Iperbole (figura retorica)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.

L'iperbole (dal greco ὑπερβολή, hyperbolé, «eccesso») è una figura retorica che consiste nell'esagerazione nella descrizione della realtà tramite espressioni che l'amplifichino, per eccesso o per difetto.

Esempi[modifica | modifica sorgente]

« È un secolo che non ti vedo! »
« Darei la testa per quella macchina! »
« Il prezzo del petrolio è schizzato alle stelle»



« Affogare in un bicchiere d'acqua »

Dagli studiosi è stato messo in luce che l'iperbole presuppone la "buona fede" di chi la usa: non si tratta infatti di un'alterazione della realtà al fine di ingannare ma, al contrario, allo scopo di dare credibilità al messaggio, attraverso un eccesso nella frase che imprima nel destinatario il concetto che si vuole esprimere.

Un'iperbole che ha forma di paradosso è l'adynaton. La figura retorica contraria dell'iperbole è l'understatement.

Troviamo numerose iperboli in Arietta, un poema di Arnaut Daniel:

« ...Io sono Arnaldo, che corro con il vento, caccio con il bue la lepre e nuoto contro la marea montante...
...Sono io colui che adora la donna più bella del mondo... »
Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Linguistica