La versione di Barney (film)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La versione di Barney
La versione di Barney.JPG
Una scena del film
Titolo originale Barney's Version
Paese di produzione Canada, Italia
Anno 2010
Durata 132 min
Colore colore
Audio sonoro
Rapporto 2,35:1
Genere drammatico, commedia
Regia Richard J. Lewis
Soggetto Mordecai Richler
Sceneggiatura Michael Konyves
Produttore Lyse Lafontaine, Ari Lantos, Robert Lantos, Gianluca Leurini, Domenico Procacci
Produttore esecutivo Mark Musselman
Distribuzione (Italia) Medusa Film
Fotografia Guy Dufaux
Montaggio Susan Shipton
Musiche Pasquale Catalano
Scenografia Claude Paré
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

La versione di Barney (Barney's Version) è un film del 2010 diretto da Richard J. Lewis, interpretato da Paul Giamatti e da Dustin Hoffman. È basato sull'omonimo romanzo di Mordecai Richler.

Il film è stato presentato in concorso alla 67ª Mostra del cinema di Venezia ed è uscito nelle sale italiane il 14 gennaio 2011.

Per la sua interpretazione da protagonista Paul Giamatti ha ricevuto nel 2011 il Golden Globe per il miglior attore in un film commedia o musicale.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Barney Panofsky è un produttore televisivo ebreo. Il film inizia con Barney anziano, che viene accusato per l'ennesima volta dall'ex detective O'Hearne di aver assassinato, oltre trent'anni prima, il suo vecchio amico Boogie, un alcolizzato e talentuoso scrittore. O'Hearne ha persino scritto un libro su Barney, mettendo in luce tutta le sue spregiudicate abitudini di vita (Barney è un incallito bevitore) e i suoi errori. Il film prosegue poi con un lungo flashback di Barney. Tale flashback si sviluppa nella Roma del 1974, che Barney bazzicava con i suoi amici. Barney decide di sposare la pittrice Clara, presumibilmente incinta di lui. Il bambino nasce morto, ma Barney scopre che non era figlio suo, essendo stato di colore, ma era invece il figlio di uno dei suoi amici. Barney lascia la moglie e qualche tempo dopo lei gli invia una lettera con una accorata richiesta d'aiuto. Barney legge la lettera in ritardo, si reca a casa dell'ex moglie e la trova morta suicida. Incontra il padre di Clara, che fa un ritratto impietoso della figlia, definendola una eterna psicopatica. Barney lo caccia di casa in malo modo. Qualche tempo dopo, ad una festa, conosce una ricca ereditiera ebrea, la signora P, che sposa senza troppa convinzione. La sera della cena per conoscere i genitori della futura moglie, Barney si reca a casa di lei con suo padre, Izzy, un ex poliziotto stralunato. Nel corso della cena è evidente la palese antipatia tra il padre di Barney e il futuro suocero, antipatia che culminerà nel corso del ricevimento matrimoniale. Durante il proprio ricevimento di matrimonio Barney conosce Miriam, una conduttrice radiofonica newyorkese e ne rimane completamente folgorato, tanto da abbandonare la cerimonia e seguirla sul treno che lei ha preso per ritornare a New York. La ragazza, durante il ricevimento dove avevano parlato di partite, gli lascia un biglietto scherzoso, che lui conserverà fino alla morte. Inizia a corteggiarla assiduamente con fiori e telefonate, ma Miriam garbatamente desiste, perché consapevole che Barney sia un uomo sposato. Un giorno, alla casa sul lago, Barney trova la moglie a letto con Boogie. Barney ha prima un'accalorata discussione con la moglie, durante la quale le confessa di volerla lasciare perché innamorato di un'altra. La moglie, furiosa, va via. Rimasto solo con l'amico, Barney gli chiede se può testimoniare di essere andato a letto con la moglie per sbrigare così velocemente le pratiche per il divorzio. Lui rifiuta, e, essendo entrambi ubriachi, iniziano a litigare per motivi confusi e sconclusionati. Rotolano dalle scale fino al pontile del lago. Barney minaccia l'amico con la pistola che il padre gli aveva regalato come dono di nozze. Spara un primo colpo in aria consapevolmente, poi un secondo perché inciampa mentre l'amico cade in acqua. Stranamente il corpo di Boogie non viene ritrovato (se non trent'anni più tardi), e così il detective O'Hearne, che lo accusa di assassinio con il movente della gelosia, non può farlo processare. Barney può così sposare Miriam, hanno due figli e il matrimonio procede felice. Un giorno, per un inconveniente con la barca, Barney conosce Blair, che lo aiuta con la barca. Blair conosce Miriam e tra i due è subito affinità, visto che Blair è un conduttore radiofonico proprio come lo era stata Miriam. Barney prova una istintiva gelosia nei confronti di Blair, che si acuisce quando la moglie gli comunica di voler tornare a lavorare, proprio nella radio di Blair. In breve le cose precipitano, fino a quando Miriam va dal figlio che studia a New York per una settimana, il tempo di schiarirsi le idee. Una sera Barney, ubriaco come sempre, ha un rapporto occasionale con una prostituta, e il giorno dopo va dal suo amico medico Mort a farsi fare le analisi per la sifilide. Quando Mort telefona a casa per comunicargli l'esito, Miriam ascolta la telefonata e, affranta, lo lascia. Nel frattempo il padre Izzy, che patisce la solitudine dopo che sua moglie è morta, muore tra le braccia di una prostituta. Il film prosegue con la lenta progressione della malattia di Barney, la malattia di Alzheimer, che lentamente gli cancella i ricordi. Poco prima della sua morte, viene ritrovato il corpo di Boogie, che non rivela alcuna ferita da arma da fuoco ma un trauma cranico procvocato da una violenta caduta. Una sequenza lascia intuire che il corpo di Boogie fu risucchiato da un Canadair che lo precipitò fra le montagne, ma Barney, che sarebbe così finalmente liberato da sospetti e sensi di colpa, è ormai incapace di capirlo. Il film si conclude con Miriam, ormai sposata con Blair, che si reca sulla tomba di Barney, sulla lapide della quale è inciso il nome anche di Miriam stessa, per il desiderio Barney, follemente innamorato sino all'ultimo, di essere seppelliti insieme, com'era stato per i suoi genitori.

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema