Fringe

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Fringe
Fringe titoli.png
Immagine dalla sigla della prima stagione della serie televisiva
Titolo originale Fringe
Paese Stati Uniti d'America
Anno 2008-2013
Formato serie TV
Genere fantascienza, azione, distopico
Stagioni 5
Episodi 100
Durata 78 min (pilota)
50 min (st. 1)
45 min (st. 2-5)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 720p
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore J.J. Abrams, Roberto Orci, Alex Kurtzman
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Casa di produzione Warner Bros. Television, Bad Robot Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 9 settembre 2008
Al 18 gennaio 2013
Rete televisiva Fox
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 9 marzo 2010
Al 10 giugno 2014
Rete televisiva Italia 1 (st. 1-4)
Italia 2 (st. 5)
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 31 gennaio 2009
Al 12 maggio 2013
Rete televisiva Steel (ep. 1-94)
Premium Action (ep. 95-100)
Premi

Fringe è una serie televisiva statunitense prodotta dal 2008 al 2013.

Ideata da J.J. Abrams, Alex Kurtzman e Roberto Orci, è una serie di fantascienza che segue le vicende della divisione Fringe dell'FBI di Boston, in Massachusetts, e che opera sotto la supervisione del Dipartimento della Sicurezza Interna degli Stati Uniti. La squadra si occupa delle indagini legate alla cosiddetta scienza di confine, ovvero la fringe science. Per la trama e i temi trattati, la serie è stata spesso paragonata a X-Files.[1][2][3]

La serie è stata trasmessa in prima visione negli Stati Uniti da Fox dal 9 settembre 2008. In Italia ha debuttato in prima visione a pagamento il 31 gennaio 2009, trasmessa dai canali di Mediaset Premium; in chiaro è in onda dal 9 marzo 2010, sui canali Mediaset.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Fringe è prodotta dalla Bad Robot Productions in associazione con la Warner Bros. Television. Gli ideatori della serie, J.J. Abrams, Alex Kurtzman e Roberto Orci si sono ispirati a diverse opere, tra cui le sceneggiature di Michael Crichton, il film di Ken Russell Stati di allucinazione e le serie televisive X-Files e Ai confini della realtà.[4] Roberto Orci ha avuto anche occasione di dichiarare che la serie rappresenta un misto tra un police procedural come Law & Order e una serie di culto come Lost. Inoltre, diversamente da Lost, J.J. Abrams promise che la trama sarebbe stata più facile da seguire e più accessibile a chi si perde occasionalmente un episodio.[5]

Jeff Pinkner, che aveva già lavorato con J.J. Abrams in Alias e Lost, fu designato come show runner e produttore esecutivo. Michael Giacchino compose le musiche dell'episodio pilota, per poi lasciare il lavoro ai suoi assistenti Chad Seiter e Chris Tilton.[6] J.J. Abrams si occupò di comporre la musica della sigla. Per quanto riguarda il casting, si svolse tra i mesi di gennaio e febbraio 2008. I primi attori ad entrare nel cast furono Kirk Acevedo e Mark Valley, interpreti degli agenti Charlie Francis e John Scott. Successivamente si aggiunsero anche John Noble, per il ruolo di Walter Bishop, Lance Reddick, per il ruolo dell'agente Broyles, e le attrici Anna Torv, Blair Brown e Jasika Nicole per interpretare rispettivamente Olivia Dunham, Nina Sharp, e Astrid Farnsworth. L'ultimo attore ad aggregarsi al cast fu Joshua Jackson, l'interprete di Peter Bishop.[7]

L'episodio pilota di due ore, girato a Toronto, in Canada, costò in totale 10 milioni di dollari.[8] Il resto della prima stagione fu invece girato a New York, ma a partire dalla seconda stagione le riprese ritornarono in Canada per ridurre i costi.[9][10] La decisione di rinnovare la serie per una seconda stagione fu comunicata il 4 maggio 2009.[11] Il 6 marzo 2010 è arrivato il rinnovo per una terza stagione.[12] Nonostante gli ascolti non siano stati brillanti durante la terza stagione, tanto da far decidere al network di spostare il giorno di programmazione dal giovedì al venerdì, il 24 marzo 2011 la serie è stata rinnovata anche per una quarta stagione.[13] Il 26 aprile 2012 la serie è stata rinnovata anche per una quinta e ultima stagione di 13 episodi.[14]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

(EN)
« How come when nobody knows and it doesn't make sense, they come to us? »
(IT)
« Com'è che quando succede qualcosa di cui nessuno sa niente e che non ha alcun senso, vengono sempre da noi? »
(Peter Bishop, Prova di abilità)

In tutto il mondo si stanno verificando eventi apparentemente inspiegabili, fenomeni soprannaturali, che fanno riferimento a quello che la Sicurezza Nazionale americana ha definito "Lo Schema". Quando il volo internazionale 627, partito da Amburgo, atterra a Boston con tutti i passeggeri e i componenti dell'equipaggio morti, l'agente dell'FBI Olivia Dunham è chiamata per risolvere il caso. Olivia è decisa a chiedere l’aiuto di uno scienziato, il Dr. Walter Bishop, che conduceva esperimenti per il Governo all'interno di un ramo della scienza chiamata "Fringe" (che comprende fenomeni paranormali come il controllo della mente, il teletrasporto, la proiezione astrale, l'invisibilità, la mutazione genetica, la resuscitazione) finché, in seguito ad un incidente di laboratorio, fu dichiarato mentalmente instabile e rinchiuso in un istituto psichiatrico. Olivia si dirige quindi in Iraq, dove attualmente vive il figlio dello scienziato, Peter Bishop, che, nonostante abbia un'intelligenza alquanto sopra la norma come il padre, non si è mai laureato e ha vissuto di truffe e inganni, avvantaggiati dal suo spiccato ingegno. Peter è infatti l'unico parente e l'unica persona che può firmare le carte di dimissioni di Walter Bishop. Grazie a lui, tornato apposta negli Stati Uniti, il trio così formatosi inizia ad indagare sui casi dello "Schema", che da piccoli incidenti casuali si trasformano man mano in attacchi di bioterrorismo. Comandata dall’agente della Sicurezza Nazionale Phillip Broyles, che già si era occupato di numerosi casi riguardanti lo "Schema", nasce così la "Divisione Fringe", che usa come quartier generale il vecchio laboratorio di Walter nello scantinato dell’Università di Harvard a Cambridge. Ma lo "Schema" non è che la punta dell'iceberg. La squadra si troverà a combattere contro mutaforma provenienti da un universo alternativo, a combattere contro (prima) e al fianco (poi) dei loro doppi dell'altro universo, faranno esperienza di diverse linee temporali ed, infine, dovranno affrontare l'invasione di "osservatori" provenienti da un lontano futuro.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 20 2008-2009 2009
Seconda stagione 23 2009-2010 2010
Terza stagione 22 2010-2011 2011
Quarta stagione 22 2011-2012 2012
Quinta stagione 13 2012-2013 2013

Personaggi e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi principali[modifica | modifica wikitesto]

  • Olivia Dunham (stagioni 1-5), interpretata da Anna Torv, doppiata da Eleonora De Angelis.
    È l'agente dell'FBI incaricata di indagare sul volo 627 da Amburgo, solo un piccolo tassello del più macchinoso "Schema". È la collega e amante dell'agente John Scott, che lei stessa scopre essere un doppiogiochista. Assieme ai Bishop, padre scienziato pazzo e figlio truffatore, viene incorporata nella "Divisione Fringe".
  • Peter Bishop (stagioni 1-5), interpretato da Joshua Jackson, doppiato da Fabrizio Manfredi.
    È il figlio di Walter. Perduti entrambi i genitori (lui rinchiuso in manicomio e lei morta), vive di truffe e inganni spostandosi in continuazione, anche all'estero. Come il padre ha un quoziente d'intelligenza molto alto (190), e la sua astuzia l'ha portato a fare ogni tipo di mestiere, dal lavorare in un mattatoio, al vigile del fuoco fino a falsificare la laurea al MIT e insegnare per un breve periodo chimica al college. Nonostante sia restio a mettere radici, decide di rimanere a Boston quando si ritrova coinvolto personalmente nella vicenda.
  • Walter Bishop (stagioni 1-5), interpretato da John Noble, doppiato da Carlo Valli.
    Con un QI di 196 è un brillante scienziato, un "Einstein dei nostri giorni", che divide il laboratorio con il collega William Bell fino a quando, in seguito a un incidente di laboratorio, viene rinchiuso in un istituto psichiatrico per 17 anni, mentre l'amico diventa l'uomo più ricco del mondo fondando la "Massive Dynamic". Nella "Divisione Fringe" si ricongiunge al figlio Peter, che garantisce per la sua dimissione dalla casa di cura.
  • Phillip Broyles (stagioni 1-5), interpretato da Lance Reddick, doppiato da Simone Mori.
    Agente speciale della sicurezza interna a capo della Divisione Fringe, è il diretto superiore di Olivia e colui che gestisce le indagini sullo "Schema".
  • Nina Sharp (stagioni 1-5), interpretata da Blair Brown, doppiata da Rita Savagnone.
    È la più fidata collaboratrice di William Bell e la reggente della "Massive Dynamic" in assenza del suo capo.
  • Astrid Farnsworth (stagioni 1-5), interpretata da Jasika Nicole, doppiata da Rossella Acerbo.
    È un'agente dell'FBI esperta in linguistica e crittografia che assiste Walter in laboratorio.

Personaggi secondari[modifica | modifica wikitesto]

  • John Scott (stagione 1), interpretato da Mark Valley, doppiato da Vittorio De Angelis.
    È il collega di Olivia e suo amante. Nell'episodio pilota viene ferito da sostanze chimiche e questo spinge Olivia a cercare l'aiuto del Dr. Bishop. Inizialmente si scopre essere un doppiogiochista, ma in realtà lavorava sotto copertura per la NSA.
  • Charlie Francis (stagioni 1-2), interpretato da Kirk Acevedo, doppiato da Roberto Gammino.
    È un agente dell'FBI amico di Olivia, ucciso da un mutaforma che ne prende le sembianze.
  • William Bell (stagioni 1-4), interpretato da Leonard Nimoy, doppiato da Renato Mori (st. 1-2) e da Luciano De Ambrosis (st. 3-4).
    Era il collega di Walter Bishop e insieme dividevano il laboratorio, in cui eseguivano esperimenti relativi alla "scienza di confine". Quando Walter fu però internato, lui continuò le loro ricerche e fondò la "Massive Dynamic", la società produttrice di tecnologie più ricca al mondo.
  • David Robert Jones (stagioni 1-4), interpretato da Jared Harris, doppiato da Sergio Di Giulio.
    Ex dipendente della Massive Dynamic ed ora bioterrorista, è l'antagonista principale della prima e della quarta stagione.
  • Settembre (stagioni 1-5), interpretato da Michael Cerveris, doppiato da Enrico Pallini.
    È uno degli Osservatori, figure misteriose che si assicurano che nessuno interferisca con il regolare susseguirsi di avvenimenti.
  • Thomas Jerome Newton (stagioni 2-3), interpretato da Sebastian Roché, doppiato da Mauro Gravina.
    È il leader dei mutaforma provenienti dall'altra dimensione. Il suo obiettivo è aprire un varco fra le due realtà e farle perciò collidere, in modo che solo una delle due possa continuare ad esistere. Sembra essere morto, suicida, nell'episodio 4 della terza stagione.
  • Walter Bishop "alternativo" (stagione 2-4), interpretato da John Noble, doppiato da Carlo Valli.
    Soprannominato "Walternativo" (in originale "Walternate"), perché il Walter Bishop dell'universo parallelo, è il Segretario della Difesa degli Stati Uniti ed il capo della Divisione Fringe alternativa.
  • Olivia Dunham "alternativa" (stagioni 2-5), interpretata da Anna Torv, doppiata da Eleonora De Angelis.
    Chiamata anche Bolivia, Alt-Olivia o Fauxlivia è un membro della Divisione Fringe alternativa. Si distingue dall'altra Olivia per il colore dei capelli e un tatuaggio sulla schiena.
  • Charlie Francis "alternativo" (stagioni 2-3), interpretato da Kirk Acevedo, doppiato da Roberto Gammino.
    Fa parte della divisione Fringe alternativa, assieme ad Olivia e Lincoln. Al contrario dell'altro Charlie Francis, non è mai guarito da un'infezione che lo aveva colpito nella prima stagione, dovendo iniettarsi periodicamente un antidoto.
  • Nina Sharp "alternativa" (stagioni 4), interpretata da Blair Brown, doppiata da Rita Savagnone.
    Una complice di David Robert Jones, viene catturata dalla divisione Fringe alternativa dopo l'assassinio del Capitano Lee.
  • Lincoln Tyrone Lee (stagioni 3-5), interpretato da Seth Gabel, doppiato da Gabriele Lopez.
    È un agente dell'FBI. Nell'episodio Passeggera clandestina, aiuta la divisione Fringe a risolvere un caso. Diventa membro della divisione Fringe a tutti gli effetti dalla quarta stagione, data la mancanza momentanea di Peter Bishop.
  • Lincoln Tyrone Lee "alternativo" (stagioni 2-4), interpretato da Seth Gabel, doppiato da Gabriele Lopez.
    Fa parte della Divisione Fringe della dimensione alternativa, ed è divenuto capo del team formato da lui stesso, Olivia e Charlie dopo la sparizione di Broyles.
  • Astrid Farnsworth "alternativa" (stagioni 2-4), interpretata da Jasika Nicole, doppiata da Rossella Acerbo.
    È l'analista dati della Divisione Fringe, grazie al fatto di essere afflitta dalla sindrome di Asperger (questa scelta di sceneggiatura è un tributo alla sorella dell'attrice, afflitta proprio da questa sindrome[15]).
  • Henrietta Bishop (stagione 4-5), interpretata da Georgina Haig.
    È la figlia di Peter Bishop e Olivia Duhnam. Nel 2036, dopo aver estratto dall'ambra l'originale divisione Fringe, ne entra a far parte per combattere l'invasione degli osservatori.
  • Donald (stagione 5), interpretato da Michael Cerveris.
    È la versione umana di Settembre, l'osservatore. Aiuta Walter nella realizzazione del piano per sconfiggere la sua stessa specie.

Espedienti narrativi[modifica | modifica wikitesto]

Nella serie viene fatto ampio uso del concetto di universo parallelo. Tale concetto, accennato verso la fine della prima stagione, diviene sempre più importante. Inizialmente l'universo parallelo è solo descritto. Alla fine della seconda stagione Olivia accede all'universo parallelo che diviene quindi parte della narrazione non solo come descrizione di uno dei personaggi, ma anche come ambiente in cui si svolge la storia. Nella terza stagione l'universo parallelo diviene l'ambiente in cui si svolgono interi episodi e, in certi casi, tali episodi sono slegati, nel loro svolgimento, da quanto avviene nell'universo regolare.

Oltre a scene e ricordi, tipici di molte serie che utilizzano il concetto di continuity, in Fringe ci sono anche interi episodi che si svolgono nel passato o nel futuro, senza che alcun elemento del presente li introduca, li narri o ne dia interpretazioni alla fine.

Universi in cui si svolgono gli episodi della serie
Stagione 01 02 03 04 05 06 07 08 09 10 11 12 13 14 15 16 17 18 19 20 21 22 23
1
2
1
3
2 3 4
4
5
5
6
Legende
Universo regolare
Universo parallelo
Entrambi gli universi
Universo regolare dopo la distruzione dell'universo parallelo
Entrambi gli universi dopo le modifiche alla linea temporale
Futuro dell'universo regolare dopo le modifiche alla linea temporale
Universo regolare dopo le modifiche alla linea temporale e la chiusura del ponte
Futuro di entrambi gli universi dopo le modifiche alla linea temporale
Annotazioni
1 Si svolge nel 1985
2 Si svolge nel 1986
3 Si svolge in prevalenza nella mente di Olivia
4 Si svolge prevalentemente nel 2026
5 Si svolge nel 2036 (dopo le modifiche alla linea temporale)[16]
6 La parte finale dell'episodio si svolge nel 2015 (dopo il reset temporale e la conseguente mancata invasione degli Osservatori)

La sigla[modifica | modifica wikitesto]

Realizzata in computer grafica, la sigla della serie TV mostra un'animazione di alcune cellule da cui l'inquadratura si allontana rapidamente, mostrando che queste appartengono ad una mano con sei dita. La sigla termina con un ulteriore animazione del logo "Fringe" che, inizialmente sgretolato, si ricompone. Durante le animazioni, sono visibili alcune scritte che rappresentano argomenti appartenenti alla scienza di confine, come nanotecnologie, teletrasporto, materia oscura e intelligenza artificiale. Tra le equazioni presenti si può distinguere la formula del teorema dei seni. Inoltre compare anche la frase «Observers are here» («Gli osservatori sono qui»)[17]: esattamente come accade per tali personaggi, l'individuazione della scritta è estremamente difficile ed è ottenibile solo attraverso un fermoimmagine. La scritta compare poco prima di «dark matter»[18], e si può notare come la sua grafia sia molto diversa rispetto a quella delle altre, come se fosse scritta a mano. Durante la terza stagione invece, la scritta compare poco dopo la parola «mutation». Tutta la sigla è caratterizzata da un colore freddo a metà tra il blu e il verde.

A partire dalla seconda stagione, la sigla è comparsa in alcune varianti che anticipavano l'ambientazione dell'episodio.

  • Sigla rossa: apre gli episodi ambientati nell'universo parallelo. Rispetto a quella tradizionale, le immagini sono colorate di rosso. Inoltre differisce negli argomenti indicati dalle scritte, sottolineando come la scienza di confine di un universo parallelo tratti argomenti differenti rispetto a quello della sigla blu. Alcuni degli argomenti citati sono wormhole, singolarità, transumanesimo, speciazione e telepatia.
  • Sigla blu/rossa: è un collage delle due sigle. È stata utilizzata due volte, nell'ottavo episodio della terza stagione in cui Olivia riesce ad interagire in entrambi gli universi, riuscendo a tornare nel suo.
  • Sigla anni '80: utilizzata due volte, serve ad introdurre episodi interamente ambientati negli anni ottanta (ovvero dei flashback). Nonostante lo schema della sigla sia lo stesso di quella tradizionale, viene utilizzata una computer grafica molto più semplice, riconducibile alla tecnologia disponibile in quel decennio. Al posto di utilizzare l'impronta di una mano, viene usata l'immagine di una radiografia su cui viene montata l'immagine di una mano reale; tale mano ha regolarmente cinque dita, anziché sei. Il tema musicale, anziché essere eseguito con un pianoforte, è suonato con dei sintetizzatori ed una batteria elettronica, strumenti tipici della musica di quegli anni. Le scritte che compaiono durante la sigla fanno riferimento ad argomenti che, ai tempi, erano considerati scienza di confine, ma che oggi fanno parte della scienza tradizionale, come la clonazione o l'impronta genetica.
  • Sigla nera: comparsa nell'episodio finale della terza stagione, anticipa un episodio ambientato nel 2026. Alcune scritte riportano "Water" (acqua) e "Hope" (speranza) fra gli argomenti della scienza di confine.
  • Sigla color ambra: è la sigla standard della quarta stagione. Presenta episodi ambientati in un presente in cui i due universi sono collegati da un ponte: il colore ambra simboleggia l'unione tra i due colori delle precedenti sigle.
  • Sigla blu notte: compare nell'episodio Letters of transit della quarta stagione e in tutti gli episodi della quinta stagione; tutti gli episodi in cui compare sono ambientati in un futuro distopico dominato dagli Osservatori. Caratterizzata da una colorazione molto cupa, a differenza degli altri tipi di sigla, mostra un impulso elettrico: l'inquadratura si allontana, andando a mostrare quelli che sembrerebbero neuroni. Dopodiché, l'inquadratura si allontana ancora, "fuoriuscendo" da un cervello umano e mostrando una folla di persone viste di spalle, tra cui ne spicca una diversa tra gli altri in quanto vestito diversamente, ma tutte sono all'interno di un campo di concentramento. Le scritte riguardanti la scienza di confine vengono sostituite da parole come libertà, individualismo, educazione, libertà di espressione, che rappresentano alcuni diritti fondamentali di cui l'umanità è priva nel futuro distopico rappresentato nell'episodio. Il logo Fringe è rappresentato come se fosse realizzato in pietra.

Gli Osservatori[modifica | modifica wikitesto]

Il cast principale di Fringe nel 2012 al San Diego Comic-Con International

Gli Osservatori (Observers) sono personaggi misteriosi, di cui è poco chiara l'origine. Il loro volto è pallido, completamente glabro ed inespressivo; nelle rare volte in cui li si vede interagire con qualcuno, sembrano essere privi di qualsiasi tipo di emozione. Indossano sempre un completo ed un cappello nero. Il loro comportamento ed abbigliamento li rende "anonimi" quando si trovano in mezzo ad una moltitudine di persone. Il loro compito, infatti, è quello di osservare gli eventi, senza poter tuttavia intervenire. Questi esseri sono sempre stati presenti ogni volta che si sono verificati eventi particolari come incidenti, assassinii, scoperte scientifiche o eventi apparentemente inspiegabli (come quelli su cui si trova ad indagare la Fringe Division) che hanno modificato il corso della storia. Non viene chiarito se gli osservatori siano in grado di viaggiare nel tempo o se, invece, siano esseri ultracentenari il cui aspetto rimane immutato nel corso del tempo. È invece appurato che possono tranquillamente spostarsi tra i vari universi. Possiedono una grande forza fisica, anche se non la adoperano spesso. Apparentemente non possono "sentire" i sapori (come rivelato durante l'incontro fra Walter Bishop e Settembre), cosa che li spinge solitamente ad ordinare pasti esageratamente piccanti o saporiti, fra cui carne molto al sangue, peperoncini verdi piccanti,o un intero barattolo di pepe. In svariate occasioni li si può vedere ingerire un'intera bottiglietta di tabasco.

Durante una loro riunione, si scopre che i loro nomi corrispondono a quelli dei mesi; alla fine della quinta stagione si scoprirà che questi erano i 12 scienziati che erano stati mandati indietro nel tempo, per osservare e riportare la storia, tra cui Settembre e Dicembre. Il nome dell'osservatore che segue la vita di Walter e Peter è Settembre. Egli compare in tutti gli episodi della serie[19], ma la sua individuazione è estremamente difficile: infatti, nella maggior parte dei casi, Settembre è mescolato tra la folla, inquadrato in lontananza o sfocato (ma riconoscibile dall'abbigliamento). In virtù di quello che è il compito degli Osservatori, la sua presenza negli episodi spesso è totalmente ininfluente sulla trama. Pertanto, la sua presenza, nonché la grande difficoltà nel riconoscerlo, ha reso l'individuazione dell'Osservatore una sorta di easter egg.

Pur comparendo fin dall'inizio della serie, Settembre viene presentato ufficialmente a partire dal quarto episodio della prima stagione, È arrivato. Tuttavia la presenza di questo personaggio viene anticipata già nel secondo episodio della stagione, La solita vecchia storia, nel quale l'Osservatore è ben visibile in quanto, infrangendo la cosiddetta quarta parete, guarda direttamente verso lo spettatore.[20][21]

Nell'episodio The End of All Things si scopre che gli Osservatori sono degli scienziati venuti da un possibile futuro, dove la razza umana ha sviluppato la macchina del tempo. Ritornano nel passato per osservare gli eventi principali della storia dell'umanità.

Nell'episodio Letters of Transit, ambientato nel 2036, si scopre che gli Osservatori hanno conquistato il mondo, ed è Walter che spiega che gli Osservatori, dopo aver avvelenato in maniera irreparabile il loro pianeta, nel XXVII secolo, hanno deciso di tornare nel passato per impossessarsi della Terra presente, ancora sana ed abitabile. Dopo aver passato anni ad osservare e studiare il nostro universo, nel 2015 attuano la Grande Epurazione, massacrando migliaia di persone e stabilendo una rigida dittatura globale, dove la divisione Fringe era stata limitata al controllo dei cosiddetti "Lealisti", cioè coloro che si erano arresi all'invasione degli osservatori. In questo episodio, viene inoltre confermato che Olivia Dunham ha effettivamente avuto una figlia da Peter Bishop, circostanza che effettivamente vede realizzarsi la previsione di Settembre.

Nell'episodio The Boy Must Live, Settembre, diventato umano nel frattempo e assunto il nome di Donald, spiega che gli Osservatori sono un'evoluzione degli esseri umani. Il 20 febbraio 2167, alcuni scienziati ad Oslo, scoprono che è possibile aumentare l'intelligenza umana e le varie capacità sviluppando la parte del cervello razionale, sopprimendo quella delle emozioni. La nuova razza quindi è superintelligente ma non prova niente (amore, invidia, gelosia, amicizia e le varie emozioni sono aspetti primitivi). Anche la riproduzione avviene in modo diverso: per creare un Osservatore, si prende del DNA da un donatore scelto e si fa maturare in una vasca. Il bambino empatico è il figlio di Settembre, che però si è sviluppato in maniera diversa: ha le stesse capacità degli Osservatori, ma prova anche delle emozioni, e viene considerato dagli altri un'anomalia. Settembre fa parte di un gruppo di 12 scienziati, mandati a spasso nel tempo per capire come si è sviluppata l'umanità, ma viene bandito dal gruppo (il dispositivo che rende Osservatori gli viene rimosso) perché interferisce con il tempo, salvando la vita a Peter e portando il bambino nel passato per salvarlo.

I glifi[modifica | modifica wikitesto]

In diversi momenti di ogni singolo episodio, sono stati inseriti dei glifi, ovvero singoli fotogrammi rappresentanti diverse figure, generalmente una foglia, una mela, un fiore, una farfalla, una rana, un cavalluccio marino, una mano e un volto. Tali glifi rappresentano un codice che nasconde una parola diversa per ogni episodio, che aggiunge maggiori informazioni sulla soluzione di ogni enigma. Appaiono almeno cinque volte a schermo intero, prima dell'intermezzo pubblicitario. A svelare la loro funzione è stato lo stesso ideatore della serie J.J. Abrams, che in un'intervista ha spiegato come facciano parte del "codice della serie".[22] Il cosiddetto "codice dei glifi" è stato decifrato nel mese di marzo 2009 da Julian Sanchez[23], editore del sito di tecnologia Ars Technica.[24][25]

I glifi occasionalmente sono apparsi anche all'interno di episodi. Ad esempio, nel primo episodio, all'interno di un laboratorio della Massive Dynamic viene inquadrato di proposito la foglia; una farfalla aiuta Walter a risolvere un caso in Progetto Elephant, mentre in Segreti di famiglia appare un cavalluccio marino all'interno della molecola di una tossina. Inoltre, in Jacksonville, mentre Walter parla con Olivia nel luogo dove lei era stata sottoposta al Cortexiphan, tutti i glifi sono visibili sullo sfondo e in Un tulipano bianco mentre Olivia rovista fra gli effetti personali del professor Peck si intravede un cavalluccio marino. Nell'episodio 6 della quinta serie, Attraverso lo specchio, i glifi compaiono sulle porte di appartamenti al posto dei numeri di interno, in un miniuniverso creato da Walter, il quale ne dà anche una breve descrizione.

Alla fine dell'episodio Interno 6 B, compare il glifo della mano a sei dita, ma al posto del solito puntino c'è un cuoricino giallo. Appare anche nel tredicesimo episodio della quinta stagione, in forma di impronta di sangue in un muro.

Nell'edizione italiana, per ragioni tuttora sconosciute, in gran parte degli episodi tali glifi sono stati tagliati nel montaggio, e quindi non trasmessi.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Director Set for J.J. Abrams' 'Fringe' Pilot. URL consultato l'8 agosto 2010.
  2. ^ (EN) It's no lunatic 'Fringe'. URL consultato l'8 agosto 2010.
  3. ^ Fringe, quando Lost incontra X-Files. URL consultato l'8 agosto 2010.
  4. ^ (EN) J.J. Abrams: 'Fringe' isn't directly inspired by 'X-Files' - The Live Feed.
  5. ^ (EN) Fringe: What's it All About?. URL consultato l'8 agosto 2010.
  6. ^ (EN) Music by Michael Giacchino.
  7. ^ (EN) Creek star 'set for sci-fi role'. URL consultato l'8 agosto 2010.
  8. ^ (EN) Kate Schweitzer, From LSD Brain to Dead Autopilot, Fringe Premiere Skirts Reality, 10 settembre 2008.
  9. ^ (EN) Filming locations for "Fringe". URL consultato l'8 agosto 2010.
  10. ^ (EN) Fringe moves production to Canada. URL consultato l'8 agosto 2010.
  11. ^ (EN) FOX renews Fringe for a full second season. URL consultato l'8 agosto 2010.
  12. ^ (EN) Exclusive: Fringe picked up for a third season. URL consultato l'8-8-2010.
  13. ^ (EN) Fox Renews Fringe for Season 4, 24 marzo 2011. URL consultato il 25 marzo 2011.
  14. ^ (EN) Michael Ausiello, Fox Renews Fringe For 'Exciting and Climactic' Fifth and Final Season, TVLine, 26 aprile 2012. URL consultato il 2a Aprile 2012.
  15. ^ (EN) Brian Truitt, Jasika Nicole looks to family for ‘Fringe’ inspiration in whosnews.usaweekend.com, 28 luglio 2010. URL consultato il 30 agosto 2012.
  16. ^ William Bell è prigioniero dell'ambra dopo essere morto in entrambi gli universi
  17. ^ Analisi Sigla Fringe, Fringe Italia.it. URL consultato l'11 maggio 2011.
  18. ^ Observers are here, Fringe Italia.it. URL consultato l'11 maggio 2011.
  19. ^ (EN) The Observer Sightings. URL consultato l'11 maggio 2011.
  20. ^ Episodio 1×02, Fringe Italia.it. URL consultato l'11 maggio 2011.
  21. ^ The Same Old Story. URL consultato l'11 maggio 2011.
  22. ^ (EN) J.J. Abrams on TV's Fringe. URL consultato il 22 agosto 2010.
  23. ^ (EN) Solution to the Fringe Glyph Cypher. URL consultato il 22 agosto 2010.
  24. ^ (EN) Ars cracks TV Fringe code. URL consultato il 22 agosto 2010.
  25. ^ (EN) Glyphs Code. URL consultato il 22 agosto 2010.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z