati Uniti Stati Uniti 1 794 1 619
Mondadori Gruppo Fininvest Italia Italia 1 819 1 540
John Wiley & Sons[4] Azionariato diffuso Stati Uniti Stati Uniti 1 128 1 123
De Agostini S.p.A. B&D Holding/Gruppo De Agostini Italia Italia 1 559 1 616
Verlagsgruppe Georg von Holtzbrinck[5] Verlagsgruppe Georg von Holtzbrinck Germania Germania 1 369 2 255
HarperCollins News Corporation Stati Uniti Stati Uniti
Australia Australia
944 796
Simon & Schuster[6] CBS Corporation Stati Uniti Stati Uniti 583 555
RCS Libri RCS MediaGroup Italia Italia 692 578
Cengage Learning Apax Partners, OMERS Stati Uniti Stati Uniti 1 172 1 366
Scholastic Corporation Scholastic Stati Uniti Stati Uniti 1 499 1 290
Shueisha Shueisha Giappone Giappone 902 1 010
Shogakukan Shogakukan Giappone Giappone 927 966
Kodansha Dai-Nippon Yūbenkai Giappone Giappone 886 943
Springer Science+Business Media EQT Partners - GIC Svezia Svezia
Singapore Singapore
880 857
Informa Informa plc Regno Unito Regno Unito 803 733
Bonnier The Bonnier Group Svezia Svezia 616 654
Oxford University Press Oxford University Regno Unito Regno Unito 619 640
Grupo Santillana PRISA Spagna Spagna 580 617
Gakken Gakken Co. Ltd. Giappone Giappone 515 590
Egmont Group[7] Egmont International Holding Danimarca Danimarca 644 585
Reader's Digest RDA Holding Co Stati Uniti Stati Uniti 756 529
Klett Verlag Klett Gruppe Germania Germania 434 466
Cornelsen Verlag Cornelsen Germania Germania 354 431
Stati Uniti
Regno Unito

A Londra hanno sede due tra i più grandi gruppi editoriali: Pearson e Reed Elsevier. Altro dato significativo è la presenza delle due case editrici universitarie più importanti del mondo: Cambridge University Press (1583) e Oxford University Press (1586), che sono anche le più antiche in assoluto.

Francia

Com'è noto, a Parigi risiede la maggioranza delle industrie del paese. L'editoria non fa eccezione: nella capitale hanno sede il 70% delle case editrici francesi. Il mercato francese è stato dominato per lunghi anni da Hachette. Fino a circa l'anno 2000, quando lo storico marchio è stato surclassato dal Groupe de la Cité. Oggi quest'ultima casa figura tra i primi sei gruppi editoriali del mondo. Dietro ai due colossi, il vuoto: nessun'altra casa editrice francese appare tra le prime 30 del mondo nella classifica del 2010.
Tutte le case sono costrette ad una politica di acquisizione di marchi, per aumentare la propria visibilità. Nel giugno 2012 Gallimard ha acquisito il gruppo Flammarion da RCS Mediagroup, diventando la terza forza del mercato librario francese.

Germania

Il mercato tedesco è dominato da un unico grande gruppo, Bertelsmann, primo sia nel settore cartaceo che nel settore multimediale.

Italia
Cina

Il colosso asiatico rappresenta un paese emergente nel settore. Si contano oltre 570 case editrici (2008), di cui la metà hanno sede a Pechino. Il volume d'affari totale raggiunge i 5 miliardi di euro (2008)

Giappone

Nel Paese del Sol levante i primi quattro gruppi producono ricavi per 3,5 miliardi di euro. Tra essi, Kodansha mantiene tuttora la posizione di rilievo.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Fatturato del settore libri.
  2. ^ Il vecchio proprietario era Education Media & Publishing Group (fine del 2010).
  3. ^ Comprende i marchi Random House et Gruner und Jahr.
  4. ^ Secondo i dati di bilancio pubblicati online il 30 aprile 2011.
  5. ^ I dati sono ricavati dal sito ufficiale del Gruppo online dal maggio 2012.
  6. ^ Per estensione, “CBS Publishing”, che comprende i prodotti commerciabili nelle librerie.
  7. ^ Il fatturato consolidato del gruppo, sommando tutte le attività, è in realtà di 1.420 milioni di euro (2010).

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

editoria Portale Editoria: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di editoria