Idrosolfuro di ammonio

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Idrosolfuro di ammonio
Nome IUPAC
idrogenosolfuro di ammonio
Caratteristiche generali
Formula bruta o molecolare NH4SH
Massa molecolare (u) 51,111
Aspetto liquido giallo-arancione fumante
Numero CAS [12124-99-1]
Indicazioni di sicurezza
Simboli di rischio chimico
corrosivo pericoloso per l'ambiente

pericolo

Frasi H 314 - 400 - EUH031
Consigli P --- [1]

L'idrosolfuro di ammonio è un composto chimico di formula NH4SH; è il sale derivato dal catione ammonio e dall'anione idrosolfuro. Altamente solubile in acqua, in soluzione acquosa tuttavia dissocia parzialmente. Il composto si incontra prevalentemente in soluzione, raramente in forma salina; è un cospicuo agente corrosivo nelle raffinerie petrolchimiche.

Preparazione[modifica | modifica wikitesto]

L'idrosolfuro di ammonio si ottiene facendo passare l'acido solfidrico in un eccesso di ammoniaca, la cui reazione dà luogo a dei cristalli incolori, micacei di idrosolfuro di ammonio.

L'idrosolfuro di ammonio è commercialmente disponibile come soluzione acquosa, anche se è piuttosto costoso. Può anche essere preparato facendo passare acido solfidrico gassoso attraverso una soluzione molto concentrata di ammoniaca, scaldando leggermente il pallone in cui si fa avvenire la reazione.[2]

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Una relazione del 1895 di W. P. Bloxam come facendo passare dell'acido solfidrico in una soluzione acquosa concentrata di ammoniaca a temperatura ordinaria dia (NH4)2S·2NH4HS, la quale, dopo un raffreddamento sino alla temperatura di 0 °C e l'aggiunta di un'ulteriore quantità di acido, dà (NH4)2S·12NH4HS.[3]

Secondo quanto scritto nella relazione di Bloxam, vi possono essere isolati diversi polisolfuri complessi di ammonio; tali composti si originano per aggiunta di zolfo elementare alla soluzione:

2 (NH4)SH + 1/2 S8 \overrightarrow{\leftarrow} (NH4)2S4 + H2S

Fiale puzzolenti[modifica | modifica wikitesto]

Una comune "fiala puzzolente" (sticky bomb) è costituita da una soluzione acquosa di idrosolfuro di ammonio, sigillato all'interno di una fiala di vetro. Quando essa viene rotta, i gas di ammoniaca ed acido solfidrico, che hanno ambedue un forte odore sgradevole, sono rilasciati dalla soluzione secondo il seguente equilibrio:

(NH4)SH \overrightarrow{\leftarrow} NH3 + H2S

Diffusione sui pianeti giganti gassosi[modifica | modifica wikitesto]

In aggiunta ad acqua e ammoniaca, le nubi nell'atmosfera dei pianeti giganti gassosi contengono idrosolfuro di ammonio; il colore rosso-brunastro delle nubi che sono state esposte per lungo tempo ai raggi solari è infatti attribuito alla presenza di polisolfuri.[4]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Scheda del composto su IFA-GESTIS consultata il 01.09.2013
  2. ^ Goodman, J. T.; Rauchfuss, T. B.,, Tetraethylammonium-tetrathioperrhenate [Et4N][ReS4] in Inorganic Syntheses, vol. 33, 2002, pp. 107–110.
  3. ^ W. P. Bloxam, The Sulphides and Polysulphides of Ammonium in J. Chem. Soc., Trans., vol. 67, 1895, p. 283, DOI:10.1039/CT8956700277.
  4. ^ Jupiter :: Cloud composition - Britannica Online Encyclopedia
chimica Portale Chimica: il portale della scienza della composizione, delle proprietà e delle trasformazioni della materia