Steven Soderbergh

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – "Peter Andrews" rimanda qui. Se stai cercando l'omonimo matematico, vedi Peter B. Andrews.
Steven Soderbergh nel 2009
Statuetta dell'Oscar Oscar al miglior regista 2001

Steven Andrew Soderbergh (Atlanta, 14 gennaio 1963) è un regista, produttore cinematografico, direttore della fotografia, montatore, sceneggiatore e attore statunitense.

Svolge spesso il ruolo di direttore della fotografia nei suoi film con lo pseudonimo Peter Andrews.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Steven Soderbergh è nato ad Atlanta (Georgia) in una famiglia di origini svedesi (infatti il cognome originario della famiglia paterna era "Söderberg", successivamente anglofonizzato in "Soderbergh"). Soderbergh è cresciuto a Baton Rouge (Louisiana) dove ha iniziato a girare film dall'età di 13 anni. Dopo il diploma si è trasferito a Los Angeles, dove ha lavorato come montatore freelance, per fare nuovamente ritorno a Baton Rouge iniziando a scrivere sceneggiature. Ha realizzato un documentario sul gruppo rock Yes; la sua registrazione di un concerto del gruppo, dal titolo 9012Live, consegue una candidatura ai Grammy.

Il suo primo lungometraggio, Sesso, bugie e videotape, scritto e diretto, si aggiudica nel 1989 la prestigiosa Palma d'oro al Festival di Cannes, diventando un successo commerciale mondiale. È stato, a quel tempo, il più giovane regista a ricevere tale premio.

Nel 2001 vince l'Oscar al miglior regista per Traffic, mentre un altro dei suoi film, Erin Brockovich con Julia Roberts (che vinse con questo film la statuetta come miglior attrice protagonista), è stato nominato nella stessa categoria. Nello stesso anno riscuote grande successo di pubblico con Ocean's Eleven, remake del Colpo grosso del clan Sinatra, cui il regista darà due seguiti.

Collaborano regolarmente con Soderbergh Luis Guzmán, Don Cheadle, Catherine Keener e George Clooney, con cui gestisce la società di produzione Section Eight Productions, che ha prodotto Lontano dal paradiso, Insomnia e l'esordio alla regia di George Clooney Confessioni di una mente pericolosa, nonché il successivo Good Night, and Good Luck..

Nel 2004, con l'episodio Equilibrium, partecipa al film collettivo Eros, presentato al Festival di Venezia, al fianco di Wong Kar Wai e Michelangelo Antonioni.

Nel 2008 ha diretto i film Che - L'argentino, che ripercorre la figura di Che Guevara e Che - Guerriglia che tratta, invece, della lotta guidata da Guevara contro la dittatura in Bolivia. Il film, al premio Goya 2009, ha vinto il premio per la miglior scenografia.

Nel 2011 ha diretto il film Contagion. Secondo quanto riportato dall'attore Matt Damon dal set del film, Soderbergh ha annunciato il suo imminente ritiro per dedicarsi alla pittura[1].

Alla Mostra del cinema di Venezia smentisce un suo eventuale ritiro dalle scene, dichiarando l'intenzione di prendersi un anno sabbatico al termine della lavorazione dei prossimi tre progetti attualmente in produzione.[2]

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Regista[modifica | modifica sorgente]

Produttore[modifica | modifica sorgente]

Direttore della fotografia[modifica | modifica sorgente]

Come direttore della fotografia dei suoi film, lavora con lo pseudonimo di Peter Andrews

Montatore[modifica | modifica sorgente]

Sceneggiatore[modifica | modifica sorgente]

Attore[modifica | modifica sorgente]

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ IMDB
  2. ^ Steven Soderbergh presenta Contagion alla Mostra di Venezia

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Controllo di autorità VIAF: 111735227 LCCN: n89129530 SBN: IT\ICCU\UBOV\038133