Baciami ancora

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'omonimo singolo di Jovanotti, vedi Baciami ancora (singolo).
Baciami ancora
Baciami ancora.jpg
Una scena del film
Paese di produzione Italia
Anno 2010
Durata 139 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico, romantico
Regia Gabriele Muccino
Soggetto Gabriele Muccino
Sceneggiatura Gabriele Muccino, Sandro Petraglia, Stefano Rulli
Produttore Domenico Procacci
Musiche Paolo Buonvino
Tema musicale Baciami ancora di Jovanotti
Interpreti e personaggi

Baciami ancora è un film del 2010 scritto e diretto da Gabriele Muccino.

Il film, sequel de L'ultimo bacio, è uscito nelle sale cinematografiche il 29 gennaio 2010. Nel weekend di apertura il film ha incassato 3.119.351 euro. In totale ha incassato oltre 9 milioni di euro.

Trama[modifica | modifica sorgente]

La storia si svolge a Roma, dieci anni dopo il primo episodio, e narra l'evoluzione della storia raccontata in L'ultimo bacio: Carlo e Giulia stanno per concludere il loro divorzio; lei, che ha in affidamento la piccola Sveva, convive da tre anni con Simone, mentre Carlo ha una relazione con la venticinquenne Anna. Paolo, depresso e dipendente dagli psicofarmaci, ha iniziato una relazione con Livia la moglie di Adriano, di ritorno dopo aver scontato una lunga condanna per aver tentato di importare un carico di cocaina dalla Colombia.

Marco, in apparenza felicemente sposato con Veronica, nasconde in realtà una profonda crisi aggravata dalla vana attesa di un figlio. Alberto, tornato dal goliardico viaggio con gli amici alla fine del primo film, cova ancora la voglia di evadere dalla routine che li sta schiacciando tutti. La situazione è destinata ad esplodere per tutti i protagonisti. Carlo, nonostante i continui reciproci tradimenti, non ha mai dimenticato Giulia: li riavvicinerà un malore in ufficio, a causa del quale Carlo crederà di avere un male incurabile, in realtà dovuto ad una ciste congenita al cervello.

Un momento di vera passione avrà come conseguenza una nuova gravidanza e Anna, riconoscendo che i due si amano ancora, si farà da parte. Marco, irritato dalle continue uscite serali di Veronica con le amiche mentre lui fa tardi in ufficio, le chiede di essere onesta con lui e di non tradirlo. La donna inizia però una relazione con il giovane artista Lorenzo. Marco, disperato di fronte alla decisione di Veronica di andarsene di casa, viene trattenuto dagli amici dal fare uno sproposito e comincia a chiedersi dove possa aver sbagliato: accetta di tornare dall'analista e di sottoporsi ai controlli sulla fertilità che aveva sempre rifiutato.

Veronica scoprirà di essere incinta di Lorenzo, ma di fronte alla reazione immatura del giovane che non vuole legami, tornerà in lacrime da Marco chiedendogli di perdonarla. I due accoglieranno il bambino come quel figlio che non avevano potuto avere insieme. Adriano, senza un lavoro, si è stabilito temporaneamente da Carlo e ha preso in gestione il negozio di Paolo, lieto di liberarsi dell'odiato negozio di immagini sacre.

Livia vorrebbe che il figlio non conoscesse neppure il padre, ma poi gli permette di incontrarlo; vorrebbe essere felice con Paolo ma ha paura dei suoi continui cambi d'umore e della sua dipendenza dai farmaci, tanto da non permettergli mai di dormire da lei. Paolo, caduto in una crisi senza scampo, giocherà alla roulette russa con la pistola del padre finché non indovinerà tragicamente il colpo. Tutti gli amici si ritroveranno all'obitorio. Il film si chiude con l'immagine di Alberto che, ripartito come aveva progettato, è giunto in Brasile con in tasca appena 2.300,00€ e sorride di fronte alle cascate.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Le riprese del film sono iniziate venerdì 26 giugno 2009 a Roma e terminate mercoledì 30 settembre 2009. Domenico Procacci, produttore del film del 2001, ha confermato la presenza di gran parte del cast del primo film (tranne che per il ruolo di Giulia, per il quale Vittoria Puccini ha preso il posto di Giovanna Mezzogiorno): Stefano Accorsi, Claudio Santamaria, Sabrina Impacciatore, Pierfrancesco Favino, Daniela Piazza, Marco Cocci e Giorgio Pasotti. Ha aggiunto anche la presenza di quattro new entry: Valeria Bruni Tedeschi, Adriano Giannini, Francesca Valtorta e Primo Reggiani. Il ruolo di Sveva viene interpretato da Sara Girolami.

Giovanna Mezzogiorno ha rifiutato di interpretare di nuovo il ruolo di Giulia, tale rifiuto ha fatto parecchio arrabbiare Muccino che ha dichiarato "Giovanna si può segnare sull'agenda che non lavorerà più con me". Mentre stavano iniziando le riprese, girò voce che il ruolo di Giulia dovesse essere interpretato dalla Pandolfi, ma poi il regista le preferì la Puccini.[1] Martina Stella, che nel primo film interpretava Francesca, la liceale che fece perdere la testa a Carlo, ha dichiarato di aver rifiutato di tornare al ruolo che le diede la fama: «Provo tanto affetto per Gabriele Muccino, gli devo immensa riconoscenza per aver creduto in me, ma credo che quel personaggio sia finito lì nell'Ultimo Bacio. Trovo che sia più giusto, per me, non proseguire».

Muccino, qualche giorno dopo, ha affermato di non averle mai offerto il ruolo: «È stato divertente scoprire che Martina Stella ha rifiutato una parte che in realtà non è mai esistita. Mi dispiace che Martina si faccia pubblicità in questo modo, ma voglio chiarire che il suo ruolo era realmente finito nel primo film. Non è mai stato previsto uno sviluppo del ruolo. Giovanna (Mezzogiorno ndr) almeno ha rifiutato qualcosa che c'è. Solo nella prima stesura del copione era previsto un piccolissimo cameo in omaggio a Martina, che poi è stato tagliato. Oggi chiunque abbia in mano il copione sa che quel ruolo non esiste più.»

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Riferimenti[modifica | modifica sorgente]

Verso la fine del film c'è un omaggio alla grande commedia italiana: Adriano, Paolo e Alberto in Piazza della Consolazione, litigano ognuno andando per la sua strada, come nel film C'eravamo tanto amati (1974) di Ettore Scola quando i tre amici interpretati da Vittorio Gassman, Stefano Satta Flores e Nino Manfredi litigano nella stessa piazza.

Durante il film c'è una scena in cui Carlo e Adriano stanno vedendo in TV Io sono leggenda chiaro omaggio a Will Smith, che ha lavorato con Gabriele Muccino nei film La ricerca della felicità e Sette anime.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Giovanna Mezzogiorno dice no al Sequel de "L'ultimo Bacio"

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema