Dietro i candelabri

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Dietro i candelabri
Behind the Candelabra.png
Una scena del film
Titolo originale Behind the Candelabra
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2013
Formato film TV
Genere biografico, drammatico
Durata 118 min.
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 1,78 : 1
Colore colore
Audio sonoro
Crediti
Regia Steven Soderbergh
Soggetto Scott Thorson e Alex Thorleifson (libro biografico)
Sceneggiatura Richard LaGravenese
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Montaggio Mary Ann Bernard
Scenografia Howard Cummings
Costumi Ellen Mirojnick
Effetti speciali Robert Garrigus
Produttore Jerry Weintraub
Casa di produzione HBO Films
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Data 26 maggio 2013
Rete televisiva HBO

Dietro i candelabri (Behind the Candelabra) è un film per la televisione biografico diretto da Steven Soderbergh con protagonisti Michael Douglas e Matt Damon.

Il film segue la storia del pianista Liberace e della sua storia d'amore con Scott Thornson. La pellicola è stata in concorso alla 66ª edizione del Festival di Cannes.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il film riporta le vicende avvenute nei cinque anni tormentati della relazione tra il pianista Liberace ed il suo giovanissimo amante Scott Thornson, a partire dal 1979 fino al 1984.

Figlio di madre snaturata e padre inesistente, Scott vive gran parte della sua infanzia e adolescenza sballottato da una casa famiglia all'altra assieme al fratello naturale, fino a stabilirsi definitivamente nel ranch di quelli che saranno i suoi genitori adottivi una volta per tutte. In cerca di fortuna e di un lavoro ben pagato, il ragazzo deciderà poi, a 18 anni, di dirigersi a Los Angeles, dove una sera incontra un uomo di nome Bob Black in un gay bar in cui si esibisce Liberace. In seguito allo show del pianista, Scott e quest'ultimo si conoscono nel camerino grazie a Bob, amico stretto dell'artista; Liberace rimane immediatamente affascinato da Scott, che già dal giorno seguente inizierà a frequentare la sua casa, arredata in stile "imperial-kitsch". Presto i due diventano complici, dal momento che Scott si offre in primo luogo di curare il cane di Liberace affetto da una forma di cecità temporanea (il suo sogno è quello di diventare veterinario) e in seguito si rivela essere un perfetto ascoltatore dei problemi dell'artista; in poco tempo i due cominceranno la loro relazione (ma solo dopo che il pianista si sarà liberato del suo ormai alcolizzato e rissoso toy-boy Billy) e fin da subito Scott dichiarerà di essere bisessuale (inoltre, non avrà mai un ruolo passivo durante i loro rapporti sessuali) mentre Liberace ribatte di essere sempre stato omosessuale pur avendo cercato di farsi piacere le donne; aggiunge anche di essere un fervente cattolico nonostante la Chiesa trovi ripugnanti gli omosessuali e racconta della "visione" che ebbe anni prima durante una degenza in ospedale a causa di problemi renali: egli infatti dice di essersi ritrovato davanti al letto una suora vestita di bianco, che gli avrebbe detto che sarebbe sopravvissuto al malore; la suora, poi si scopre essere (secondo Liberace) un messaggero di Dio, poiché egli è figlio Suo come tutti. Agli albori della relazione, il cameriere di fiducia di Liberace provoca Scott dicendogli che è soltanto uno dei tanti toy-boy del pianista e che presto questi si sbarazzerà di lui.

Tempo 24 ore e il suddetto cameriere verrà licenziato, ça va sans dire.

La vita di Liberace si svolge quindi fra il palco e la sua sontuosissima dimora in compagnia degli amici più stretti (che egli vede molto raramente) e di Scott, che verrà ricoperto di vestiti, gioielli, macchine e dolcissimi cuccioli canini, oltre che della totale attenzione e devozione del pianista, che lo "assume" nel suo show affidandogli il ruolo di autista per l'entrata in scena con una delle lussuose macchine a disposizione e che in seguito deciderà di volerlo adottare, non riuscendoci.

Dietro la figura di showman che cattura il suo pubblico e quella dell'amante premuroso e innamorato, si nasconde però anche il Liberace ossessionato dal voler nascondere la sua omosessualità agli occhi di chiunque non lo conosca, evitando spasmodicamente di rendere pubblica la sua relazione con Scott, cercando di celarla agli occhi di tutti e pagando profumatamente il suo manager Seymour perché si inventi qualsiasi scusa pur di giustificare l'assenza di una donna al suo fianco. Il pianista inoltre è morbosamente inebriato da sé stesso e dal suo aspetto, tanto da costringere Scott a sottoporsi a vari interventi chirurgici perché possa somigliare a lui quando era giovane (non prima di finire sotto i ferri per ringiovanire anche se stesso, almeno fuori); l'incontro col chirurgo estetico però creerà gradualmente una barriera nella coppia, dal momento che Scott inizierà a fare uso di pillole per dimagrire (anfetamina) in dosi sempre maggiori, unite anche alle varie sostanze stupefacenti che finirà per pagare vendendo alcuni dei gioielli ricevuti in dono da Liberace; il nervosismo di Scott dovuto a quella che il chirurgo Startz chiama "dieta California" e alla restante droga crea problemi non indifferenti fra lui e il suo compagno, poiché egli si lamenta di essere sempre in casa con lui, di non vedere mai nessuno etc.

La crisi della coppia vede il suo apogeo nel 1982 con l'entrata in scena di Cary James, giovane e talentuoso ballerino che fa parte della compagnia che apre gli show di Liberace; da questo momento fino ai due anni successivi, Scott ormai è diventato la copia dell'ex toy boy Billy, a causa dell'alcol, del nervosismo e delle varie droghe che assume, e Liberace non può fare a meno di rinunciare al suo vizietto, tanto che oltre a tradire svariate volte Thornston arriverà a commettere adulterio anche nel giorno in cui questi si trova a L.A. per il funerale della madre adottiva.

Nel 1984 l'amore fra i due è definitivamente concluso (mentre Cary prende il posto di Scott), e la separazione è condita da un'aspra battaglia legale in cui Scott farà causa a Liberace per diffamazione richiedendo inoltre la conversione di proprietà e gli "alimenti" (non esiste una traduzione italiana per "palimony", ossia gli alimenti richiesti in una coppia che non è riconosciuta legalmente come tale) vedendosi però proporre una somma di $75.000, tre macchine e tre cani in cambio del silenzio stampa sulla sua relazione con Liberace e altre clausole.

Calato il patinato sipario della vita con Liberace, Scott torna a vivere una vita modesta e decisamente più spenta di quella col pianista, fin quando nel dicembre 1986 riceve una chiama proprio da quest'ultimo che gli chiede di andarlo a trovare dal momento che non si sente molto bene: egli infatti ha contratto l'AIDS (terrore di omosessuali ed eterosessuali durante gli anni '80) e sa di avere ancora pochissimo tempo a disposizione; Liberace muore il 4 febbraio 1987, e al suo funerale Scott lo immagina mentre si esibisce nel suo ultimo, sontuoso show prima di librarsi verso il paradiso.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film era previsto per il 2008 ma fu rinviato per consentire all'attore Michael Douglas di curarsi dal quarto stadio del tumore alla gola nel 2010[1].

Il regista Steven Soderbergh, nel gennaio 2013, dichiara in un'intervista per il New York Post che "il film era inizialmente previsto per un'uscita cinematografica, ma la storia era troppo gay per gli studios di Hollywood", dichiarando pure[2]:

(EN)

« Nobody would make it, we went to everybody in town. They all said it was too gay. And this is after 'Brokeback Mountain', by the way, which is not as funny as this movie. I was stunned. It made no sense to any of us. »

(IT)

« Nessuno l'avrebbe fatto, siamo andati da tutti in città. Tutti dissero che era troppo gay. E questo è successo dopo I segreti di Brokeback Mountain tra l'altro, che non è così divertente come questo film. Ero sbalordito. Non aveva senso per nessuno di noi. »

Cast[modifica | modifica wikitesto]

Riprese e location[modifica | modifica wikitesto]

Le riprese del film sono iniziate il 14 novembre 2011[7] e sono state effettuate tra gli stati della California e del Nevada, tra le città di Los Angeles, Santa Clarita, Palm Springs e Las Vegas[8].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il primo trailer del film viene pubblicato il 31 marzo 2013[9]. Il film è stato selezionato per partecipare in concorso al Festival di Cannes 2013[10], dove ha esordito il 21 maggio 2013.

Negli Stati Uniti d'America il film è stato trasmesso direttamente in televisione su HBO il 26 maggio 2013[9], nel Regno Unito è uscito nei cinema il 7 giugno, in Francia è stato distribuito nelle sale cinematografiche a partire dal 18 settembre 2013[11].

In Italia, il film è stato distribuito nelle sale cinematografiche a partire dal 5 dicembre 2013, a cura di 01 Distribution.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2014 - Producers Guild of America Award
    • Miglior film per la televisione
  • 2014 - Art Directors Guild Awards
    • Miglior scenografia per un film Tv o una mini-serie televisiva a Howard Cummings
  • 2014 - Costume Designers Guild Awards
    • Miglior costumi per un film tv o serie tv contemporanea
  • 2014 - Cinema Audio Society Awards
    • Miglior missaggio del suono in un film tv o serie tv

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Rinvio riprese, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  2. ^ (EN) Storia troppo gay, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  3. ^ (EN) Ruolo di Liberace, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  4. ^ (EN) Età attori, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  5. ^ (EN) Damon, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  6. ^ (EN) Capelli e parrucche, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  7. ^ (EN) Riprese film, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  8. ^ (EN) Location film, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.
  9. ^ a b (IT) Info film, badtaste.it. URL consultato il 31-03-2013.
  10. ^ Cannes 66: ecco tutti i film del Festival di Cannes 2013, badtaste.it. URL consultato il 18 aprile 2013.
  11. ^ (EN) Release Francia, Imdb Official Site. URL consultato il 31-03-2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]