Eccentricità orbitale

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Varie traiettorie orbitali con diverse eccentricità

In astrodinamica, sotto le ipotesi standard ogni orbita deve avere la forma di una sezione conica. L'eccentricità di questa sezione conica, detta eccentricità dell'orbita o eccentricità orbitale, è un importante parametro per la definizione assoluta della sua forma.

L'eccentricità può essere considerata come la misura di quanto l'orbita sia deviata da un cerchio.

Sempre sotto le ipotesi standard, l'eccentricità orbitale (e) è definita rigorosamente per tutte le orbite circolari, ellittiche, paraboliche, iperboliche e vale:

Calcolo[modifica | modifica wikitesto]

L'eccentricità di un'orbita può essere calcolata a partire dai vettori di stato come valore assoluto del vettore eccentricità:

e= \left | \mathbf{e} \right |

dove \mathbf{e}, è il vettore eccentricità.

Per le orbite ellittiche può anche essere calcolata come distanza tra l'apoasse e il periasse:

e={{d_a-d_p}\over{d_a+d_p}}=1-\frac{2}{\frac{d_a}{d_p}+1}=\frac{2}{\frac{d_p}{d_a}+1}-1

dove:

  • d_p è il raggio di pericentro,
  • d_a è il raggio di apocentro.

Esempi[modifica | modifica wikitesto]

Per esempio, l'eccentricità dell'orbita della Terra oggi è 0,0167. Nel tempo, l'eccentricità dell'orbita terrestre varia lentamente, passando da quasi 0 a circa 0,05 come risultato dell'attrazione gravitazionale con gli altri pianeti.

Altre eccentricità importanti sono: Luna 0,0554; Mercurio 0,2056; Venere 0,0068; Marte 0,0934; Giove 0,0483; Saturno 0,0560; Urano 0,0461; Nettuno 0,0097; Plutone 0,2488.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

astronomia Portale Astronomia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di astronomia e astrofisica