Poznań

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Poznań
distretto
Poznań – Stemma Poznań – Bandiera
Poznań – Veduta
Localizzazione
Stato Polonia Polonia
Voivodato POL województwo wielkopolskie COA.svg Grande Polonia
Amministrazione
Starosta Ryszard Grobelny dal 14/12/1998
Territorio
Coordinate 52°17′34″N 16°44′08″E / 52.292778°N 16.735556°E52.292778; 16.735556 (Poznań)Coordinate: 52°17′34″N 16°44′08″E / 52.292778°N 16.735556°E52.292778; 16.735556 (Poznań)
Altitudine 60-154 m s.l.m.
Superficie 261,85 km²
Abitanti 551 627 (2010)
Densità 2 106,65 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale 60-001 a 61-890
Prefisso (+48) 61
Fuso orario UTC+1
Targa PO
Cartografia
Mappa di localizzazione: Polonia
Poznań
Sito istituzionale

Poznań (pron.: [ˈpɔznaɲ], in tedesco: Posen, in latino: Posnania e in Yiddish: פוזנא o פּויזן "Poyzn") è una città sul fiume Warta, nella parte occidentale della Polonia, con una popolazione di 551.627 nel 2010 e una superficie di 261.85 km² (compresa la Warta). Poznań è la quinta città più grande della Polonia, ed è un importante centro culturale, economico, industriale ed universitario. Inoltre, è un importante punto di transito sulla strada tra Berlino e Varsavia. Poznań ha ospitato la Conferenza sui cambiamenti climatici delle Nazioni Unite nel dicembre del 2008.

Geografia e clima[modifica | modifica wikitesto]

Geografia[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è situata nel centro-ovest della Polonia, sul medio corso del fiume Warta dal quale è attraversata. Attorno alla città sono presenti numerosi laghi di varie dimensioni: il più grande è il lago Kierskie, che si trova a ovest della città. Il paesaggio caratteristico di Poznań è costituito dalla pianura creata dall'erosione del fiume Warta.

Centro di Poznań

La città è circondata da numerose aree verdi, costituite principalmente da boschi. A sud della città vi si trova la area naturale protetta (Riserva Nazionale della Grande Polonia).

Clima[modifica | modifica wikitesto]

Poznań gode di un clima continentale umido, con inverni relativamente freddi ed estati piuttosto calde. In inverno le nevicate sono molto abbondanti, e le temperature possono scendere fino a -15°. Invece in estate le temperature possono raggiungere i 30 / 35 °C. La piovosità annua è inferiore a 500 mm, tra le più basse in Polonia. Il mese più piovoso è luglio, soprattutto a causa di intensi temporali. Il numero delle ore solari, è tra i più alti del paese.

Tabella temperature e precipitazioni: Medie mensili

Poznań[1] Mesi Stagioni Anno
Gen Feb Mar Apr Mag Giu Lug Ago Set Ott Nov Dic Inv Pri Est Aut
T. max. mediaC) 1,5 2,9 7,6 13,3 19,3 21,8 23,7 23,7 18,3 12,8 6,1 2,8 2,4 13,4 23,1 12,4 12,8
T. min. mediaC) -3,6 -3,1 -0,2 2,9 7,8 10,9 12,7 12,3 8,9 4,9 0,9 -1,9 -2,9 3,5 12,0 4,9 4,4
Precipitazioni (mm) 29,4 22,9 33,0 31,3 47,1 61,9 76,0 55,4 43,6 35,0 32,8 38,9 91,2 111,4 193,3 111,4 507,3
Giorni di pioggia 16 13 14 11 12 13 13 12 12 12 15 17 46 37 38 39 160

Etimologia[modifica | modifica wikitesto]

Logo della città

Il nome Poznań molto probabilmente deriva direttamente dal verbo polacco poznać, che significa "conoscere" o "riconoscere", è può semplicemente significare "città conosciuta".

La città di Poznań fu menzionata per la prima volta nelle cronache di Thietmar, nel 970 con la frase: Posnaniensis Episcopus (Vescovo di Poznań), e in urbe Posnani (dalla città di Poznań nel 1005). Il nome della città nei documenti ufficiali in latino era Posnania nel 1236 o Poznania nel 1247.

La denominazione ufficiale Poznań compare solo nel 1146 e nel 1244, con il nome completo Miasto Stołeczne Poznań (Città capitale di Poznań). Poznań è nota anche come Posen in tedesco e con il nome yiddish פּויזן, (Poyzn). Invece la versione russa del nome, Познань (Poznan'), è di genere femminile, in contrasto con il nome polacco, che è maschile.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

Età antica[modifica | modifica wikitesto]

Le prime tracce delle popolazioni nell'odierna zona di Poznań, risalgono al periodo intorno al 8000 a.C. si trattava dei cacciatori nomadi di renne. Invece i primi insediamenti permanenti risalgono al primo millennio a.C. Nel circa 2000 a.C. su queste terre arrivarono le prime popolazioni indoeuropee. Mentre nel V secolo vi si insediarono le popolazioni slave, Nel VIII secolo, venne edificato il primo insediamento nella zona dell'attuale cattedrale, che divenne il nucleo centrale della città di Poznań.

Età medievale[modifica | modifica wikitesto]

Stemma di Poznań del XIV secolo

Nel X secolo la zona passò sotto il dominio della dinastia dei Piast, i quali vi edificarono la loro roccaforte. Originariamente la città era situata sulla sponda destra del fiume Warta, dove si trovavano un tempio pagano e il castello dei Piast. Poznań è stato un importante centro culturale e politico delle tribù dei Polani. Miecislao I, il primo sovrano del regno polacco storicamente documentato, si ipotizza che fu battezzò a Poznań nel 966, il battesimo fu visto come un momento decisivo nella creazione del regno polacco.

Nel 968 fu edificata la Cattedrale di Poznań che divenne il luogo di sepoltura dei primi monarchi polacchi come (Miecislao I, Boleslao I, Miecislao II, Casimiro I), e più tardi di Przemysł I e il re Przemysł II.

Nel 992 Jordan il primo Vescovo missionario polacco, vi ci stabilì la propria sede nella città. Poznań ha ricoperto la funzione di capitale fino al 1038, quando insieme ad altre città della Slesia, Bretislao I la saccheggiò e la distrusse.

Anche se la città perse il suo significato politico, rimaneva ancora un fiorente centro economico. Durante il periodo della frammentazione del Regno di Polonia, la città fu divisa dal regno. Nel 1253 i principi della dinastia dei Piast, ordinarono con la legge Magdeburg, che la città dovesse espandersi sulla sponda sinistra della Warta, dove tutt'oggi vi è ubicata. Il re polacco Przemysł II, che è stato il primo sovrano dopo 200 anni, ad essere incoronato a Gniezno, scelse come propria sede Poznań, e il castello dei duchi. Dopo la sua tragica morte (nel 1296) lo sviluppo della città si arrestò.

Nel 1386 iniziò l'età d'oro di Poznań, incominciata con la dinastia dei Jagelloni, dopo l'ascesa al trono di Ladislao II e con la seguente riunificazione nella Confederazione polacco-lituana, grazie all'apertura della tratta commerciale che collegava la Lituania con l'Europa occidentale. Poznań divenne il nodo cruciale delle rotte commerciali di tutta la Polonia, che tuttavia fu ostacolato da incendi e inondazioni.

Illustrazione di Poznań nel 1617

Età moderna[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1518 il Vescovo Jan Lubrański fondò l'Accademia Lubrański, il primo collegio universitario di Poznań. Nel 1655, il periodo fiorente della città, fu interrotto dal diluvio svedese. Dopo il diluvio la città cerco di risollevarsi, ma fu arrestata da una serie di conflitti che la devastarono. Tra il 1700 e il 1721, Poznań fu coinvolta nella Grande guerra del Nord e nella Guerra di successione polacca. Invece tra il 1756 e il 1763, fu nuovamente coinvolta in un altro conflitto, Guerra dei sette anni e successivamente nel 1768 nella Confederazione di Bar. Con l'elezione di Stanislao II, la città sperò in un periodo di pace, ma durante l'inizi del suo regno, dovette combattere contro l'esercito prussiano, e L'esercito russo, che lasciarono la città solo nel 1775. Nel 1793 dopo la seconda spartizione della Polonia la città cadde sotto il dominio della Prussia.

Protesta durante la Rivolta di Poznań

Età contemporanea[modifica | modifica wikitesto]

Dopo la rivolta di Poznań nel 1806 e la sconfitta della Prussia, la città venne annessa al Ducato di Varsavia. Ma le guerre napoleoniche in corso bloccarono lo sviluppo della città. Nel 1815 dopo la sconfitta di Napoleone, la città ricadde, di nuovo sotto il dominio della Prussia. Poznań, divenne la capitale della regione autonoma del Granducato di Poznań. Dal 1870 al 1918 la città fece parte dell'Impero Tedesco. Dopo la prima guerra mondiale e successiva Sollevazione della Grande Polonia (1918-1919), Poznań ritornò sotto il controllo polacco ed entrò a far parte della Polonia.

Durante la seconda guerra mondiale Poznań, divenne parte delle Aree polacche annesse alla Germania nazista. Diventando così il capoluogo della regione del Wartheland (la regione del Warta). Dalla città furono deportati in massa al Governatorato Generale, ebrei e polacchi. Entro la fine del 1939, furono deportate circa 87 883 persone, e nel 1940 le deportazioni raggiunsero 250 000 persone. Nel 1941 iniziarono le deportazioni in massa degli ebrei dalla regione del Warta nei 200 ghetti in tutto il Governatorato Generale.

Nel 1956 gli operai della città insorsero contro il regime comunista, in quella che divenne celebre con il nome di Rivolta di Poznań.

Monumenti e luoghi d'interesse[modifica | modifica wikitesto]

Città Vecchia di Poznań

La città di Poznań possiede numerosi monumenti, in gran parte sono situati nei quartieri della Città Vecchia e Nuova Città. Gli edifici storici sono principalmente in stile gotico, rinascimentale, neoclassico e liberty. Nella Città Vecchia (Stare Miasto) di particolare interesse è il centro storico, con la piazza del mercato vecchio e le numerose palazzine medievali. Inoltre a Poznań si trova la Cattedrale di San Pietro e San Paolo, che è la più antica chiesa della Polonia, e il castello imperiale costruito da Guglielmo II. Ciò che rende però la città più conosciuta e attira migliaia di persone è la fiera di Poznań (Międzynarodowe Targi Poznańskie).

Monumenti e attrazioni turistiche:

Istituzioni[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è il capoluogo del Voivodato della Grande Polonia, quindi molte agenzie vitali del governo locale e statale hanno i loro uffici centrali in questa città. Inoltre a Poznań, ci sono 20 consolati.

Le principali istituzioni presenti a Poznań sono:

  • Ufficio Amministrativo Distrettuale
  • Governo Distrettuale
  • Alta Corte Amministrativa
  • Tribunale Distrettuale
  • Corte d'Appello

La città è un membro dell'Unione delle metropoli polacche.

Divisione amministrativa[modifica | modifica wikitesto]

Vecchia divisione amministrativa

Nuova divisione amministrativa in 42 quartieri di Poznań
Castello Imperiale
Ex Collegium Jezuickie
Collegiata Fara
Biblioteca Raczyńskich
Armeria
Piazza del Mercato Vecchio
Teatro Polski
Teatro Nuovo

La città di Poznań dal 1987 al 1990 era divisa in cinque quartieri: Stare Miasto (Città Vecchia), Nowe Miasto (Città Nuova), Wilda, Grunwald e Jeżyce.

Quartiere Popolazione (2009) Area in km²  % Area città
Grunwald 118 415 36,2 km² 13,8%
Jeżyce 79 981 57,9 km² 22,2%
Nowe Miasto 140 853 105,1 km² 40,2%
Stare Miasto 153 880 47,1 km² 18,0%
Wilda 61 092 15,0 km² 5,8%

Nuova divisione amministrativa

Dal 1990 ad oggi, la città è divisa in 42 quartieri.

Quartiere Popolazione (2010) Area in (km²) Densità di popolazione
(per km²)
Antoninek-Zieliniec-Kobylepole 9,881 20.54 481.06
Chartowo 24,750 4.49 5,512.25
Fabianowo-Kotowo 1,736 7.1 244.51
Główna 3,997 6.82 586.07
Głuszyna 3,834 14.43 265.70
Górczyn 13,230 4.33 3,055.43
Grunwald Północ 15,177 0.76 19,969.74
Grunwald Południe 25,808 3.83 6,738.38
Jana III Sobieskiego i Marysieńki 10,042 0.79 12,711.40
Jeżyce 24,172 1.98 12,208.08
Junikowo 8,789 5.29 1,699.24
Kiekrz 1,716 10.25 167.41
Krzesiny-Pokrzywno-Garaszewo 2,107 9.99 210.91
Krzyżowniki-Smochowice 7,750 10.71 723.62
Osiedle Kwiatowe 4,539 2.31 1,964.94
Ławica 6,312 13.94 452.80
Morasko-Radojewo 1,871 18.03 103.77
Naramowice 14,655 7.21 2,032.59
Nowe Winogrady Południe 15,706 1.14 13,777.19
Nowe Winogrady Północ 17,787 1.14 15,602.63
Nowe Winogrady Wschód 6,849 0.47 14,572.34
Ogrody 6,703 1.95 3,437.44
Ostrów Tumski-Śródka-Zawady-Komandoria 5,690 3.36 1,693.45
Piątkowo 36,605 3.84 9,532.55
Podolany 7,091 5.30 1,337.92
Rataje 37,864 5.2 7,281.54
Sołacz 5,390 5.54 972.92
Stare Miasto 30,216 3.91 7,727.88
Stare Winogrady 7,400 3.48 2,126.44
Starołęka-Minikowo-Marlewo 9,291 13.48 689.24
Stary Grunwald 3,594 0.63 5,704.76
Strzeszyn 6,703 12 558.58
Szczepankowo-Spławie-Krzesinki 6,282 18.44 340.67
Świerczewo 14,252 3.94 3,617.26
Św. Łazarz 35,909 3.7 9,705.14
Umultowo 4,081 6.12 666.83
Warszawskie-Pomet-Maltańskie 7,014 5.85 1,198.97
Wilda 28,510 6.9 4,131.88
Winiary 14,484 2.17 6,674.65
Wola 5,398 3.27 1,650.76
Żegrze 18,631 3.15 5,914.60
Zielony Dębiec 13,248 4.12 3,215.53

Demografia[modifica | modifica wikitesto]

L'evoluzione demografica di Poznań:

Cultura[modifica | modifica wikitesto]

A Poznań, ci sono numerose istituzioni culturali, tra cui: 28 musei, 1 opera, 1 filarmonica, 9 teatri e 10 cinema (compresi 5 Multiplex). La città inoltre conta oltre 40 gallerie d'arte, 20 cori e numerose orchestre, banda musicali e folcloristiche. Durante l'anno la città ospita numerosi concerti e festival.

Musei[modifica | modifica wikitesto]

Museo Nazionale di Poznań

La città di Poznań conta 28 musei, tra cui i più importanti sono:

  • Museo Nazionale di Poznań (Muzeum Narodowe w Poznaniu)
  • Museo Etnografico (Muzeum Etnograficzne w Poznaniu)
  • Museo della Città di Poznań (Muzeum Historii Miasta Poznania)
  • Museo degli strumenti musicali (Muzeum Instrumentów Muzycznych w Poznaniu)
  • Museo dell'esercito (Muzeum Armii Poznań)
  • Museo della rivolta della Grande Polonia (Muzeum Powstania Wielkopolskiego 1918-1919 w Poznaniu)
  • Museo Archeologico di Poznań (Muzeum Archeologiczne w Poznaniu)

Teatri[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Grande di Poznań

Le prime rappresentazioni teatrali a Poznań si sono svolte nel Medioevo. Si trattava di artisti nomadi che si esibivano in occasione delle fiere, oltre che per le famiglie nobili.

Coro "Poznańskie słowiki"

In primo teatro contemporaneo fu il Teatr Arkadia, è stato inaugurato nel 1804. Nel periodo del Granducato di Poznań le rappresentazioni teatrali erano eseguite in entrambe le lingue in polacco e in tedesco, inoltre la città ha ospitato celebrità come Franz Liszt e Niccolò Paganini.

Dopo la liquidazione dell'autonomia nel 1846 furono proibite le rappresentazioni teatrali in polacco. Le autorità impedirono anche la creazione di teatro con i contributi dei cittadini polacchi il quale venne aperto solamente nel 1875, il Teatro polacco (Teatr Polski). Con la trasformazione della città nella residenza imperiale, nel 1910 fu aperto un nuovo Teatro Nuovo (Teatr Nowy). Dopo e la guerra Poznań è diventato il centro teatrale del paese con i sui teatri all'aperto e il festival teatrale sul lago Malta.

Musica[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è il più importante centro per il canto corale di tutta la Polonia. La tradizione del coro nella città risale al XV secolo. Fin dal Medioevo il centro corale della città è stata la cattedrale di San Paolo e San Pietro, dove tutt'oggi si svolgono concerti corali.

Inoltre ogni anno Poznań ospita una serie di eventi, festival e concerti, che sono organizzati principalmente in estate e in primavera tra cui l'International Henryk Wieniawski Violin Competition.

Economia[modifica | modifica wikitesto]

Centro economico di Poznań

Poznań è un importante centro economico fin dal Medioevo. A partire dal XIX secolo, l'industria pesante locale ha incominciato a crescere. Sono state costruite diverse grandi fabbriche, tra cui Cegielski Hipolit (nel settore siderurgico) e la CFR. H. Cegielski Poznań SA (nel settore ferroviario).

Oggi Poznań è il secondo centro economico più importante della Polonia, ed è considerata la seconda città più prosperosa del paese dopo Varsavia. La città vanta anche un PIL pro capite del 200,4% (2008), nella media polacca. Inoltre, Poznań ha avuto il tasso di disoccupazione più basso 2,3% nel 2009. per confronto, il tasso di disoccupazione nazionale in Polonia era superiore al 10%.

Molte aziende dell'Europa occidentale hanno stabilito il loro quartier generale polacco a Poznań, o nelle vicinanze della città. La maggior parte degli investitori esteri sono aziende tedesche e olandesi. Gli investimenti sono per lo più nel settore agroalimentare, automobilistico, ferroviario e logistico. Le società straniere sono specialmente attratte dal basso costo del lavoro, ma anche dalla ottima rete stradale e ferroviaria.

Collegium Minus (UAM)

Istruzione[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è la sede dell'Università "Adam Mickiewicz" (abbreviato in UAM), si tratta di una delle più influenti e più grandi università della Polonia. Inoltre la città conta anche alcune facoltà private.

Le principali università di Poznań sono:

Trasporti[modifica | modifica wikitesto]

autostrada A2 Poznań

La città di Poznań costituisce uno dei punti di transito più importanti d'Europa. La rete stradale è la più importante della Polonia, la città è attraversata da diverse strade nazionali, distrettuali e dall'autostrada A2. Inoltre nella città si incrociano otto linee ferroviarie nazionali e cinque linee ferroviarie internazionali, rendendo Poznań uno dei nodi ferroviari più importanti d'Europa. L'aeroporto internazionale di Poznań è collegato con più di 30 aeroporti internazionali, attraverso il quale transitano circa 1,5 milioni di passeggeri all'anno.

Aereo[modifica | modifica wikitesto]

Aeroporto di Poznań

La città ha un aeroporto internazionale quello di Poznań-Ławica, il quale è collegato con più di 30 aeroporti internazionali, situati principalmente in Europa occidentale. Nel 2011, ha gestito circa 1,5 milioni di passeggeri, diventando il sesto aeroporto in termini di volume di traffico dei passeggeri, della Polonia. Inoltre Poznań ospita la base aerea militare polacca (31 Baza Lotnictwa Taktycznego), dove sono stanziati diversi aerei F-16 da combattimento.

Ferrovie[modifica | modifica wikitesto]

PKP Stazione Centrale di Poznań

Gli inizi delle ferrovie a Poznań risalgono alla prima metà del XIX secolo. Nel 1848 fu inaugurata linea ferroviaria Stargard Szczeciński-Poznań che unisce la città con Stettino. Poznań nel corso degli anni è divento uno dei nodi ferroviari più importanti e più grandi della Polonia.

Nella città si incrociano otto linee ferroviarie nazionali che collegano Poznań con: Varsavia, Ostrów Wielkopolski, Breslavia, Wolsztyn, Stettino, Piła, Wągrowiec e Gniezno. E cinque linee ferroviarie d'importanza internazionale, con treni internazionali diretti nelle città: Amsterdam, Berlino, Parigi, Kiev, Mosca e Saratov. Poznań gestisce anche una rete di collegamenti ferroviari urbani e regionali. A Poznań ci sono 13 stazioni ferroviarie. La stazione centrale di Poznań è la stazione più importante della città. Dalla quale parte la maggior parte dei treni, in media, la stazione durante il giorno gestisce circa 450 treni e ogni anno è utilizzata da 17 milioni di passeggeri, durante le ore di punta i treni partono ogni 30-60 minuti. Nella parte orientale della città vi è ubicata la stazione ferroviaria di trasporto merci Franowo-Poznań, si tratta di uno dei più grandi scali e smistamento merci della Polonia.

Bus[modifica | modifica wikitesto]

Tram di Poznań
Autobus di Poznań

La principale azienda adibita al trasporto pubblico locale tramite autobus è la MPK Poznań. I primi autobus entrarono in funzione nel 1925 appartenevano alla compagnia tedesca "Büssing AG". Dopo la seconda guerra mondiale il sistema di trasporto pubblico, diventò di dominio pubblico e nel 1954 fu istituita la MPK Poznań.

Oggi la rete è divisa in 52 linee giornaliere urbane e suburbane, 21 linee notturne, e una linea turistica gestita da una flotta di autobus storici nei fine settimana.

Tram[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1880 furono introdotti i primi tram trainati da cavalli, la trazione elettrica apparve solo nel 1898. La rete continuo ad espandersi fino alla seconda guerra mondiale, durante questo periodo l'intera rete tranviaria subì ingenti danni.

Dopo la fine della guerra, iniziarono i primi lavori di ricostruzione della rete tranviaria, che venne riaperta interamente solo nel 1947. Attualmente la compagnia MPK Poznań, opera con 340 tram, su una rete di 214,9 km di binari, con 21 linee e 459 fermate.

Sport[modifica | modifica wikitesto]

Tribune sul Lago Malta

Poznań, possiede una squadra di calcio di prima divisione nel campionato polacco il Lech Poznań, una squadra di seconda divisione Warta Poznań e altre squadre minori, come UKS Stoper Poznań. La società calcistica Lech Poznań ha sede nel nuovo stadio Stadion Miejski, è la più grande struttura sportiva della città ed ha ospitato gli Europei di calcio 2012. Oltre allo Stadion Miejski, la città conta numerose strutture sportive tra cui: il Lago Malta che ospita un impianto di canottaggio con tribuna, diverse piscine, campi da tennis, un impianto sciistico artificiale, una pista di pattinaggio su ghiaccio e numerose palestre di varie dimensioni.

Impianti sportivi[modifica | modifica wikitesto]

Società sportive[modifica | modifica wikitesto]

Persone legate a Poznań[modifica | modifica wikitesto]

Cyryl Ratajski sindaco di Poznań 1922-1934, 1939

Città gemellate[modifica | modifica wikitesto]

Poznań è gemellata con le seguenti città:

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Ordine della Croce di Grunwald di I Classe - nastrino per uniforme ordinaria Ordine della Croce di Grunwald di I Classe
— 18 dicembre 1978

Galleria fotografica[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ World Weather Information Service. URL consultato il 14-11-2013.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Polonia Portale Polonia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Polonia