Carlo Mazzacurati

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Carlo Mazzacurati (Padova, 2 marzo 1956Padova, 22 gennaio 2014) è stato un regista e sceneggiatore italiano.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlio dell'ingegnere Giovanni Mazzacurati, fin da bambino si dedica alle arti teatrali, con numerosi consensi; da qui la sua citazione "Nella vita dovremmo recitare un po' tutti quanti. Teatro è rompere gli schemi, cinema è capovolgere la realtà". All'Università di Bologna negli anni settanta è fra i primi studenti del corso di laurea in DAMS. È animatore del cineclub padovano Cinema Uno assieme a Piero Tortolina. Nel 1979 realizza grazie a un'eredità un film in 16mm, Vagabondi, che nel 1983 vince il premio di distribuzione offerto dalla Gaumont al festival milanese Filmmaker. Ma la successiva smobilitazione della casa di distribuzione impedisce al film di raggiungere le sale.

Si trasferisce a Roma, dove lavora ai testi di alcune trasmissioni televisive e nel 1985 scrive assieme a Franco Bernini la sceneggiatura di Notte italiana che, con Marco Messeri (il quale diverrà il suo attore feticcio) protagonista e Nanni Moretti produttore, trasforma in film nel 1987. Di due anni dopo è Il prete bello, tratto dall'omonimo romanzo di Goffredo Parise e ambientato a Vicenza. Collabora alle sceneggiatura di Marrakech Express (vincitore del Premio Solinas) insieme a Gabriele Salvatores, Fracchia contro Dracula di Neri Parenti e Domani accadrà di Daniele Luchetti.

Conquista il Leone d'Argento nel 1994 con la pellicola Il toro, che ha come protagonista Diego Abatantuono. Ha recitato piccole parti in quattro film di Nanni Moretti (Palombella rossa del 1989, Caro diario del 1994, Il grido d'angoscia dell'uccello predatore (20 tagli d'Aprile) del 2001 e Il caimano del 2006). Realizza L'estate di Davide (1998) e La lingua del santo (2000), oltre che i documentari della serie Ritratti su Mario Rigoni Stern, Andrea Zanzotto e Luigi Meneghello con le interviste di Marco Paolini. Nel 2006 interpreta un piccolo ruolo in Zeldman di Cosimo Messeri.

Nel 2007 gira La giusta distanza con protagonista Valentina Lodovini. Nel 2009 ha co-prodotto con Angelo Barbagallo ed Edoardo Scarantino il film-documentario The One Man Beatles di Cosimo Messeri, in concorso alla IV edizione della Festa del Cinema di Roma e candidato ai David di Donatello 2010 come miglior film documentario. Nel 2010 dirige Silvio Orlando in La passione. Sempre nel 2010 gira il documentario Sei Venezia, con sei storie dedicate ad altrettanti personaggi veneziani. Nel dicembre 2011 viene nominato primo presidente della nuova Fondazione Cineteca di Bologna[1][2].

Nel 2012 realizza Medici con l'Africa, film documentario girato in Mozambico che racconta l'attività dei volontari di Medici con l'Africa Cuamm, la più grande organizzazione italiana per la tutela della salute delle popolazioni africane. Nel novembre 2013 riceve il Gran Premio Torino per la carriera.[3] Proprio a Torino, nell'ambito del Torino film festival, presenta il suo ultimo film La sedia della felicità, in sala nella primavera 2014 ed interpretato da Isabella Ragonese e Valerio Mastandrea. Si tratta di un film girato in Trentino e prodotto da Angelo Barbagallo.

Muore a 57 anni il 22 gennaio 2014 all'ospedale di Padova, dopo una grave malattia durata alcuni mesi.[4] La camera ardente è stata allestita il 25 gennaio a Padova presso la sede di Medici con l'Africa Cuamm.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Era sposato con Marina Zangirolami, da cui ha avuto una figlia.[4]

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

51ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia

  • 2001: Recanati, Premio "Ludovico Alessandrini" per il Cinema di Poesia -

Torino film festival

  • 2010: 67ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia - presentazione di La passione
  • 2010: 67ª Mostra internazionale d'arte cinematografica di Venezia fuori concorso - Sei Venezia
  • 2013: Gran Premio Torino Film Festival[5]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ .Mazzacurati Presidente della Fondazione Cineteca di Bologna, L'Informazione 29 dicembre 2011
  2. ^ Nominato il nuovo consiglio di amministrazione, da CinetecaBologna.it, 28 dicembre 2011 url consultato il 2 gennaio 2012
  3. ^ corriere.it
  4. ^ a b Morto Carlo Mazzacurati, Corriere del Veneto, 22 gennaio 2014
  5. ^ Tff, Gran Premio a Mazzacurati
  6. ^ http://www.mediciconlafrica.org/ilfilm

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]


Controllo di autorità VIAF: 18121512 LCCN: n2004007678