Gioventù bruciata

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando l'EP dei Bloody Riot, vedi Gioventù bruciata (EP).
Gioventù bruciata
James Dean and Natalie Wood in Rebel Without a Cause trailer.jpg
James Dean e Natalie Wood
Titolo originale Rebel Without a Cause
Paese di produzione USA
Anno 1955
Durata 111 min
Colore colore
Audio sonoro
Genere drammatico
Regia Nicholas Ray
Soggetto Nicholas Ray
Sceneggiatura Stewart Stern
Casa di produzione Warner Bros.
Fotografia Ernest Haller
Montaggio William H. Ziegler
Musiche Leonard Rosenman
Scenografia Malcolm C. Bert
Interpreti e personaggi
Doppiatori italiani

Gioventù bruciata (Rebel Without a Cause) è un film del 1955 diretto da Nicholas Ray. Nel ruolo del protagonista compare James Dean, in quella che rimane la più celebre delle sue tre interpretazioni prima della morte, avvenuta il 30 settembre dello stesso anno in un incidente automobilistico.

Il titolo originale del film, Rebel Without a Cause, è un riferimento al libro del 1944 dello psichiatra Robert Lidner: Ribelle senza causa: analisi di uno psicopatico criminale. La Warner, casa produttrice del film, aveva acquistato i diritti sul libro ma la riduzione cinematografica, alla quale avevano lavorato nel corso degli anni diversi sceneggiatori, risultò alla fine completamente diversa dall'argomento del libro.

Nel 1990 è stato scelto per la conservazione nel National Film Registry della Biblioteca del Congresso degli Stati Uniti.[1]

Nel 1998 l'American Film Institute l'ha inserito al cinquantanovesimo posto della classifica dei migliori cento film statunitensi di tutti i tempi.

Trama[modifica | modifica sorgente]

Il diciassettenne Jim Stark viene arrestato per ubriachezza molesta e, quando i genitori e la nonna vengono a prelevarlo nella locale stazione di polizia, l'agente Ray Fremick della sezione minorile comprende le ragioni del comportamento del ragazzo, recentemente trasferitosi in città a seguito di un evento violento occorsogli in precedenza, e della sua incomunicabilità con i genitori.

Jim conosce Judy, una ragazza vicina di casa che ha intravisto alla stazione di polizia, fermata a seguito di una rissa dove sono stati coinvolti i suoi amici, una piccola banda il cui capo è Buzz, anche lei profondamente turbata da un rapporto difficile con il padre, e Plato, un giovane che lo mitizza immediatamente, essendo stato abbandonato dal padre in tenera età.

Dopo che la banda ha preso in mezzo Jim di fronte alla scuola Buzz lo invita a partecipare ad una prova di coraggio: la cosiddetta chicken run, che consiste nel lanciarsi a forte velocità a bordo di una macchina e gettarsi fuori prima che questa precipiti nello strapiombo sul mare. Jim chiede consiglio al padre ma questi si dimostra ai suoi occhi ancora debole e decide di partecipare alla prova che tuttavia si risolve tragicamente e Buzz, la cui manica della giacca rimane impigliata nella maniglia, muore non riuscendo ad uscire dall'auto.

Jim sceglie, a dispetto del parere dei genitori, di parlare con l'agente Fremick ma questi è fuori per servizio e gli amici di Buzz, convocati dalla polizia, lo vedono entrare nella stazione e si mettono alla sua ricerca. Egli nel frattempo, insieme a Judy e Plato, si reca in una vecchia villa disabitata dove Plato è solito rifugiarsi per rimanere in solitudine, e i due, oltre a raccoglierne le confidenze, scoprono di essere innamorati ma Crunch, Goon e Gene, i tre amici di Buzz, arrivano alla villa dove cercano di aggredire Plato, trovato addormentato, ma questi, armato di pistola, ferisce Crunch e spara contro un poliziotto nel frattempo sopraggiunto.

La situazione precipita e, mentre i genitori e la polizia accorrono alla villa, Jim cerca di calmare Plato, ormai fuori controllo, ma nonostante riesca ad estrarre il caricatore dalla sua pistola, i poliziotti vedendo il ragazzo armato, gli sparano uccidendolo e l'evento, seppure nella sua drammaticità, riesce a fare riavvicinare Jim ai genitori.

Commento[modifica | modifica sorgente]

Gioventù Bruciata ottenne tre nomination all'Oscar: miglior soggetto (Nicholas Ray), miglior attrice non protagonista (Natalie Wood) e miglior attore non protagonista (Sal Mineo). Dean fu nominato come miglior attore protagonista, ma per il film La valle dell'Eden uscito nello stesso anno.

Il film parlò ad un'intera generazione di teenager nella prima metà degli anni cinquanta, ma la sua fama non può e non deve limitarsi a ciò. La pellicola, storia di un brusco e doloroso passaggio all'età adulta, è un documento sui riti della generazione post-bellica nella provincia statunitense.

Il film presenta i "ribelli senza causa" come lo specchio del nostro disincanto, la cattiva coscienza di una civiltà in declino.

Nel tempo, il film è divenuto un cult movie e il titolo è entrato nel linguaggio comune. La morte prematura e violenta che ha colpito, in tempi diversi, i tre protagonisti (Dean morì in un incidente automobilistico un mese prima dell'uscita del film, Mineo fu assassinato a 37 anni nel 1976, la Wood annegò in circostanze non del tutto chiarite a 43 anni nel 1981) ha alimentato la fama di Gioventù bruciata come film "maledetto".

Riconoscimenti[modifica | modifica sorgente]

Curiosità[modifica | modifica sorgente]

  • Nel 1947 Marlon Brando (allora ventitreenne) sostenne un provino per il ruolo di Jim. Per il regista e i produttori divenne subito la prima scelta per quel ruolo, ma Brando rifiutò la parte per dedicarsi al teatro[2]. Sette anni dopo la parte andrà a Dean.
  • L'attore Edward Platt, che interpreta l'agente Ray Fremick, il poliziotto comprensivo, è un caratterista di vaglia, noto per la sua partecipazione a molti telefilm, tra i quali si segnala in particolare Get Smart, dove interpretava Il Capo.
  • Fu l'ultimo film della carriera di Virginia Brissac, che nel film interpreta la nonna di James Dean; un'attrice che, proveniente dal teatro, aveva debuttato nel cinema nel 1913 e che, dagli anni trenta, era diventata una caratterista hollywoodiana.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ (EN) National Film Registry, National Film Preservation Board. URL consultato il 3 gennaio 2012.
  2. ^ La «Gioventù bruciata» di Brando - Corriere della Sera 28/3/2006.
  3. ^ Rebel Without a Cause, Movie, 1955

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema