Bilocazione

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

La 'bilocazione' o 'multilocazione' è la supposta capacità di un corpo di essere contemporaneamente presente in due o più luoghi diversi. Il termine comprende quello di ubiquità, perché multilocazione indica la presenza contemporanea di un corpo in più luoghi, mentre la ubiquità indica la sua presenza in ogni luogo.

Il termine è stato utilizzato in una vasta gamma di sistemi filosofici e storici, tra cui la filosofia greca,[1][2][3][4] sciamanesimo,[1][2][3][4][5][6][7] paganesimo,[7] folklore,[4][8] occultismo e magia,[9][10][11] il paranormale[12][13][14] induismo (come una delle siddhi),[1][2][15][16] buddismo,[17][18] spiritualismo e teosofia,[6][11][19][20][21] misticismo in generale,[22] tanto quanto il misticismo ebraico[2][23] e la Cabala[24].

La multilocazione è stata riconosciuta scientificamente dalla fisica quantistica ed è stata prodotta ed osservata in laboratorio a livello subatomico (Università di Vienna 2002). Si ignora a che punto e perché gli oggetti del mondo macroscopico perdano le proprietà che presentano del mondo microscopico, dove vige la fisica quantistica.[25]

Bilocazione e cristianesimo[modifica | modifica wikitesto]

Nella tradizione agiografica cristiana la bilocazione è un evento miracoloso attribuito ad alcuni santi.

Testimonianze agiografiche di bilocazione riguardano: Santa Caterina de' Ricci, San Pietro d'Alcantara, Sant'Alfonso Maria de' Liguori, San Clemente papa, Sant'Antonio da Padova, San Francesco d'Assisi, San Pio da Pietrelcina, Fra Nazareno da Pula, Santa Ludovina, San Francesco Saverio, San Giuseppe da Copertino, san Martino de Porres, sor María de León Bello y Delgado, venerabile Maria d'Agreda, San Filippo Neri, San Giovan Giuseppe della Croce, san Francesco di Paola, san Giovanni Bosco e Natuzza Evolo.

Bilocazione in Oriente[modifica | modifica wikitesto]

Il presunto fenomeno della bilocazione non è una prerogativa del mondo occidentale; anzi da molti secoli la tradizione vedica e buddista trasmetterebbe le basi di conoscenza, a livello filosofico e spirituale, per consentire a soggetti con particolari inclinazioni di effettuare un lungo tirocinio idoneo composto di pratiche ascetiche, tecniche yoga, preghiere, meditazione.

Yogananda narrò[26] sia apparizioni di defunti sia bilocazioni, in modo dettagliato; il suo stesso guru, si sarebbe materializzato, avrebbe comunicato e toccato il suo allievo prima di smaterializzarsi in una luce splendente.[27]

Robert Monroe ("I miei viaggi fuori dal corpo", Torino, 1974) dopo aver analizzato accuratamente le discipline orientali, consigliò qualche tecnica che a suo dire avvierebbe la mente verso la bilocazione, grazie ad un allentamento dello stato di coscienza fino alla scomparsa delle sensazioni; da uno stato di dormiveglia si passerebbe a quello delle "vibrazioni", ottenibile con l'ausilio di particolari posizioni del corpo; le "vibrazioni" se guidate opportunamente, potrebbero condurre, dopo aver prodotto una serie di reazioni intense che coinvolgerebbero tutto il corpo (come scintille e impressione di paralisi), ad una presunta separazione del corpo.

Bilocazione e parapsicologia[modifica | modifica wikitesto]

Il presunto fenomeno della bilocazione appartiene all'ambito delle discipline parapsicologiche, che non sono riconosciute dal mondo scientifico e accademico.

Nella parapsicologia è associata allo "sdoppiamento", "proiezione astrale" o "viaggio fuori dal corpo" (esperienze extracorporee). Permetterebbe, secondo chi asserisce di poterla praticare, non solo di avere la sensazione soggettiva, ma anche di trovarsi realmente allo stesso tempo in due luoghi fisici diversi. La distinzione sostanziale fra la bilocazione e la proiezione astrale risiederebbe semplicemente nella natura della presenza del praticante, il quale nella "proiezione astrale" sarebbe presente solo in uno stato incorporeo puramente "energetico", mentre nella "bilocazione" sarebbe fisicamente e materialmente presente[senza fonte].

Non esiste alcuna prova della reale esistenza dei fenomeni suddetti.

Il punto di vista scientifico[modifica | modifica wikitesto]

Secondo la comunità scientifica, gli asseriti episodi di bilocazione non hanno il minimo fondamento reale, ed hanno invece una spiegazione non paranormale, che si basa sulla somiglianza che esiste fra alcune persone, sulla psicologia della percezione e, in parte, sullo scherzo goliardico (infatti, nelle pseudoscienze viene talora distinta la bilocazione dallo sdoppiamento, sostenendo che nella bilocazione la persona non avrebbe alcuna coscienza di trovarsi in due posti diversi, mentre nello sdoppiamento sì).

Un semplice esperimento potrebbe togliere ogni dubbio: bilocarsi a un metro di distanza da se stessi, rimanendo nella stessa stanza. Le persone che dicono di bilocarsi non sono mai riuscite in questa prova.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c Thomas McEvilley, The Shape of Ancient Thought: Comparative Studies in Greek and Indian Philosophies, Allworth Communications, 2002, pp. 102, 262, ISBN 1-58115-203-5.
  2. ^ a b c d Christoph Riedweg, Steven Rendall, Pythagoras: His Life, Teaching, and Influence, Cornell University Press, 2005, p. 4, ISBN 0-8014-4240-0.
  3. ^ a b E. R. Dodds, The Greeks and the Irrational, University of California Press, 2004, p. 145, ISBN 0-520-24230-0.
  4. ^ a b c Andrei A. Znamenski, Shamanism: Critical Concepts in Sociology, New York, Routledge, 2004, pp. 248–249, ISBN 0-415-33248-6.
  5. ^ Richard K. Fenn, Donald Capps, On Losing the Soul: Essays in the Social Psychology of Religion, SUNY Press, 1995, pp. 243–4, ISBN 0-7914-2493-6.
  6. ^ a b Gardner, J., Faiths of the Word, cited in Edward Burnett Tylor Sir, Primitive Culture: Researches Into the Development of Mythology, Philosophy, Religion, Language, Art, and Custom, J. Murray, 1920, p. 448.
  7. ^ a b Michael York, Pagan Theology: Paganism as a World Religion, NYU Press, 2005, p. 41, ISBN 0-8147-9708-3.
  8. ^ John Millington Synge, Tim Robinson, The Aran Islands, Penguin Classics, 1992, p. 148, ISBN 0-14-018432-5.
  9. ^ Dean W. R. Harris, Essays in Occultism, Spiritism and Demonology, Kessinger Publishing, 2006, pp. 46–66, ISBN 1-4286-0202-X.
  10. ^ C. W. Olliver, Analysis of Magic and Witchcraft, Kessinger Publishing, 2003, pp. 117, 155–6, ISBN 0-7661-5699-0.
  11. ^ a b Henry Steel Olcott, Old Diary Leaves: The True Story of the Theosophical Society, G. P. Putnam's Sons, 1895, p. 388.
  12. ^ Lawrence L. LeShan, The World of the Paranormal: The Next Frontier, Allworth Communications, Inc.,, 2004, pp. 51, 121, ISBN 1-58115-360-0.
  13. ^ Katherine Ramsland, Ghost: Investigating the Other Side, Macmillan, 2002, p. 27, ISBN 0-312-98373-5.
  14. ^ Percy Seymour, The Third Level of Reality: A Unified Theory of the Paranormal, Cosimo, Inc., 2003, p. 146, ISBN 1-931044-47-3.
  15. ^ Yoga Sutras of Patanjali cited in Paramahansa Yogananda, Autobiography of a Yogi, Diamond Pocket Books, p. 29, ISBN 81-902562-0-3.
  16. ^ Yoga Sutras of Patanjali cited in A Meeting of Mystic Paths: Christianity and Yoga, Yes International Publishers, 1996, pp. 29, 140, ISBN 0-936663-14-6.
  17. ^ Alex Comfort, Reality and Empathy: Physics, Mind, and Science in the 21st Century, SUNY Press, 1984, p. 42, ISBN 0-87395-762-8.
  18. ^ Herman Vetterling, Illuminate of Gorlitz Or Jakob Bohme's Life and Philosophy Part 3: V. 3, Kessinger Publishing, 2003, p. 967, ISBN 0-7661-4788-6.
  19. ^ Elizabeth Clare Prophet, The Masters and the Spiritual Path, Summit University Press, 2001, p. 331, ISBN 0-922729-64-6.
  20. ^ Robin Waterfield, Rene Guenon and the Future of the West: The Life and Writings of a 20th-Century Metaphysician, Sophia Perennis, 2002, p. 72, ISBN 0-900588-87-X.
  21. ^ Jess Byron Hollenback, Mysticism: Experience, Response, and Empowerment, Penn State Press, 1996, p. 137, ISBN 0-271-01552-7.
  22. ^ Johann Jakob Herzog, Philip Schaff, Samuel Macauley Jackson, Albert Hauck, Charles Colebrook Sherman, George William Gilmore, Lefferts A. Loetscher, The New Schaff-Herzog Encyclopedia of Religious Knowledge: Embracing Biblical, Historical, Doctrinal, and Practical Theology and Biblical, Theological, and Ecclesiastical Biography from the Earliest Times to the Present Day, Funk and Wagnalls Company, 1910, p. 69.
  23. ^ John Alexander Selbie, Louis Herbert Gray, Encyclopaedia of Religion and Ethics, T. & T. Clark, 1917, p. 101.
  24. ^ Gabriella Samuel, The Kabbalah Handbook: A Concise Encyclopedia of Terms and Concepts in Jewish Mysticism, Jeremy P. Tarcher, 2007, p. 51, ISBN 1-58542-560-5.
  25. ^ "Matter–Wave Interferometer for Large Molecules" (reprint). Physical Review Letters 88 (10): 100404. doi:10.1103/PhysRevLett.88.100404. http://homepage.univie.ac.at/Lucia.Hackermueller/unsereArtikel/Brezger2002a.pdf. Retrieved 2007-04-30.
  26. ^ "Il Maestro disse" di Paramahansa Yogananda, ed.Astrolabio, 1970 (alla pag.38)
  27. ^ "50 parole chiave della parapsicologia" di dr.Edoardo Borra, ed.Paoline, 1980 (alla pag.62)

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Gregorio, O. (2004). La bilocazione nella vita di sant’ Alfonso de’ Liguori. Luce e Ombra, 104, 13 – 31

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]