Francesco Pezzulli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Francesco Pezzulli (Napoli, 14 maggio 1973) è un attore, doppiatore e direttore del doppiaggio italiano. È noto per essere la voce italiana di Leonardo DiCaprio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

È noto soprattutto per aver prestato voce a Leonardo DiCaprio dal film Titanic in poi, James Van Der Beek nel ruolo di Dawson Leery nella serie tv Dawson's Creek, Hayden Christensen nel ruolo di Anakyn Skywalker in Star Wars: Episodio II - L'attacco dei cloni e Star Wars: Episodio III - La vendetta dei Sith, Norman Reedus nel ruolo di Daryl Dixon in The Walking Dead Tom Beck in Squadra Speciale Cobra 11 e Aaron Paul come Jesse Pinkman in Breaking Bad. Ha anche doppiato Nelson Muntz nella sedicesima e diciassettesima stagione de I Simpson e Kevin in Ed Edd & Eddy.

Era stato sostituito da Paolo Vivio per doppiare il personaggio di Nelson (dalla diciottesima stagione), e da Gianluca Crisafi per doppiare il personaggio di Kevin, (dalla sesta stagione).

Nel luglio 2004, ha vinto il premio "Leggio d'Oro voce rivelazione dell'anno" per il doppiaggio di Leonardo di Caprio in Titanic, nel luglio 2013 ha riconquistato il Leggio d'Oro, questa volta nella categoria "Miglior interpretazione maschile dell'anno", sempre per il doppiaggio di Leonardo di Caprio in Django Unchained e Il grande Gatsby.[1][2]

Ha un fratello maggiore, Giuseppe Pezzulli, avvocato e uomo d'affari con un passato da attore (era nel cast di Bianco, rosso e Verdone).

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Televisione[modifica | modifica wikitesto]

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Film[modifica | modifica wikitesto]

Serie TV[modifica | modifica wikitesto]

Film d'animazione[modifica | modifica wikitesto]

Cartoni animati e anime[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 2004 su www.antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.
  2. ^ SPECIALE LEGGIO D'ORO 2013 su www.antoniogenna.net. URL consultato il 15 aprile 2015.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]