Sesso, bugie e videotape

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Sesso, bugie e videotape
Sesso, bugie e videotape (1989).png
Titoli di testa
Titolo originale Sex, Lies, and Videotape
Paese di produzione USA
Anno 1989
Durata 100 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Steven Soderbergh
Soggetto Steven Soderbergh
Sceneggiatura Steven Soderbergh
Produttore John Hardy, Morgan Mason
Casa di produzione Outlaw Productions
Distribuzione (Italia) Life International
Fotografia Walt Lloyd
Montaggio Steven Soderbergh
Musiche Cliff Martinez
Scenografia Joanne Schmidt
Trucco Sabrina Lopez, James Ryder
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani
Premi

Sesso, bugie e videotape (Sex, Lies, and Videotape) è un film del 1989 scritto e diretto da Steven Soderbergh, vincitore della Palma d'oro al 42º Festival di Cannes,[1] con James Spader e Andie MacDowell.

Nel 2006 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[2]

Trama[modifica | modifica sorgente]

Ann Bishop Mullany (Andie MacDowell) è la moglie di un giovane avvocato, John (Peter Gallagher). Ann ha una sorella, Cinthia (Laura San Giacomo), che diversamente da Ann è molto estroversa. Cinthia e John sono amanti. Un giorno arriva in città Graham Dalton (James Spader), un vecchio amico di John che sconvolge la vita di Ann, che successivamente scopre la relazione di suo marito con sua sorella.

Citazioni[modifica | modifica sorgente]

  • La sesta puntata della seconda stagione della serie TV «Dexter», Dex, bugie e videotape in lingua originale (Dex, lies and videotape) riprende palesemente il titolo originale del film (Sex, lies and videotape)
  • Anche il primo episodio della ventesima stagione della serie animata «I Simpson», Sesso, pasticcerie e video-taglie in lingua originale (sex, pies and idiot scrapes) riprende palesemente il titolo originale del film.
  • Il rapper Kanye West cita il titolo del film nella canzone Jesus Walks, in cui dice "They say you can rap about anything except for Jesus / That means guns, sex, lies, videotapes / But if I talk about God my record won't get played, huh?"

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) Awards 1989, festival-cannes.fr. URL consultato il 26 giugno 2011.
  2. ^ (EN) Librarian of Congress Adds Home Movie, Silent Films and Hollywood Classics to Film Preservation List, Library of Congress, 27 dicembre 2006. URL consultato il 2 gennaio 2012.

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema