Fandango (azienda)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fandango
Logo
Stato Italia Italia
Fondazione 1º gennaio 1989 a Roma
Sede principale Viale Gorizia, 19
00198 Roma
Persone chiave Domenico Procacci
Settore Intrattenimento
Prodotti Film, libri, radio, fumetti, musica
Sito web www.fandango.it

La Fandango è una casa di produzione e distribuzione cinematografica, una casa editrice ed una casa discografica fondata nel 1989 da Domenico Procacci.

Il nome è ispirato all'omonimo film di Kevin Reynolds con Kevin Costner. Il logo animato che apre i film prodotti e distribuiti dalla Fandango è stato realizzato da Gianluigi Toccafondo.

L'azienda inizia come produzione cinematografica e si estende nel corso degli anni ad editoria (1998), musica (2001), web tv, radio web, distribuzione cinematografica (2000), gestione caffè letterari e sale cinema.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Il primo film La stazione, è presentato alla Mostra del Cinema di Venezia, ottiene il David di Donatello per il miglior regista esordiente e Nastro d'Argento al miglior regista esordiente.

Nel 1992 prima produzione cinematografica internazionale, con Bad Boy Bubby di Rolf de Heer. La cui collaborazione port nel 2002 all'apertura di una sede australiana della Fandango.

Nel 1998 sono prodotti due film esordienti: Radiofreccia, di Luciano Ligabue, e Ecco fatto di Gabriele Muccino.

Nel 2000 viene creata la Fandango Distribuzione, il cui primo prodotto è Il partigiano Johnny di Guido Chiesa, a cui segue nel 2001, L'ultimo bacio di Gabriele Muccino. Lo stesso anno cui viene fondata l'etichetta discografica RadioFandango, inizialmente per pubblicare le colonne sonore dei film prodotti, dal 2005 casa discografica a tutti gli effetti.

La Fandango possiede una propria sala cinematografica, il Politecnico, storico cineclub del quartiere Flaminio di Roma, e un luogo di incontro e promozione, il Caffè Fandango.

Produzioni e distribuzioni cinematografiche[modifica | modifica wikitesto]

Lungometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Documentari[modifica | modifica wikitesto]

Cortometraggi[modifica | modifica wikitesto]

Editoria[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1998 la Fandango fonda la casa editrice "Fandango Libri", che pubblica fumetti, narrativa, saggistica, poesia e teatro; rinnovata con un nuovo assetto societario nel 2005. pubblica sia autori famosi, come Andrea Pazienza, e scrittori emergenti come scrittore Maurizio De Giovanni.

Ha acquistato la casa editrice Playground fondata da Andrea Bergamini, che ne era direttore editoriale, e che resterà alla guida della casa editrice e socio insieme a Domenico Procacci. Playground si occupa esclusivamente di narrativa, inclusa quella popolare con la collana High School[1] e narrativa per ragazzi.[2].

Ha inoltre rilevato, nel corso del 2009, la casa editrice di fumetti Coconino Press fondata da Igort che pubblica opere del fumetto mondiale.

Nel febbraio 2011 Fandango rileva la casa editrice Alet e tramite essa la casa editrice Beccogiallo[3] Alet, con sede a Padova, che ripropone classici del passato.

La Fandango ha acquistato nel 2012 Orecchio Acerbo studio grafico e casa editrice di libri e fumetti, fondata e diretta da Fausta Orecchio e Simone Tonucci che ne hanno curato anche l’aspetto grafico, nata a Roma nel dicembre 2001 ][4].

Il nuovo gruppo, rinominato "Fandango Editore", è diretto da Edoardo Nesi, vincitore del Premio Strega 2011 e imprenditore, già socio della Fandango Libri dal 2005[5][6].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Editoria, Fandango acquisisce Playground - Affaritaliani.it
  2. ^ FANDANGO Nuova collaborazione editoriale con la casa editrice Playground
  3. ^ Editoria. Padova perde la Alet acquisita dalla Fandango - Cronaca - il Mattino di Padova
  4. ^ Scrittori di orecchio acerbo editore
  5. ^ Fandango cresce ancora | Via dei Serpenti
  6. ^ E' nato il gruppo Fandango Editore | Blitz quotidiano

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]