Queen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Queen (disambigua).
Queen
I Queen in concerto nel 1984
I Queen in concerto nel 1984
Paese d'origine Regno Unito Regno Unito
Genere Hard rock[1]
Art rock[1]
Glam rock[1]
Pop rock[1]
Rock progressivo[2]
Arena rock[1]
Dance rock[1]
Heavy metal[1][2]
Periodo di attività 1970 – in attività [3]
Etichetta EMI
Parlophone
Elektra Records
Capitol
Hollywood
Island
Album pubblicati 35
Studio 15
Live 8
Raccolte 12
Sito web
Logo Queen.png

I Queen sono un gruppo musicale rock britannico, formatosi a Londra nel 1970, composto originariamente dal cantante e pianista Freddie Mercury, dal chitarrista Brian May, dal batterista Roger Taylor e dal bassista John Deacon.

La band, conosciuta come una tra le più importanti della scena musicale internazionale, ha venduto tra i 150 e i 300 milioni di dischi;[4][5] tra le più importanti canzoni del quartetto si ricordano Bohemian Rhapsody, inserita sia da critici sia da sondaggi popolari tra le migliori canzoni di tutti i tempi,[6][7] We Are the Champions e Somebody to Love di Mercury, We Will Rock You, Who Wants to Live Forever, I Want It All e The Show Must Go On di May, Radio Ga Ga e A Kind of Magic di Taylor e Another One Bites the Dust e I Want to Break Free di Deacon. La loro prima raccolta del 1981, Greatest Hits, risulta l'album più acquistato in assoluto in Inghilterra, con oltre sei milioni di copie vendute, precedendo Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles.[8][9]

Il gruppo ha riscosso nel corso degli anni un grandissimo successo di pubblico e ha avuto una forte influenza sulle generazioni e sui musicisti successivi.[10] Nel 2001 la band è stata inclusa nella Rock and Roll Hall of Fame di Cleveland e, nel 2004, nella UK Music Hall of Fame. Un sondaggio d'opinione, effettuato in Gran Bretagna dalla BBC nel 2007, elesse i Queen come il "miglior gruppo britannico di tutti i tempi", davanti ai Beatles e ai Rolling Stones; inoltre, i quattro membri della band sono stati ammessi nella Songwriters Hall of Fame. I Queen, che attinsero principalmente al progressive e al glam rock, furono capaci di adottare generi musicali molto diversi e innovativi, come heavy metal, gospel, blues rock, musica elettronica, funk e rock psichedelico.

Caratteristica del gruppo erano i loro concerti (ben 707 in 26 nazioni dal 1971 al 1986) che, animati da Mercury, considerato uno dei più carismatici frontman di sempre,[11] si trasformavano in spettacoli teatrali; per questo motivo, alla band è stato spesso attribuito il titolo di miglior live-band della storia. La loro esibizione al Live Aid è stata votata da un vasto numero di critici non solo come la migliore dell'evento, ma una delle migliori in assoluto della storia della musica moderna. La morte di Mercury, leader carismatico del gruppo, avvenuta il 24 novembre 1991, e il ritiro di Deacon nel 1997 frenarono la produzione musicale della band; May e Taylor continuarono a suonare insieme, formando con Paul Rodgers, a partire dal 2005, i Queen + Paul Rodgers, esperienza terminata nel 2009.

Storia del gruppo[modifica | modifica wikitesto]

La formazione (1968-1971)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964, il chitarrista Brian May fondò insieme a Tim Staffell i 1984;[12] il gruppo, composto da altri quattro membri, ebbe un buon successo, arrivando nel 1967 ad aprire un concerto di Jimi Hendrix e a partecipare a un grande concerto di Natale con T. Rex e Pink Floyd.[12] Dopo lo scioglimento della band nel 1968, May e Staffell decidono di riformarne un'altra, inserendo così nella bacheca dell'Imperial College, dove studiavano, un annuncio: "Cercasi batterista stile Ginger Baker/Mitch Mitchell".[13] A questo rispose Roger Meddows-Taylor, che convinse con la propria professionalità May e Staffell ed entrò a far parte degli Smile.[13] La prima apparizione pubblica della nuova band avvenne il 26 ottobre 1968, quando aprì un concerto dei Pink Floyd; nel maggio 1969, il gruppo firma un contratto con la Mercury Records per la pubblicazione di un singolo.[14]

Il logo base dei Queen, presente anche sulla parte bassa del loro stemma

In questo periodo Staffell presentò ai compagni Farrokh Bulsara detto "Freddie", che faceva parte di una blues band, gli Ibex (poi Wreckage),[11] dispensando comunque numerosi consigli agli Smile su come suonare e presentarsi in pubblico.[14] Il singolo Earth, registrato ai Trident Studios, venne pubblicato negli Stati Uniti, senza tuttavia ottenere il successo sperato;[11] per questo motivo, Staffell decise di abbandonare i due compagni, entrando a far parte degli Humpy Bong.[14][15]

I rimanenti membri degli Smile, incoraggiati da Bulsara, che si era aggregato ai due, continuarono il loro lavoro e, nell'aprile 1970, cambiarono il nome della band in "Queen", cominciando a cercare un bassista;[16] il 27 giugno 1970, i tre, completati da Mike Grose, si esibirono per la prima volta in pubblico, a Truro, in un concerto di beneficenza per la Croce rossa.[17] Il nome "Queen" venne pensato da Bulsara, che cominciò inoltre a farsi chiamare "Mercury"; "Queen è un nome corto, semplice e facile da ricordare ed esprime poi quello che vogliamo essere, maestosi e regali. Il glam è parte di noi e vogliamo essere dandy."[17] Lo stile adottato dai tre comprendeva abiti di seta in bianco e nero, bracciali, anelli e collari. Dopo poco tempo Grose abbandonò la band, così come fece il suo sostituto Barry Mitchell.[18] Dopo aver provato Doug Ewood Bogie, Taylor e May incontrarono nel gennaio 1971 John Deacon, proponendogli il posto di bassista dei Queen; a fine febbraio, Deacon, per la sua tranquillità e la sua conoscenza dell'elettronica, diventò il quarto membro del gruppo.[17]

I primi anni (1972-1975)[modifica | modifica wikitesto]

Nonostante fossero impegnati a terminare il loro percorso universitario,[19] i Queen organizzarono un tour in Cornovaglia, per cominciare a provare alcuni brani e ad acquisire confidenza con il palcoscenico;[17] nel settembre 1971, Terry Yeadon, un amico di May, offrì alla band la possibilità di registrare gratuitamente nei nuovi De Lane Lea Studios, per collaudarne le attrezzature.[17] La band ne approfittò, registrando alcuni brani originali come Liar, Keep Yourself Alive e Stone Cold Crazy,[20] che attirarono l'attenzione di John Anthony, discografico della Mercury Records, e di Roy Thomas Baker,[21] collaboratore della Trident Audio Productions, agenzia di management che mise sotto contratto i Queen, con la supervisione del manager Jack Nelson.[17]

Il chitarrista dei Queen Brian May, che scrisse il primo singolo pubblicato dal gruppo, Keep Yourself Alive.

Nell'estate 1972, Mercury e gli altri iniziarono a lavorare al primo album, che finirono nel gennaio 1973; a marzo, i Queen firmarono il primo contratto d'incisione per il mercato britannico ed europeo con la EMI;[22] negli Stati Uniti d'America e in Giappone la band era invece rappresentata dalla Elektra Records.[23] Il 9 aprile, Nelson organizzò la presentazione ufficiale del gruppo al Marquee Club di Londra, che si rivelò un successo, nonostante la scarsa affluenza del pubblico.[22] Il primo singolo, Keep Yourself Alive, venne pubblicato il 6 luglio, ottenendo recensioni favorevoli dalla critica, senza tuttavia ricevere alcuna promozione radiofonica.[24] Un mese prima del loro debutto discografico, i Queen, con il nome Larry Lurex, avevano inciso la reinterpretazione I Can Hear Music.[23]

L'album d'esordio, Queen, che uscì il 13 luglio 1973 e comprendeva perlopiù canzoni scritte alcuni anni prima,[25] ha come prerogative "l'aggressività e la nitidezza della voce di Freddie e gli assoli di May",[22] unendo hard rock (Liar), progressive rock (My Fair King) e ballate melodiche (The Night Comes Down) al glam e ad ambientazioni fantasy, tratte principalmente dalle opere di J. R. R. Tolkien (Great King Rat).[25] Negli Stati Uniti, Queen raggiunse nelle classifiche di Billboard l'83º posto. In questo periodo, il tema del bianco e nero, inventato da un gruppo di fan di Liverpool, crebbe di importanza; questa peculiarità era presente anche nei loro spettacoli, che prevedevano uno stretto contatto con il pubblico, durante i quali indossavano gli eccentrici abiti creati dalla stilista Zandra Rhodes.[26]

Dal 13 settembre al 2 febbraio 1974, la band londinese cominciò il suo primo tour, il Queen I Tour, che li vide esibirsi come gruppo di supporto dei Mott the Hoople in 35 concerti, principalmente in Inghilterra;[27] durante gli spettacoli di questi anni inserivano nelle scalette, oltre ai brani dei loro lavori, brevi medley rock and roll di canzoni degli anni cinquanta, come Jailhouse Rock e Big Spender. Il 21 febbraio, il gruppo suonò dal vivo a Top of the Pops un brano inedito che sarebbe diventato l'unico singolo del loro secondo disco, Seven Seas of Rhye;[25] questo ebbe un grande successo commerciale, venendo trasmesso in continuazione dalle stazioni radiofoniche e raggiungendo il 45º posto nelle classifiche inglesi.[18]

Il cantante dei Queen Freddie Mercury, durante un concerto a New Haven nel novembre 1978

Queen II, uscito l'8 marzo 1974, risulta un concept album, sviluppando ulteriormente l'idea della contrapposizione tra il bene e il male, concetti esemplificati principalmente da un punto di visto cromatico; lo stesso disco risulta diviso in White Side e Black Side, "lato bianco" e "lato nero", due parti caratterizzate da differenti approcci sonori.[28] Il primo, curato principalmente da May, comprende ballate e progressioni melodiche, come White Queen (As It Began), Someday One Day e Father To Son, mentre la parte di Mercury è caratterizzata da suoni più duri, caotici e barocchi, inseriti in testi enigmatici e contorti,[25] come The March of the Black Queen e The Fairy Fellers Masterstroke.[28] Tra gli elementi più innovativi di Queen II, vi è l'utilizzo di nuovi generi musicali, come il rock and roll (The Loser In The End, scritta da Taylor) e il pop (Funny How Love Is).[18] L'album raggiunse la 35ª posizione nelle classifiche inglesi.

Il 1º marzo 1974, il gruppo cominciò il Queen II Tour,[29] durante il quale il loro secondo album scalò velocemente le classifiche inglesi, piazzandosi al quinto posto e superando le centomila copie vendute, divenendo disco d'argento,[30][31] mentre Seven Seas of Rhye arrivò nella "top ten" della classifica dei singoli;[32] nello stesso mese, l'Elektra pubblicò Queen in Giappone, dove entrò in classifica nel giro di pochi giorni.[18] Il tour nazionale si chiuse con un tutto esaurito al Rainbow Theatre di Londra, subito prima di partire per gli Stati Uniti, esibendosi con Mott the Hoople e Aerosmith; dopo l'esordio al Regis College di Denver il 16 aprile, una grave forma di epatite colpì Brian May, costringendo la band ad annullare le rimanenti date. Il resto del gruppo attese il chitarrista, che utilizzò il tempo in convalescenza scrivendo nuovi pezzi per il futuro album, registrato a luglio nei Rockfield Studios in Galles e, successivamente, ai Trident Studios di Londra.[31]

Il loro terzo singolo, Killer Queen/Flick of the Wrist, esempio dello stile glam-art rock della band e con due facciate A,[33] ottenne un enorme successo, entrando in classifica direttamente alla 5ª posizione, arrivando poi al 2º posto;[33] negli Stati Uniti questa produzione, per la quale Mercury vinse nel 1974 l'Ivor Novello Awards,[18] divenne disco d'oro.[34] Questi risultati spinsero il gruppo ad affrettare i preparativi per un nuovo tour inglese, in attesa della pubblicazione del terzo album ufficiale, Sheer Heart Attack.[35] Uscito l'8 novembre 1974, il disco contiene importanti contributi, oltre che di May e Mercury, di Taylor e Deacon, "comportando una fusione più concisa dei generi dal loro adottati e un'identità più sentita e personale".[18] Nel disco si nota nuovamente l'equilibrio tra i vari stili musicali molto differenti, passando dalle voci angeliche di In the Lap of the Gods all'heavy-metal di Stone Cold Crazy, dal boogie-woogie di Now I'm Here al piano di Lily of the Valley e di Dear Friends.[18] Considerato un classico del rock e fonte di ispirazione per numerosi gruppi come Metallica ed Extreme,[34] Sheer Heart Attack raggiunse il 2º posto nel Regno Unito e il 12º negli Stati Uniti.[33]

Il 30 ottobre cominciò a Manchester lo Sheer Heart Attack Tour,[36] registrando una lunga serie di "tutto esaurito"; da questa tournée cominciò la consuetudine di suonare al termine di ogni concerto, a eccezione di quelli tenuti in Irlanda, una versione acustica di God Save the Queen, utilizzando la sola chitarra elettrica di Brian May, riprendendo ciò che Hendrix aveva fatto con l'inno nazionale statunitense.[18] Mercury, subito prima dell'inno, lanciava rose e brindava con coppe di champagne.[37] Il 15 gennaio 1975, il tour si spostò negli Stati Uniti; questo venne tuttavia parzialmente annullato per problemi alla gola che colpirono Mercury. In aprile, le tappe della tournée si spostarono in Giappone, dove i Queen vennero accolti da 3.000 fan all'aeroporto di Tokyo.[33]

La consacrazione (1975-1976)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'estate 1975, dopo aver firmato un nuovo contratto con la EMI e aver abbandonato la Trident e Jack Nelson per ragioni economiche,[38] il gruppo cominciò a lavorare a un nuovo album,[39] passando molto tempo in sala di registrazione, guidati dal nuovo manager John Reid;[34] il principale risultato di questo lavoro fu Bohemian Rhapsody, un brano di circa 6 minuti scritto da Mercury che divenne la "canzone simbolo del progetto musicale e artistico chiamato Queen", per la quale ci vollero tre settimane di registrazioni, di cui una solo per le parti vocali;[34][40] Reid provò a convincere i Queen, senza successo, che la sua eccessiva durata non poteva rendere la traccia pubblicabile.[40]

I Queen nel 1976

Un amico della band, Kenny Everett, deejay di Capital Radio,[41] a cui venne consegnata una copia del vinile del brano, piacque talmente la canzone che la trasmise ripetutamente alla radio.[41] Il successo che derivò dalla trasmissione della traccia costrinse la EMI a pubblicare velocemente Bohemian Rhapsody; uscito il 31 ottobre 1975, il singolo vendette in due settimane 150.000 copie.[40] A causa dei numerosi impegni del quartetto, che non poteva partecipare assiduamente alle trasmissioni televisive, venne commissionato a Bruce Gowers un videoclip della canzone, tra i primi nella storia della musica, primo contando i brani rock, trasmesso il 20 novembre da Top of the Pops.[34] Il brano rimase per ben nove settimane consecutive al primo posto della classifica inglese, anticipando con successo l'uscita del nuovo disco.[42]

« Per Queen II e Sheer Heart Attack volevamo fare un sacco di cose ma non c'era abbastanza spazio mentre per A Night At The Opera l'abbiamo avuto. Non siamo ancora a metà strada, ma da quello che ho potuto sentire abbiamo superato tutto quanto abbiamo fatto in precedenza. »
(Freddie Mercury)

A Night at the Opera, il cui titolo è ispirato all'omonimo film dei fratelli Marx, divenne uno dei dischi più costosi mai realizzati dell'epoca, oltre che il più grande successo del gruppo.[34][41] L'unione di rock e opera lirica, presente in alcuni brani precedenti come Killer Queen, pervade il nuovo album, che risulta "una messa in scena che ricalca, al limite dell'oltraggioso, l'antico teatro musicale dell'operetta (...) dedicandosi principalmente all'ironia, alla parodia."[18] Oltre a Bohemian Rhapsody, al piano romantico di Love of My Life e alle atmosfere retrò di Seaside Rendezvous e di Lazing on a Sunday Afternoon, tutte scritte da Mercury, notevoli sono anche i brani scritti dagli altri componenti, come I'm in Love with My Car, scritta e cantata da Taylor, The Prophet's Song e Sweet Lady di May e You're My Best Friend di John Deacon, sua seconda composizione per la band, giunta al settimo posto nella classifica dei singoli inglese.[40] Quest'album fu il loro primo successo negli Stati Uniti, dove arrivò al quarto posto nelle charts degli album, diventando disco di platino e rimanendo per 56 settimane in classifica.[41] L'enorme lavoro che fu necessario per il completamento di questo LP portò tuttavia alla rottura con Roy Thomas Baker.[43]

Da sinistra, John Deacon, Brian May e Freddie Mercury in un concerto

Fra il 29 novembre e il 2 dicembre, quattro serate di tutto esaurito all'Hammersmith Apollo di Londra consacrarono definitivamente la band.[18] Tra la fine del 1975 e i primi mesi del 1976, i Queen tennero oltre 75 concerti per l'A Night at the Opera Tour, che toccò Europa, Giappone, Stati Uniti e Australia;[40][44] il 18 settembre 1976, per ringraziare i fan, organizzarono uno spettacolo gratuito ad Hyde Park, al quale assistono circa 176.000 persone.[40] Dopo la fine della tournée, Mercury, May e Taylor registrarono alcune parti vocali per il secondo LP di Ian Hunter All American Alien Boy.[41] Il primo singolo del nuovo lavoro dei Queen fu la ballata Somebody to Love, trasmessa ancora una volta ripetutamente da Kenny Everett, con conseguenze analoghe a Bohemian Rhapsody; questo venne pubblicato il 12 novembre, accompagnata da un nuovo video promozionale di Bruce Gowers, preannunciando l'uscita del nuovo album.[45]

A Day at the Races uscì il 10 dicembre 1976, utilizzando un titolo nuovamente ispirato a un film dei fratelli Marx. Numerosi, oltre i riferimenti cinematografici, sono gli elementi che lo avvicinano al precedente disco, come la quasi identica copertina e l'inserimento del dramma lirico e della canzonetta.[46] Sono sempre presenti però sia l'hard rock con Tie Your Mother Down, sia la pop-ballad per piano di You Take My Breath Away, senza trovare tuttavia, nell'insieme delle tracce, "l'ironia sensazionale di A Night At The Opera", che sopravvive solo in The Millionaire Waltz e Good Old-Fashioned Lover Boy; tra le particolarità del disco vi è Teo Torriatte (Let Us Cling Together), canzone omaggio al pubblico nipponico contenente due versi in lingua giapponese.[47] Somebody To Love rimane il brano più significativo di A Day at the Races, venendo considerata "una scalata melodica di una perfetta architettura gospel con la voce di Mercury che sale letteralmente nel cielo della musica pop-rock";[18] il singolo salì subito ai vertici della classifiche.[45] L'album, nonostante l'indubbia qualità e la piena maturità esecutiva dei membri, venne giudicato da molti inferiore al precedente,[47] ottenendo comunque un disco di platino negli Stati Uniti con 1 500.000 copie vendute e due dischi di platino nel Regno Unito.

I successi dell'epoca rock (1977-1979)[modifica | modifica wikitesto]

Il 14 gennaio 1977, dopo la pubblicazione di un Ep con Death On Two Legs, partirono per il A Day at the Races Tour, che confermò, con numerosi "tutto esaurito", il successo della band negli Stati Uniti;[48][49] Al termine della tournée, cominciarono a lavorare al nuovo album, che registrarono in due mesi e mezzo;[47] nello stesso tempo Taylor pubblicò da solista l'EP (I Wanna) Testify.[43]

Il bassista dei Queen, John Deacon, al concerto del 1979 di Dublino

Il 7 ottobre in quasi tutto il mondo venne pubblicato in singolo con doppio lato A We Are the Champions/We Will Rock You, due inni da stadio, scritti rispettivamente da Mercury e May, che rappresentarono un omaggio agli spettatori dell'ultima tournée,[47] piazzandosi al 2º posto sia nelle classifiche inglesi sia in quelle americane, con un totale di oltre 2 milioni di copie vendute e 27 settimane di presenza in classifica.[18] Il loro sesto album, News of the World, si contraddistingue per sonorità più immediate e grezze,[50] attingendo maggiormente al rock e al blues e risultando uno dei prodotti musicali più riusciti dei Queen.[47] Lo stile pomposo e melodico della band è presente anche in questo lavoro, con la ballata di Deacon Spread Your Wings, la sonata per piano All Dead All Dead, il pre-thrash metal di Sheer Heart Attack e l'hard-pop di It's Late.[18]

Il 11 novembre 1977 ebbe inizio il News of the World Tour,[51] che esordì a Portland, negli Stati Uniti, dove News of the World vinse 4 dischi di platino con 4.600.000 copie vendute;[52] in patria i Queen si fermarono invece a 2 dischi di platino.[50] I brani dell'ultimo lavoro dei Queen alimentarono l'affetto dei fan e incrementarono la popolarità del gruppo, che ampliò il repertorio delle canzoni dei live anche con ballate più dolci come Love of My Life, che divenne un cavallo di battaglia dei futuri spettacoli.[50] Dopo una pausa di circa quattro mesi a inizio 1978, Mercury e gli altri tornarono sugli spalti per la ripresa europea della tournée, ripartendo il 9 aprile da Stoccolma;[53] al termine della serie di concerti, conclusasi a Londra a maggio, i lettori del Daily Mail elessero i Queen "miglior gruppo rock".[18] Il gruppo si rimise subito a lavoro, trasferendosi, per ragioni fiscali,[50] ai Mountain Studios di Montreux, in Svizzera,[54] e agli Studio Super Bear di Berre-les-Alpes. Qui una tappa del Tour de France ispirò a Mercury Bicycle Race, che venne pubblicata a ottobre insieme a Fat Bottomed Girls, scritta da May; il singolo, promosso da un video che mostra una gara di ciclismo allo stadio di Wimbledon tra 65 donne nude, arrivò all'undicesimo posto nelle classifiche inglesi.[50][55] Il 28 ottobre 1978 "le regine" cominciarono il Jazz Tour, durante il quale presentarono le canzoni del loro ultimo lavoro.[56]

I Queen ad Hannover durante il Live Killers Tour

Jazz, presentato alla stampa mondiale con un party a New Orleans, con prestigiatori e spogliarelliste,[50] uscì il 14 novembre 1978 e vide il ritornò di Roy Thomas Baker nel ruolo di manager della band.[50] I Queen abbandonano in parte l'ironia degli album precedenti, cosa che fece risultare il loro lavoro inferiore ai precedenti, probabilmente costretti dalla volontà di pubblicare forzatamente un disco all'anno, senza permettere loro una scelta più ponderata sui brani da presentare.[18][50] Di Jazz fanno comunque parte alcuni tra gli elementi che rappresentano lo stile musicale dei Queen, come l'assoluto impegno all'intrattenimento del pubblico e la padronanza di generi musicali molto diversi, come la ballata per piano di Jealousy, il vaudeville di Dreamers Ball e il rock di Don't Stop Me Now e di Let Me Entertain You.[57] Il disco venne criticato sia dalla stampa sia da una parte del pubblico, per la sua eccessiva pomposità; Jazz arrivò comunque al numero due della classifica, nella quale restò ininterrottamente per 27 settimane.[18]

A partire dal gennaio 1979, che fu il primo anno dalla loro fondazione che i Queen non pubblicarono alcun album, il quartetto iniziò uno dei più importanti tour europei della loro storia, il Live Killers Tour,[58] pubblicizzato dall'uscita del singolo Don't Stop Me Now, durante il quale il gruppo riuscì a offrire uno spettacolo completo e unico da un punto di vista musicale oltre che scenico.[59] Il successo della tournée convinse i Queen a pubblicare il loro primo album live, anche per placare le numerose pubblicazioni bootleg dell'epoca; Live Killers uscì nel giugno 1979, ottenendo ottime vendite e l'apprezzamento della critica.[59] Questo album esemplificò anche la svolta sostanziale nel sound del gruppo, che cominciò ad attingere maggiormente all'elettronica; il doppio disco risultò "il testamento ultimo di tutta la sua produzione negli anni settanta".[18] Live Killers, che arrivò al terzo posto delle classifiche inglesi, mostrò inoltre l'eccezionalità delle performance musicali dei Queen, con Freddie Mercury, considerato uno showman, che accompagnava i fan nel canto delle tracce più popolari.[18]

I Queen terminarono nella primavera 1979 la seconda parte del Live Killers Tour, che li vide protagonisti di eccentrici spettacoli al Nippon Budokan di Tokyo. Il 18 agosto, le regine parteciparono al mega-concerto di Saarbrücken con Ten Years After e Rory Gallagher, davanti a 30.000 persone; questo spinse ulteriormente le vendite del nuovo singolo, Crazy Little Thing Called Love, che arrivò al primo posto in numerose classifiche mondiali.[59] A novembre il gruppo cominciò il Crazy Tour, le cui serate si svolsero in piccoli spazi allo scopo di avere un contatto più stretto con il pubblico;[60] la tournée si concluse con una serata natalizia all'Hammersmith Apollo, dove, insieme a The Who, Wings e The Clash, si celebrò Rock for Kampuchea, un concerto benefico per la popolazione della Cambogia.[61]

L'epoca del sintetizzatore (1980-1983)[modifica | modifica wikitesto]

Subito dopo il Crazy Tour, nel gennaio 1980 uscì Save Me, che riscosse buon successo;[62] nello stesso mese, i Queen, accompagnati dal nuovo produttore Reinhold Mack, finirono di registrare ai Musicland Studios di Monaco di Baviera il loro nuovo disco e le musiche per un film, commissionato dal produttore italiano Dino De Laurentiis, basato su Flash Gordon, protagonista dell'omonimo fumetto.[18] Con The Game, anticipato dal singolo Play the Game, i Queen ebbero una svolta dal punto di vista musicale, in quanto cominciarono a usare il sintetizzatore, la cui assenza era espressamente rimarcata nei crediti degli album precedenti; a testimonianza di questo cambiamento vi fu anche il nuovo "look" dei quattro.[63] Le composizioni del disco risultano brevi e meno elaborate, con suoni più asciutti e diretti, passando dalla melodia di Save Me al dance rock di Another One Bites the Dust; Play The Game risulta la traccia caratteristica del disco, che affianca la classica ballata pop ai suoni elettronici della nuova avventura, mentre il rockabilly di Crazy Little Thing Called Love mostra ancora l'ironia dei lavori precedenti. Il disco arrivò in testa delle classifiche britanniche e statunitensi.[18]

Il nuovo singolo scritto da John Deacon, Another One Bites the Dust, venne pubblicato ad agosto, ottenendo uno notevole successo commerciale, con 5 settimane di presenza al primo posto delle classifiche statunitensi; divenuto disco di platino, ricevette un premio di Billboard come "miglior singolo crossover",[64] diventando il disco più venduto nella storia del quartetto.[62] Il 30 giugno, spinti dal successo del singolo, venne inaugurato a Vancouver il The Game Tour,[65] che li portò negli stadi di tutto il Nord America, registrando in tutte le 46 date il "tutto esaurito".[18] A ottobre, May e gli altri tornarono in Inghilterra per perfezionare il materiale destinato alla colonna sonora del film Flash Gordon di Mike Hodges. Il 24 novembre uscì il singolo Flash, mentre l'8 dicembre venne pubblicato l'omonimo album, che arrivò al decimo posto in classifica.[66] Nel disco sono presenti numerosi frammenti di dialogo tratti dal film,[62] con due sole tracce cantate, Flash e The Hero, lasciando spazio a brani musicali che esaltarono, attraverso il diffuso uso del sintetizzatore, l'avvenirismo spaziale della pellicola.[66] Anche se il film si rivelò in seguito un flop commerciale, la critica fu benevola con la compilation; la band ottenne per le loro musiche di Flash Gordon una nomination al premio BAFTA alla migliore colonna sonora.[67] Alla fine del 1980, il quartetto aveva venduto in tutto il mondo un totale di 45 milioni di album e 25 milioni di singoli.[62]

A fine ottobre cominciò la parte europea del The Game Tour;[68] dopo numerose difficoltà d'organizzazione, partì nel marzo 1981 South America Bites the Dust, arrivando in paesi che non avevano ancora toccato, come Argentina e Brasile.[69] Nel periodo successivo alla loro visita, figurarono 10 album dei "britannici" nella classifica argentina dei 10 album più venduti.[62] Il 20 marzo, sul palco dello stadio Morumbi di San Paolo, i Queen furono ascoltati da oltre 131.000 spettatori, record assoluto di paganti per un concerto rock.[18] Nello stesso mese, Roger Taylor pubblicò da solista Fun in Space, primo LP fuori dai Queen di uno dei membri;[66] il disco, che lo vide cantare e suonare tutti gli strumenti, ebbe un buon risultato commerciale, decidendo tuttavia di non separarsi dal gruppo.[70]

David Bowie, autore, insieme a Mercury, del singolo del 1981 Under Pressure

Dopo il successo sudamericano, il gruppo si ritrovò nei Mountain Studios, per cominciare a lavorare a una nuova opera; David Bowie, che frequentava le stesse sale di registrazione, strinse amicizia con May e Mercury, dalla quale uscì una jam session che portò alla nascita di Under Pressure, il cui singolo uscì il 25 ottobre, piazzandosi al primo posto della chart inglese;[71] nel Nord America questo invece arrivò al 29 posto.[72] A metà settembre, il quartetto suonò ancora in Sudamerica nel Gluttons for Punishment Tour, ulteriore prosecuzione del The Game Tour;[73] a causa di numerosi problemi organizzativi e di sicurezza, loro stessi decisero di terminare prematuramente la serie di spettacoli, concludendo dunque la tournée all'estadio Cuauhtémoc di Puebla de Zaragoza, in Messico.[18] Il 3 novembre 1981 uscì la loro prima raccolta ufficiale, Greatest Hits, insieme a Greatest Flix, antologia di tutti i video realizzati fino a quel momento dai Queen. Formato da 17 singoli che percorrono i primi dieci anni delle "regine", l'album entrò in classifica direttamente al secondo posto e, con 300.000 copie vendute, ottiene subito il disco di platino.[18]

A dicembre, i Queen si ritrovarono negli studi Musicland di Monaco, dove, a causa della stanchezza dovuta alle numerose tappe in giro per il mondo e ai numerosi impegni musicali, nonché condizionati dalla vita notturna della città bavarese, non riuscirono a lavorare "quasi mai in condizioni psicologiche perfette".[71] Il loro dodicesimo disco, Hot Space, uscì il 21 maggio 1982, preceduto dal singolo Body Language, che venne apprezzato dalla critica,[18] arrivando al 25º posto in Inghilterra, risultato in parte dovuto alla censura del video da parte di MTV perché ritenuto "spinto", e all'11º negli Stati Uniti.[71][74] L'8 aprile i Queen diedero il via all'Hot Space Tour;[75] la prima tappa fu Göteborg, dove, per l'importanza dell'elettronica nella loro musica e per precisa volontà di Mercury, che voleva occuparsi in minore misura del piano durante i concerti,[76] insieme ai quattro storici componenti della band salì l'ex Mott the Hoople, Morgan Fisher, che cominciò a occuparsi delle tastiere.[18] Dal 1984 fino al 1991, il tastierista ufficiale fu invece Spike Edney.

L'ultimo lavoro discografico delle "regine", Hot Space, continuò ciò che era cominciato con The Game, proseguendo nel sound dance rock e pop, abbandonando ulteriormente le sonorità "hard" dei primi anni della band.[74] L'album, che deluse i fan della vecchia guardia, caratterizzato anche da alcuni brani in black music, come l'R&B di Back Chat, uscito come singolo il 9 agosto e arrivato alla 40ª posizione in Gran Bretagna, e il soul di Cool Cat, fu il risultato dello sregolato stile di vita dell'epoca dei Queen, provocando una generata incompletezza e frettolosità delle canzoni, talvolta dall'ottimo potenziale.[71] Under Pressure, composta insieme a Bowie, risultò la canzone simbolo dell'album, nonché la più apprezzata.[18] Il disco riscosse comunque un discreto successo, arrivando al 4º posto nelle graduatorie inglesi, aumentando la stima della stampa nei confronti del quartetto.[77] Hot Space venne tuttavia praticamente ignorato dalle stazioni rock americane, scomparendo quasi subito dalle classifiche di Billboard e minando la fama dei Queen negli Stati Uniti. La seconda parte del Hot Space Tour risultò infatti l'ultima tournée della band nel Nord America.[71]

Una volta terminata la serie di concerti, alla fine del 1982 i Queen decidettero di comune accordo di separarsi; questo fu dovuto sia all'insoddisfazione dei fan, così come della band, della qualità del loro ultimo lavoro, nel quale non si riconoscevano,[74] sia al deterioramento progressivo dei rapporti personali all'interno del gruppo.[71] Dunque, per l'intero 1983 non vennero organizzate né pubblicazioni né tournée; nessuno dei componenti giudicava questo uno scioglimento definitivo, ma semplicemente una lunga pausa di riflessione.[71] I quattro cominciarono a dedicarsi a progetti solistici; Mercury collaborò con Giorgio Moroder, registrando Love Kills, canzone inserita nella versione ricolorata e ridoppiata di Metropolis.[71] Il cantante cominciò anche a lavorare a Mr. Bad Guy, che diventerà in futuro il suo unico album da solista.[78] Brian May produsse Lettin Loose degli Heavy Pettin[79] e pubblicò, insieme a Eddie van Halen e Alan Gratzer, Star Fleet Project, un EP composto da tre lunghi brani, mentre Roger Taylor, dopo aver collaborato a Vinyl Confessions dei Kansas,[74] lavorò con Rick Parfitt per Strange Frontier, suo secondo album da solista, pubblicato nel 1984.[80] John Deacon non intraprese nessun progetto musicale, decidendo di dedicarsi alla propria famiglia.[80]

Il ritorno all'hard-rock e i grandi concerti (1984-1987)[modifica | modifica wikitesto]

Nell'agosto 1983, il gruppo si ritrovò negli Record Plant Studios di Los Angeles, dove cominciò a lavorare a un nuovo progetto; il 23 gennaio 1984, i Queen tornarono ufficialmente con il singolo Radio Ga Ga, che venne pubblicizzato con un costoso video di David Mallet, contenente spezzoni del film del 1927 Metropolis, piazzandosi subito al 4º posto delle classifiche inglesi.[80] Il 27 febbraio uscì The Works, album che vide un netto cambio di rotta da quello che sono stati i lavori precedenti; nonostante la confermata presenza del sintetizzatore, il sound di questa compilation cerca di tornare alla fine degli anni settanta, abbandonando parzialmente la dance rock e attingendo maggiormente al pop e al rock;[80] sono comunque ancora presenti sia l'hard rock (Tear It Up e Hammer to Fall), sia il gusto dell'ironia (Man On The Prowl), sia la ballata melodica (It's a Hard Life e Is This The World We Created).

I Queen al Festival di Sanremo, il 3 febbraio 1984

Per la prima volta, i testi riguardano anche alcune tematiche sociali e politiche, non direttamente trattate in passato, come l'antinucleare Hammer to Fall e il brano contro il suicidio Keep Passing The Open Windows.[81][82] Tra i brani di maggiore popolarità del disco vi è I Want to Break Free, il cui videoclip, ideato da Taylor,[83] fu tacciato di cattivo gusto negli Stati Uniti e bandito dalle televisioni.[18] The Works, che produsse 4 singoli, arrivò al secondo posto nel Regno Unito, dove però divenne il loro album di maggior successo discografico dietro Greatest Hits, guidando invece la classifica in altri 19 paesi, tra cui Stati Uniti, sotto l'etichetta Capitol Records, che aveva sostituito l'Elektra dal 1983,[83] e Italia, dove la band era stata ospite del Festival di Sanremo 1984.[80][84]

Nell'agosto, sull'onda del successo di Hammer to Fall, partì il The Works Tour, con coreografie futuriste ispirate a Metropolis,[85] i cui biglietti per i concerti inglesi vennero esauriti immediatamente; la tournée toccò anche il Sudafrica, dove accettarono di fare 12 serate a Sun City, considerata la città simbolo dell'apartheid, in quanto popolata da facoltosi uomini bianchi;[86] in passato le Nazioni Unite avevano vietato agli artisti di esibirsi in questo Stato, per la sua discriminazione nei confronti delle persone di colore. Per l'idea di suonare comunque a Sun City, i Queen vennero molto criticati in tutto in mondo, anche dalla stessa Unione dei Musicisti,[85] e accusati di essere "approfittatori", poiché avevano legittimato l'apartheid al solo scopo di guadagnare il più possibile.[86] May rispose che, dopo attenta riflessione, vi erano andati perché in fondo non erano una band politicizzata, precisando che il pubblico era composto da uomini di tutte le razze.[87][88] Per cercare di risollevare l'immagine dei Queen, intrapresero numerose iniziative benefiche a favore dei bambini di colore.[85] Alla fine del tour, per cui la band ricevette il Premio Silver Clef per il successo dei 4 concerti londinesi,[81] il quartetto registrò ai Sarm Studios di Londra la canzone natalizia Thank God It's Christmas, che non ebbe un grande successo commerciale.[18]

I Queen a Rock in Rio

La considerazione pubblica nei confronti della band calò molto; tuttavia, due grandi eventi musicali contribuirono a risollevare la popolarità dei Queen a livello mondiale.[85] Nelle prime settimane del 1985, Gerry Stickells, tour manager della band, organizzò la partecipazione dei Queen a un festival a Rio de Janeiro, chiamati per il successo avuto nei precedenti concerti sudamericani;[85][89] Rock in Rio, che venne trasmesso in diretta televisiva in tutto il Sud America, si svolse dal 12 al 19 gennaio e vide la partecipazione di AC/DC, George Benson, Iron Maiden e Yes;[85] le regine aprirono e chiusero l'evento rock; salirono per la prima volta sul palco alle due del mattino, davanti a circa 250.000 persone, il più grande pubblico pagante per un singolo concerto.[85] La Picture Music pubblicò poi Live in Rio, raccolta delle esibizioni del gruppo durante l'ultimo concerto nella città brasiliana.[18] Subito dopo le due serate, i quattro ripresero il The Works Tour, che arrivò in Nuova Zelanda e Australia.[89] Il 29 aprile uscì il primo disco solista di Freddie Mercury, Mr. Bad Guy; nonostante le recensioni negative da parte della stampa specializzata, per via dell'unione mal combinata di canzoni d'amore e ballate funky, il disco si piazzò al 6º posto nelle classifiche inglesi.[78]

I Queen parteciparono, il 13 luglio 1985, al Live Aid,[90] un concerto umanitario organizzato da Bob Geldof che vide la partecipazione dei più importanti artisti internazionali, allo scopo di ricavare fondi in favore delle popolazioni dell'Etiopia, colpite da una grave carestia.[91] Geldof considerava molto importante la partecipazione dei Queen all'evento per la loro popolarità in Giappone e in Sud America;[92] la band, nonostante alcune esitazioni nel prendere una decisione definitiva, dovute soprattutto all'esigua durata delle esibizioni, decise di parteciparvi e si esibì al Wembley Stadium di Londra.[92] Nei 20 minuti a disposizione, i Queen suonarono Bohemian Rhapsody, Radio Ga Ga, Hammer to Fall, Crazy Little Thing Called Love, We Will Rock You e We Are the Champions;[90] sia la stampa, sia i 72.000 spettatori di Wembley,[93] sia gli artisti considerarono la loro interpretazione memorabile, una delle migliori di tutti i tempi;[94] Mercury costruì in questa esibizione "il mito di insuperabile frontman".[11][94]

Il batterista dei Queen, Roger Meddows-Taylor (qui nel 2005), autore di A Kind of Magic, singolo d'esordio dell'omonimo album.[95]
« Noi abbiamo suonato bene, ma Freddie era oltre e ha portato tutto a un altro livello. »
(Brian May sull'esibizione dei Queen al Live Aid.[94])

La partecipazione al Live Aid diede nuovo entusiasmo ai Queen, che grazie a questo successo tornarono nuovamente a essere un gruppo coeso; se prima dell'evento Deacon disse "I Queen non sono più un gruppo realmente unito ma quattro individualità che lavoravano insieme." dopo il 13 luglio affermò "Il Live Aid ci ha totalmente rivitalizzati, restituendoci l'entusiasmo di un tempo".[94] Subito dopo il concerto londinese, cominciarono a progettare un nuovo album; il 4 novembre il gruppo pubblicò il singolo One Vision, ispirato al famoso discorso di Martin Luther King[94] Nella primavera 1986, Mercury e Deacon parteciparono al musical Time di Dave Clark.[96] Durante le prime sessioni di prove, la band venne contattata dal regista Russell Mulcahy, per commissionare loro una colonna sonora per il suo primo film. Dopo aver accettato l'incarico, cominciarono a registrare brani adatti alla trama, oltre che alcuni videoclip, diretti da Mulcahy, di tracce come A Kind of Magic, il cui singolo raggiunse la prima posizione in 35 stati.[94]

L'album A Kind of Magic uscì il 2 giugno 1986, posizionandosi subito al primo posto delle classifiche britanniche, posizione che occuperà per 13 settimane consecutive, vincendo due dischi di platino.[96] Il disco si presenta come una colonna sonora di Highlander - L'ultimo immortale, rappresentando allo stesso tempo un lavoro autonomo e svincolato dal film:[94] i Queen continuano ciò che avevano intrapreso con The Works, basandosi sulle caratteristiche glam del gruppo e attingendo nuovamente al pop (A Kind of Magic), all'hard rock (Princes of the Universe, One Vision,Gimme the Prize), all'arena rock (Friends Will Be Friends) e alle ballate melodiche (One Year of Love), utilizzando anche un'orchestra sinfonica in Who Wants to Live Forever. A Kind of Magic risulta un album intenso, potente, creativo e completo, in cui ciascun membro dei Queen scrive il testo di uno dei 4 singoli (A Kind of Magic, One Vision, Friends Will Be Friends e Who Wants to Live Forever).[97]

Montserrat Caballé, soprano spagnolo che collaborò con Mercury nel 1988 in Barcelona

Il 6 giugno i Queen cominciarono a Stoccolma il Magic Tour;[98] questo fu il loro tour più grande e spettacolare, molto più avanzato e sfarzoso dei precedenti, con il palco più grande mai costruito e un impianto luci altamente computerizzato.[99] La tournée, nelle 26 date, raccolse circa un milione di spettatori; in Gran Bretagna, oltre 400.000 fan comprarono i biglietti per le sole sei date disponibili, stabilendo un ulteriore record assoluto.[99] L'11 e 12 luglio tornarono a suonare al Wembley Stadium, davanti entrambe le serate a 70.000 persone; questi divennero due dei loro concerti più famosi e celebrati.[18] Qui Freddie concluse lo spettacolo, sulle note di God Save the Queen, vestito da re, con pelliccia e corona.[99]

Il 27 luglio suonarono a Budapest, risultando la prima band rock a esibirsi oltre la cortina di ferro.[99] L'ultimo spettacolo della tournée era inizialmente fissato per Marbella, in Spagna; in seguito il produttore Harvey Goldsmith riuscì a organizzare una data nel parco di Knebworth, per il 9 agosto 1986. Qui Freddie Mercury si esibì per l'ultima volta con i Queen in una delle sue prestazioni vocali più apprezzate, con 120.000 fan come spettatori.[96] Questa risultò essere una delle loro esibizioni più spettacolari e grandiose;[99] alcuni brani suonati dal vivo furono riportati nella raccolta Live Magic.[18] Nel party successivo all'esibizione, Mercury fece intuire che quello sarebbe stato il loro ultimo concerto, alimentando le voci riguardanti lo scioglimento della band.[96]

Alla fine del 1986, proprio mentre la EMI decise di pubblicare Live Magic, selezionando e rimontando alcuni momenti dell'ultimo tour[80], il gruppo decise di concedersi una seconda pausa di riflessione, fermandosi per tutto il 1987; John Deacon, in preda allo stress per i continui spostamenti dovuti alle varie tappe dei tour, arrivò sull'orlo di un collasso nervoso.[18] In questo lasso di tempo, Mercury cominciò a parlare dell'AIDS, dichiarandosi pubblicamente terrorizzato dal suo dilagare;[100] tuttavia egli ha già contratto l'HIV, nonostante i test dell'epoca si rivelassero negativi.[99] Freddie, dopo aver inciso una cover di The Great Pretender dei Platters,[101] collaborò inoltre con la cantante lirica Montserrat Caballé per registrare l'album Barcelona, la cui canzone omonima divenne 5 anni dopo l'inno dei Giochi olimpici di Barcellona 1992.[102] Taylor fondò i The Cross, progetto parallelo ai Queen, che pubblicarono il primo album, Shove It, nel gennaio 1988,[102] mentre May produsse il primo album dei Bad News.[100] Il 15 aprile 1987, i Queen ricevettero l'Ivor Novello Awards per il loro "fondamentale contributo alla musica inglese".[18]

Gli ultimi album e la morte di Mercury (1988-1991)[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1988, i Queen si ritrovarono in studio, cominciando a lavorare a un nuovo disco; i quattro adottarono nuove regole per la registrazione del materiale, per cui ogni brano venne accreditato con la dicitura "parole e musica dei Queen", evitando così i dissidi che erano sorti tra i quattro soprattutto nella scelta dei singoli;[102] tutte le nuove tracce vennero dunque discusse e realizzate in comune. La copertina di The Miracle, anticipato dal singolo I Want It All, esemplificò la ritrovata coesione della band.[102] Il loro ultimo lavoro, che contenne cinque singoli, si piazzò al primo posto in Inghilterra, dove vinse in una settimana il disco di platino,[103] e in altre nazioni, mostrando ulteriormente la varietà dei generi musicali presenti nel loro repertorio, personalizzate con le sonorità tipiche dei Queen, dal pop rock di Breakthru al pop di The Miracle, dall'hard rock di Scandal e I Want It All al funky di The Invisible Man.[104]

Freddie Mercury in un concerto del 1984

Alla fine di novembre, i Queen, galvanizzati dal successo di The Miracle, che risollevò dopo alcuni anni le loro quotazioni negli Stati Uniti, dichiararono alla stampa di essere nuovamente pronti a rientrare in studio.[105] Tuttavia l'assenza di un tour e le sempre più rare apparizioni di Freddie in pubblico alimentarono le speculazioni dei media sulla salute del cantante; Mercury, decidendo di mantenere la notizia segreta, per proteggere la propria riservatezza dalla stampa scandalistica britannica, si limitò a dire che la decisione di non compiere un tour era dovuta alla voglia di rompere il binomio album/tour degli anni passati.[105]

Nel 1989, May e Taylor parteciparono a Rock Aid Armenia, progetto a favore delle vittime del terremoto del 1988.[103] Il 4 dicembre uscì Queen at the Beeb, un album dal vivo comprendente otto canzoni registrate dal quartetto in 2 sessioni negli studi della BBC nel 1973. Nel 1990, anno in cui si festeggiò il ventennale della carriera dei Queen con una festa monumentale a base di luci laser, le voci su Mercury malato di AIDS divennero sempre più insistenti, in seguito a un'apparizione in pubblico del cantante il 18 febbraio, per una premiazione per il contributo dato alla musica britannica ai BRIT Awards, in cui apparve molto dimagrito e provato,[105] e alla morte per AIDS di Nicolai Grishanovitch, un amico del cantante; per cercare di ridurre queste voci, il cantante esibì un test negativo alla malattia.[103] Sempre nel 1990, il gruppo decise inoltre di lasciare la Capitol Records e di cambiare casa discografica per quanto riguarda la distribuzione in Nord America; la scelta cadde sulla Hollywood Records.[103] A marzo dello stesso anno, uscì il secondo album dei The Cross, Mad, Bad and Dangerous to Know.[103]

Nonostante fosse molto debilitato dalla malattia, Mercury non abbandonò la sua attività con il gruppo e il 14 gennaio 1991, venne pubblicato Innuendo.[105] Sia l'omonima canzone nel Regno Unito sia Headlong negli Stati Uniti, primi singoli del disco, ebbero un notevole successo; il primo, che arrivò a vendere in una settimana oltre 100.000 copie,[105] rappresenta una piccola opera rock, composta di varie parti tra cui un assolo di flamenco eseguito da Steve Howe e May e collegata direttamente a Bohemian Rhapsody.[105] Il disco, pubblicato il 4 febbraio, segna un parziale ritorno dei Queen alle origini, "chiudendo idealmente il cerchio artistico della band" e abbandonando l'anima pop-dance degli anni precedenti; "lo stile musicale degli anni settanta venne recuperato e rinnovato, fondendosi con nuove sonorità, rappresentando una raggiunta maturità compositiva e musicale".[105] Headlong e The Hitman ripresentano l'anima hard delle "regine", unite al valzer da teatro I'm Going Slightly Mad, al pop rock di I Can't Live with You e al soft rock di These Are the Days of Our Lives.[106]

A inizio maggio, i Queen tornarono a Montreux per ritornare subito al lavoro di un nuovo album.[105] May iniziò inoltre un tour radiofonico in Nord America, per promuovere il nuovo sound della band; il chitarrista ebbe un'ottima accoglienza, dimostrando i progressi dei rapporti con il pubblico statunitense, dovuti anche alla mediazione della nuova casa discografica.[18] A ottobre venne pubblicato Greatest Hits II, una sorta di continuazione del precedente Greatest Hits, comprendente 17 canzoni degli anni ottanta dei Queen e posizionandosi al primo posto in classifica. Per promuovere questa compilation, uscì un nuovo singolo, The Show Must Go On, tratto da Innuendo. Questa antologia venne nuovamente accompagnata da una raccolta di video, il Greatest Flix II.[18]

Elton John, molto amico di Mercury, suonò al Freddie Mercury Tribute Concert.

Nel corso degli ultimi mesi del 1991, le voci riguardanti una grave malattia di Mercury si fecero più pressanti, confermate anche dall'aspetto sofferente del cantante nelle rare occasioni in cui appare in pubblico. Il 23 novembre 1991, Freddie Mercury decise di annunciare ufficialmente, attraverso un comunicato, di essere risultato positivo al test dell'HIV e di essere malato di AIDS.[107] Il giorno seguente Freddie scomparve prematuramente all'età di 45 anni, a causa di una broncopolmonite fomentata dall'AIDS, nella sua casa di Earls Court.[107]

Tributi e messaggi di cordoglio cominciarono ad arrivare da tutto il mondo, con numerosi fan che si radunarono per tutta la notte davanti la sua abitazione;[107] tra le ultime volontà, Mercury dichiarò di voler contribuire al sostegno del Terence Higgins Trust, una delle più importanti associazioni impegnate nella lotta contro l'Aids.[107] Per commemorare il cantante, May scelse di pubblicare un singolo contenente Bohemian Rhapsody e These Are the Days of Our Lives, i cui proventi verranno donati all'associazione; questo, che venne stampato nel giro di una settimana, vendette oltre 100.000 copie in soli sette giorni, arrivando alla prima posizione delle classifiche inglesi e risultando il singolo più venduto nel Natale di quell'anno.[18] Il videoclip di These Are the Days of Our Lives fu l'ultimo girato da Freddie Mercury, il 31 maggio 1991, ma rimasto inedito fino ad allora.[105]

Il Freddie Mercury Tribute Concert e gli album postumi (1992-2003)[modifica | modifica wikitesto]

I restanti membri dei Queen, alla notizia della morte del loro amico, vennero colpiti da un intenso dolore; tra la fine dell'anno e gli inizi del 1992, i tre decisero di prendersi una pausa, per riflettere sul proprio futuro.[107] Ad aprile, May, Taylor e Deacon organizzarono un grande concerto dedicato alla memoria di Mercury nello stadio di Wembley, con numerosi artisti internazionali tra cui Tony Iommi, Metallica, Guns N' Roses, David Bowie, Roger Daltrey, Robert Plant, George Michael, Elton John, Annie Lennox, Liza Minnelli, Extreme, Def Leppard e Zucchero;[108][109] i biglietti per questo evento terminarono in meno di sei ore. Il mega-concerto in stile glam, denominato Freddie Mercury Tribute Concert, si svolse il 20 aprile 1992 e venne visto in televisione da oltre un miliardo di persone.[110] Il concerto, oltre che per l'eccezionalità dell'evento musicale, si segnalò per l'aver richiamato il mondo sul dramma dell'AIDS.[18]

La statua di Mercury sulle rive del Lago Lemano a Montreux, Svizzera; questa, usata per la copertina di Made in Heaven, rappresenta il cantante al concerto di Wembley del 1986.

Gli anni successivi alla morte di Mercury sono stati gli anni più duri della band; infatti, nonostante le numerosi crisi che li avevano visti protagonisti, nessuno aveva mai considerato possibile l'idea di uno scioglimento definitivo.[110] May e Taylor cercarono dunque di far riacquistare al gruppo una propria identità; il chitarrista pubblicò Back to the Light nel settembre 1992, cominciando una serie di tour di buon successo, testimoniati dall'album Live at the Brixton Academy del 1994. Il batterista invece compose alcune canzoni, pubblicate poi in Happiness? nel 1994.[110] Nell'estate 1992, la EMI pubblicò Live at Wembley '86, l'edizione integrale del concerto di Wembley del 1986, che fu parte del Magic Tour. Quando superarono lo shock della morte del cantante,[111] i tre membri restanti dei Queen si ritrovarono, valutando la possibilità di realizzare un ultimo album con il nome Queen, utilizzando alcune parti vocali che Mercury aveva già registrato, quando, molto malato, poteva cantare solo poche ore al giorno.[110]

Nel 1995, uscì Made in Heaven, che riportò i Queen ai primi posti delle classifiche di vendita. Il disco contenne le ultime tracce vocali di Mercury registrate poco prima di morire, come A Winter's Tale, You Don't Fool Me e Mother Love, che pare il cantante sia stato costretto a registrare da seduto a causa delle condizioni che gli aveva recato la sua malattia, e alcune vecchie tracce rielaborate non pubblicate negli album precedenti, come My Life Has Been Saved; la stessa title track era concepita per The Works.[111] La traccia d'apertura It's A Beautiful Day, un assolo di piano accompagnato dalla sola voce di Mercury, è il brano più esemplificativo dell'album, concepito come disco celebrativo degli anni passati dei Queen;[111] Let Me Live fu invece la prima canzone in cui Mercury, May e Taylor cantarono insieme.[111]

Nel 1997, fu pubblicato Queen Rocks, una compilation che raccoglie i maggiori successi rock della band, tra cui Stone Cold Crazy, One Vision, Hammer to Fall e I Want It All.[18] Tra i brani di questo disco vi è anche No-One But You, primo e unico brano inedito creato dai tre rimanenti membri della band, con l'alternarsi alla voce di Brian May e di Roger Taylor, in memoria di Mercury e di Lady Diana, scomparsa in quell'anno; questo fu l'ultimo brano in cui John Deacon suonò il basso per i Queen.[18] La sua ultima apparizione con il resto della band risale al 17 gennaio 1997, al Ballet for Life - Music by Queen & Mozart tenutosi a Parigi.[112] Da allora, Deacon vive in Inghilterra con la sua famiglia e lavora come piccolo imprenditore.[18]

Nel 1999, uscì il Greatest Hits III, una raccolta "per mantenere alto il nome Queen".[18] Questo disco contenne tracce soliste di Freddie Mercury, come Living on My Own e Barcelona, e di Brian May, come Driven by you. Una versione remixata di Under Pressure (unico singolo della raccolta) e vari duetti spiega l'insolito "+" presente sulla copertina dell'album accanto al nome "Queen"; Another One Bites the Dust è in questa occasione ripresa da Wyclef Jean, mentre The Show Must Go On e Somebody to Love vennero cantate rispettivamente da Elton John e George Michael.[113] Il 3 giugno 2002 May e Taylor vennero ospitati al Party at the Palace a Londra, dove hanno suonato con Phil Collins, Will Young e il cast del musical We Will Rock You. Nel 2003 invece sono stati ospitati al Pavarotti & Friends.[114]

Queen + Paul Rodgers (2004-2009)[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Queen + Paul Rodgers.

Nel 2004, Taylor ipotizzò l'organizzazione di un tour in Europa e negli Stati Uniti insieme a May e a l'ex cantante dei Free e dei Bad Company, Paul Rodgers. La tournée venne criticata per aver cercato di riesumare la band, pur senza la presenza di due membri degli originari Queen. Per una precisa scelta dei due membri del gruppo, l'esperienza è stata chiamata Queen + Paul Rodgers,[115] per specificare come non si trattasse di un cambio di formazione. Da questo come da altri progetti della band senza Freddie Mercury, il bassista John Deacon si è sempre dissociato, pur riferendo la propria non ostilità verso tali operazioni.

Nella primavera del 2005, i Queen + Paul Rodgers partirono per una tournée, il cui successo indusse May, Taylor e Rodgers a continuare l'avventura anche in Giappone e in Nord America, dove riscossero altrettanto successo. Il 19 settembre 2005, il tour europeo Queen + Paul Rodgers portò alla pubblicazione del doppio CD live Return of the Champions, raccolta dei brani presenti in scaletta nei concerti del tour, comprendenti anche alcuni brani dei Free e dei Bad Company.[18] Il 15 agosto 2006, Brian May annunciò il ritorno dei Queen con la registrazione di un nuovo album di studio, dopo 12 anni di silenzio discografico.[116] May sostenne che sarebbe stato tutto materiale nuovo da non confrontare con quello degli anni precedenti;[117] nel marzo 2008 vennero annunciati da parte del gruppo sia il lancio del nuovo album The Cosmos Rocks, pubblicato successivamente il 15 settembre 2008 in Europa e il 14 ottobre in USA, sia il nuovo tour, che partì il 16 settembre 2008 e toccò 25 città. Nel maggio 2009 Rodgers e May sancirono la fine della collaborazione.[118]

Distacco dalla EMI e 40º anniversario (2009-2011)[modifica | modifica wikitesto]

Nel novembre dello stesso anno, è uscita una nuova raccolta dei brani dei Queen, chiamata Absolute Greatest, che raggiunse la terza posizione della classifica britannica.[119] Il 7 maggio 2010, i due musicisti annunciarono l'abbandono della EMI, loro casa discografica per 40 anni.[120] May e Taylor hanno deciso di passare alla Island Records, una succursale della Universal Music con un contratto da 10 milioni di sterline.[121] Una rimasterizzazione di Teo Torriatte (Let Us Cling Together) venne poi inclusa in Songs for Japan, una raccolta di canzoni di molti artisti internazionali, pubblicata nel marzo 2011 per raccogliere fondi a favore delle vittime del terremoto e maremoto del Tōhoku del 2011.[122] Il 14 marzo 2011, sempre in occasione del 40º anniversario della band, vennero nuovamente pubblicati nel Regno Unito i primi cinque album dei Queen, mentre nel resto del mondo furono rimasterizzate delle edizioni deluxe.[123] Gli altri dischi della discografia della band sono stati pubblicati tra il 27 giugno e il 5 settembre.[124][125] Sempre per festeggiare i 40 anni dei Queen, Taylor ha organizzato Queen Extravaganza, un concorso volto a creare una tribute band ufficiale dei Queen.[126] Ai Broadcast Music Incorporated (BMI) Awards del 2011 svoltisi a Londra il 4 ottobre, i Queen ricevettero il BMI Icon Award come riconoscimento del loro successo airplay negli USA.[127] Agli MTV Europe Music Awards 2011 del 6 novembre i Queen hanno ricevuto il Global Icon Award. I Queen hanno chiuso la cerimonia di premiazione, con Adam Lambert come voce, eseguendo "The Show Must Go On", "We Will Rock You" e "We Are the Champions".[128] La collaborazione ha ricevuto un responso positivo da parte di critica e fan, facendo nascere speculazioni su futuri progetti insieme.[129]

Queen + Adam Lambert e Queen Forever (2011-oggi)[modifica | modifica wikitesto]

Concerto dei Queen + Adam Lambert al TD Garden di Boston nel luglio 2014.

Dal 30 giugno il duo ha ricominciato a collaborare con Lambert: in quel giorno i tre si sono esibiti a Kiev in un concerto di beneficenza organizzato dalla Elena Pinchuk ANTIAIDS Foundation, in occasione della finale del Campionato europeo di calcio 2012. Al concerto ha partecipato anche Elton John.[130] Il concerto del 30 giugno è stato il primo di un piccolo tour europeo dei "Queen + Adam Lambert", di cui avrebbe dovuto far parte anche un'esibizione al Sonisphere Festival a Knebworth il 7 luglio 2012[131] prima che il festival venisse cancellato.[132] Le altre esibizioni del tour si sono svolte il 3 luglio a Mosca, il 7 a Breslavia e l'11, 12 e 14 luglio a Londra (queste ultime date in sostituzione di quella al Sonisphere).[133] Il 12 agosto 2012 Brian May e Roger Taylor si sono esibiti alla cerimonia di chiusura dei Giochi della XXX Olimpiade, insieme a Jessie J;[134] la performance si è aperta con una rimasterizzazione speciale del video di Freddie Mercury che durante il concerto del 1986 al Wembley Stadium esegue la sua routine di chiamata e risposta.[135]

Il 20 settembre 2013 i Queen + Adam Lambert si sono esibiti all'iHeartRadio Music Festival presso l'MGM Grand Las Vegas.[136] Il 6 marzo 2014 la band ha annunciato a Good Morning America che i Queen + Adam Lambert sarebbero andati in tour nel Nord America nell'estate del 2014.[137][138] La band si è poi esibita anche in Asia e Oceania tra agosto e settembre del 2014.[139] In un'intervista a Rolling Stone, May e Taylor hanno affermato che anche se il tour con Lambert è una cosa limitata, i due sono disposti a farlo diventare un membro ufficiale e a comporre nuovo materiale con lui.[140]

Nell'ottobre 2011 era stato annunciato che i Queen avrebbero registrato un nuovo album con demo perdute di Mercury.[141] May aveva confermato che lui e Taylor si stavano facendo strada attraverso il vecchio materiale della band per compilare una selezione di canzoni inedite per il prossimo album.[141] May aveva anche rivelato che un duetto che Mercury aveva registrato con Michael Jackson sarebbe stato pubblicati nel 2012.[142] Nel 2014 May ha annunciato che il nuovo album, il cui titolo sarà Queen Forever, verrà pubblicato entro la fine dell'anno.[143]

Stile musicale[modifica | modifica wikitesto]

Jimi Hendrix, l'artista preferito da Mercury.[144]
« Non è che ci dedichiamo in particolare alla musica "dura" o a quella "leggera", è semplicemente il nostro genere di musica. »
(Brian May)

I Queen furono influenzati da numerosi artisti rock britannici, come Pink Floyd, The Beatles, The Rolling Stones, The Who e Led Zeppelin.[1] Tra i cantanti più apprezzati da Mercury vi erano inoltre Elvis Presley,[145] Robert Plant[146] e Jimi Hendrix,[147] oltre a Liza Minnelli,[148] Eric Clapton e Aretha Franklin.[149] Lo stile glam della band, fatto da abiti bizzarri ed eccentrici, occhi truccati e unghie laccate, nacque alla fine degli anni sessanta, ed ebbe come primi esponenti David Bowie e T. Rex.[150]

La Red Special, costruita da May nel 1963

Nel corso della loro carriera, la band ha toccato varie forme di musica rock già consolidate nel panorama musicale; associati prevalentemente a sound progressive, art e glam rock, attinsero tuttavia ai più svariati generi musicali, passando dall'hard rock (Hammer to Fall) al pop rock (A Kind of Magic), dall'arena rock (We Will Rock You) all'heavy metal (Stone Cold Crazy), dal rock and roll (Man on the Prowl) al rock psichedelico (Get Down Make Love).[1] Sperimentarono anche sonorità lontane dalla radice rock del quartetto, come blues (See What a Fool I’ve Been), dance rock (Another One Bites the Dust), gospel (Let Me Live), ragtime (Bring Back That Leroy Brown), funk (Back Chat), folk (’39), musica classica (The Wedding March) e raramente punk rock (Sheer Heart Attack), vaudeville (Seaside Rendezvous), rock sinfonico (Who Wants to Live Forever), rockabilly (Crazy Little Thing Called Love), dixieland (Good Company) e calypso (Who Needs You).[1][18]

Uno degli elementi distintivi della musica della band sono le armonie vocali, costituite generalmente dalle voci di May, Mercury e Taylor e presenti soprattutto nei loro primi dischi come A Night at the Opera e A Day at the Races. La sperimentazione sonica ha caratterizzato pesantemente le canzoni dei Queen; ad esempio, erano noti anche per i loro canti multitraccia, allo scopo di imitare, attraverso le sovraincisioni, il suono di un grande coro.[151]

Molte canzoni scritte dal gruppo britannico videro la partecipazione dei fan, come in We Will Rock You e We Are the Champions.[152] Alcuni critici hanno inoltre sottolineato la teatralità, musicale oltre che scenica, dei Queen e delle loro opere; questo è dovuto principalmente all'uso della Red Special di May, agli elaborati cori vocali, alla potenza espressiva della voce di Mercury e al ritmo scandito da Taylor, oltre che all'armoniosa diversità dei brani della band.[153]

I testi[modifica | modifica wikitesto]

Nello sviluppo dei brani, benché tutti i quattro membri della band venissero considerati allo stesso modo, Freddie Mercury e Brian May sono i principali autori dei pezzi dei Queen;[3] infatti, su un totale di 180 tracce, il cantante ha composto 51 canzoni e il chitarrista 46, mentre Roger Taylor e John Deacon sono fermi rispettivamente a 22 e 14 brani. A partire dall'album The Miracle del 1989, tutti i brani del gruppo vennero accreditati con la dicitura "parole e musica dei Queen", per cui 35 tracce non hanno un autore ben definito.[102] 8 canzoni invece sono sorte dalla collaborazione di due membri della band.

Tra i brani che hanno un autore esterno al gruppo vi sono;

Influenze su altri artisti[modifica | modifica wikitesto]

I Metallica, una delle band influenzate dalle musiche dei Queen.[155]

Inizialmente disprezzati da molti critici, soprattutto negli Stati Uniti d'America, i Queen sono stati in seguito rivalutati per aver influito su vari artisti successivi di vari generi, come glam rock, hard rock, heavy metal, pop rock, progressive rock e pop;[1] molti musicisti, di differente stile, nazione o generazione, hanno dichiarato di ispirarsi in buona parte al gruppo londinese. Tra gli artisti che hanno citato la band per la loro influenza vi sono Ben Folds Five,[156] Blind Guardian,[157] Def Leppard,[158] Dream Theater,[159] Extreme,[160] Foo Fighters,[161] Frankie Goes to Hollywood,[162] Guns N' Roses,[163] Helloween,[164] Judas Priest,[165] Kansas,[166] Katy Perry,[167] Keane,[168] Iron Maiden,[169] Manic Street Preachers,[170] Marilyn Manson,[171] Metallica,[155] George Michael,[172] Mika,[173] Muse,[174] My Chemical Romance,[175] Panic! at the Disco,[176] Queensrÿche,[177] Radiohead,[178] Robbie Williams,[179] Steve Vai,[180] Styx,[181] Sweet,[182] The Ark,[183] The Darkness[184] The Smashing Pumpkins[185] e Trivium.[186]

Michael Jackson, amico di Freddie Mercury nei primi anni ottanta, citò l'album Hot Space come ispirazione per Thriller, a cui doveva partecipare anche Mercury stesso.[187] Il gruppo è stato anche considerato ispiratore del metal neoclassico dal chitarrista Yngwie Malmsteen.[188] Inoltre, Lady Gaga, nel 2009, ha dichiarato che il suo nome d'arte è un chiaro riferimento a Radio Ga Ga dei Queen.[189]

Numerose canzoni dei Queen sono spesso state riprodotte come cover da altri artisti; nel 1991 i Metallica realizzarono una reinterpretazione di Stone Cold Crazy, da Sheer Heart Attack del 1974, brano spesso citato come predecessore dello speed e del thrash metal.[190] Altri artisti hanno registrato in studio nuove versioni dei brani della band britannica. Tra le migliori cover sono da segnalare: "Weird Al" Yankovic (Another One Bites the Dust), The Braids (Bohemian Rhapsody), Laibach (One Vision), Nine Inch Nails (Get Down, Make Love), Lemmy Kilmister (Tie Your Mother Down), Yngwie Malmsteen (Keep Yourself Alive), Dwight Yoakam (Crazy Little Thing Called Love), Travis (Killer Queen), The Flaming Lips (Bohemian Rhapsody) e Keane (Under Pressure), Ayreon & After Forever (Who Wants To Live Forever), Blind Guardian (Spread Your Wings), Andre Matos (Teo Toriatte), Extreme (Love Of My Life), Michael Bublé (Crazy Little Thing Called Love), Electric Six (Radio Ga Ga), Hayseed Dixie (Fat Bottomed Girls), Joss Stone (Under Pressure), Bruce Dickinson & Montserrat Caballè (Boehmian Rhapsody).

I concerti[modifica | modifica wikitesto]

« La nostra musica è sempre stata molto coinvolgente, capace di unire le persone e abbracciare una folla in un comune stato di gioia ed esaltazione; è esattamente quello che succede in un evento sportivo, per esempio in una partita di calcio, solo che con noi sono tutti dalla stessa parte »
(Brian May)
Il concerto della band a Drammenshallen, Norvegia, del 12 aprile 1982

Dal 1970 al 1986, i Queen sono stati protagonisti di 707 concerti, diventando una delle band di maggior successo dal vivo degli anni settanta e ottanta. La prima esibizione in pubblico si tenne a Truro il 27 giugno 1970, in un concerto di beneficenza per la Croce rossa, quando Mercury, Taylor e May erano completati da Mike Grose.[17] L'ultimo concerto tenuto dai Queen al completo, prima che la malattia debilitasse Mercury, fu quello di Knebworth il 9 agosto 1986, davanti a 120.000 spettatori.[99] Dal 1973, con l'uscita del primo album Queen, fino al 1986 dopo A Kind of Magic, la band organizzava un tour dopo ogni album. Questa consuetudine fu poi interrotta sul finire degli anni ottanta, a causa dei primi sintomi della malattia di Mercury.[105] I Queen tennero negli Stati Uniti quasi 250 concerti e nel Regno Unito circa 200; in questa classifica, vi sono in seguito Germania e Giappone, rispettivamente con 55 e 51 spettacoli. L'esibizione con il maggior numero di spettatori si tenne nel 1985 a Rio de Janeiro per Rock in Rio, con circa 250.000 paganti.[85] Il concerto con la minore affluenza invece fu quello del 28 gennaio 1972 nel Bedford College di Londra, dove il gruppo si esibì davanti a 6 persone.[191]

Il gruppo, per l'importanza che attribuivano alle esibizioni live, diedero molta enfasi alla costruzione della loro concerti; la prima metà della scaletta era caratterizzata da canzoni hard rock e da brani veloci, seguita da pezzi più tranquilli, oltre che improvvisazioni soliste di May o Taylor, per concedere brevi pause all'evento, per poi tornare a brani emotivamente più impegnativi e ai loro cavalli di battaglia.[192] Freddie Mercury voleva che ogni esibizione della band fosse uno spettacolo unico e originale, avvicinandolo a un'opera teatrale, grazie anche alle sue doti di improvvisazione, oltre che degli altri membri del gruppo; i molti costumi stravaganti accompagnarono un catalogo di canzoni imponente e molto vario, utilizzando sistemi audio multipli, enormi apparecchi di illuminazione e numerosi effetti speciali, con notevoli giochi di luci, nebbia artificiale e fuochi d'artificio.[192][193] Come cantante, Freddie Mercury era capace di creare uno stretto legame con il pubblico, caratteristica ammirata da numerosi artisti come Bob Geldof, David Bowie, George Michael, Kurt Cobain e Robbie Williams. Mercury sapeva interagire con il pubblico, facendolo realmente partecipare al concerto, indipendentemente dalle dimensioni della manifestazione, riuscendo, con la sua dinamicità e le sue danze, ad affascinare e conquistare il pubblico; il microfono, che spostava per tutto il palco, che doveva essere necessariamente grande (talvolta era anche composto da scale e rampe), veniva usato per le sue coreografie e divenne parte integrante della sua presenza scenica.[18] Nel 2012 il New Musical Express li ha posizionati al quarto posto tra le migliori band per esibizioni dal vivo.[194]

I tour[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma[modifica | modifica wikitesto]

Lo stemma dei Queen, disegnato da Mercury

Lo stemma dei Queen, conosciuto anche con il termine inglese Queen Crest, venne disegnato da Freddie Mercury, che si diplomò al Ealing Art College di Londra, poco prima dell'uscita del primo album della band; infatti la versione originale del logotipo dei Queen, divenuto segno distintivo del quartetto,[195] è riportato inoltre sul retro della copertina di Queen. L'immagine, che comparve per la prima volta in copertina con A Day at the Races nel 1976, è inoltre presente, in diverse versioni, nelle copertine degli album A Night at the Opera, Greatest Hits II e Queen Rocks. Mercury aveva disegnato questo logotipo perché voleva per il suo gruppo "un simbolo dell'epoca", basandosi sullo stemma reale del Regno Unito, integrando per questo motivo eleganza, patriottismo e regalità.[195] Questo logo, di cui esistono diverse versioni, era spesso visibile sulla grancassa della batteria di Taylor, durante i loro primi concerti.

L'immagine include i segni zodiacali dei quattro componenti della band; due leoni rampanti, che identificano Taylor e Deacon, presidiano la corona della regina al centro di una "Q" (Queen), sormontata da un granchio color bronzo metallico che indica il segno di May, il Cancro, sopra il quale si libra un anello di fiamme che dà l'impressione di una seconda corona. Due fate bianche, a rappresentare la Vergine, che identifica Mercury, contrapposte al color senape dei leoni, osservano dal basso la lettera.[195] Tutti gli elementi sono sovrastati da una grande fenice con le ali spiegate, uccello mitologico conosciuto per la capacità di ritornare in vita dalle sue stesse ceneri, scelta in segno di immortalità e speranza. Il giallo e l'arancio sono i principali colori dello stemma, con una sfumatura di rosso per quanto riguarda la fascia che forma la "Q". Sulla parte inferiore, il nome "Queen" appare in stile latino, con curvature ben definite.[195]

I Queen nei media[modifica | modifica wikitesto]

Film e televisione[modifica | modifica wikitesto]

I Queen contribuirono direttamente alla colonna sonora dei film Flash Gordon, diretto da Mike Hodges nel 1980,[62] e Highlander - L'ultimo immortale, diretto da Russell Mulcahy nel 1986; in quest'ultimo sono presenti A Kind of Magic, One Year of Love, Who Wants to Live Forever, Hammer to Fall e Princes of the Universe. A Kind of Magic fa invece parte della scena iniziale di Highlander II - Il ritorno.[97] Negli Stati Uniti, Bohemian Rhapsody è stato ripubblicata come singolo nel 1992, dopo essere comparsa in Fusi di testa - Wayne's World. Il singolo ha successivamente raggiunto la seconda posizione della classifica statunitense e ha contribuito a riaccendere la popolarità della band in Nord America.[196]

Molti film hanno utilizzato le loro canzoni ma eseguite da altri artisti; una versione di Somebody to Love è stata cantata da Anne Hathaway nel film del 2004 Ella Enchanted - Il magico mondo di Ella e da Brittany Murphy per il film del 2006 Happy Feet. Nel 2001, una versione di The Show Must Go On è stato eseguita da Jim Broadbent e Nicole Kidman nel film musical Moulin Rouge!. Ne Il destino di un cavaliere del 2001 vi sono due versioni di We Are the Champions e di We Will Rock You, eseguite da Robbie Williams e i Queen. Anche il film del 1992 I gladiatori della strada ha alcuni frammenti di We Will Rock You. Nel 2004, Don't Stop Me Now funge da colonna sonora nella scena del lotta al bar nel film cult L'alba dei morti dementi, mentre You're My Best Friend è presente nei titoli di coda dello stessa pellicola. Tra le altre pellicole che hanno utilizzato lavori dei Queen vi sono Super Size Me, La rivincita dei nerds, Alta fedeltà, Stoffa da campioni, Due sballati al college, Il mio amico scongelato, L'aquila d'acciaio, Nemiche amiche, Gli amici di Peter, Small Soldiers, Ti odio, ti lascio, ti..., Super Mario Bros., Io vi dichiaro marito e... marito, 40 giorni & 40 notti e Palle in canna.

Brian May ha annunciato in un'intervista alla BBC che Sacha Baron Cohen è stato scelto per interpretare Freddie Mercury in un film, scritto da Peter Morgan, già nominato agli Oscar per le sue sceneggiature The Queen - La regina e Frost/Nixon - Il duello.[197] Il film, che è co-prodotto dalla TriBeCa Productions di Robert De Niro, si concentrerà sui primi anni dei Queen e sul periodo precedente alla performance nel Live Aid del 1985. I lavori, iniziati nel 2011,[198] dovrebbero portare alla sua uscita nel 2014.[199]

Mantenendo la tradizione, dalla quinta stagione in poi, di nominare gli episodi di ogni stagione con le canzoni di una famosa band rock degli anni settanta, l'ottava e ultima stagione della sitcom statunitense That '70s Show consiste in episodi denominati con le varie tracce dei Queen; Bohemian Rhapsody è il titolo della première della stagione.[200] Anche alcuni episodi de I Simpson vedono presenti canzoni dei Queen. Nell'autunno 2009, nell'episodio The Rhodes Not Taken di Glee, il coro della scuola canta Somebody To Love.[201]

L'11 aprile 2006, May e Taylor sono apparsi al concorso canoro televisivo American Idol. Ogni concorrente ha dovuto cantare una canzone dei Queen durante la settimana del concorso; i brani apparsi nello show sono Bohemian Rhapsody, Fat Bottomed Girls, The Show Must Go On, Who Wants to Live Forever e Innuendo. I due sono di nuovo apparsi alla finale dell'ottava stagione di American Idol, nel maggio 2009, cantando We Are the Champions con i finalisti Kris Allen e Adam Lambert.[202] Il 15 novembre 2009 i due musicisti sono apparsi anche in un altro show televisivo di concorso canoro, X Factor.[203]

Agli MTV Europe Music Awards 2011, il 6 novembre, i Queen ricevettero il premio Global Icon, che Katy Perry consegnò a Brian May. I Queen chiusero la cerimonia di consegna dei premi, con Adam Lambert come cantante.[204] In aprile la band è tornata a esibirsi allo show American Idol: il 25 hanno eseguito Fat Bottomed Girls, Another One Bites the Dust, We Will Rock You e We Are the Champions con i Top 6[205], mentre il 26 si sono esibiti con la loro tribute band ufficiale The Queen Extravaganza (creata dallo stesso Roger Taylor) in Somebody to Love.[206]

Teatro e musical[modifica | modifica wikitesto]

Una statua di Mercury presso il Dominion Theatre di Londra, dove si tiene We Will Rock You.

Nel 2002 venne inaugurato al Dominion Theatre di Londra un musical basato sulle canzoni dei Queen, intitolato We Will Rock You.[207] Il musical è stato scritto dall'autore e commediante inglese Ben Elton, in collaborazione con May e Roger, e prodotto da Robert De Niro.[207] Il lancio del musical coincise con il giubileo d'oro della Regina Elisabetta II; come parte della celebrazione, May eseguì un assolo dell'inno inglese God Save the Queen dal tetto di Buckingham Palace, partecipando all'esibizione finale a fianco di Eric Clapton, Elton John, dove insieme hanno eseguito alcuni brani dell'ex Beatles Paul McCartney. La registrazione di questa performance venne usata per il video della stessa canzone per l'edizione DVD del 30º anniversario di A Night at the Opera.[208][209]

Il musical, che è approdato in numerose città in tutto il mondo,[207] avrebbe dovuto concludere le sue rappresentazioni al Dominion Theatre il 7 ottobre 2006,[210] tuttavia, a causa delle molteplici richieste, lo spettacolo è stato prolungato indefinitamente.[207] L'ultima performance è andata in scena il 31 Maggio 2014, dopo 12 anni, 4600 show e una media annua di 600.000 biglietti venduti.[211] We Will Rock You è diventato il più duraturo musical nei teatri londinesi, battendo il precedente record di Grease.[212] Brian May ha confermato che gli autori stanno considerando l'idea di scrivere un sequel del musical.[213]

Sean Bovim ha creato il Queen at the Ballet, un balletto concepito come tributo a Freddie Mercury, nel quale sono usate le musiche dei Queen come colonne sonore per le danze, interpretando la storia sulla base di canzoni come Bohemian Rhapsody, Radio Ga Ga e Killer Queen.[214] La musica dei Queen appare anche nella produzione "off-Broadway" Power Balladz.[215]

Realtà digitale[modifica | modifica wikitesto]

In collaborazione con Electronic Arts, i Queen pubblicarono nel 1998 il gioco per computer Queen: The eYe, che non ebbe successo di vendite a causa della trama poco avvincente, la scarsa pubblicità e la grafica già obsoleta al momento della pubblicazione. La colonna sonora del gioco, la cui trama si basa sul musical We Will Rock You, è composta da brani della band, con remix elettronici in versione strumentale.[216]

I Queen sono stati più volte presenti nel franchise Guitar Hero: una reinterpretazione di Killer Queen nell'originale Guitar Hero, We Are the Champions, Fat Bottomed Girls e C-lebrity di Queen + Paul Rodgers in un track pack per Guitar Hero World Tour, Under Pressure con David Bowie in Guitar Hero 5 e Bohemian Rhapsody di Guitar Hero: Warriors of Rock.[217] Il quartetto è presente più volte anche nel franchise Rock Band: un track pack di 10 canzoni che sono compatibili con Rock Band, Rock Band 2 e Rock Band 3. La band inoltre è comparso nel videogioco Lego Rock Band;[218] il 13 ottobre 2009, May ha confermato l'idea di un capitolo di questa serie interamente dedicato ai Queen.[219][220]

Il 20 marzo 2009, Sony Computer Entertainment ha pubblicato una versione della serie SingStar con protagonisti i Queen; il gioco, che è disponibile per PlayStation 2 e PlayStation 3, si intitola SingStar Queen e dispone di 25 canzoni per PS3 e 20 per PS2.[221] We Will Rock You e altre canzoni della band britannica appaiono anche in DJ Hero.[222]

The Official International Queen Fan Club[modifica | modifica wikitesto]

The Official International Queen Fan Club è il fan club ufficiale della band, sorto nei pressi di Londra nel 1973 e istituito da Pat e Sue Johnstone, poco dopo l'uscita del primo album della band. I membri furono numerosissimi dall'inizio (circa 20.000 in tutto il mondo). Le pubblicazioni della fanzine sono trimestrali e contengono notizie aggiornate sul gruppo, offrono gadget dei Queen e talvolta in allegato viene inclusa una lettera da parte di un componente.

Verso la fine degli anni ottanta, il fan club iniziò a organizzare convention con cadenza annuale in differenti luoghi della Gran Bretagna. Tali incontri spesso erano occasioni per ascoltare inediti e registrazioni realizzate dai membri del gruppo; Mercury compose ad esempio Have a Nice Day, accompagnato al pianoforte da Mike Moran. Secondo il Guinness dei primati, si tratta del «più duraturo fan club di un gruppo rock al mondo».[223]

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Formazione dei Queen.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Discografia dei Queen.
Album in studio
Album dal vivo
Raccolte

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Lista di premi e riconoscimenti dei Queen.
La stella dei Queen sulla Hollywood Walk of Fame

I Queen sono tra le band rock che hanno avuto il maggiore successo commerciale nella storia della musica; il gruppo ha venduto oltre 150 milioni di dischi,[4][224][225] con alcune stime in eccesso che arrivano a 300 milioni di album;[5][226][227][228] di questi 41 milioni sono stati venduti negli Stati Uniti,[229] 18,7 milioni nel Regno Unito,[230] e 11 milioni in Germania.[231] La band ha rilasciato 18 album e 18 singoli che arrivarono alla prima posizione nelle rispettive classifiche, oltre a 10 DVD che hanno avuto un buon successo. Il solo Greatest Hits ha venduto oltre 25 milioni di copie in tutto il mondo,[232] di cui oltre sei milioni solo nel Regno Unito[233], risultando l'album più acquistato in assoluto in Gran Bretagna, preceduto dal Sgt. Pepper's Lonely Hearts Club Band dei Beatles;[8] questa raccolta ha trascorso oltre 450 settimane nelle classifiche degli album inglesi.[234] Nel 2005, secondo il Guinness dei primati, gli album dei Queen sono stati nelle classifiche britanniche degli album per più tempo in assoluto, con 1.322 settimane, vale a dire oltre 27 anni.[234][235]

Nel 2001, i quattro membri della band, che figurano tutti nelle classifiche dei migliori musicisti della storia della musica, sono entrati nella Rock and Roll Hall of Fame di Cleveland;[236] l'anno successivo la band ha ricevuto una stella nella Hollywood Walk of Fame, nella categoria "Musica", all'indirizzo 6356 di Hollywood Boulevard.[237] Nel 2003, i Queen sono entrati nella Songwriters Hall of Fame, unico gruppo musicale insieme ai Bee Gees,[238] mentre nel 2004 sono entrati nella UK Music Hall of Fame.[239][240] Nel 2005, la performance di 20 minuti dei Queen al Live Aid del 1985 è stata votata da un vasto numero di critici la miglior esibizione live della storia.[241] Nel 2007, un sondaggio della BBC ha decretato i Queen la migliore rock-band inglese della storia seguiti dai Beatles.[242] I lettori di Record Collector li hanno eletto "artisti più collezionati" alle spalle dei Beatles e davanti a Elvis Presley, Led Zeppelin e The Rolling Stones.[243] Nel 2011 hanno vinto il Global Icon Award agli MTV Europe Music Awards 2011.[204]

Bohemian Rhapsody, nel 2002, è stata eletta dal Guinness dei primati miglior singolo britannico di tutti i tempi,[6] mentre nel 2004 la canzone è entrata nel Grammy Hall of Fame, seguita nel 2009 da We Will Rock You e We Are the Champions;[244][245] quest'ultima venne indicata da alcuni sondaggi mondiali tra le migliori canzoni al mondo.[6][7][246][247] Nel 2007, un sondaggio di Q ha decretato Bohemian Rhapsody il migliore videoclip di tutti i tempi, seguito da Thriller di Michael Jackson e Cry Me a River di Timberlake.[248]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j k (EN) Queen in Allmusic, All Media Network.
  2. ^ a b (EN) Stephen Thomas Erlewine, Biografia dei Queen in Allmusic, All Media Network.
    « Embracing the exaggerated pomp of prog rock and heavy metal, as well as vaudevillian music hall, the British quartet delved deeply into camp and bombast, creating a huge, mock-operatic sound with layered guitars and overdubbed vocals. »
  3. ^ a b c d e f (EN) FAQs, Queenonline.com, 11 gennaio 2011. URL consultato il 6 maggio 2011.
  4. ^ a b (EN) Joe Joesph, Paying homage to Queen Freddie in The Times, 13 settembre 2006. URL consultato il 24 giugno 2011.
  5. ^ a b Francesco Prisco, I Queen celebrano 40 anni di musica e 300 milioni di dischi venduti. in Sole24Ore, 8 gennaio 2011. URL consultato il 27 settembre 2011.
  6. ^ a b c (EN) Queen rock on in poll, BBC News, 8 maggio 2002. URL consultato il 16 dicembre 2007.
  7. ^ a b La miglior canzone pop di sempre? È 'Bohemian Rhapsody' dei Queen in Quotidiano.net, 15 luglio 2008. URL consultato il 25 luglio 2011.
  8. ^ a b (EN) Top 40 Best Selling Albums 28 July 1956 – 14 June 2009, BPI.com. URL consultato il 1º maggio 2011.
  9. ^ Queen's Greatest Hits becomes first album to sell 6 million in the UK
  10. ^ Queen, Mtv.it. URL consultato il 1º maggio 2011.
  11. ^ a b c d Riva, 2005, p. 10
  12. ^ a b Felsani, Primi, 2006, p. 6
  13. ^ a b Felsani, Primi, 2006, p. 7
  14. ^ a b c Felsani, Primi, 2006, p. 8
  15. ^ (EN) Queen Biography for 1970, QueenZone.com. URL consultato il 14 agosto 2010.
  16. ^ (EN) Queen Biography for 1970, QueenZone.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  17. ^ a b c d e f g Felsani, Primi, 2006, p. 9
  18. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w x y z aa ab ac ad ae af ag ah ai aj ak al am an ao ap aq ar as Mauro Vecchio, Queen - Rapsodia in rock, Onda Rock. URL consultato il 1º maggio 2011.
  19. ^ Tutti e quattro i membri conseguiranno la laurea; May in astronomia, Taylor in biologia, Deacon in ingegneria elettronica e Mercury in design. Riva, 2005, p. 11
  20. ^ Riva, 2005, p. 11
  21. ^ All'epoca, Baker era impegnato nella sua prima produzione, il secondo album dei Nazareth. Riva, 2005, p. 11
  22. ^ a b c Felsani, Primi, 2006, p. 10
  23. ^ a b Riva, 2005, p. 12
  24. ^ Riva, 2005, p. 11-12
  25. ^ a b c d Felsani, Primi, 2006, p. 11
  26. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 9-10
  27. ^ (EN) Queen live on tour: Queen I, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  28. ^ a b Felsani, Primi, 2006, pp. 11-12
  29. ^ (EN) Queen live on tour: Queen II, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  30. ^ Riva, 2005, pp. 12-13
  31. ^ a b Felsani, Primi, 2006, pp. 12-13
  32. ^ Felsani, Primi, 2006, p. 12
  33. ^ a b c d Felsani, Primi, 2006, p. 13
  34. ^ a b c d e f Riva, 2005, p. 13
  35. ^ (EN) Sheer Heart Attack in Allmusic, All Media Network. URL consultato il 2 luglio 2007.
  36. ^ (EN) Queen live on tour: Sheer Heart Attack. URL consultato il 1º maggio 2011.
  37. ^ Freddie Mercury e la sua leggendaria acrimonia verso la stampa musicale, Black Diamond Bay. URL consultato il 6 maggio 2011.
  38. ^ La Trident si era infatti rifiutata di concedere a Deacon un anticipo di 4.000 sterline per la casa della moglie incinta. Riva, 2005, p. 13
  39. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 13-14
  40. ^ a b c d e f Felsani, Primi, 2006, p. 14
  41. ^ a b c d e Riva, 2005, p. 14
  42. ^ Riva, 2005, pp. 13-14
  43. ^ a b Riva, 2005, p. 15
  44. ^ (EN) Queen live on tour: A Night At The Opera, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  45. ^ a b Felsani, Primi, 2006, p. 14-15
  46. ^ Riva, 2005, pp. 14-15
  47. ^ a b c d e Felsani, Primi, 2006, p. 15
  48. ^ (EN) Queen live on tour: Day At The Races - World, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  49. ^ (EN) Queen live on tour: Day At The Races - Europe, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  50. ^ a b c d e f g h Felsani, Primi, 2006, p. 16
  51. ^ (EN) Queen live on tour: News Of The World '77, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  52. ^ (EN) the RIAA Gold And Platinum Searchable Database. URL consultato il 1º maggio 2011.
  53. ^ (EN) Queen live on tour: News Of The World '78. URL consultato il 1º maggio 2011.
  54. ^ Gli stessi Mountain Studios vennero acquistati dai Queen nel 1978.
  55. ^ Negli Stati Uniti venne organizzato un evento analogo nei pressi del Madison Square Garden, cosa che portò al bando del disco in alcuni stati americani. Riva, 2005, p. 16
  56. ^ (EN) Queen live on tour: Jazz, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  57. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 16-17
  58. ^ (EN) Queen live on tour: Live Killers, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  59. ^ a b c Felsani, Primi, 2006, p. 17
  60. ^ (EN) Crazy Tour of London - Queen, Allmusic.com. URL consultato il 1º maggio 2011.
  61. ^ Peter Freestone, David Evans, Freddie Mercury: An intimate memoir by the man who knew him best, Omnibus Press, 2001, p. 18, ISBN 0-7119-8674-6.
  62. ^ a b c d e f Felsani, Primi, 2006, p. 18
  63. ^ Riva, 2005, pp. 16-17
  64. ^ Riva, 2005, p. 16
  65. ^ (EN) Queen live on tour: The Game - World, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  66. ^ a b c Riva, 2005, p. 17
  67. ^ Awards Database, Bafta.org. URL consultato il 6 maggio 2011.
  68. ^ (EN) Queen live on tour: The Game - Europe, Queen Concerts. URL consultato il 1º maggio 2011.
  69. ^ (EN) Queen live on tour: S. America Bites the Dust, Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  70. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 18-19
  71. ^ a b c d e f g h Felsani, Primi, 2006, p. 19
  72. ^ Riva, 2005, p. 18
  73. ^ (EN) Queen live on tour: Gluttons For Punishment, Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  74. ^ a b c d Riva, 2005, p. 19
  75. ^ (EN) Queen live on tour: Hot Space - Europe, Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  76. ^ Brain May e Roger Taylor, dal commento audio del DVD Queen Rock Montreal (2007).
  77. ^ Di The Game, NME disse "Produzione deliziosa dall'inizio alla fine", mentre Sounds affermò "I Queen non hanno mai realizzato album davvero strabilianti, ma occorre ammettere che Hot Space mostra più misura e più fantasia di porcherie come Jazz".
  78. ^ a b Felsani, Primi, 2006, p. 19-20
  79. ^ Riva, 2005, pp. 19-20
  80. ^ a b c d e f Felsani, Primi, 2006, p. 20
  81. ^ a b Riva, 2005, p. 21
  82. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 20-21
  83. ^ a b Riva, 2005, p. 20
  84. ^ M. Cruccu, Ruggeri: «A Sanremo 1984 eravamo sullo stesso palco» in Corriere della Sera, 26 marzo 2005. URL consultato il 6 maggio 2011.
  85. ^ a b c d e f g h Felsani, Primi, 2006, p. 21
  86. ^ a b I Queen a Sun City 1984, QueenHeaven.it. URL consultato il 6 maggio 2011.
  87. ^ I Queen a Sun City 1984 – L'analisi, QueenHeaven.it. URL consultato il 6 maggio 2011.
  88. ^ I Queen a Sun City 1984 – La difesa di Brian May, QueenHeaven.it. URL consultato il 6 maggio 2011.
  89. ^ a b (EN) Queen live on tour: The Works 1985, Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  90. ^ a b (EN) Concert info 13.07.1985 Wembley Stadium, London, UK (Live Aid festival), Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  91. ^ (EN) Live Aid - The Greatest Show On Earth, Herald.co.uk. URL consultato il 6 maggio 2011.
  92. ^ a b Riva, 2005, pp. 21-22
  93. ^ Riva, 2005, p. 22
  94. ^ a b c d e f g Felsani, Primi, 2006, p. 22
  95. ^ Felsani, Primi, 2006, p. 231
  96. ^ a b c d Riva, 2005, p. 23
  97. ^ a b Felsani, Primi, 2006, pp. 22-23
  98. ^ (EN) Queen live on tour: Magic tour, Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  99. ^ a b c d e f g Felsani, Primi, 2006, p. 23
  100. ^ a b Riva, 2005, p. 25
  101. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 23-24
  102. ^ a b c d e Felsani, Primi, 2006, p. 24
  103. ^ a b c d e Riva, 2005, p. 26
  104. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 24-25
  105. ^ a b c d e f g h i j Felsani, Primi, 2006, p. 25
  106. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 25-26
  107. ^ a b c d e Felsani, Primi, 2006, pp. 26
  108. ^ Felsani, Primi, 2006, pp. 26-27
  109. ^ (EN) 20.04.1992 - Guest appearance: Brian May + Roger Taylor + John Deacon live in Wembley Stadium, London, UK (Freddie Mercury Tribute), Queen Concerts. URL consultato il 5 maggio 2011.
  110. ^ a b c d Felsani, Primi, 2006, p. 27
  111. ^ a b c d Felsani, Primi, 2006, p. 28
  112. ^ Queen - Biografia, Queenfreddie.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  113. ^ (EN) Greatest Hits III, Queenonline.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  114. ^ (EN) Pavarotti 2003, BrianMay.com. URL consultato il 9 maggio 2011.
  115. ^ (EN) Queen News March 2006, Brianmay.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  116. ^ (EN) USA Convention Story and Queen and Paul Rodgers Heading Towards a Studio Assignation in Brianmay.com, 15 agosto 2006. URL consultato il 6 maggio 2011.
  117. ^ (EN) Queen to tour in early 2008, according to lighting engineer in Queenzone.com, 19 aprile 2007. URL consultato il 6 maggio 2011.
  118. ^ (EN) Paul Rodgers: Done With Queen, Not Afrais Of Swine Flu in Brian May.com, 11 maggio 2009. URL consultato l'11 maggio 2009.
  119. ^ (EN) Queen Online News, Queenonline.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  120. ^ Queen: passano dalla EMI alla Universal, Metallized.it. URL consultato il 6 maggio 2011.
  121. ^ (EN) Pete Paphides, Can EMI pick up the pieces? in Timesonline.co.uk, 2 giugno 2010. URL consultato il 6 maggio 2011.
  122. ^ (EN) Songs For Japan Includes Eminem, Justin Bieber, Lady Gaga And More, MTV.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  123. ^ (EN) First Five Albums Re-Released Today! in Queenonline.com, 14 marzo 2011. URL consultato il 28 settembre 2011.
  124. ^ (EN) Press Release: Second Five Albums Re-Issued on 27th June in Queenonline.com, 5 aprile 2011. URL consultato il 28 settembre 2011.
  125. ^ (EN) Press Release: Final Five Albums Re-Issued On 5th September, 21 giugno 2011.
  126. ^ (EN) The Show, Queenextravaganza.com. URL consultato il 28 settembre 2011.
  127. ^ (EN) Queen take the Icon prize at BMI Awards, 5 ottobre 2012.
  128. ^ Katy and Adam Honour Queen MTV. Retrieved 7 October 2011
  129. ^ Adam Lambert to perform with Queen at Sonisphere BBC. Retrieved 28 February 2012
  130. ^ (EN) Queen + Adam Lambert Play ANTIAIDS Show in Tonight Kiev, 30 giugno 2012. URL consultato il 30 giugno 2012.
  131. ^ (EN) Queen + Adam Lambert = Saturday night partytime Sonisphere.co.uk. Retrieved 28 February 2012
  132. ^ (EN) Sonisphere festival cancelled in sonisphere. URL consultato il 29 marzo 2012.
  133. ^ (EN) Queen + Adam Lambert: Final Hammersmith Show On Sale Today!, 14 maggio 2012. URL consultato il 18 ottobre 2012.
  134. ^ (EN) Olympics Closing Ceremony: Jessie J Joins Queen For 'We Will Rock You' Performance in Capital FM, 12 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  135. ^ (EN) Jasper Rees, Olympics closing ceremony: A long goodbye to the Games in BBC, 13 agosto 2012. URL consultato il 29 agosto 2012.
  136. ^ "Lineup announced for the 2013 iHeartRadio festival". CBS News. Retrieved 4 January 2014
  137. ^ "Queen and Adam Lambert reunite for Summer Tour". Rolling Stone. Retrieved 15 June 2014
  138. ^ "Queen + Adam Lambert Announce Summer Tour". Billboard. Retrieved 15 June 2014
  139. ^ "Queen Australian tour announced with best Freddie Mercury replacement". Sydney Morning Herald. Retrieved 15 June 2014
  140. ^ http://www.rollingstone.com/music/news/q-a-queen-adam-lambert-talk-new-tour-pressure-and-john-deacon-20140306
  141. ^ a b Queen announce plans for new album of lost demos featuring Freddie Mercury in nme.com, 27 ottobre 2011. URL consultato il 13 novembre 2011.
  142. ^ Queen set to release Freddie Mercury and Michael Jackson duets in 2012 in nme.com, 11 novembre 2011. URL consultato il 13 novembre 2011.
  143. ^ Brian May - BBC Wales Interview, Retrieved 24 May 2014 .
  144. ^ Scott Cohen, Queen's Freddie Mercury Shopping For An Image In London in Circus Magazine, 4 ottobre 1975. URL consultato il 6 maggio 2011.
  145. ^ (EN) Freddie Mercury, All Music. URL consultato il 4 maggio 2011.
  146. ^ Hodkinson, 2004, p. 127
  147. ^ Hodkinson, 2004, p. 67
  148. ^ Hodkinson, 2004, p. 144
  149. ^ Hodkinson, 2004, pg. 48
  150. ^ Brooks–Lupton, 2009, p. 21
  151. ^ Hodkinson, 2004, p. 192
  152. ^ (EN) (EN) Albums: News Of The World, Queen.musichall.cz. URL consultato il 1º maggio 2011.
  153. ^ The History of Rock Music - Queen, Scaruffi.com. URL consultato il 4 maggio 2011.
  154. ^ (EN) Early Queen Recordings - Registrazioni in studio degli Smile (giugno 1969), Qliverecordings.tripod.com. URL consultato il 5 luglio 2007.
  155. ^ a b (EN) Metallica, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  156. ^ (EN) Ben Folds Five, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  157. ^ (EN) Blind Guardian - From Middle-Earth to the opera - November 2002, Metal Osberver. URL consultato il 1º maggio 2011.
  158. ^ (EN) Def Leppard, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  159. ^ (EN) Dream Theater, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  160. ^ (EN) Extreme, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  161. ^ (EN) Day Grohl and Taylor Hawking induct Queen, Rockhall.com. URL consultato il 1º maggio 2011.
  162. ^ (EN) Frankie Goes to Hollywood, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  163. ^ (EN) Guns N' Roses, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  164. ^ (EN) Helloween, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  165. ^ (EN) 2006.10.xx - Classic Rock - UK - Freddie 60th tribute - Queen, Queencuttings.com. URL consultato il 5 maggio 2011.
  166. ^ (EN) Kansas, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  167. ^ (EN) Katy Perry, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  168. ^ (EN) Keane FAQ, Keaneshaped.co.uk. URL consultato il 5 maggio 2011.
  169. ^ (EN) Iron Maiden, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  170. ^ (EN) Manic Street Preachers, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  171. ^ (EN) Marilyn Manson, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  172. ^ (EN) George Michael, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  173. ^ (EN) Emma Jones, Sound of 2007: Mika, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  174. ^ (EN) Muse, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  175. ^ (EN) My Chemical Romance, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  176. ^ (EN) Panic at the Disco, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  177. ^ (EN) Queensrÿche, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  178. ^ (EN) Radiohead, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  179. ^ (EN) Robbie Williams, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  180. ^ (EN) Steve Vai, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  181. ^ (EN) Styx, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  182. ^ (EN) Sweet, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  183. ^ (EN) The Ark, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  184. ^ (EN) The Darkness, All Music. URL consultato il 5 maggio 2011.
  185. ^ (EN) Smashing Pumpkins, All Music. URL consultato il 1º maggio 2011.
  186. ^ (EN) Trivium’s Matt Heafy chooses his top five Queen songs, ClassicRockMagazine.com/. URL consultato il 1º maggio 2011.
  187. ^ (ES) Nando Cruz, `Thriller´, de Michael Jackson, sigue imbatido 25 años después in El Periódico Extremadura, 3 dicembre 2007. URL consultato il 1º maggio 2011.
  188. ^ (EN) Yngwie Malmsteen, Metal Storm. URL consultato il 1º maggio 2011.
  189. ^ (EN) Interview with LadyGaGa, Dancemusic.about.com. URL consultato il 6 maggio 2008.
  190. ^ (EN) Metallica - Awards, AllMetallica.it. URL consultato il 5 maggio 2011.
  191. ^ Gunn, 1992, p. 54
  192. ^ a b (EN) Queen on Tour, Queen Concerts. URL consultato il 6 maggio 2011.
  193. ^ (EN) Lighting rig, Queen Concerts. URL consultato il 6 maggio 2011.
  194. ^ (EN) Muse voted most exciting live act of all time by NME.COM users in New Musical Express, 24 agosto 2012. URL consultato il 28 agosto 2012.
  195. ^ a b c d (EN) Queen Logo, Famous Logo. URL consultato il 7 maggio 2011.
  196. ^ (EN) Chart Beat Bonus, Billboard.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  197. ^ (EN) BBC – Sacha Baron Cohen to play Freddie Mercury in BBC News, 17 agosto 2010. URL consultato il 22 agosto 2010.
  198. ^ (EN) "Is it because I has a mankini?" Ali G creator to take on Queen in The Independent (Londra), 17 agosto 2010. URL consultato il 22 agosto 2010.
  199. ^ (EN) Sacha Baron Cohen's Queen biopic given title in Nme.com, 2 dicembre 2013. URL consultato il 14 giugno 2013.
  200. ^ (EN) Episode Guide, That '70s Show, 1º dicembre 2008.
  201. ^ (EN) Glee: The Music, Vol. 1, AllMusic. URL consultato il 6 maggio 2011.
  202. ^ (EN) Gil Kaufman, Kris Allen, Adam Lambert Tear Up Queen's 'We Are The Champions' – News Story | Music, Celebrity, Artist News | MTV News in Mtv, 20 maggio 2009. URL consultato il 2 giugno 2010.
  203. ^ (EN) X Factor twins John and Edward in final six in Belfast Telegraph, 16 novembre 2009. URL consultato il 16 maggio 2009.
  204. ^ a b La Global Icon 2011 è... Queen! in Mtvema.com, 8 novembre 2011. URL consultato l'8 novembre 2011.
  205. ^ (EN) Queen + American Idol Footage/QE Band on AI Tonight!, 26 aprile 2012. URL consultato il 27 aprile 2012.
  206. ^ (EN) Queen Extravaganza Band Rock American Idol With Brian and Roger, 27 aprile 2012. URL consultato il 27 aprile 2012.
  207. ^ a b c d (EN) For the first time ever...Queen: Ten great hits from the sensational rock band in today's, The Mail on Sunday, 19 giugno 2009. URL consultato il 6 maggio 2011.
  208. ^ (EN) A Night at the Opera, 30th Anniversary CD/DVD, Allmusic. URL consultato il 6 maggio 2011.
  209. ^ (EN) God Save the Queen, Ultimate Queen. URL consultato il 6 maggio 2011.
  210. ^ (EN) We Will Rock You To End London Run, Queenworld.com. URL consultato il 1º maggio 2011.
  211. ^ Chris Wiegand, Queen musical We Will Rock You to close in London after 12-year run, theguardian, Tuesday 11 March 2014.
  212. ^ (EN) We Will Rock You, London Theatre. URL consultato il 6 maggio 2011.
  213. ^ (EN) Queen plan second stage musical, BBC News. URL consultato il 6 maggio 2011.
  214. ^ (EN) Roshan Sewpersad, Too little balls for balletomanes in LitNet, 21 ottobre 2004. URL consultato il 6 maggio 2011.
  215. ^ (EN) Christopher Isherwood, Here They Go Again: Head-Banging Anthems of Their Youth in The New York Times, 19 agosto 2010. URL consultato il 6 maggio 2011.
  216. ^ (EN) Queen: The Eye, Ultimatequeen.co.uk. URL consultato il 6 maggio 2011.
  217. ^ (EN) Rock Band's Queen 10-Pack In All Its Glory, Kotaku.com, 2 ottobre 2009. URL consultato il 2 giugno 2010.
  218. ^ (EN) Queen Playable in Lego Rock Band along with their songs "We Will Rock You and We Are the Champions", 1up.com, 20 ottobre 2009. URL consultato il 2 -6-2010.
  219. ^ (EN) Tim Masters, Queen star May hails Muse album, BBC News, 13 ottobre 2009.
  220. ^ I Queen rivivono in LEGO Rock Band in Spazio Games, 20 ottobre 2009. URL consultato il 6 maggio 2011.
  221. ^ (EN) Singstar Queen Track Listing Revealed, Wired.com. URL consultato il 2 giugno 2010.
  222. ^ (EN) Music, Current Set List, DJ Hero. URL consultato il 2 giugno 2010.
  223. ^ Claire Folkard, Guinness World Records 2004: Hundreds of New Records Inside., Bantam Books, 2003, ISBN 0-553-58712-9.
  224. ^ (EN) Queen: The 10 essential tracks in Telegraph.com. URL consultato il 27 luglio 2011.
  225. ^ (EN) Mike Collett, Queen Signs To Universal, Preps Remastered Albums, Billboard, 8 novembre 2010. URL consultato l'8 luglio 2011.
  226. ^ (EN) Press Release: 'Queen: Days Of Our Lives' Documentary, Queenonline.com, 19 maggio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  227. ^ (EN) Queen: Absolute Greatest in BBC News, 6 novembre 2009. URL consultato il 24 giugno 2011.
  228. ^ Roger Taylor e Brian May Interview, Q Magazine, 1º febbraio 2011. URL consultato il 27 luglio 2011.
  229. ^ (EN) RIAA's Gold & Platinum Search Results: Queens, Recording Industry Association of America. URL consultato il 6 maggio 2011.
  230. ^ (EN) Certified Awards Search, BPI.co.uk. URL consultato il 6 maggio 2011.
  231. ^ (DE) Gold-/Platin-Datenbank, Musikindustrie.de. URL consultato il 6 maggio 2011.
  232. ^ (EN) Greatest Hits - Queen, BBC. URL consultato il 6 maggio 2011.
  233. ^ Record Queen in GB, album da 6 mln copie
  234. ^ a b (EN) Queen becomes longest reigning chart act in Daily Mail, 5 luglio 2005. URL consultato il 6 maggio 2011.
  235. ^ (EN) Queen top UK album charts league in BBC, 4 luglio 2005. URL consultato il 6 maggio 2011.
  236. ^ (EN) Queen: Inducted in 2001, RockHall.com. URL consultato il 6 maggio 2011.
  237. ^ (EN) Queen honoured with Hollywood star, BBC, 18 ottobre 2002. URL consultato il 6 maggio 2011.
  238. ^ (EN) 2003 Awards and Induction Ceremonies, Songwritershalloffame.org. URL consultato il 6 maggio 2011.
  239. ^ UK Music Hall Of Fame in MTV.it, 12 novembre 2004. URL consultato il 6 maggio 2011.
  240. ^ (EN) Robbie joins UK pop Hall of Fame in BBC, 12 novembre 2004. URL consultato il 6 maggio 2011.
  241. ^ (EN) Queen win greatest live gig poll in BCC, 9 novembre 2005. URL consultato il 6 maggio 2011.
  242. ^ (EN) Queen declared 'top British band in BBC, 2 gennaio 2007. URL consultato il 6 maggio 2011.
  243. ^ Riva, 2005, p. 9
  244. ^ (EN) Grammy Hall Of Fame, Grammy.org. URL consultato il 6 maggio 2011.
  245. ^ (EN) Queen enter Grammy Hall of Fame in BBC, 1º dicembre 2008. URL consultato il 6 maggio 2011.
  246. ^ (EN) Brian Dakss, "Bohemian Rhapsody" Top Chart Topper, CBS News, 9 novembre 2002. URL consultato il 16 maggio 2007.
  247. ^ (EN) "We Are the Champions" voted world's fave song, Theregister.co.uk. URL consultato il 6 maggio 2011.
  248. ^ (EN) Queen's Bohemian Rhapsody voted best video, Telegraph.co.uk. URL consultato il 1º maggio 2011.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Greg Brooks, Queen Live: A Concert Documentary, Londra, Omnibus Press, 1995, ISBN 978-0-7119-4814-3.
  • (EN) Greg Brooks, Simon Lupton, Freddie Mercury - His Life In His Own Words, Londra, Omnibus Press, 2009, ISBN 1-84772-650-X.
  • (EN) Ken Dean, Chris Charlesworth, Queen: The New Visual Documentary, Londra, Omnibus Press, 1991, ISBN 978-0-7119-2828-2.
  • (EN) Nigel Goodall, Peter Lewry, The Ultimate Queen, Londra, Simon & Schuster, 1998, ISBN 978-0-684-82149-8.
  • (EN) Jacky Gunn, Jim Jenkins, Queen: As It Began, Londra, Sidgwick & Jackson, 1992, ISBN 978-0-330-33259-0.
  • (EN) Mark Hodkinson, Queen: The Early Years, Londra, Music Sales Limited, 2004, ISBN 978-0-7119-6012-1.
  • (EN) Peter Hogan, The Complete Guide to the Music of Queen, Londra, Omnibus Press, 1994, ISBN 978-0-7119-3526-6.
  • (EN) Laura Jackson, Queen: The Definitive Biography, Londra, Piatkus, 2002, ISBN 978-0-7499-2317-4.
  • (EN) Michael Mick, Queen, In Their Own Words, Londra, Omnibus Press, 1992, ISBN 978-0-7119-3014-8.
  • Michele Primi, Max Felsani, Mauro Saita, Queen, Giunti Editore, 2006, ISBN 978-88-09-04719-8.
  • (EN) Georg Purvis, Queen: Complete Works, Richmond, Reynolds & Hearn, 2006, ISBN 978-1-905287-33-8.
  • Beppe Riva, We Will Rock You, Milano, Arcana, 2005, ISBN 88-7966-398-4.
  • (EN) Jeff Hudson, Queen, Londra, Endeavour London Ltd, 2011, ISBN 1-908271-13-2.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Queen Portale Queen: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Queen
Questa è una voce in vetrina. Clicca qui per maggiori informazioni
Wikimedaglia
Questa è una voce in vetrina, identificata come una delle migliori voci prodotte dalla comunità.
È stata riconosciuta come tale il giorno 14 marzo 2007 — vai alla segnalazione.
Naturalmente sono ben accetti suggerimenti e modifiche che migliorino ulteriormente il lavoro svolto.

Segnalazioni  ·  Archivio  ·  Voci in vetrina in altre lingue   ·  Voci in vetrina in altre lingue senza equivalente su it.wiki