Premio Strega

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Gli Amici della Domenica, foto di gruppo

Il Premio Strega è un riconoscimento che viene assegnato annualmente a un libro pubblicato in Italia tra il 1º aprile dell’anno precedente ed il 31 marzo dell’anno in corso. Dal 1986 è organizzato e gestito dalla Fondazione Bellonci. È universalmente riconosciuto come il premio letterario più prestigioso d'Italia, oltre a godere di una consolidata fama in Europa e nel resto del mondo.

Origini ed evoluzione[modifica | modifica sorgente]

Il Premio è stato istituito nel 1947, all'interno del salotto letterario di Maria e Goffredo Bellonci, con il contributo di Guido Alberti, proprietario della casa produttrice del Liquore Strega, che dà il nome al Premio e continua a finanziare la manifestazione.

Nel dopoguerra, il Premio diventa un traino per il mondo della cultura italiana, logorato da oltre vent'anni di dittatura fascista e dal recente conflitto. "Cominciarono, nell'inverno e nella primavera 1944, a radunarsi amici, giornalisti, scrittori, artisti, letterati, gente di ogni partito unita nella partecipazione di un tema doloroso nel presente e incerto nel futuro. Poi, dopo il 4 giugno, finito l'incubo, gli amici continuarono a venire: è proprio un tentativo di ritrovarsi uniti per far fronte alla disperazione e alla dispersione", ha scritto Maria Bellonci, ideatrice del Premio.

Il primo scrittore a ricevere il Premio Strega, nel 1947, è stato Ennio Flaiano, con il libro Tempo di uccidere. Ad oltre sessant'anni dall'istituzione, dieci donne hanno vinto il Premio: per prima, nel 1957, Elsa Morante, seguita da Natalia Ginzburg, Anna Maria Ortese, Lalla Romano, Fausta Cialente, la stessa Maria Bellonci, Mariateresa Di Lascia, Dacia Maraini, Margaret Mazzantini e Melania G. Mazzucco.

Fino all'edizione del 2013, soltanto lo scrittore Paolo Volponi ha vinto più di una volta il Premio Strega, due per l'esattezza: nel 1965, con La macchina mondiale; nel 1991, con La strada per Roma.

Alcune delle opere premiate con il Premio Strega sono divenute colonne portanti della letteratura contemporanea: da Il nome della rosa di Umberto Eco, che ha venduto cinquanta milioni di copie in tutto il mondo, grazie alla traduzione in decine di lingue, a Il gattopardo di Giuseppe Tomasi di Lampedusa, un classico della letteratura italiana.

All'edizione del 2013, il Premio Strega è stato assegnato ogni anno ad un solo scrittore, poiché non si sono mai verificate condizioni di parità nel computo finale dei voti. Nel 2006, tuttavia, accanto a Caos Calmo di Sandro Veronesi, anche la Costituzione italiana ha ricevuto un Premio Strega onorario, al di fuori della classica competizione.

Modalità di premiazione[modifica | modifica sorgente]

Il meccanismo del Premio prevede che la scelta del vincitore sia affidata ad un gruppo di quattrocento uomini e donne di cultura, tra cui gli ex vincitori. Coloro che compongono la giuria sono tuttora chiamati Amici della domenica, dal giorno prescelto per le loro prime riunioni[1]. I quattrocento giurati possono proporre dei titoli a loro graditi, purché ogni candidatura sia supportata almeno da due di loro; un'ulteriore selezione (tipicamente nel mese di giugno) designa la cinquina delle opere finaliste. In ultimo, il primo giovedì del mese di luglio, nel ninfeo di Villa Giulia a Roma, è scelta l'opera vincitrice, con votazione finale degli Amici della domenica. La designazione del vincitore ha suscitato talvolta polemiche nel mondo della cultura e dell'editoria, alimentando l'attenzione dell'opinione pubblica per il Premio.[2]

Albo dei vincitori[modifica | modifica sorgente]

Anno Vincitore Opera Editore
1947 Ennio Flaiano Tempo di uccidere Longanesi
1948 Vincenzo Cardarelli Villa Tarantola Meridiana
1949 Giovanni Battista Angioletti La memoria Bompiani
1950 Cesare Pavese La bella estate Einaudi
1951 Corrado Alvaro Quasi una vita Bompiani
1952 Alberto Moravia I racconti Bompiani
1953 Massimo Bontempelli L'amante fedele Mondadori
1954 Mario Soldati Lettere da Capri Garzanti
1955 Giovanni Comisso Un gatto attraversa la strada Mondadori
1956 Giorgio Bassani Cinque storie ferraresi Einaudi
1957 Elsa Morante L'isola di Arturo Einaudi
1958 Dino Buzzati Sessanta racconti Mondadori
1959 Giuseppe Tomasi di Lampedusa Il gattopardo Feltrinelli
1960 Carlo Cassola La ragazza di Bube Einaudi
1961 Raffaele La Capria Ferito a morte Bompiani
1962 Mario Tobino Il clandestino Mondadori
1963 Natalia Ginzburg Lessico famigliare Einaudi
1964 Giovanni Arpino L'ombra delle colline Mondadori
1965 Paolo Volponi La macchina mondiale Garzanti
1966 Michele Prisco Una spirale di nebbia Rizzoli
1967 Anna Maria Ortese Poveri e semplici Vallecchi
1968 Alberto Bevilacqua L'occhio del gatto Rizzoli
1969 Lalla Romano Le parole tra noi leggere Einaudi
1970 Guido Piovene Le stelle fredde Mondadori
1971 Raffaello Brignetti La spiaggia d'oro Rizzoli
1972 Giuseppe Dessì Paese d'ombre Mondadori
1973 Manlio Cancogni Allegri, gioventù Rizzoli
1974 Guglielmo Petroni La morte del fiume Mondadori
1975 Tommaso Landolfi A caso Rizzoli
1976 Fausta Cialente Le quattro ragazze Wieselberger Mondadori
1977 Fulvio Tomizza La miglior vita Rizzoli
1978 Ferdinando Camon Un altare per la madre Garzanti
1979 Primo Levi La chiave a stella Einaudi
1980 Vittorio Gorresio La vita ingenua Rizzoli
1981 Umberto Eco Il nome della rosa Bompiani
1982 Goffredo Parise Sillabario n.2 Mondadori
1983 Mario Pomilio Il Natale del 1833 Rusconi
1984 Pietro Citati Tolstoj Longanesi
1985 Carlo Sgorlon L'armata dei fiumi perduti Mondadori
1986 Maria Bellonci Rinascimento privato Mondadori
1987 Stanislao Nievo Le isole del paradiso Mondadori
1988 Gesualdo Bufalino Le menzogne della notte Bompiani
1989 Giuseppe Pontiggia La grande sera Mondadori
1990 Sebastiano Vassalli La chimera Einaudi
1991 Paolo Volponi La strada per Roma Einaudi
1992 Vincenzo Consolo Nottetempo, casa per casa Mondadori
1993 Domenico Rea Ninfa plebea Leonardo
1994 Giorgio Montefoschi La casa del padre Bompiani
1995 Mariateresa Di Lascia Passaggio in ombra Feltrinelli
1996 Alessandro Barbero Bella vita e guerre altrui di Mr. Pyle, gentiluomo Mondadori
1997 Claudio Magris Microcosmi Garzanti
1998 Enzo Siciliano I bei momenti Mondadori
1999 Dacia Maraini Buio Rizzoli
2000 Ernesto Ferrero N. Einaudi
2001 Domenico Starnone Via Gemito Feltrinelli
2002 Margaret Mazzantini Non ti muovere Mondadori
2003 Melania G. Mazzucco Vita Rizzoli
2004 Ugo Riccarelli Il dolore perfetto Mondadori
2005 Maurizio Maggiani Il viaggiatore notturno Feltrinelli
2006 Sandro Veronesi Caos Calmo Bompiani
2007 Niccolò Ammaniti Come Dio comanda Mondadori
2008 Paolo Giordano La solitudine dei numeri primi Mondadori
2009 Tiziano Scarpa Stabat Mater Einaudi
2010 Antonio Pennacchi Canale Mussolini Mondadori
2011 Edoardo Nesi Storia della mia gente Bompiani
2012 Alessandro Piperno Inseparabili. Il fuoco amico dei ricordi Mondadori
2013 Walter Siti Resistere non serve a niente Rizzoli

Case editrici vincitrici[modifica | modifica sorgente]

Casa editrice Numero di vittorie Anno dell'ultima vittoria
Mondadori 23 2012
Einaudi 11 2009
Rizzoli 10 2013
Bompiani 9 2011
Feltrinelli 4 2005
Garzanti 4 1997
Longanesi 2 1984
Leonardo 1 1993
Meridiana 1 1948
Rusconi 1 1983
Vallecchi 1 1967

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ Regolamento del Premio Strega dal sito della Fondazione Bellonci
  2. ^ Strega, l'audace colpo dei soliti noti

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]