La stazione (film 1990)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La stazione
La stazione (film 1990).JPG
una scena del film
Paese di produzione Italia
Anno 1990
Durata 92 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere commedia, drammatico
Regia Sergio Rubini
Soggetto Umberto Marino
Sceneggiatura Umberto Marino, Sergio Rubini, Filippo Ascione
Casa di produzione Fandango
Fotografia Alessio Gelsini Torresi
Montaggio Angelo Nicolini
Musiche Antonio Di Pofi
Interpreti e personaggi

La stazione è un film del 1990 diretto da Sergio Rubini. Si tratta della versione cinematografica dell'omonimo lavoro teatrale di Umberto Marino, modellato sulla figura e sulle caratteristiche dell'allora giovane Sergio Rubini.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il timido capostazione Domenico (Sergio Rubini) vive da solo nella sua piccolissima postazione, quasi isolato nella campagna pugliese.

La sua vita è fatta di orologi, campanelle e treni e ormai della sua sede sa tutto. Anche che il pesante portello di una scansia si aprirà immancabilmente sempre alla stessa ora, sollecitato dalle vibrazioni del rapido di passaggio.

Ma una notte questa routine si spezza: nella stazione piomba una giovane e bella donna (Margherita Buy), a piedi, sconvolta. È fuggita da una villa poco lontano dove, durante una festa, il suo compagno ubriaco ha incominciato a maltrattarla (Ennio Fantastichini).

Lo stesso uomo arriva poco dopo a recuperare la sua compagna. Ma ne nasce una lite, il piccolo capostazione per difendere la donna (che gli piace moltissimo) vince la sua timidezza e lo mette alla porta. Il violento uomo arriva ad assediare la piccola stazione, sbarrata, cercando addirittura di darle fuoco e penetra all'interno. Ormai furente, sta per picchiare selvaggiamente sia il capostazione che la donna. Ma Domenico, con l'aiuto del portellone della scansia, vincerà l'impari lotta.

Tra lui e la donna si è ormai creata una tensione, una attrazione che prelude a ben altro. Ma le differenze sociali sono troppe, ed i due si divideranno.

Produzione[modifica | modifica sorgente]

Dopo due anni di tournée nazionale Sergio Rubini, che aveva ottenuto un personale successo come protagonista della pièce, riuscì a trasferire il progetto su pellicola, assumendosi l'onere della regia e confermando il cast teatrale (Margherita Buy, all'epoca sua compagna, ed Ennio Fantastichini).

A corollario del cast (la trama, nata per il teatro, ruota ovviamente intorno ai tre protagonisti) molti professionisti pugliesi in piccolissimi ruoli.

Tra gli altri anche alcuni baresi, come Nico Salatino e "Toti e Tata", il duo di cui facevano parte Emilio Solfrizzi (poi diventato noto con le serie tv Love Bugs 3 e Sei forte maestro) ed Antonio Stornaiolo (presentatore al fianco di Renzo Arbore in "Meno siamo meglio stiamo").

Il film, autobiografico, fu girato quasi interamente in Puglia, all'interno della stazione di San Marco in Lamis delle Ferrovie del Gargano. Alcune scene sono ambientate nel paese natale di Rubini, Grumo Appula, ed altre tra Apricena e Foggia.

Accoglienza[modifica | modifica sorgente]

I risultati al botteghino furono molto incoraggianti. Tuttavia chi vide la versione teatrale continuò a preferire il finale originale di Umberto Marino (la ricca Buy lascia il deluso capostazione Rubini, che l'ha salvata, concedendogli solo un rapido bacio sulla punta delle labbra), a quella cinematografica (è Rubini a mettere la Buy sul treno, quindi a sancire l'abbandono, con una trasformazione di carattere che rasenta, pur evitandolo, l'"happy ending" di marca filmica).

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]