Glee (serie televisiva)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Glee
Glee title card.svg
Immagine tratta dalla sigla della serie televisiva
Titolo originale Glee
Paese Stati Uniti d'America
Anno 20092015
Formato serie TV
Genere commedia musicale, teen drama
Stagioni 6
Episodi 121
Durata 45 min (episodio)
Lingua originale inglese
Caratteristiche tecniche
Aspect ratio 16:9
Risoluzione 720p
Colore colore
Audio Dolby Digital 5.1
Crediti
Ideatore Ryan Murphy, Brad Falchuk, Ian Brennan
Interpreti e personaggi
Doppiatori e personaggi
Musiche James S. Levine
Produttore Alexis Martin Woodall, Michael Novick, Kenneth Silverstein, Robert Del Valle, Roberto Aguirre-Sacasa
Produttore esecutivo Ryan Murphy, Brad Falchuk, Dante Di Loreto, Ian Brennan
Casa di produzione 20th Century Fox Television
Brad Falchuk Teley-Vision
Ryan Murphy Productions
Prima visione
Prima TV Stati Uniti d'America
Dal 19 maggio 2009
Al in corso
Rete televisiva Fox
Prima TV in italiano (gratuita)
Dal 10 gennaio 2011
Al in corso
Rete televisiva Italia 1
Prima TV in italiano (pay TV)
Dal 25 dicembre 2009
Al in corso
Rete televisiva Fox (st. 1-4)
Sky Uno (st. 5-6)

Glee è una serie televisiva musicale statunitense, prodotta e trasmessa negli Stati Uniti da Fox.

Lo show si concentra sulle Nuove Direzioni, il glee club del liceo William McKinley, e sui suoi studenti, i quali competono contro cori rivali facendo intanto i conti con problemi adolescenziali e sociali, vivendo i loro primi amori e la loro sessualità, imparando pian piano a diventare una squadra compatta e unita. Gli iniziali dodici membri del cast principale erano il neo-direttore del club e insegnante di spagnolo Will Schuester (Matthew Morrison), la coach delle cheerleader della scuola Sue Sylvester (Jane Lynch), la psicologa scolastica Emma Pillsbury (Jayma Mays), la moglie di Will Terri (Jessalyn Gilsig), e otto membri del club, interpretati da Dianna Agron, Chris Colfer, Kevin McHale, Lea Michele, Cory Monteith, Amber Riley, Mark Salling, e Jenna Ushkowitz. Nelle stagioni successive, il cast principale si è allargato arrivando talvolta a quattordici o quindici membri.

La serie è stata creata da Ryan Murphy, Brad Falchuk, e Ian Brennan, il quale aveva inizialmente sviluppato l'idea di Glee come un film. I tre hanno scritto tutti gli episodi delle prime due stagioni, sia Murphy che Falchuk hanno inizialmente diretto alcune puntate dello show. L'episodio pilota fu trasmesso in America il 19 maggio 2009, e la prima stagione iniziò ufficialmente il 9 settembre 2009, terminando l'8 giugno 2010. Le successive stagioni hanno tutte seguito lo stesso schema, iniziando a settembre e terminando a giugno; la quinta stagione è iniziata negli USA il 26 settembre 2013, e una sesta stagione è già stata annunciata.[1]. In Italia, l'episodio pilota è stato trasmesso in anteprima su Fox il 25 dicembre 2009. La prima stagione è iniziata il 21 gennaio 2010 e terminata il 30 ottobre dello stesso anno. La seconda stagione è iniziata il 2 dicembre 2010, e a partire dall'undicesimo episodio (in onda negli USA il 6 febbraio e in Italia il 14), gli episodi vengono trasmessi a distanza di 48 ore in versione originale sottotitolata e la settimana seguente doppiati in italiano. A partire dalla quinta stagione, lo show va in onda su Sky Uno, con gli episodi sottotitolati trasmessi a meno di 24 ore di distanza dalla messa in onda in America, e quelli doppiati in onda 12 giorni dopo.

Le esibizioni in Glee si basano su numeri musicali scelti da Murphy, che cerca di bilanciare le scelte per mantenere i toni comici dello show e contemporaneamente utilizzare i brani più famosi. Le canzoni cantate nello show vengono rilasciate su iTunes Store nella settimana della messa in onda della puntata, e una serie di album di Glee sono stati rilasciati dalla Columbia Records. La colonna sonora di Glee è stata un successo commerciale con oltre 36 milioni di singoli venduti e 11 milioni di album in tutto il mondo solo nel 2011. Il merchandise della serie include anche DVD e Blu-ray, un'applicazione per iPad e un gioco di karaoke per la console Wii. Dopo la seconda stagione ci sono stati dei tour con i protagonisti della serie; un film basato sul tour del 2011 Glee: The 3D Concert Movie, è stato prodotto da Ryan Murphy e diretto da Kevin Tancharoen.

Durante la prima stagione, Glee ha ricevuto recensioni generalmente positive dai critici, ricevendo un punteggio complessivo su Metacritic di 77 su 100, basato sulle recensioni di 18 critiche musicali. La serie fu nominata a 19 Emmy Award, 4 Golden Globe Awards, 6 Satellite Awards e 57 altri premi, vincendo premi come il Golden Globe per la miglior serie televisiva nel 2010, un Emmy award per Jane Lynch e Neil Patrick Harris (come guest star) e per la direzione di Murphy nell'episodio pilota. Nel 2011, la serie ha vinto di nuovo il Golden Globe per la miglior serie televisiva, e Jane Lynch e Chris Colfer hanno ricevuto il Golden Globe come migliori co-protagonisti, e Gwyneth Paltrow ha vinto un Emmy come migliore guest star in una serie televisiva. Glee fu scelta da Fox per riempire lo spazio dopo il Super Bowl XLV nel 2011. Il 17 ottobre 2013, a causa della morte del protagonista Cory Monteith avvenuta qualche mese prima, e una settimana dopo la messa in onda dell'episodio della quinta stagione a lui dedicato, Murphy ha annunciato che la sesta stagione sarebbe stata quella conclusiva.[2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Will Schuester, professore di spagnolo alla William McKinley High School, vorrebbe riportare in auge il glee club, il gruppo di canto e ballo, ma questa attività extrascolastica non sembra destare l'interesse degli studenti. Schuester non demorde e riesce a raggruppare un gruppo diversificato di ragazzi assai talentuosi, considerati sfigati (in originale loser, lett. perdenti) dagli altri studenti, dando vita così alle Nuove Direzioni. In essi compaiono Rachel Berry, ragazza dotata ed estrosa ma piuttosto egocentrica, figlia di genitori omosessuali, Mercedes Jones, corpulenta ragazza di colore con manie di divismo, Tina Cohen-Chang, studentessa timida, balbuziente e dal look gotico, Kurt Hummel, esuberante ragazzo gay, appassionato di moda, Artie Abrams, un nerd bassista costretto sulla sedia a rotelle e Finn Hudson, un ragazzo popolare, semplice e appassionato di sport. Poco dopo si aggiungeranno le cheerleader Santana Lopez, Brittany Pierce e Quinn Fabray, e gli atleti Noah Puckerman, Mike Chang e Matthew Rutherford. Nel corso della serie vengono raccontate le vicende dei singoli studenti e dei loro professori, e gli scontri tra il professor Schuester e la competitiva e temibile allenatrice delle cheerleader, Sue Sylvester, che non nasconde la sua preoccupazione quando vengono tagliati i fondi scolastici a discapito della sua squadra. Il glee club riesce a vincere le Provinciali e ha accesso alle Regionali, dove però arriva solo terzo. Il club rischia quindi di essere chiuso, come da accordo tra preside e Will Schuester, ma l'allenatrice Sue Sylvester si accorge che i ragazzi hanno talento e che, anche se non lo ammette, tiene a loro. Obbliga quindi il Preside Figgins a dare al club un altro anno per potersi rifare e vincere le Regionali. Durante la seconda stagione Matt cambia scuola e viene sostituito da Sam Evans, un belloccio muscoloso. Altri personaggi che entrano a far parte del cast di Glee sono Lauren Zizes, ragazza mascolina e grassoccia, dal look piuttosto kitsch, che intraprende una relazione con Puck, Blaine Anderson, ragazzo membro del coro degli Usignoli, fidanzato di Kurt, la stonata Sugar Motta, Rory Flanagan un ragazzo irlandese venuto in America con un programma di scambio e un ragazzo profondamente cristiano di nome Joseph Hart. Dopo il diploma di alcuni membri originali del glee club, si uniscono al club anche Jake Puckerman, fratellastro sconosciuto di Puck, Marley Rose, un ragazza povera ma molto talentuosa, Wade "Unique" Adams, ex-membro dei Vocal Adrenaline che si sente a suo agio solo in panni femminili, Ryder Lynn, giocatore di football dislessico, e Kitty Wilde, il nuovo capitano dei Cheerios. Nel 99º episodio viene annunciata la chiusura del "Glee Club", a causa del piazzamento al secondo posto alle nazionali: tra il centesimo e il centunesimo episodio ritornano tutti i vecchi personaggi per ricordare e cantare insieme le canzoni del glee, da quel momento anche il professor Schuester decide di abbandonare il McKinley e l'ambientazione si sposta a New York dove si trasferisce, dopo il diploma, la maggior parte dei membri del cast.

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Stagione Episodi Prima TV USA Prima TV Italia
Prima stagione 22 2009-2010 2009-2010
Seconda stagione 22 2010-2011 2010-2011
Terza stagione 22 2011-2012 2011-2012
Quarta stagione 22 2012-2013 2012-2013
Quinta stagione 20 2013-2014 2013-2014
Sesta stagione 13 2015 inedita

Personaggi principali e interpreti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Personaggi di Glee.

Guest star[modifica | modifica wikitesto]

Numerosi personaggi del mondo dello spettacolo hanno dato la loro partecipazione alla serie in veste di guest star e ruoli ricorrenti.

  • Nella prima stagione, la rapper Eve ha interpretato l'allenatrice di un coro rivale, Grace Hitchens.
  • Le star di Broadway Kristin Chenoweth e Idina Menzel sono apparse rispettivamente nei ruoli di April Rhodes, una cantante fallita e alcolizzata, ex compagna di scuola di Will Schuester, e Shelby Corcoran, coach dei Vocal Adrenaline e madre biologica di Rachel Berry.
  • Olivia Newton John e Josh Groban hanno invece interpretato loro stessi; la prima ha inoltre cantato il suo successo Physical insieme all'attrice Jane Lynch (Sue Sylvester).
  • Gli attori Molly Shannon e Neil Patrick Harris hanno fatto una breve apparizione, rispettivamente nei ruoli dell'insegnante Brenda Castle e dell'ex compagno di scuola di Will, Bryan Ryan.
  • Il cantante e attore Jonathan Groff ha invece interpretato il personaggio ricorrente di Jesse St. James in otto episodi della prima stagione, tre episodi della seconda e due della terza.
  • Britney Spears interpreta se stessa nell'episodio della seconda stagione a lei dedicato, Britney/Brittany. Nello stesso episodio fa la prima apparizione John Stamos nel ruolo del dentista e fidanzato di Emma Carl Howell.
  • Gwyneth Paltrow appare in tre episodi nei panni della supplente Holly Holliday, mentre Charice Pempengco interpreta in tre episodi la studentessa Sunshine Corazon.
  • La giornalista Katie Couric fa una breve apparizione nel ruolo di sé stessa mentre Ricky Martin interpreta David Martinez, un insegnante di spagnolo.
  • Jeff Goldblum interpreta Hiram Berry e Brian Stokes Mitchell Leroy Berry, i due padri di Rachel.
  • Matthew Bomer interpreta Cooper Anderson, fratello maggiore di Blaine.
  • Nell'episodio della terza stagione dedicato alle Nazionali appare nel ruolo di sé stessa Lindsay Lohan, mentre Whoopi Goldberg ricopre il ruolo di Carmen Tibideaux, preside dalla Nyada in tre episodi della terza stagione e in alcuni della quarta e della quinta.
  • Nell'episodio finale della terza stagione appare Gloria Estefan nel ruolo della madre di Santana.
  • Nella quarta stagione, Kate Hudson interpreta Cassandra July, insegnante di ballo alla NYADA; dalla terza puntata appare anche Sarah Jessica Parker nel ruolo di Isabelle Wright, manager di Vogue.com che sarà mentore di Kurt Hummel nella sua esperienza lavorativa nel mondo della moda.
  • Nella quinta stagione, la cantante Demi Lovato interpreta il ruolo ricorrente di Dani, una ragazza lesbica che ha una relazione con Santana ed entra a far parte della band "Pamela Lansbury" con Rachel, Kurt, Santana e Elliot.
  • Nella quinta stagione, il cantante Adam Lambert interpreta il ruolo ricorrente di Elliot "Starchild" Gilbert, un cantante che si unisce alla band di Kurt, Rachel, Santana e Dani.

Musiche e coreografie[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Colonna sonora di Glee.
Il pallone promozionale di Glee a New York

La serie è caratterizzata dalla presenza di numerose canzoni, eseguite dagli stessi interpreti e inserite all'interno di ogni singola puntata secondo il percorso narrativo. I vari segmenti musicali vengono rappresentati sotto forma di esibizioni, dando modo alla serie di basarsi sulla realtà. Ryan Murphy è responsabile della selezione di tutte le canzoni e si sforza di mantenere un equilibrio tra spettacolo e successi da hit parade. Le canzoni sono scelte come parte integrante per lo sviluppo della trama: dopo aver scritto la sceneggiatura di ogni episodio, Murphy sceglie un certo numero di canzoni che possono in qualche modo avere a che fare con la storia.

Nel corso della serie sono pubblicate sotto l'etichetta Columbia Records diverse compilation di brani eseguiti dai protagonisti. La prima compilation, Glee: The Music, Volume 1, è stata pubblicata il 3 novembre 2009, la seconda compilation, Glee: The Music, Volume 2, è stata pubblicata l'8 dicembre 2009. Le canzoni sono scaricabili su iTunes dopo la messa in onda di ogni episodio. Il primo singolo estratto dalle compilation è Don't Stop Believin', cover eseguita dall'intero cast dell'omonimo brano dei Journey. Il brano ha raggiunto la posizione numero 4 della classifica della Billboard Hot 100.

Molti artisti internazionali hanno ceduto dei loro brani da utilizzare all'interno della serie. Tra i brani utilizzati figurano Everybody Wants To Rule The World dei Tears For Fears You Keep Me Hangin' On delle Supremes e Somebody to Love dei Queen. Billy Joel ha messo a disposizioni alcuni brani del suo repertorio. Rihanna ha ceduto il suo singolo Take a Bow[3]. Molti altri artisti, come Adam Lambert, hanno offerto l'utilizzo delle loro canzoni gratuitamente. La popstar Madonna ha concesso i diritti per il suo intero catalogo: per questo motivo un episodio del 2010 è interamente dedicato a lei e alle sue canzoni.[4] In occasione del Natale 2010 l'intero cast ha realizzato un'esclusiva cover di Last Christmas degli Wham!, .[5]

Il coreografo di Glee, Zach Woodlee, dispone dai cinque agli otto numeri per ogni episodio. Una volta che i diritti musicali sono acquisiti, le canzoni vengono eseguite e prs e-registrate dal cast. Woodlee prepara le coreografie di danza, che vengono poi insegnate al cast. I numeri possono richiedere diverse settimane di preparazione, a seconda della complessità della coreografia. Ogni episodio costa attorno ai 3 milioni di dollari[6] e la lavorazione può durare fino a 10 giorni, nel caso di una coreografia elaborata.[7]

Fenomeno sociale[modifica | modifica wikitesto]

Nel giro di breve tempo negli Stati Uniti la serie è diventata un cult, con una media di otto milioni di telespettatori a puntata[8], apprezzata sia dal pubblico che dalla critica.[9] I fan di Glee vengono comunemente chiamati "gleeks",[10] una parola macedonia che mischia glee, ovvero gioia, con geek. La Fox ha indetto un concorso chiamato "Biggest GLEEK", per misurare le attività dei fan attraverso il social networking e l'ausilio di siti come MySpace e Facebook.[11] Molti fan hanno ricreato e condiviso su YouTube diversi numeri musicali della serie, in segno di omaggio. Per questo la produzione ha messo a disposizione le versioni strumentali delle canzoni presenti nella serie.

In Italia il 21 dicembre 2009, in occasione della messa in onda della serie, è stato allestito un flash mob, in cui numerosi ragazzi e ragazze hanno ballato sulle note di Don't Stop Believin', Gold Digger e Somebody to Love all'interno della Galleria Alberto Sordi di Roma.[12]

A partire dal 10 gennaio 2011 Fox Italia ha indetto sul suo sito ufficiale il concorso ugc Glee Audition Contest, chiedendo agli utenti di interpretare con originalità le coreografie di uno dei tre brani proposti, tratti dalla seconda stagione: Empire State of Mind, Telephone e Toxic.

Una delle prove della quarta stagione di MasterChef USA è stata ambientata sul set di Glee, con Jane Lynch che ha scelto le squadre.

Il cast di Glee nel 2009.

Film[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Glee: The 3D Concert Movie.

Nel 2011 è stato realizzato il film documentario in 3D Glee: The 3D Concert Movie, diretto da Kevin Tancharoen. Il film documenta le quattro settimane del Glee Live! In Concert!, una serie di concerti che i membri del cast hanno intrapreso nel Nord America ed in Europa, con backstage ed esibizioni live. Il film è uscito nelle sale statunitensi il 12 agosto 2011, con due settimane di programmazione. In Italia il film è stato proiettato nelle sale del circuito The Space Cinema per quattro giorni, dal 16 al 20 settembre 2011.

Edizione DVD[modifica | modifica wikitesto]

L'episodio pilota della serie è stato commercializzato in DVD con il titolo Glee - Pilot Episode: Director's Cut nella regione 1 a partire dal 1º settembre 2009.[13] Il DVD contiene un'anteprima del secondo episodio, La strada per il successo e vari contenuti speciali, tra cui un commento di Ryan Murphy. In Italia il DVD dell'episodio pilota è stato commercializzato con il titolo Glee - Il film a partire dal 3 febbraio 2010.[14]

Glee - Volume 1: Road to Sectionals contiene i primi tredici episodi della prima stagione. Il DVD è stato commercializzato in un cofanetto composto da quattro dischi a partire dal 29 dicembre 2009, nella regione 1.[15]

In Italia sono disponibili le prime quattro stagioni complete in DVD.

Il cast nel primo episodio della prima stagione.

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Di seguito vengono proposti i premi vinti dalla serie TV:

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ 'Glee' shock: Renewed for two more seasons! in Entertainment Weekly, Time Inc., 19 aprile 2013. URL consultato il 19 aprile 2013 (archiviato il 25 aprile 2013).
  2. ^ Bill Gorman, 'Glee' Will End Next Season, Series Co-Creator Ryan Murphy Says in TV by the Numbers, 17 ottobre 2013. URL consultato il 17 ottobre 2013.
  3. ^ (EN) New Glee songs: Will Rihanna's Take a Bow be the next Don't Stop Believin?, music-mix.ew.com. URL consultato il 22 novembre 2009.
  4. ^ Glee punta su Madonna!, movieplayer.it. URL consultato il 22 novembre 2009.
  5. ^ (EN) Glee Rewrites The Script On TV Music, billboard.com. URL consultato il 29 novembre 2009.
  6. ^ (EN) Will TV audiences watch with Glee?, articles.latimes.com. URL consultato il 22 novembre 2009.
  7. ^ (EN) Not That High School Musical, nytimes.com. URL consultato il 22 novembre 2009.
  8. ^ Glee: la commedia musicale che convince pubblico e critica movieplayer.it URL. consultato il 24-12-2009
  9. ^ Glee: la commedia musicale che convince pubblico e critica
  10. ^ (EN) Gleeks, schott.blogs.nytimes.com. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  11. ^ (EN) A Long Wait Stirs Enthusiasm for Fox Show Glee, nytimes.com. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  12. ^ Flash mob a Roma per il lancio di Glee, corriere.it. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  13. ^ (EN) Glee - Exclusively at Walmart, Fox Announces a Pilot Episode: Director's Cut DVD, www.tvshowsondvd.com. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  14. ^ Glee, in arrivo il film in DVD, megamodo.com. URL consultato il 23 dicembre 2009.
  15. ^ (EN) Glee DVD news: Official Announcement for Glee — Season 1, Volume 1: Road to the Sectionals, tvshowsondvd.com. URL consultato il 23 dicembre 2009.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Elenco delle serie televisive trasmesse in Italia: 0-9 | A | B | C | D | E | F | G | H | I | J | K | L | M | N | O | P | Q | R | S | T | U | V | W | X | Y | Z
televisione Portale Televisione: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di televisione