Shōjo-ai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Shōjo-ai è un termine giapponese dotato di un duplice significato. Il primo, quello principale, è solitamente ignorato al di fuori del Giappone.

Il significato primario ed originale indica l'attrazione, sessuale e non, provata per adolescenti o bambine. Si tratta dunque di un termine, solitamente inteso in senso negativo, che si riferisce alla pedofilia indirizzata unicamente verso soggetti femminili. Un termine analogo, sempre giapponese, può essere lolicon. In questo caso shōjo-ai significa "amore per le ragazzine".

Come significato secondario, shōjo-ai può essere anche inteso come "amore tra ragazze". In questo caso si riferisce ad anime e manga che abbiano come tema principale o secondario relazioni, affettive o sessuali, tra ragazze. Il termine, parallelo a shōnen-ai, in Giappone è utilizzato unicamente all'interno dell'ambiente delle dōjinshi; è utilizzato anche al di fuori del Giappone, cioè in Europa e Stati Uniti, dove tuttavia il significato primario del termine è pressoché sconosciuto, come sinonimo di yuri.

In Giappone, proprio per i motivi sopra citati si preferisce adoperare quest'ultimo termine rispetto a shōjo-ai che mantiene connotati negativi, anche se ciò non è totalmente corretto: Le opere "Yuri", infatti si soffermano più sul rapporto fisico che su quello emotivo, a differenza dello Shoujo - Ai dove, appunto, si enfatizzano più i sentimenti che gli atti fisici sessuali.

Voci correlate[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]