Shanghai

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
bussola Disambiguazione – Se stai cercando altri significati, vedi Shanghai (disambigua).
Shanghai
municipalità
(ZH) 上海市
abbrev. 沪 o 申 (Hù o Shēn)
Shanghai – Veduta
Localizzazione
Stato Cina Cina
Amministrazione
Governatore Han Zheng
Segretario PCC Yu Zhengsheng
Territorio
Coordinate 31°13′49″N 121°28′13″E / 31.230278°N 121.470278°E31.230278; 121.470278 (Shanghai)Coordinate: 31°13′49″N 121°28′13″E / 31.230278°N 121.470278°E31.230278; 121.470278 (Shanghai)
Altitudine m s.l.m.
Superficie 6 340,5 km²
Abitanti 24 150 000[1] (2013)
Densità 3 808,85 ab./km²
Contee 19
Comuni 220
Altre informazioni
Cod. postale 200000 – 202100
Prefisso 21
Fuso orario UTC+8
ISO 3166-2 CN-31
Targa 沪A, B, D, E, F,G ,H, J, K
Nome abitanti shangainesi
PIL (nominale) 1 687 MLD ¥ (2010)
PIL procapite (nominale) 73 287 ¥
Cartografia

Shanghai – Localizzazione

Sito istituzionale

Shanghai (上海sempl., Shànghǎipinyin), in italiano anche Sciangai[2], situata sul fiume Huangpu presso il delta del Chang Jiang, è la più popolosa città della Repubblica Popolare Cinese[3] e la città più popolosa del mondo, oltre che la seconda municipalità autonoma del paese dopo Chongqing, in quanto la maggior parte della popolazione della municipalità di Chongqing - oltre 45 milioni di abitanti - abita al di fuori della città propriamente detta. Shanghai è vista come capitale economica della Cina. Grazie allo sviluppo dei passati decenni, Shanghai è un centro economico, finanziario, commerciale e delle comunicazioni di primaria importanza della Repubblica Popolare Cinese. Il suo porto, il primo del paese, è uno dei più trafficati al mondo con Singapore e Rotterdam. Nel 2010 ha superato Singapore come volume di traffico.[4]

Per quanto concerne l'estensione superficiale, quindi la vera grandezza di una città, è la terza realtà più grande del mondo, inferiore soltanto alla sua connazionale cinese Pechino, che la supera di oltre 2 volte e alla seconda classificata Tsingtao, quasi il suo doppio.

Shanghai è una delle quattro municipalità della Repubblica Popolare Cinese a godere dello status di provincia.

In cinese, Shanghai è abbreviata in (trad., sempl.) e Shēn (sempl.); le due sillabe Shang e Hai significano letteralmente "sul mare" o anche "verso il mare". L'interpretazione è che la città originariamente fosse situata sul mare oppure, secondo i locali, fosse il punto più alto in cui arrivava il mare.

Famosi sono alcuni soprannomi della città tra i quali: "La Parigi d'oriente", "La regina d'oriente", "Perla d'oriente" (a riconferma di ciò, un'autorevole indagine pone Shanghai tra le metropoli più alla moda d'Asia, la quattordicesima in tutto il mondo)[5].

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Le mura della vecchia città di Shaghai.
Shanghai nel 1930, con gli Insediamenti Internazionali e la Concessione Francese.

Durante la dinastia Song (960-1279) Shanghai fu riconosciuta, nel 1074, dallo status di villaggio a una città di mercato mentre nel 1172 una seconda diga fu edificata per difendere la costa dell'oceano, integrando una precedente diga.[6] Dal 1292, sotto la dinastia Yuan e fino al 1927, Shanghai fu riconosciuta ufficialmente come città per poi essere designata come una sede della contea amministrativa della prefettura di Songjiang.[7]

Due eventi importanti hanno permesso lo sviluppo della città durante la dinastia Ming. Una muraglia fu eretta per la prima volta nel 1554 per proteggere la città dalle incursioni dei pirati giapponesi. Essa misurava 10 metri in altezza e 5 km di circonferenza.[8] Durante il regno di Wanli (1573-1620), Shanghai ricevette una importante spinta dalla costruzione di Tempio nel 1602. Questo onore era solitamente riservato esclusivamente per i luoghi con lo status di città, come la capitale della prefettura e non veniva dato ad una semplice città come lo era Shanghai. Questo, probabilmente, rifletteva l'importanza economica della città, in contrapposizione al suo status politico inferiore.[8]

Una vista del Bund in 1928
Nanjing Road nel 1930

Durante la dinastia Qing, Shanghai divenne uno dei più importanti porti di mare nella regione del delta del fiume Yangtze in seguito a due importanti cambiamenti politici: il primo fu quando l'imperatore Kangxi (1662-1723) nel 1684 rovesciò la precedente dinastia Ming revocando il divieto per le navi di andare nell'oceano, un divieto che era in vigore dal 1525. In secondo luogo, nel 1732 l'imperatore Yongzheng spostò l'ufficio doganale per la provincia di Jiangsu dalla capitale della prefettura, la città di Songjiang, a Shanghai, e gli conferì il controllo esclusivo delle operazioni doganali per il commercio estero. Gli storici ritengono che, a seguito di queste due fondamentali decisioni, dal 1735 Shanghai diventò il principale porto commerciale per tutta la regione inferiore del fiume Yangtze, pur essendo ancora ad un livello amministrativo più basso nella gerarchia politica cinese.[9]

L'attenzione internazionale a Shanghai è cresciuta nel XIX secolo per il riconoscimento europeo del suo potenziale economico e commerciale. Durante la Prima Guerra dell'Oppio (1839-1842), le forze britanniche occuparono la città. La guerra si concluse nel 1842 con il Trattato di Nanchino, che permise agli inglesi di aprire tratte per il commercio internazionale. Il Trattato di Humen, firmato nel 1843, e il trattato sino-americano di Wanghia, firmato nel 1844, costrinsero i cinesi a sottostare ai voleri europei e americani per il commercio sul loro territorio. Gran Bretagna, Francia e Stati Uniti ottennero facilmente concessioni al di fuori della città murata di Shanghai, che era ancora governata dai cinesi.

Tra il 1860-1862, i ribelli Taiping attaccarono e distrussero la periferia meridionale e orientale della città, ma tuttavia non riuscirono a conquistarla.[10] Nel 1863, l'insediamento britannico a sud di Suzhou (a nord del distretto di Huangpu) e quello americano a nord (a sud del Distretto di Hongkou) si unirono per formare l'Insediamento Internazionale di Shanghai.

Un bambino che piange tra le rovine di una stazione ferroviaria di Shanghai, bombardata dai giapponesi nell'agosto 1937.

I cittadini di molti paesi provenienti da tutti i continenti, emigrarono nei decenni successivi a Shanghai per vivere e lavorare.[11] Tra il 1920 e il 1930, quasi 20.000 russi (in particolare ebrei) fuggirono dalla nuova costituita Unione Sovietica e si stabilirono qui, andando a creare la seconda comunità straniera più grande. Nel 1935 Shanghai era diventata la quinta città più popolata del mondo e contava circa 3.400.000 abitanti.[12] Nel 1930, circa 30.000 rifugiati ebrei provenienti dall'Europa arrivarono in città.[13] La prima guerra sino-giapponese, conclusasi con il trattato di Shimonoseki, fece diventare il Giappone un'altra potenza straniera presente a Shanghai. Shanghai diventò allora il più importante centro finanziario dell'Estremo Oriente. Tutte questa attività internazionali conferirono alla città il soprannome di "Grande Atene della Cina".[14]

Sito del Primo Congresso nazionale del Partito comunista cinese, un tipico edificio shikumen.

Sotto la Repubblica di Cina (1911-1949), lo status politico di Shanghai è stato finalmente elevato a quello di un comune, a partire dal 14 luglio 1927. Anche se il territorio delle concessioni straniere è stato escluso dal controllo, questo nuovo comune cinese copriva una superficie di 828,8 chilometri quadrati, tra i moderni quartieri di Baoshan, Yangpu, Zhabei, Nanshi, e Pudong. Guidati da un sindaco cinese e da un consiglio comunale, i nuovi governi della città crearono un nuovo centro presso Jiangwan, nel distretto Yangpu, al di fuori dei confini delle concessioni straniere. Il nuovo centro è stato progettato per includere un museo pubblico, una biblioteca, un palazzo dello sport e il municipio.[15]

Il 28 gennaio 1932 le forze giapponesi colpirono la città che resistette fino al cessate il fuoco mediato maggio. La Battaglia di Shanghai del 1937 portò alla occupazione delle parti cinesi di Shanghai. Gli insediamenti internazionali furono occupati dai giapponesi l'8 dicembre 1941 e rimasero occupati fino alla resa del Giappone nel 1945; in questo periodo furono commessi numerosi crimini di guerra.[16]

Il 27 maggio 1949 l'Esercito Popolare di Liberazione prese il controllo di Shanghai.[17] La città, soprattutto nel decennio successivo, vide una serie di cambiamenti nei confini delle sue suddivisioni. Dopo il 1949, la maggior parte delle imprese straniere spostarono le proprie sedi da Shanghai a Hong Kong, come parte di un disinvestimento estero a causa della vittoria comunista.

Durante gli anni 1950 e 1960, Shanghai divenne un centro industriale e un centro di sinistrismo radicale.[18] Tuttavia, anche durante i periodi più tumultuosi della Rivoluzione Culturale, Shanghai è stata in grado di mantenere un'elevata produttività economica e una relativa stabilità sociale. Nella maggior parte della storia della Repubblica popolare cinese (RPC), al fine di incanalare ricchezza per le zone rurali, Shanghai fu relativamente gravata da tasse a favore del governo centrale. La sua importanza per il benessere fiscale del governo centrale ha fatto sì che fossero negate le liberalizzazioni economiche avviate poi nel 1978. Shanghai è stata finalmente in grado di avviare le riforme economiche nel 1991, iniziando lo sviluppo massiccio che si vede ancora oggi, con la nascita di Lujiazui a Pudong.

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

L'area urbana di Shanghai vista con i colori naturali da un'immagine satellitare.

Shanghai è situata sul delta del fiume Yangtze, sulla costa orientale della Cina affacciandosi sul Mar Cinese Orientale, ed è equidistante da Pechino e Hong Kong. Nel complesso, il suo territorio è costituito da una penisola tra il fiume Yangtze e baia di Hangzhou, dall'isola di Contea di Chongming e una serie di isole minori. È delimitata a nord e ad ovest da Jiangsu, a sud confina con Zhejiang e ad est con il Mar Cinese Orientale. La città vera e propria è attraversata dal fiume Huangpu, un affluente dello Yangtze. Il centro storico della città, il Puxi, si trova sul lato occidentale del Huangpu, mentre il quartiere Pudong di nuova concezione, che ospita il cuore del centro finanziario cittadino, si è sviluppato sulla riva orientale.

La stragrande maggioranza dei 6,340.5 km2 di superficie di Shanghai sono piatti, a parte un paio di colline in direzione sud-ovest, con un'altitudine media di 4 m.[19] La posizione della città nella pianura alluvionale pianeggiante ha fatto sì che i nuovi grattacieli debbano essere edificati con profondi pali di cemento per impedire loro di sprofondare nel soffice terreno. Il punto più alto è al culmine dell'isola Dajinshan a 103 m.[19] La città possiede molti fiumi, canali, torrenti e laghi ed è nota per le sue ricche risorse idriche.[20]

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Il Bund innevato, in una cartolina del 1903.

Il clima di Shanghai è di tipo subtropicale umido (Classificazione di Köppen Cfa) con media annuale +12,7 °C e due stagioni nettamente distinte e abbastanza lunghe (inverno ed estate) e due brevi stagioni intermedie (primavera e autunno) che sono contraddistinte da un clima asciutto, piuttosto ventilato e con temperature generalmente miti.

L'inverno a Shanghai è complessivamente freddo, ma non è gelido come nelle zone costiere più settentrionali della Cina (la temperatura media giornaliera di gennaio risulta infatti essere di +3,3 °C), le gelate, pur frequenti, sono di rado intense e i valori minimi stagionali scendono molto raramente al di sotto dei -8 °C. L'estate è contraddistinta da temperature elevate e afa intensa (media di luglio +27,3 °C) nonché da piogge che si fanno sempre più frequenti, procedendo dalla metà di giugno alla fine di luglio; le massime stagionali dei mesi estivi possono invece raggiungere e talvolta superare i 38-40 °C specie nelle fasi di stabilità atmosferica, che non di rado interrompono lunghi periodi di precipitazioni.

L'estate può essere piuttosto umida e in genere risulta piovosa (specie a partire dalla fine di giugno), l'inverno invece è relativamente poco piovoso anche se non di rado si possono avere precipitazioni (talvolta nevose) a causa delle ciclogenesi invernali che si generano sul Mar Cinese orientale e sul Mar del Giappone, in conseguenza di avvezioni di aria fredda proveniente da Nord-Ovest.

Shanghai in media gode di 1.878 ore di sole all'anno, con la temperatura più calda mai registrata a 40.8 °C (105 °F), il 7 agosto 2013,[21] e la più bassa a -12,1 °C (10 °F) il 19 gennaio 1893.[22][23][24]

SHANGHAI Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 8,1 9,2 12,8 19,1 24,1 27,6 31,8 31,3 27,2 22,6 17,0 11,1 9,5 18,7 30,2 22,3 20,2
T. min. mediaC) 1,1 2,2 5,6 10,9 16,1 20,8 25,0 24,9 20,6 15,1 9,0 3,0 2,1 10,9 23,6 14,9 12,9
Precipitazioni (mm) 50,6 56,8 98,8 89,3 102,3 169,6 156,3 157,9 137,3 62,5 46,2 37,1 144,5 290,4 483,8 246,0 1 164,7
Giorni di pioggia 9,7 10,3 13,9 12,7 12,1 14,4 12,0 11,3 11,0 8,1 7,0 6,5 26,5 38,7 37,7 26,1 129,0

Suddivisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Pudong, il moderno distretto finanziario

Shanghai è amministrativamente considerata al pari di una provincia e si articola in 17 divisioni: 16 distretti e una contea. Anche se ogni quartiere ha il suo nucleo urbano, il vero centro della città è posto tra il Bund a est, Nanjing Road a nord, Città Vecchia e Huaihai Road a sud. Le aree di primo piano per il commercio e gli affari includono Lujiazui sulla riva orientale del fiume Huangpu, e le aree del Bund e Hongqiao sulla riva occidentale del fiume Huangpu. Le principali unità amministrative sono situate nel distretto di Huangpu, che serve anche come una zona commerciale, tra cui la famosa Nanjing Road. Molte università di Shanghai si trovano nelle zone residenziali del distretto di Yangpu e nel distretto di Putuo.

Otto distretti amministrano i quartieri e i sobborghi di Puxi, la città storica sulla riva occidentale del fiume Huangpu:

Distretti e contea di Shanghai.
Sede dell'autorità amministrativa di Shanghai.

Pudong, la nuova parte della città sulla riva orientale del fiume Huangpu, è governata da un unico distretto:

Sette distretti amministrano sobborghi, città satellite e aree rurali della municipalità:

L'isola di Chongming e le due isole minori di fronte a Pudong, alla foce del fiume Yangtze, sono governate dalla:

A partire dal 2009, queste divisioni a livello di contea sono state ulteriormente suddivise in 210 parti: 109 città, 2 comuni, 99 sottodistretti. Questi sono a loro volta suddivisi in 3.661 comitati di quartiere e 1.704 comitati di villaggio.[25]

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Grattacieli di Pudong visti da Century Avenue

Shanghai è il centro commerciale e finanziario della Cina continentale, e all'ottavo posto nella edizione 2011 del Global Financial Centres Index pubblicato dalla City di Londra.[26] Nel corso degli anni 1930 è stata la città più grande e prospera dell'Estremo Oriente e a partire dal 1990 ha iniziato a conoscere un rapido ri-sviluppo.[27] La vivacità economica della città è ben rappresentata dai numerosi e moderni grattacieli del distretto finanziario di Pudong. Il distretto, che è diventato una zona pilota per le riforme economiche integrate, riproduce l'aspetto dei maggiori centri finanziari statunitensi ed europei e ospita gli uffici di numerose imprese straniere. Pudong testimonia la storica vocazione internazionale della città e il ruolo di Shanghai come finestra sull'intera Cina e la sua emergente e dinamica economia.

Alla fine del 2009, vi erano in città 787 istituzioni finanziarie, di cui 170 erano investitori stranieri.[28] Nel 2009, la borsa di Shanghai era al terzo posto tra le borse mondiali in termini di volume di scambi e sesta in termini di capitalizzazione totale delle società quotate. Il volume del trading dei sei prodotti chiave, tra cui gomma, rame e zinco, quotati sullo Shanghai Futures Exchange, era il primo posto mondiale.[29]

Shanghai possiede il terminal container più trafficato del mondo.

Negli ultimi due decenni, Shanghai è stata una delle città dallo sviluppo più veloce al mondo. Dal 1992 Shanghai ha registrato una crescita a due cifre, quasi ogni anno, tranne durante la recessione globale del 2008 e del 2009.[30] Nel 2011, il PIL totale di Shanghai è cresciuto a 1.920 miliardi di yuan (297 miliardi dollari), con un PIL pro capite di 82.560 yuan (US $ 12.784).[31] Le tre più grandi industrie di servizi sono i servizi finanziari, la vendita al dettaglio e il settore immobiliare. Il settore agricolo e manifatturiero hanno rappresentato rispettivamente il 39,9% lo 0,7% della produzione totale.[28] Il reddito medio disponibile annuo dei residenti di Shanghai, sulla base dei primi tre trimestri del 2009, è stato di 21.871 RMB.[32]

Situata nel cuore del delta del fiume Yangtze, Shanghai possiede il terminal container più trafficato del mondo che ha gestito 29.050.000 TEU nel 2010.[33] Shanghai si propone di essere un centro di spedizione internazionale nel prossimo futuro.[34]

Shanghai è uno dei principali centri industriali della Cina giocando un ruolo chiave nelle industrie pesanti del paese. Un gran numero di zone industriali, tra cui la "zona per lo sviluppo economico e tecnologico di Shanghai Hongqiao", la "zona economica di export di Jinqiao", la "zona per lo sviluppo economico e tecnologico di Minhang, sono dorsali per il settore secondario di Shanghai. Le industrie pesanti rappresentavano, al 2009, il 78% della produzione industriale lorda. Il più grande produttore di acciaio cinese, la Baosteel, e uno dei più antichi costruttori navali, i cantieri Jiangnan Cantiere, si trovano a Shanghai.[35] La produzione di automobili è un altro settore importante. La Shanghai Automotive Industry Corporation ha sede in città, ed è una delle tre più grandi aziende automobilistiche cinesi, che vanta partnership strategiche con Volkswagen e General Motors[36]

Nanjing Road di notte

Il settore dei congressi e dei meeting è anche in crescita. Nel 2012, la città ha ospitato 780 incontri internazionali. L'elevata offerta di camere d'albergo ha mantenuto le tariffe inferiori al previsto, con il prezzo medio per una camera in alberghi a cinque stelle a circa RMB950 (US $ 153) nel 2012.[37]

Oggi Shanghai in ambito economico rivaleggia con la città di Hong Kong. Hong Kong è avvantaggiata dal moderno e stabile sistema legale, dall'esperienza nel settore dei servizi bancari e finanziari. Shanghai gode al contrario di forti legami con le regioni continentali cinesi e con il governo centrale[38]. È inoltre dotata di un migliore comparto manifatturiero e tecnologico. La riconsegna di Hong Kong alla Cina (1997) ha incrementato le opportunità di sviluppo economico di Shanghai e la richiesta di lavoratori qualificati, spazi per uffici e servizi finanziari.

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

Crescita della popolazione di Shanghai fino al 2005.

Secondo il censimento del 2010 la popolazione totale di Shanghai ammonta a 23.019.148, con una crescita del 37,53% rispetto ai 16.737.734 del 2000.[39][40] 20,6 milioni, ovvero l'89,3%, rappresentano la popolazione urbana, mentre i restanti 2,5 milioni (10,7%) sono abitanti rurali.[41] Seguendo la suddivisione amministrativa cinese, Shanghai è il secondo comune più grande della nazione, alle spalle di Chongqing, ma tuttavia viene generalmente considerata la più grande città cinese, poiché la popolazione urbana di Chongqing è molto inferiore.[3]

Circa 9 milioni dei 23 milioni di residenti di Shanghai, cioè più del 39%, sono migranti a lungo termine, il triplo dei 3 milioni contati nel 2000.[66] Le principali origini dei migranti sono Anhui (29,0%), Jiangsu (16,8 %), Henan (8,7%) e le province del Sichuan (7,0%), mentre il 79% proviene dalle zone rurali.[42] I migranti rappresentano l'intero aumento della popolazione, infatti il tasso di crescita naturale di Shanghai è, a partire dal 1993, negativo per via del sua bassissimo tasso di fertilità[43], solo lo 0,6 nel 2010, probabilmente il livello più basso in tutto il mondo.[44]

Il 98,8% dei residenti di Shanghai sono di etnia cinese Han, mentre il restante 1,2% appartiene a diversi gruppi di minoranza. Tuttavia, tali minoranze sono cresciute del 165,54% a partire dal 2000, molto più velocemente rispetto alla crescita complessiva della popolazione.[40]

Residenti stranieri a Shanghai[45]
Nazione di origine Popolazione (2009) Popolazione (2010)
Giappone 31 490 35 075
Stati Uniti 21 284 24 358
Corea del Sud 20 700 21 073
Francia 7 437 8 238
Germania 7 253 8 023
Singapore 7 209 7 545
Canada 6 121 7 306
Australia 5 257 6 165
Regno Unito 5 137 5 591

Secondo le statistiche ufficiali, a Shanghai nel 2009 vi erano 152.050 stranieri ufficialmente registrati, con un incremento del 50% dai 100.011 del 2005. Le tre maggiori nazionalità straniere erano giapponese (31.490), statunitense (21.284) e coreana (20.700).[46] Si noti che queste statistiche mostrano solo i residenti ufficialmente registrati e che il numero effettivo di cittadini stranieri che vivono a Shanghai è probabilmente molto più alto. Ad esempio, nel 2009, la comunità della Corea del Sud di Shanghai si stimava fosse cresciuta fino a contare più di 70.000 individui.[47] Alcuni espatriati stranieri restano a Shanghai per un lungo periodo, rinnovando la reputazione di Shanghai come la città più globale della Cina.[48] Inoltre, vi sono un gran numero di persone provenienti da Taiwan che vivono all'interno del comune (le stime del 2010 variano intorno ai 700.000 individui).[49]

L'aspettativa di vita dei residenti di Shanghai ha raggiunto gli 82,13 anni (79,82 per gli uomini e 84,44 per le donne), il più alto in Cina e superiore a tutti i paesi al mondo. Nello stesso anno, il tasso di mortalità materna a Shanghai era di 9,61 per 100.000, mentre il tasso di mortalità infantile era sceso a 5,97 per 1.000 da 6,58 nel 2009.[50] A causa della combinazione di alta aspettativa di vita e il basso tasso di fertilità, vi è un grave problema di invecchiamento della popolazione: al 2009 solo l'8,3% del totale era sotto i 14 anni, mentre il 22,54% ne aveva più di 60.[51]

Religione[modifica | modifica wikitesto]

Il tempio di Buddha di giada.

Grazie alla sua storia cosmopolita, Shanghai possiede una ricca miscela di patrimonio religioso, come dimostrano i numerosi edifici di culto e le istituzioni ancora sparse per la città. Il Taoismo è presente con deversi templi, tra cui il tempio di Chenghuang nel cuore della città vecchia, e un tempio dedicato ai tre Tre Regni e al generale Guan Yu. Il tempio Wenmiao è un tempio dedicato a Confucio. Il Buddismo è stato presente a Shanghai fin dai tempi antichi. Il tempio Longhua, il più grande tempio di Shanghai e Tempio Jing'an, sono stati in primo luogo fondati nel periodo dei Tre Regni. Un altro tempio importante è il Tempio del Buddha di Giada, che prende il nome da una grande statua di Buddha realizzata in giada che si trova nel tempio. Negli ultimi decenni, decine di templi moderni sono stati costruiti in tutta la città. Una religione predominante a Shanghai è il buddismo Mahayana, e anche il taoismo è seguito anche da molti residenti. L'Islam è entrato a Shanghai 700 anni fa e una moschea è stata costruita nel 1295 a Songjiang. Nel 1843, è stato istituito il collegio degli insegnanti. La Moschea Xiaotaoyuan nel distretto sud. Qui è dove si trova anche l'Associazione musulmana di Shanghai, che vanta una reputazione conosciuta in tutto il mondo. Shanghai ha anche la percentuale più alta dei cattolici in Cina (2003).[52]

Tra le chiese cattoliche, la Cattedrale di San Ignazio a Xujiahui è una delle più grandi, mentre la Basilica di She Shan è l'unico luogo di pellegrinaggio attivo in Cina. La comunità cristiane di Shanghai comprende minoranze orientali ortodosse e, dal 1996, le chiese cristiane protestanti. Durante la seconda guerra mondiale migliaia di ebrei si recarono a Shanghai nel tentativo di fuggire il regime di Hitler. Gli ebrei vivevano fianco a fianco in una zona apposita denominata Ghetto di Shanghai e formarono una comunità vivace centrata sulla Sinagoga Moishe Ohel.[53][54]

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

Trasporti pubblici[modifica | modifica wikitesto]

Il Maglev (Transrapid) con una velocità massima di 431 kmh in uscita dal Shanghai Pudong International Airport

Shanghai vanta un vasto sistema di trasporto pubblico, basato in gran parte sulla rete metropolitana, sugli autobus e sui taxi. Il pagamento di tutti questi mezzi può essere effettuato utilizzando la Shanghai Public Transportation Card.

Il sistema di trasporto rapido di Shanghai, costituito dalla metropolitana di Shanghai, incorpora sia la metropolitana che le linee ferroviarie di superficie e si estende ad ogni distretto urbano così come ai limitrofi quartieri periferici.

Al 2010, vi erano dodici linee della metropolitana (compresa il Transrapid di Shanghai), 273 stazioni e più di 420 km di binari in esercizio, rendendola la terza rete più lungo del mondo.[55] Il 22 ottobre 2010, stabilì il record di utenza giornaliera di 7.548.000 passeggeri.[56] Il prezzo del biglietto dipende dalla lunghezza del percorso.

Shanghai possiede anche la più ampia rete mondiale di linee di autobus urbani, con quasi un migliaio di tratte gestite da numerose aziende di trasporto.[57] Il sistema comprende anche il più antico sistema di filobus nel mondo e un nuovo sistema di autobus a trazione elettrica "ultracapacitor" in grado di ricaricarsi ad ogni fermata.[58]. Infine, dal 2010, è in funzione anche una linea tranviaria che utilizza la tecnologia Translohr.

I taxi sono numerosissimi in città.[59] Il porto di Shanghai è uno dei più attivi a livello mondiale e compete con gli scali portuali di Shenzhen e di Hong Kong.

Strade[modifica | modifica wikitesto]

Viadotto in centro a Shanghai.

Shanghai è un importante svincolo nella rete autostradale della Cina. Molte autostrade nazionali (con prefisso G) passano attraverso o terminano a Shanghai, tra cui la G2 Pechino-Shanghai Expressway, la G15 Shenyang-Haikou, la G40 Shanghai-Xi'an, la G50 Shanghai-Chongqing, la G60 Shanghai-Kunming e la G1501 l'anello che circonda la città. In aggiunta, vi sono anche numerose superstrade comunali con prefisso S (S1, S2, S20, ecc.) Nel centro della città vi sono diverse superstrade sopraelevate realizzate per diminuire la pressione del traffico sulle strade, ma tuttavia il traffico in ed intorno a Shanghai è spesso pesante e gli ingorghi sono all'ordine del giorno nelle ore di punta. Vi sono piste ciclabili separate dal traffico e le biciclette e motociclette sono bandite dalla maggior parte delle strade principali, tra cui le autostrade sopraelevate.

L'utilizzo dell'auto privata di proprietà a Shanghai è cresciuto rapidamente negli ultimi anni. Per limitare questo fenomeno, una nuova auto privata non può essere guidata fino a quando il proprietario non acquista una licenza in una asta mensile. Sono circa 8000 le targhe messe all'asta ogni mese.[60]

Ferrovia[modifica | modifica wikitesto]

Shanghai possiede quattro principali stazioni ferroviarie: la stazione ferroviaria di Shanghai, la stazione ferroviaria di Shanghai sud, la stazione ferroviaria di Shanghai ovest e la stazione ferroviaria di Shanghai Hongqiao. Tre di esse sono collegate alla rete metropolitana e servono come punto di svincolo del sistema ferroviario della Cina. Due ferrovie principali terminano a Shanghai: la ferrovia Jinghu da Pechino e la ferrovia Huhang da Hangzhou. La stazione di Hongqiao serve anche come principale capolinea di tre linee ferroviarie ad alta velocità: la Shanghai-Hangzhou, la Shanghai-Nanchino e la Pechino-Shaghai.[61]

Aeroporti[modifica | modifica wikitesto]

Shanghai è una delle principali vie di accesso per il trasporto aereo in Asia. La città ha due aeroporti commerciali: l'aeroporto Internazionale di Shanghai Pudong e l'aeroporto Internazionale di Shanghai-Hongqiao.[62] L'aeroporto di Pudong è il principale aeroporto internazionale, mentre l'aeroporto Hongqiao opera prevalentemente voli nazionali con alcuni voli internazionali a corto raggio. Nel 2010 i due aeroporti hanno servito 71,7 milioni di passeggeri (40,4 milioni a Pudong, e 31,3 milioni a Hongqiao) e gestito 3,7 milioni di tonnellate di merci (Pudong 3,22 milioni di tonnellate, Hongqiao 480.000 tonnellate).[63]

Architettura[modifica | modifica wikitesto]

Una antica via di Shanghai, ora ristrutturata

Shanghai vanta una ricca collezione di edifici e strutture di vari stili architettonici. Il Bund, che si trova sulla riva del fiume Huangpu, presenta molti esempi di architettura dell'inizio del XX secolo, che vanno dallo stile neoclassico dell'edificio della HSBC all'art decò del Peace Hotel e della Sassoon House. Un certo numero di aree situate nelle ex concessioni straniere sono ben conservato, soprattutto quelle appartenenti alla passata concessione Francese. Shanghai possiede un grande numero di edifici Art Deco a seguito del boom edilizio avvenuto tra il 1920 e il 1930. Uno dei più famosi architetti che lavorarono in città fu László Hudec, un architetto ungherese-slovacco che visse nella città tra il 1918 e il 1947. Alcuni dei suoi più importanti edifici includono il L'Hotel del Parco e il Teatro Grande. Altri importanti architetti che hanno contribuito allo stile art decò della città sono stati Parker & Palmer, che progettò il Peace Hotel, il Metropole Hotel e le Broadway Mansions, e architetto austriaco GH Gonda che ha progettato il Teatro Sociale. La prima riqualificazione del Bund è iniziata nei 1986 con un nuovo lungomare progettato dall'architetto olandese Paulus Snoeren, il completamento è avvenuto a metà degli anni 1990.

Lo Shanghai World Financial Center (a sinistra) e la Jin Mao Tower (a destra)

Negli ultimi anni, un gran numero di edifici architettonicamente distintivi e anche eccentrici sono cresciuti in tutta Shanghai. Notevoli esempi di architettura contemporanea sono il Museo di Shanghai, il Grande Teatro di Shanghai e la Piazza del Popolo. Nonostante la dilagante riqualificazione, la città vecchia conserva ancora alcuni edifici di stile tradizionale, come ad esempio il Giardino Yuyuan, un elaborato giardino tradizionale in stile Jiangnan.

Un tratto culturale tipico di Shanghai è l'abitazione di tipo Shikumen (石庫门sempl.): consiste in edifici di due/tre piani a mattoni neri/grigi. Ogni abitazione è collegata alle altre e disposta in stretti vicoli, noti come Longtang (弄堂). Ogni vicolo ha un'entrata caratterizzata da un arco di pietra il cui nome è letteralmente Shikumen. Le abitazioni Shikumen sono il risultato di una commistione di elementi architettonici occidentali e stili tradizionali dell'architettura e della società del basso Yangtze.

Tutte le tradizionali case cinesi sono dotate di cortile così come l'abitazione di tipo Shikumen. Essendo il Shikumen un edificio urbano, il cortile è molto più piccolo. Il cortile svolge la funzione di stanza senza tetto: una sorta di rifugio domestico lontano dalla confusione delle strade. La mancanza del tetto permette la raccolta dell'acqua e quindi la coltivazione di piccoli orti domestici, la ventilazione e l'illuminazione delle stanze della casa. Prima della Seconda Guerra Mondiale più dell'80% della popolazione viveva in queste caratteristiche dimore.

Lo Shanghai International Exhibition Center, esempio di architettura neoclassica sovietica a Shanghai.

La città possiede anche alcuni splendidi esempi di architettura neoclassica sovietica. Questi edifici sono stati per lo più costruiti durante il periodo della fondazione della Repubblica popolare avvenuta nel 1949, fino a quando vi fu la crisi sino-sovietica alla fine del 1960. Nel corso di questo decennio, un gran numero di esperti sovietici, tra cui architetti, arrivarono in Cina per aiutare il paese nella costruzione di uno stato comunista. Esempi di architettura neoclassica sovietica a Shanghai comprendono ciò che è oggi il Centro Internazionale delle Esposizioni di Shanghai.

Il distretto di Pudong di Shanghai mostra una vasta gamma di grattacieli, molti dei quali sono tra i più alti del mondo. Gli esempi più importanti sono la Hong Kong New World Tower, la Jin Mao Tower, la Shimao International Plaza, lo Shanghai World Financial Center che a 492 metri di altezza è il più alto grattacielo della Cina e terzo al mondo. La caratteristica Oriental Pearl Tower, a 468 metri, si trova nelle vicinanze. Un altro grattacielo importante è la One Lujiazui, appena terminata e che vanta un'altezza di 269 metri.[64]

La Shanghai Tower, che dovrebbe essere completata entro il 2014, sarà l'edificio più alto della Cina. Con un'altezza di 632 metri, l'edificio avrà 127 piani e una superficie totale di 380.000 m². La sua costruzione era iniziata nel 2008.[65]

Panorama del Bund in notturna e all'alba
Panorama del Bund in notturna e all'alba
Panorama del Bund in notturna e all'alba

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

Essendo stata il centro economico e culturale dell'est asiatico per la prima metà del XX secolo, Shanghai è vista come il luogo di nascita di ogni cosa considerata moderna in Cina. È infatti proprio a Shanghai che è stata guidata la prima auto a motore in Cina e sono stati posti i primi binari e le prime fognature moderne.

Spesso vista come una moderna metropoli, Shanghai continua ad avere pittoresche aree rurali suburbane.

La città è stato anche il "campo di battaglia" tra numerosi intellettuali e scrittori socialisti che si sono concentrati sul realismo critico. Shanghai ha infatti ispirato scrittori come Lu Xun, Mao Dun, Shi Zhecun, Shao Xunmei, Ye Lingfeng, Eileen Chang e Zhongshu Qian. La città è stata da sfondo per il romanzo "La condizione umana" dello scrittore francese André Malraux.

Negli ultimi cinque anni a Shanghai si è ampiamente riconosciuta una nuova influenza e ispirazione per la cultura cyberpunk.[66] Edifici futuristici, come l'Oriental Pearl Tower e la strada Yan'an illuminata al neon sono alcuni esempi che hanno contribuito a creare l'immagine cyberpunk di Shanghai.

Lingua[modifica | modifica wikitesto]

La maggior parte dei residenti di Shanghai sono i discendenti di immigrati provenienti dalle due province adiacenti di Jiangsu e Zhejiang, che si trasferirono a Shanghai alla fine del XIX secolo, regioni dove era uso parlare la lingua wu. Negli ultimi decenni, molti migranti provenienti da altre zone della Cina, si sono trasferiti a Shanghai per lavoro. Essi spesso non possono usare la loro lingua nativa e quindi utilizzano il mandarino come lingua franca.

Il linguaggio volgare di Shanghai è un dialetto del Wu cinese, mentre la lingua ufficiale a livello nazionale è il mandarino. La lingua locale è reciprocamente inintelligibile con il mandarino, ed è quindi una parte inseparabile dell'identità di Shanghai.

La prevalenza del mandarino è in generale più elevata per i nati dopo il 1949 rispetto a quelli nati prima, mentre la prevalenza dell'inglese come lingua fluida, è più elevata per le persone che hanno ricevuto la loro educazione secondaria e terziaria prima del 1949 rispetto a quelli che lo hanno fatto dopo il 1949 e prima del 1990.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Il Museo d'arte e di storia di Shanghai che si trova nelle vicinanze di Piazza del popolo.

Shanghai vanta diversi musei di rilevanza regionale e nazionale. Il Museo d'arte e di storia di Shanghai vanta una delle migliori collezioni di reperti storici cinesi nel mondo, tra cui importanti reperti archeologici. Il Museo d'Arte di Shanghai è un importante museo d'arte che possiede sia mostre temporanee che permanenti. Il Museo di Storia Naturale di Shanghai è un museo di storia naturale su larga scala. Inoltre, vi è una varietà di più piccoli musei specializzati, alcuni dei quali sono ospitati importanti siti storici come il sito del Governo Provvisorio della Repubblica di Corea e il sito del Primo Congresso Nazionale del Partito Comunista Cinese.

Cinema[modifica | modifica wikitesto]

Oltre che per la letteratura, Shanghai è stato anche il luogo di nascita del cinema e del teatro cinese. Il primo cortometraggio cinese, la coppia Difficile (难 夫 难 妻, Nanfu Nanqi, 1913) e il primo film di finzione un orfano salva suo nonno (孤儿 救 祖 记, Gu'er Jiu Zuji, 1923) sono stati entrambi prodotti a Shanghai. Questi due film sono stati molto influenti e fecero acquisire alla città lo status di centro per la produzione di film. L'industria cinematografica di Shanghai ha continuato a fiorire durante i primi anni 1930, creando stelle come Zhou Xuan. Un'altra famosa attrice del cinema, Jiang Qing, è poi diventata la moglie di Mao Zedong. Il talento e la passione dei cineasti di Shanghai dopo la seconda guerra mondiale e la rivoluzione comunista in Cina hanno contribuito enormemente allo sviluppo dell'industria cinematografica di Hong Kong. Molti aspetti della cultura popolare di Shanghai ("Shanghainese Pops") sono stati trasferiti a Hong Kong dai numerosi emigranti e rifugiati. Il film In the Mood for Love, diretto da Wong Kar-wai (egli stesso un nativo di Shanghai), raffigura una fetta della comunità Shanghainese sfollata a Hong Kong e la nostalgia per l'epoca.

Arti[modifica | modifica wikitesto]

十万 图 之 四 (n ° 4 di centomila scenes) di Ren Xiong, un pioniere della scuola di arte cinese. Shanghai, 1850.

La "Scuola di Shanghai" è stata una importante scuola cinese di arti tradizionali durante la dinastia Qing e il XX secolo. La Scuola di Shanghai ha sfidato e rotto la tradizione elitaria dell'arte cinese,[67] ma ha anche saputo rendere omaggio alla tecnica degli antichi maestri migliorando le tecniche tradizionali esistenti. I membri di questa scuola erano colti letterati che erano venuti a mettere in discussione la loro stessa condizione e lo scopo dell'arte anticipando l'imminente modernizzazione della società cinese.

In un'epoca di rapidi cambiamenti sociali, le opere della scuola Shanghai erano ampiamente innovative e diversificate e spesso contenevano un commento sociale riflessivo ma sottile. I più noti personaggi di questa scuola furono Qi Baishi, Ren Xiong, Ren Yi, Zhao Zhiqian, Wu Changshuo, Sha Menghai, Pan Tianshou e Fu Baoshi. In letteratura, il termine "scuola di Shanghai" è stato usato nel 1930 da alcuni intellettuali del Movimento del Quattro Maggio, in particolare da Zhou Zuoren e Shen Congwen, come un'etichetta dispregiativa per la letteratura prodotta a Shanghai in quel momento. Essi hanno sostenuto che la scuola di letteratura di Shanghai era meramente commerciale e quindi non in grado di portare avanzamento nel progresso sociale. Questo divenne noto come il dibattito tra Jingpai contro Haipai.[68]

La "scuola Songjiang" (淞江 派) era una piccola scuola di pittura durante la dinastia Ming. È comunemente considerata come un ulteriore sviluppo della Scuola Wu o Wumen. La scuola Huating (华亭 派) è stata un ulteriore importate scuola d'arte durante la tarda seconda metà della dinastia Ming. I principali risultati si sono visti nella pittura tradizionale cinese, nella calligrafia nella poesia. Dong Qichang è stato uno dei maestri di questa scuola.

Moda[modifica | modifica wikitesto]

Due ragazze vestono la versione di Shanghai del qipao.

Anche la moda ha avuto un ruolo culturale di rilievo nella storia della città e le riforme economiche in atto contribuiscono al risveglio di questa attività.

Particolare interesse riveste il cheongsam: la versione di Shanghai del qipao, il vestito tradizionale femminile cinese.

Il qipao di Shanghai si distinse per il taglio più snello e aderente e per l'introduzione di accessori occidentali come sciarpe e cappotti. Altre versioni del cheongsam prevedevano un taglio a collo alto, senza maniche. La rivoluzione comunista congelò la vocazione stilistica di Shanghai.

Ambiente[modifica | modifica wikitesto]

I parchi di Shanghai offrono una alternativa alla giungla urbana. L'ex ippodromo, trasformato nel parco centrale, il parco Piazza del Popolo, si trova nel cuore del centro cittadino e vanta la vicinanza di altri punti di interesse di Shanghai. Il parco Fuxing, nella ex concessione francese di Shanghai, gode di giardini in stile francese ed è circondato da bar e caffè di fascia alta. Il parco Zhongshan nel nord-ovest del centro di Shanghai è famoso per il monumento di Chopin, la più alta statua dedicata al compositore nel mondo. Costruito nel 1914 come Parco Jessfield, una volta ospitava il campus della St. John University, il primo collegio internazionale di Shanghai. Oggi è invece noto per i suoi vasti giardini di rose e peonie, una grande area giochi per bambini e come snodo nevralgico del sistema della metropolitana cittadina. Il giardino botanico di Shanghai si trova a 12 km a sud ovest del centro della città ed è stato fondato nel 1978. Uno dei parchi più recenti, si trova nella Xujiahui, edificato nel 1999 sulle ceneri di una fabbrica di gomma cinese. Il parco dispone di un lago artificiale con un ponte sospeso che lo attraversa e offre una piacevole tregua per gli avventori.

Il 4 novembre 2009 è stato approvato il progetto per lo Shanghai Disney Resort,[69] ed attualmente è in costruzione. Il resort è previsto per essere operativo entro il 2016.[70] Costerà 4,4 miliardi dollari, sarà dotato di un castello e di un parco a tema e sarà il più grande tra i resort Disney.[71]

Tutela ambientale[modifica | modifica wikitesto]

La consapevolezza pubblica dell'ambiente è in crescita e la città sta investendo in una serie di progetti di tutela ambientale. Il governo prevede incentivi per le aziende di trasporto che investono in autobus a GPL e taxi. L'inquinamento dell'aria a Shanghai è basso rispetto ad altre città cinesi, ma il rapido sviluppo negli ultimi decenni, lo ha portato ad essere superiore agli standard in tutto il mondo. Il governo si è mosso negli ultimi decenni per far rispettare alle numerose fabbriche dei dintorni i regolamenti anti-inquinamento. Inoltre, diversi parchi hanno sostituito le fabbriche nel centro città. Di conseguenza, la qualità dell'aria di Shanghai è in costante miglioramento dal 1990[72][73].

Nel mese di marzo 2013 12.000 suini morti[74] sono stati trovati nel fiume Huangpu, il quale fornisce parte dell'acqua potabile di Shanghai. I maiali sono stati scaricati dagli agricoltori nella vicina Jiaxing, provincia di Zhejiang, una delle principali aree di allevamento di suini della zona.[75][76][77]

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Campus universitario a Songjiang.

Shanghai vanta uno dei migliori sistemi scolastici della Cina. È stata la prima città del paese ad attuare l'istruzione obbligatoria di 9 anni. Il censimento del 2010 indica che sulla popolazione totale di Shanghai, il 22,0% aveva un grado di istruzione universitaria, il doppio di quanto registrato nel 2000, mentre il 21,0% aveva frequentato l'istruzione superiore, il 36,5% la scuola media e l'1,35% si era fermato alla scuola primaria. Il 2,74% dei residenti erano analfabeti.[78]

Shanghai ha più di 930 asili, 1200 scuole elementari e 850 scuole medie. Oltre 760.000 studenti scuole medie e 871 mila studenti della scuola primaria sono istruiti rispettivamente da 76.000 e 64.000 docenti.[79]

Shanghai è un importante centro per l'istruzione superiore in Cina con oltre 30 università e college. Un certo numero di università più prestigiose della Cina è basata a Shanghai, tra cui la East China Normal University (ECNU), l'Università Jiao Tong di Shanghai, l'Università Fudan e l'Università Tongji.

Nel 2010, Shanghai ha raggiunto il primo posto nella valutazione delle scuole statali di tutto il mondo. Secondo il Programma per la valutazione internazionale dell'allievo gli studenti di Shanghai hanno ottenuto i migliori risultati nella matematica e nelle scienze di qualunque altro studente al mondo. Lo studio ha anche affermato che le scuole pubbliche finanziate a Shanghai hanno la più alta qualità educativa nel mondo.[80][81]

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Il circuito automobilistico di Shanghai

Shanghai è sede di diverse squadre di calcio professionistiche, tra cui lo Shanghai Shenhua Football Club della Super League cinese, uno dei club più popolari e di successo del paese. Gli Shanghai Sharks della Chinese Basketball Association allenarono il cestista Yao Ming prima che entrasse nella NBA. Shanghai ha anche una squadra di hockey su ghiaccio e una squadra di baseball.

Shanghai è la città natale di molti atleti professionisti cinesi eccellenti e ben noti, come l'ostacolista Liu Xiang e il giocatore di ping-pong Wang Liqin.

A partire dal 2004, Shanghai ha iniziato ospitare il Gran Premio di Cina, una prova del Campionato del Mondo di Formula Uno. La gara è stata allestita presso il Circuito Internazionale di Shanghai. Nel 2010, Shanghai è diventata anche la città ospitante del Deutsche Tourenwagen Masters, il campionato tedesco di auto da turismo che ha corso in un circuito cittadino ricavato a Pudong.

Shanghai ospita anche il torneo di tennis Shanghai Masters e le gare di golf BMW Masters e WGC-HSBC Champions.[82]

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Shanghai è gemellata con le seguenti città:[83]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Shanghai's permanent population exceeds 24 million, chinadaily.com.cn. URL consultato il 21 agosto 2014.
  2. ^ Bruno Migliorini, Carlo Tagliavini; Pietro Fiorelli, Dizionario di Ortografia e di Pronuncia - Rai Il DOP - Dizionario d'ortografia e di pronunzia, 2ª ed., Roma, ERI, 1981.
  3. ^ a b Chan, Kam Wing, Misconceptions and Complexities in the Study of China's Cities: Definitions, Statistics, and Implications in Eurasian Geography and Economics, vol. 48, nº 4, 2007, pp. 383–412, DOI:10.2747/1538-7216.48.4.383. URL consultato il 13 settembre 2011., p. 395.
  4. ^ Simone Ricci, Shanghai supera Singapore nel traffico commerciale del 2010, Finanza Live. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  5. ^ Città alla moda, Roma supera Parigi, Corriere della Sera, 18 luglio 2007. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  6. ^ Danielson, Eric N., Shanghai and the Yangzi Delta, 2004, p.9.
  7. ^ Danielson, Eric N., Shanghai and the Yangzi Delta, 2004, p.9, pp.11–12, p.34.
  8. ^ a b Danielson, Eric N., Shanghai and the Yangzi Delta, 2004, p.10.
  9. ^ Danielson, Eric N., Shanghai and the Yangtze Delta, 2004, pp.10–11.
  10. ^ Williams, S. Wells. The Middle Kingdom: A Survey of the Geography, Government, Literature, Social Life, Arts, and History of the Chinese Empire and its Inhabitants, Vol. 1, p. 107. Scribner (New York), 1904.
  11. ^ Shanghai: Paradise for adventurers [collegamento interrotto]. CBC – TV. Legendary Sin Cities.
  12. ^ (EN) Tales of Old Shanghai. URL consultato il 5 agosto 2013.
  13. ^ "Shanghai Sanctuary". TIME. 31 July 2008.
  14. ^ Gordon Cumming, C. F. (Constance Frederica), "The inventor of the numeral-type for China by the use of which illiterate Chinese both blind and sighted can very quickly be taught to read and write fluently", London : Downey, 1899, archive.org
  15. ^ Danielson, Eric N., Shanghai and the Yangzi Delta, 2004, p.34.
  16. ^ « 149 comfort women houses discovered in Shanghai », Xinhua, 16 June 2005.
  17. ^ Changhai est tombé sans combat », Le Monde, 27 maggio 1949.
  18. ^ Shanghai: transformation and modernization under China's open policy. By Yue-man Yeung, Sung Yun-wing, page 66 », Chinese University Press, 1996
  19. ^ a b Topographic Features in Basic Facts, Shanghai Municipal Government. URL consultato il 19 luglio 2011.
  20. ^ Water Resources in Basic Facts, Shanghai Municipal Government. URL consultato il 19 luglio 2011.
  21. ^ 今最高气温40.8℃ 明日再"奔"40℃, 上海市公共气象服务中心. URL consultato il 7 agosto 2013.
  22. ^ Jiang Yabin, Temperature matches all-time record high, Global Times, 6 agosto 2013. URL consultato il 6 agosto 2013.
  23. ^ (ZH) 长三角争先高温纪录 网友呼唤萧敬腾你在哪_新浪上海, Sina Shanghai, 27 luglio 2013. URL consultato il 27 luglio 2013.
  24. ^ Extreme Temperatures Around the World. URL consultato il 1º dicembre 2010.
  25. ^ Shanghai Statistical Yearbook 2010. Retrieved 18 July 2011
  26. ^ Taipei still in 19th place as financial center: survey in The Taipei Times, 11 maggio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011.
  27. ^ Scott Tong, Shanghai: Global financial center? Aspirations and reality, and implications for Hong Kong, Hong Kong Journal, ottobre 2009. URL consultato il 17 ottobre 2011.
  28. ^ a b Shanghai Municipality, hktdc.com, 15 dicembre 2010. URL consultato il 17 maggio 2011.
  29. ^ The rise of Lujiazui Financial City in Shanghai, CCTV News – CNTV English, 19 gennaio 2011. URL consultato il 17 maggio 2011.
  30. ^ Growth rate of major national economic indicators over preceding year (1978~2010), Stats-sh.gov.cn. URL consultato l'11 dicembre 2011.
  31. ^ (ZH) 上海人均GDP超北京全国最高 in Dongfang Daily, 20 gennaio 2012.
  32. ^ Average income hits 21,871 yuan, Shanghai Daily.
  33. ^ Shanghai overtakes S'pore as world's busiest port in Straits Times, 8 gennaio 2011. URL consultato il 14 settembre 2011.
  34. ^ Shanghai aims at int'l financial and shipping center in China Daily, 26 marzo 2009. URL consultato il 17 maggio 2011.
  35. ^ Shipping industry woes in China Daily, 30 novembre 2009. URL consultato il 17 maggio 2011.
  36. ^ 上海汽车工业(集团)总公司|上汽集团, Saicgroup, 18 agosto 2009. URL consultato il 17 maggio 2011.
  37. ^ Shanghai’s many challenges, TTGmice. URL consultato il 15 aprile 2013.
  38. ^ L’unificazione della Cina passa (anche) dalle città costiere in «Il Caffè Geopolitico», 4 novembre 2013
  39. ^ Communiqué of the National Bureau of Statistics of People's Republic of China on Major Figures of the 2010 Population Census, National Bureau of Statistics of China.
  40. ^ a b Shanghai 2010 Census Data, Eastday.com.
  41. ^ 上海人口分布呈现城市化发展和郊区化安居态势, Shanghai Statistics Bureau of Statistics, 23 settembre 2011.
  42. ^ 外省市来沪常住人口发展现状及特征, Shanghai Statistics Bureau of Statistics, 23 settembre 2011.
  43. ^ Shanghai, United Nations Economic and Social Commission for Asia and the Pacific.
  44. ^ China’s Achilles heel in The Economist, 21 aprile 2012.
  45. ^ RESIDENT FOREIGNERS IN SHANGHAI IN MAIN YEARS in Bureau of Exit-Entry Administration Shanghai Municipal Public Security Bureau. URL consultato il 22 aprile 2013.
  46. ^ Resident Foreigners In Shanghai In Main Years, Stats-sh.gov.cn. URL consultato l'11 dicembre 2011.
  47. ^ 在华居住韩国人达百万 北京人数最多达二十万, Xinhua News Agency, 2009. URL consultato il 1º dicembre 2009.
  48. ^ James Farrer, New Shanghailanders or New Shanghainese? narratives of emplacement of western expatriate settlers in Shanghai in The Journal of Ethnic and Migration Studies, vol. 36, nº 6, 2010, pp. 1–18.
  49. ^ 70万台湾人移居上海, dwnews.com, 2010. URL consultato il 12 febbraio 2011.
  50. ^ City setting records as life expectancy tops 82, Shanghai Daily.
  51. ^ Shanghai's population reaches 22m, Shanghaidaily.com. URL consultato il 17 maggio 2011.
  52. ^ According to Johnstone, Patrick; Schirrmacher, Thomas (2003). Gebet für die Welt. Hänssler. ISBN 978-0-8133-4275-7.
  53. ^ Shanghai-jews.com, Shanghai-jews.com. URL consultato il 17 maggio 2011.
  54. ^ Shanghai Jewish Refugees Museum Ohel Moishe Synagogue
  55. ^ David Barboza, Expo Offers Shanghai a New Turn in the Spotlight in The New York Times, 29 aprile 2010. URL consultato il 29 aprile 2010.
  56. ^ 10月22日上海地铁再创全路网客流新高达754.8万人次 Shanghai Metro official website. Retrieved 23 October 2010.
  57. ^ Personal Cars and China (2003).
  58. ^ Elvira Pollina, I bus che si ricaricano alla fermata, Corriere della Sera, 20 ottobre 2009. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  59. ^ Shanghai's taxi fares up 2 yuan from today, Shanghaidaily.com. URL consultato l'11 dicembre 2011.
  60. ^ Shanghai number plates worth more than a car, Europe.chinadaily.com.cn. URL consultato il 17 maggio 2011.
  61. ^ www.ansa.it
  62. ^ Transportation, Shanghai Focus. URL consultato il 5 maggio 2010.
  63. ^ Shanghai Pudong, English.pudong.gov.cn. URL consultato il 17 maggio 2011.
  64. ^ Emporis GmbH, One Lujiazui, Shanghai, Emporis.com. URL consultato il 22 luglio 2009.
  65. ^ Knight Frank China Knight Frank China Research, Shanghai Office Quarterly Report, Q1 2010
  66. ^ Sahr Johnny, "Cybercity – Sahr Johnny's Shanghai Dream" That's Shanghai, ottobre 2005; citato in rete [1] [2]
  67. ^ Chinese Art Galliries reference
  68. ^ Reference about Shanghai Literature for Jingpai vs HaiPai
  69. ^ The Walt Disney Company Reaches Another Major Milestone on Shanghai Theme Park Project, Walt Disney Company, 3 novembre 2009.
  70. ^ Disneyland Shanghai to open 2016 in The Independent, 8 aprile 2011. URL consultato il 16 dicembre 2011.
  71. ^ David Barboza e Brooks Barnes, Disney to Open Park in Shanghai in The New York Times, 7 aprile 2011.
  72. ^ Suzhou Creek clean-up on track, People's Daily Online, 7 dicembre 2006. URL consultato l'11 maggio 2008.
  73. ^ Environmental Protection in China's Wealthiest City, The American Embassy in China, luglio 2001. URL consultato l'11 maggio 2008 (archiviato dall'url originale il 30 ottobre 2007).
  74. ^ Number of pigs plucked from Shanghai river reaches 12,000
  75. ^ Edward Wong, Thousands of Dead Pigs Found in River Flowing Into Shanghai in New York Times, 11 marzo 2013.
  76. ^ China pulls nearly 6,000 dead pigs from Shanghai river
  77. ^ Hundreds of dead pigs fished from Shanghai river - CNN.com
  78. ^ Shanghai sixth national census in 2010 Communiqué on Major Data, Chinese: 上海市2010年第六次全国人口普查主要数据公报, Shanghai Municipal Statistics Bureau, 3 maggio 2011. URL consultato il 16 agosto 2011.
  79. ^ General Aspects of Shanghai Education, Seaie.org. URL consultato il 17 maggio 2011.
  80. ^ Sam Dillon, In PISA Test, Top Scores From Shanghai Stun Experts in New York Times, 7 dicembre 2010. URL consultato il 17 maggio 2011.
  81. ^ How China is winning the school race in BBC, 11 ottobre 2011.
  82. ^ European Tour, CGA unveil BMW Masters in China Daily, 25 aprile 2012. URL consultato il 26 aprile 2012.
  83. ^ (EN) Shangai Foreign Affairs, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 4 febbraio 2011.
  84. ^ (EN) Central Denmark Region, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  85. ^ (EN) Jeollabuk-do, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  86. ^ (EN) Jeollanam-do, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  87. ^ (EN) Neyagawa City, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  88. ^ (EN) Rhone-Alpes Region, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  89. ^ (EN) Yao City, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.
  90. ^ (EN) Yuzumisano, Foreign Affairs Office of Shanghai Municipality. URL consultato il 5 febbraio 2011.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cina Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cina