Julia Roberts

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Julia Fiona Roberts (Smyrna, 28 ottobre 1967) è un'attrice, doppiatrice e produttrice cinematografica statunitense.

Il suo lavoro televisivo ma soprattutto cinematografico comincia alla fine degli anni 80', fin quando raggiunge il successo nel 2001 per la sua interpretazione nel film Erin Brockovich - Forte come la verità che viene notevolmente apprezzata da pubblico e dalla critica, tanto da farle guadagnare, dopo due candidature, il Premio Oscar come miglior attrice protagonista, oltre ad un Golden Globe, un BAFTA e uno Screen Actors Guild Award diventando di conseguenza la prima attrice a vincere contemporaneamente tutti e quattro i più prestigiosi Premi che un attore può ricevere con un solo film.

Nel corso della sua carriera ventennale è stata candidata ben quattro volte al Premio Oscar vincendone uno e otto volte al Golden Globe vincendone tre.

Nel 2007 riceve il premio American Cinematheque Award per il suo contributo alle arti.

Biografia[modifica | modifica sorgente]

Figlia di Walter Roberts, morto di cancro alla gola quando lei aveva dieci anni, fu cresciuta dalla madre Betty Lou Bredemus con i suoi tre fratelli, Eric, Anthony e Lelisa, meglio conosciuta come Lisa Roberts Gillan, e una sorellastra, Nancy, nata dal primo matrimonio del padre. Dopo il divorzio dei genitori nel 1971, quando lei aveva solo 4 anni, si trasferisce con la madre e i fratelli a Smyrna. Il padre preferì rimanere ad Atlanta.

Carriera[modifica | modifica sorgente]

Gli inizi[modifica | modifica sorgente]

Inizia gli studi di giornalismo, ma in seguito all'esordio del fratello Eric come attore a Hollywood, decide di seguirlo nella carriera cinematografica e si trasferisce a New York. Partecipa ad una puntata della famosa serie tv Miami Vice. Appare per la prima volta al cinema nel 1987 nel film Scuola di pompieri. Nel 1988 recita come attrice protagonista in Mystic Pizza nel ruolo di Daisy Arujo, una giovane cameriera alla ricerca del "vero amore".

Nel 1989 recita nel film drammatico Fiori d'acciaio, nei panni di Shelby, una donna desiderosa di avere figli nonostante una grave forma di diabete, questa interpretazione le procura il primo Golden Globe e la nomination all'Oscar come miglior attrice non protagonista. La notorietà arriva nel 1990 grazie al successo del film Pretty Woman, in cui è protagonista con Richard Gere nel ruolo della prostituta Vivian Ward, che le fa meritare il suo secondo Golden Globe come miglior attrice in un film commedia e la sua seconda nomination all'Oscar come protagonista oltre ad alti premi e nomination. Dopo il 1991, si prende una pausa di due anni dal lavoro, eccezion fatta per un cameo nel film di Robert Altman I protagonisti. All'inizio del 1993 è protagonista di una copertina della rivista People che si domanda Cosa è successo a Julia Roberts?

Gli anni Novanta[modifica | modifica sorgente]

Dal 1991 al 1997 prende parte a numerosi film e recita la parte di Laura Burney, una donna in fuga dal marito violento in A letto con il nemico, mentre è la celebre fatina Campanellino nel remake in live-action de Le avventure di Peter Pan, Hook - Capitan Uncino, a fianco di Robin Williams e Dustin Hoffman e diretta da Steven Spielberg. Ritorna protagonista, successivamente, con il ruolo di Grace King Bichon, la moglie che scopre con un'amante il marito in Qualcosa di cui... sparlare, e incarna la dolce e innamorata Hilary O'Neil in Scelta d'amore, successivamente è Darby Shaw, la studentessa di legge che inventa una teoria sulla morte dei Presidenti della Corte Suprema degli Stati Uniti d'America nel Il rapporto Pelican a fianco di Denzel Washington, interpreta poi, Mary Reilly, la servizievole domestica del Dottor Jekyll nel thrillerMary Reilly con John Malkovich, viene vista, inoltre, corteggiata da Woody Allen alias. Joe in Tutti dicono I Love You dove veste i panni della bella Von ed è Alice, la complice di Jerry Fletcher in Ipotesi di complotto con Mel Gibson. Nel 1997, decide di tornare alla commedia, ed è protagonista ne Il matrimonio del mio migliore amico nella parte di Julianne Potter, una donna che vuole far evitare il matrimonio dell' ex amante Michael con un'altra donna, questa interpretazione le varrà candidature ad alcuni Premi, tra cui la sua terza al Golden Globe come miglior attrice in un film commedia. Veste i panni di Anna Scott, una famosa attrice innamorata di William Thacker in Notting Hill a fianco di Hugh Grant ruolo che le fa ottenere varie candidature a Premi tra cui la sua quarta candidatura al Golden Globe sempre come miglior attrice in un film commedia e successivamente, prende parte al (considerato sequel di Pretty Woman) Se scappi ti sposo, dove interpreta Maggie Carpenter, la giudicata donna scappata più volte dal suo matrimonio (nel quale si riunisce la triade Roberts-Gere-Marshall) entrambi del 1999.

Nel 1998 esordisce come producer per la sua casa di produzione, la Shoelace Productions, insieme all'amica Susan Sarandon, per il film melo-drammatico Nemiche amiche di Chris Columbus dove è Isabel Kelly, rivale dell' ex-moglie del marito. La Shoelace Productions dopo il matrimonio con Dan Moder diventa Red Om.

Il successo e il Premio Oscar[modifica | modifica sorgente]

Nel 1999, accetta la parte della protagonista nel film Erin Brockovich - Forte come la verità di Steven Soderbergh, basato su una storia vera, dove interpreta la parte dell'attivista statunitense alle prese con una battaglia legale contro la Pacific Gas and Electric Company che ha contaminato le falde acquifere di una cittadina della California, provocando, di conseguenza, tumori ai residenti. per questa parte, la Roberts guadagna molti riconoscimenti tra cui lo SAG Award, il BAFTA, il Golden Globe (per un film drammatico) e l'Oscar alla migliore attrice nel 2001, diventando automaticamente la prima donna in assoluto a vincere contemporaneamente tutti e quattro i più prestigiosi premi che un attore può ricevere con un solo film e oltrettuto, per la sua interpretazione in Erin Brockovich - Forte come la verità, entra a fare parte (nel 2003) della lista AFI's 100 Years... 100 Heroes and Villains dove compare al 31esimo posto tra i cinquanta eroi del cinema americano. Rimase, inoltre, un'icona famosa l'abito bianco e nero di Valentino da lei indossato la sera della premiazione degli Oscar. Nello stesso anno di tale Premio, gira in co-starring con Brad Pitt per The Mexican durante le cui riprese conosce il futuro marito Dan Moder.

Dal 2003 ad oggi[modifica | modifica sorgente]

Gli anni seguenti, dopo piccoli ruoli di contorno, accettati per sola amicizia, quali Ocean's Eleven, Full Frontal e Confessioni di una mente pericolosa, ritorna solo nel 2003 in un ruolo da protagonista in Mona Lisa Smile, un "attimo fuggente" al femminile dove veste i panni dell'insegnante di storia dell'arte, Katherine Ann Watson. Nel 2004 gira Closer assieme a Natalie Portman, Jude Law e Clive Owen nel quale è la bella fotografa Anna, obiettivo amoroso di Dan e diretta da Mike Nichols, mentre riappare come Tess Ocean in Ocean's Twelve. Dopo tre anni di pausa, in cui, oltre a doppiare film d'animazione ed essere stata protagonista del video della canzone Dreamgirl della Dave Matthews Band di cui era da tempo fan, ha esordito a teatro con la piece Three days of rain, torna al cinema nel 2007 con La guerra di Charlie Wilson, insieme a Tom Hanks, la sua parte, questa volta, sarà quella di Joanne Herring che le permetterà di ricevere la sua sesta candidatura al Golden Globe seppur nella categoria miglior attrice non protagonista.

Nel 2009 recita a fianco di Clive Owen in Duplicity di Tony Gilroy, in cui entrambi interpretano ex agenti segreti che si prestano allo spionaggio industriale, e anche questa volta, per la sua interpretazione di Claire Stenwick riceverà un ulteriore e settima candidatura al Golden Globe come miglior attrice in un film commedia . Nello stesso anno è stata ospite del programma televisivo italiano C'è posta per te da Maria De Filippi.

Nel 2010 è stata testimonial al fianco di Paolo Bonolis e Luca Laurenti della Lavazza. Nel 2011 recitata nel film L'amore all'improvviso - Larry Crowne di Tom Hanks nel ruolo di Mercedes Tainot, un'insegnante del corso di Linguistica di cui il protagonista, Larry Crowne è innamorato. Nel 2012 interpreta la strega cattiva in una nuova versione di "Biancaneve", di Tarsem Singh. Dopo essere stata testimonial di una linea di cosmetici della Lancôme, è tornata ad essere testimonial ufficiale della marca per un profumo, "La vie est belle".

Nel dicembre 2013 è protagonista, accanto a Meryl Streep e diretta da John Wells, del film drammatico I segreti di Osage County [1], dove veste i panni di Barbara Weston, una figlia in contrasto con la madre da anni, interpretazione che le vale Premi e nomination tra cui compare anche, una nuova candidatura all'Oscar come miglior attrice non protagonista e l'ottava ai Golden Globe come miglior attrice non protagonista. Sempre nel 2013, è la Dr. Emma Brookner, una ricercatrice che studia una malattia che si contagia tramite i rapporti sessuali dei gay, nel film TV, The Normal Heart, interpretazione che le fa ottenere alcuni riconoscimenti tra cui la candidatura al Premio Emmy come miglior attrice non protagonista in una miniserie o film.

Vita privata[modifica | modifica sorgente]

Dopo aver lasciato l'attore Kiefer Sutherland tre giorni prima delle nozze previste per l'11 giugno 1991, nel 1993 sposa a sorpresa il cantante country Lyle Lovett, dal quale divorzia due anni dopo. Dal 1998 al 2001 è stata legata all'attore Benjamin Bratt. Si sposa in seconde nozze con il cameraman Daniel Moder nel 2002. La coppia ha avuto tre figli, i gemelli eterozigoti Hazel Patricia e Phinnaeus Walter, nati il 28 novembre 2004 ed Henry, nato il 18 giugno 2007[2].

In un'intervista del 2010 per la rivista Elle, la Roberts ha dichiarato che crede e pratica l'Induismo.

La Roberts ha donato tempo e risorse all'UNICEF e ad altre organizzazioni di beneficenza. Nel maggio 1995 ha visitato Port-au-Prince per sperimentare da vicino le forti condizioni di povertà.

Nel 2000 ha prestato la voce da narratrice per Silent Angels, un documentario sulla sindrome di Rett.

Nel luglio 2006, Earth Biofuels ha promosso la Roberts come portavoce per l'azienda e in qualità di presidente del Consiglio di Amministrazione della Società ha promosso l'uso di carburanti rinnovabili.

Nel febbraio 2014 la sorellastra Nancy è deceduta, probabilmente uccisa da una overdose di farmaci[3].

Filmografia[modifica | modifica sorgente]

Julia Roberts nel 2002

Attrice[modifica | modifica sorgente]

Cinema[modifica | modifica sorgente]

Televisione[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrice[modifica | modifica sorgente]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Doppiatrici italiane[modifica | modifica sorgente]

Nelle versioni in italiano dei suoi film, Julia Roberts è stata doppiata da:

  • Cristina Boraschi in Fiori d'acciaio, Pretty Woman, Linea mortale, Hook - Capitan Uncino, Il rapporto Pelican, Qualcosa di cui... sparlare, Mary Reilly, Michael Collins, Friends, Ipotesi di complotto, Il matrimonio del mio migliore amico, Law & Order - I due volti della giustizia, The Mexican - Amore senza sicura, Se scappi ti sposo, I perfetti innamorati, Nemiche amiche, Erin Brockovich - Forte come la verità, Ocean's Eleven - Fate il vostro gioco, Full Frontal, Confessioni di una mente pericolosa, Closer, Ocean's Twelve, Linea mortale (ridoppiaggio), La guerra di Charlie Wilson, Un segreto tra di noi, Appuntamento con l'amore, Mangia prega ama, L'amore all'improvviso - Larry Crowne, Biancaneve, I segreti di Osage County
  • Laura Boccanera in A letto con il nemico, Scelta d'amore - La storia di Hilary e Victor, I protagonisti, Inviati molto speciali, Prêt-à-Porter, Notting Hill, Mona Lisa Smile
  • Paola Valentini in Femmine sfrenate e Grand Champion
  • Silvia Pepitoni in Mystic Pizza
  • Cristiana Lionello in Tutti dicono I Love You
  • Roberta Pellini in Duplicity

Da doppiatrice è sostituita da:

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ "August: Osage County": Julia Roberts e Meryl Streep in un film prodotto da George Clooney. URL consultato il 26 novembre 2013.
  2. ^ Julia Roberts ancora mamma: è nato Henry, 19 giugno 2007. URL consultato il 26 novembre 2013.
  3. ^ Nancy e il destino impossibiledi essere la sorella sbagliata | La ventisettesima ora

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Predecessore Oscar alla migliore attrice Successore
Hilary Swank
per Boys Don't Cry
2001
per Erin Brockovich - Forte come la verità
Halle Berry
per Monster's ball - L'ombra della vita

Controllo di autorità VIAF: 100914297 LCCN: n91074080