Fiction televisiva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La fiction televisiva, (termine misto mutuato dalla lingua inglese dove fiction è qualsiasi opera, in tutto o in parte, riguardante eventi che non sono reali, ma piuttosto, immaginari e inventati dall'autore), fiction TV, o semplicemente fiction è termine che, in abbinamento a sceneggiato televisivo, indica il genere televisivo delle opere di narrazione e finzione scenica riferita al mezzo televisivo con finalità di intrattenimento ed in alcuni casi di divulgazione culturale, alternative al film come prodotto cinematografico.

Formati della fiction televisiva[modifica | modifica sorgente]

I formati della fiction televisiva si definiscono in base al numero e durata delle parti e al tipo di narrazione utilizzata. Inoltre sono ordinati secondo la serialità:

Non seriale[modifica | modifica sorgente]

Unico esempio della fiction non seriale è il film per la televisione (o film TV) che è composto da un'unica parte di 90 o 100 minuti circa. I generi sono gli stessi della versione per il cinema: storico, poliziesco, horror, fantascientifico, romantico, ecc. In Italia è un formato poco usato e film dello stesso genere vengono spesso proposti all'interno di cicli tematici, assumendo quindi una scansione seriale (ad esempio Nel segno del giallo e Donne al bivio).

Serialità debole[modifica | modifica sorgente]

La miniserie televisiva è una fiction formata da un limitato numero di puntate generalmente della durata di una o due ore (nel caso si superi la soglia di sei puntate, l'opera viene talvolta definita miniserial). La trama non è episodica, ma vi è unità narrativa dalla prima all'ultima puntata: infatti spesso, all'inizio di ogni puntata successiva alla prima, può essere presente una voce fuori campo che narra in modo riassuntivo la puntata precedente mostrandone le scene più salienti. Esempi italiani sono La piovra e La Bibbia.

Serialità forte[modifica | modifica sorgente]

Serial televisivi[modifica | modifica sorgente]

I serial televisivi sono formati da puntate dai 30 ai 60 minuti. Caratteristica dei serial è la lunga o spesso lunghissima durata del racconto, le cui parti sono concatenate in una sequenza temporale precisa. Dunque la fine della puntata non vede anche la fine della narrazione, che può eventualmente compiersi alla chiusura della fiction televisiva.

A seconda che abbiano o no una chiusura narrativa, i serial si distinguono in:

Serie televisive[modifica | modifica sorgente]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Serie televisiva.

Il formato delle serie televisive (identificabili, ad eccezione di quelle animate, nel termine improprio di telefilm) si è evoluto nel corso del tempo e presenta diverse variazioni:

  • Le serie televisive sono in origine formate da episodi di 50 minuti circa. La parti del racconto sono autonome e compiute, non vi sono quindi elementi inter-episodici. In realtà questa descrizione classica della serie televisiva si addice solo ad alcuni esempi (Perry Mason, Magnum, P.I., Charlie's Angels, Colombo, La signora in giallo, M*A*S*H, Mork & Mindy, I Robinson, La tata, Vita da strega, La famiglia Bradford, Star Trek).
  • Molte serie contemporanee (in particolare dagli anni 90 in poi) introducono elementi narrativi tipici del serial. Tale formato viene detto serie serializzata (o a incastro) e vede l'uso equo di trama verticale (narrazione episodica) e orizzontale (narrazione seriale). Un esempio può essere la serie televisiva Dr. House - Medical Division, in cui la trama verticale corrisponde all'enigma medico da risolvere, mentre quella orizzontale alle relazioni tra i personaggi.
    Ancora di più recente creazione sono le serie serializzate che vedono l'assenza totale della trama verticale. Sebbene condividano la sequenza temporale serializzata del serial televisivo, ne sono distinte per la durata del racconto, che è medio e non lunghissimo come quello di una soap opera o una telenovela. Un esempio fra tutti è la serie televisiva Lost, la cui trama si sviluppa ininterrottamente per sei stagioni. La durata degli episodi delle serie televisive serializzate varia tra i 40 e i 50 minuti.
  • La variazione italiana della serie serializzata, la serie all'italiana (talvolta chiamata anche solo fiction), prevede episodi di 60 minuti circa e una compresenza della trama verticale e orizzontale. Una stagione può essere composta da 15 a più di 50 episodi (come nel caso particolare della prima stagione de Un medico in famiglia). Esempi: Il maresciallo Rocca, Don Matteo.
  • Altro tipo di serie televisive sono le sit-com (situation comedy). Esse sono costituite da episodi di 20-22 minuti e sono caratterizzate da un'ambientazione ristretta e al chiuso (nel caso estremo della camera fissa, questa inquadra un unico ambiente) e dalla comicità e velocità dei dialoghi. In alcuni casi gli episodi sono registrati dal vivo (Friends), in altre le risate sono registrate successivamente e in altre ancora assenti (Malcolm, Scrubs - Medici ai primi ferri).
  • Le serie animate (cartoni occidentali ed anime) per la televisione sono opere audiovisive caratterizzate dalla serialità e dalla tecnica dell'animazione.

Bibliografia[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione