Shenzhen

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui.
Shenzhen
città sub-provinciale
(ZH) 深圳 (Shēnzhèn)
Shenzhen – Veduta
Dati amministrativi
Stato Cina Cina
Provincia Guangdong
Territorio
Coordinate 22°32′37.32″N 114°03′31.68″E / 22.5437°N 114.0588°E22.5437; 114.0588 (Shenzhen)Coordinate: 22°32′37.32″N 114°03′31.68″E / 22.5437°N 114.0588°E22.5437; 114.0588 (Shenzhen)
Altitudine 25 m s.l.m.
Superficie 2 050 km²
Abitanti 10 357 938 (2010)
Densità 5 052,65 ab./km²
Contee 6
Altre informazioni
Cod. postale 518xxx
Prefisso +86 (0)755
Fuso orario UTC+8
Targa 粤B
Localizzazione
Mappa di localizzazione: Cina
Shenzhen
Shenzhen – Mappa
Sito istituzionale

Shenzhen (cinese: 深圳; pinyin: Shēnzhèn) è una città sub-provinciale della Repubblica Popolare Cinese appartenente alla provincia di Guangdong nella Cina continentale meridionale.

Confina con la regione amministrativa speciale di Hong Kong.

Storia[modifica | modifica sorgente]

Deng Xiaoping nel 1978 scelse il villaggio di pescatori di Shenzhen per stabilirvi una delle zone economiche speciali per sperimentare le nuove riforme economiche. La vicinanza con Hong Kong, a quei tempi colonia del Regno Unito, contribuì alla scelta di Shenzhen.

La zona di Shenzhen, precedentemente conosciuta con il nome di "contea di Bao'an", fu promossa al rango di prefettura nel novembre del 1979 e quindi governata direttamente dalla provincia del Guangdong. Nel 1980 le autorità governative nominarono ufficialmente Shenzhen Zona Economica Speciale, la prima in Cina. Nel 1988 le venne assicurato il diritto di amministrare l'economia della città come una qualsiasi provincia cinese.

Amministrazione[modifica | modifica sorgente]

La municipalità di Shenzhen è costituita da sei distretti: Luohu/Lowu (羅湖), Futian (福田), Nanshan (南山), Yantian (鹽田), Bao'an (寶安), e Longgang (龍崗). Gli ultimi due distretti non fanno parte della Zona Economica Speciale.

Situata al centro della Zona Economica Speciale e adiacente ad Hong Kong, Luohu/Lowu è il centro finanziario e commerciale della città. Occupa una superficie di 78,89 km². Futian è la sede del Governo Municipale ed è il cuore della Zona Economica Speciale. Occupa un'area pari a 78,04 km². Nanshan è la località prescelta dalle industrie di alta tecnologia ed è situata nella parte occidentale della Zona Economica Speciale. Yantian (75,68 km²) ospita il porto omonimo. Bao'an (712,92 km²) e Longgang (844,07 km²) sono rispettivamente a nord-ovest e a nord-est di Shenzhen.

Geografia e clima[modifica | modifica sorgente]

L'estremità di Shenzhen è posta sul delta del Fiume delle Perle. Occupa una superficie di 2.020 km² e ha una popolazione di 8.912.300 di abitanti (censimento 2009).

Shenzhen è una regione costiera subtropicale. La temperatura media è di 22,4 °C.

Demografia[modifica | modifica sorgente]

Panorama

Grazie alla creazione della Zona Economica Speciale e alle nuove opportunità economiche, la popolazione è cresciuta in maniera impressionante a partire dal 1978, tanto che si tratta dell'area urbana che ha registrato la crescita più veloce al mondo nella seconda metà del XX secolo. Shenzhen è passata da circa 20 000 a 13,5 milioni di abitanti in trent'anni[1]. Il minor costo del lavoro di Shenzhen rispetto alla vicina Hong Kong ha contribuito al sostenuto sviluppo economico.

Molti sono i pendolari che ogni giorno attraversano la frontiera tra Hong Kong e Shenzhen: sebbene facciano entrambe parte della Repubblica Popolare Cinese, l'accesso alla regione amministrativa speciale di Hong Kong è sottoposto a limitazioni. I cittadini di Hong Kong generalmente entrano nella Zona Economica Speciale di Shenzhen per avvantaggiarsi dei minori prezzi dei prodotti commercializzati. Le autorità governative a partire dal luglio 2003 hanno eliminato molte restrizioni imposte ai cittadini di Shenzhen, Canton, Pechino, Shanghai e alcune altre città cinesi che di fatto limitavano le possibilità di visitare Hong Kong. L'immigrazione dalle altre province cinesi alla municipalità di Shenzhen è rigidamente regolata dal sistema hukou. Molti sono i contadini che lasciano le regioni rurali del paese alla ricerca di un lavoro nel settore manifatturiero e immobiliare. Le restrizioni all'immigrazione hanno determinato il rapido sorgere di diverse città appena fuori Shenzhen abitate principalmente da immigrati dalle province più povere.

Economia[modifica | modifica sorgente]

Il porto di Shenzhen

Nel 2001, la popolazione occupata di Shenzhen ha raggiunto i 3,3 milioni. Sebbene il settore industriale contribuisca maggiormente all'occupazione della città (1,85 milioni nel 2001), il settore terziario cresce velocemente (1,44 milioni nel 2001).

Nel dicembre del 1990 è stato inaugurato il "Shenzhen Stock Exchange": il mercato finanziario regolamentato della città. Anche Shanghai è sede di una borsa valori.

Particolarmente dinamica è la crescita dell'attività portuale che sottrae quote di mercato ai porti di Hong Kong e Shanghai grazie ai minori costi del lavoro e alle attività manifatturiere della provincia del Guangdong alla ricerca di comodi servizi logistici. I maggiori terminal portuali di Shenzhen sono: "Yantian International Container Terminals", "Chiwan Container Terminals", "Shekou Container Terminals" e "China Merchants Port and Shenzhen Haixing (Mawan port)".

Luoghi d'interesse[modifica | modifica sorgente]

Shenzhen di notte

Shenzhen non si distingue più solo per le fiorenti attività industriali, finanziarie e logistiche, ma anche per le opportunità turistiche: Window of the World e "Splendid China" sono due parchi tematici che rappresentano modelli dei monumenti più famosi, rispettivamente del mondo e della Cina, mentre Wutong Montain National Park è un parco naturale che si trova nella zona est della città.

Shenzhen è dotata di buone strutture ricettive e attira visitatori da Hong Kong alla ricerca di specialità culinarie cantonesi e servizi di prostituzione a buon mercato. Allo stesso tempo però il tasso di criminalità relativamente elevato intimidisce molti visitatori di Hong Kong

I turisti di solito preferiscono visite brevi alla città per via della mancanza di siti culturali di particolare interesse e a causa del forte inquinamento. In genere vengono attirati dall'opportunità di vedere la "vera Cina", anche se Shenzhen non la rispecchia affatto e, nata com'è per scelta politica, può essere definita il prototipo della Cina del XXI secolo.

La chiesa Cattolica è presente in tre distretti Nanshan, Baoan e Futien, la presenza dei cattolici è minima per una città che supera i 10 milioni di abitanti.

Trasporti[modifica | modifica sorgente]

L'aeroporto di Shenzhen dista 35 km dal centro della città ed è collegato con diversi aeroporti della Cina e varie destinazioni internazionali. Esistono collegamenti con autobus tra l'aeroporto e le città di Shenzhen e Hong Kong.

La stazione ferroviaria di Shenzhen consente collegamenti con varie città della Cina, e Hong Kong via Lowu/Luohu.

Dal febbraio 2003 è possibile attraversare con auto privata o autobus il confine stradale con Hong Kong 24 ore su 24.

Nel dicembre 2004 sono state inaugurate due linee di metropolitana che sono diventate 5 nel 2012.

Exquisite-kfind.png Per approfondire, vedi Metropolitana di Shenzhen.

Esistono tre tipologie di taxi che si distinguono tramite il colore: i taxi rosso possono viaggiare ovunque; i taxi verdi possono viaggiare all'esterno della Zona Economica Speciale; i taxi gialli possono viaggiare all'interno della Zona Economica Speciale.

Sport[modifica | modifica sorgente]

Dal 12 al 23 agosto 2011 Shenzen è stata sede della XXVI Universiade.

Note[modifica | modifica sorgente]

  1. ^ De Blij Harm J., Murphy Alexander B., Geografia umana. Cultura, società, spazio, Zanichelli, Bologna 2002 (seconda edizione italiana).

Città gemellate[modifica | modifica sorgente]

Shenzhen è gemellata con:

Ha accordi di collaborazione con:

Altri progetti[modifica | modifica sorgente]

Collegamenti esterni[modifica | modifica sorgente]

Cina Portale Cina: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Cina